Rudolf Hess

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il fisiologo svizzero, vedi Walter Rudolf Hess.
Rudolf Hess

Walter Richard Rudolf Heß, traslitterato comunemente come Hess (Alessandria d'Egitto, 26 aprile 1894Berlino, 17 agosto 1987), è stato un politico tedesco. La sua carriera lo ha portato a diventare un uomo tra i più influenti del Terzo Reich e del Partito Nazista.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La nascita[modifica | modifica sorgente]

Nacque in Egitto, ad Alessandria, da una famiglia benestante che si trovava in Africa per motivi di lavoro. Il padre, bavarese, luterano praticante, era un ricco esportatore di vini, mentre la madre era discendente della nota famiglia greca Georgiadis di Alessandria. Tornò in Germania con la famiglia nel 1908, a 14 anni. Espresse interesse per l´astronomia, ma il padre lo convinse a seguire studi economici in Svizzera.

Partecipò da volontario alla prima guerra mondiale: si arruolò inizialmente nel reggimento List, tra i più aggressivi e tenaci dell'intero conflitto, in cui combatteva anche il caporale di origine austriaca, Adolf Hitler. Poi - fino alla fine della guerra - prestò servizio nell'aviazione come pilota da caccia nella Squadriglia Bavarese 34, dove fu promosso fino al grado di tenente.

Fu Adolf Hitler che convinse Hess a entrare in politica, nel 1920, anno in cui abbandonò l'Università di Monaco, dove stava per laurearsi in filosofia. Il 20 dicembre 1927 Hess sposò la ventisettenne Ilse Pröhl (22 giugno 1900 – 7 settembre 1995) di Hannover. Insieme ebbero un figlio, Wolf Rüdiger Hess (18 novembre 1937 – 24 ottobre 2001).

Vice di Hitler[modifica | modifica sorgente]

Divenuto amico di Hermann Göring, Hess partecipò al Putsch di Monaco nel 1923. La rivolta fallì ed egli fu arrestato insieme a Hitler. In carcere, Hess aiutò il futuro Führer a scrivere il Mein Kampf (La mia Battaglia), opera che diventò il testo sacro del nazismo. Da quel momento egli divenne uno dei più stretti collaboratori di Hitler, tanto da esserne considerato il successore alla guida del partito.

Nel 1933 Hitler lo nominò suo vice, Reichsleiter, dandogli ampi poteri sia all'interno del partito sia nel governo da poco costituito. Sei anni dopo, Rudolf Hess fu nominato ufficialmente numero tre del partito, dopo Hitler e Göring. Tuttavia Hess non fu mai uomo d'apparato: relegato sempre a occasioni di pura facciata, per la sua posizione di "moderato" venne escluso dalle riunioni di partito in cui venivano deliberate decisioni importanti e spietate (come lo sterminio delle SA nella Notte dei lunghi coltelli, le persecuzioni antisemite nella Notte dei cristalli e l'entrata in guerra della Germania), alle quali invece non mancò mai il suo segretario particolare, l'ambizioso Martin Bormann. Non si oppose all'invasione della Polonia, che fu poi la causa dello scoppio della seconda guerra mondiale.

Il misterioso volo sulla Scozia[modifica | modifica sorgente]

Il 10 maggio del 1941 Hess volò in Scozia, da solo, per raggiungere il castello del duca di Hamilton (considerato un fautore del dialogo con il Terzo Reich) nel Lanarkshire. Qui si paracadutò. Fu consegnato all'esercito inglese, che provvide al suo internamento. La versione ufficiale britannica vide in Hess un uomo in crisi, con disturbi mentali, sconvolto dagli orrori della guerra, messo da parte dal regime, intenzionato, all'insaputa del dittatore, a proporre, tramite il duca, un utopistico piano di pace all'Inghilterra – il cui popolo era considerato fratello d'origine – basato sulla spartizione del potere a livello mondiale.

Hitler, parlando alla radio subito dopo il viaggio di Hess, lo definì "un pazzo": esattamente quanto Hess gli aveva chiesto di dire, in caso di fallimento della missione, nella sua ultima lettera[1]. I motivi di quel viaggio non sono mai stati chiariti e la misteriosa vicenda della missione di Hess in Gran Bretagna è stata interpretata in vario modo. Una prima interpretazione, suffragata da documentazione ufficiale sia britannica, sia nazista e dalla stessa deposizione del protagonista, vede la missione come un'iniziativa individuale di Hess, che nell'ottica del dittatore nazista si configurava come un atto di grave insubordinazione se non di alto tradimento.

La seconda interpretazione, che si colloca nel filone del revisionismo storico, vede questa missione avvenuta con il consenso (se non con l'ordine) di Hitler. Le proposte di Hitler sarebbero state giudicate inaccettabili o l'interlocutore inaffidabile (dopo Monaco) dal governo di Londra e, a questo punto, vi sarebbe stata una coincidenza di interessi tra gli opposti belligeranti per far apparire il volo di Hess come un'iniziativa individuale. Lo stesso Hess, al termine della guerra, avrebbe avuto interesse a presentare il suo volo come un'iniziativa individuale, al fine di alleggerire la propria posizione processuale presentandosi come un insubordinato invece che come un emissario di Hitler. Nessun documento ufficiale avvalora questa tesi, ma rimane la constatazione della severità della condanna inflittagli a Norimberga e della durezza del regime di detenzione, non tanto con riferimento alle sue colpe, indubbiamente non veniali, ma confrontando il suo trattamento con quello riservato ad altri esponenti politici e militari nazisti autori di crimini.

Il processo e la morte[modifica | modifica sorgente]

Al Processo di Norimberga nel 1946, Hess fu assolto dall'accusa di crimini contro l'umanità, ma venne condannato all'ergastolo per «cospirazione contro il trattato di Versailles e crimini contro la pace». Venne quindi rinchiuso nel carcere di Spandau, a Berlino Ovest. Numerose furono in seguito le richieste di grazia soprattutto dopo che Hess rimase l'unico detenuto del carcere dopo la liberazione degli altri nazisti condannati a pene detentive, rimaste sempre inascoltate per l'intransigenza dell'URSS e il mancato appoggio della Gran Bretagna.

Hess morì a 93 anni, alla vigilia della sua probabile scarcerazione, dopo che Michail Gorbačëv aveva deciso di cancellare il veto sovietico[2], in circostanze mai del tutto chiarite: fu trovato in un padiglione del cortile del carcere, con un cavo elettrico stretto intorno alla gola. Anche sulla sua morte, così come per il volo in Scozia, si scontrano due tesi opposte. La versione ufficiale, che parla di suicidio, fu messa in dubbio non solo dai familiari. Secondo i sostenitori della tesi del suicidio, il gesto disperato fu causato dal terrore di tornare in libertà in età avanzata dopo mezzo secolo trascorso in carcere in completo isolamento. Per i sostenitori della tesi dell'omicidio, invece, Hess sarebbe rimasto vittima di un misterioso agguato e soppresso per impedire che rilasciasse dichiarazioni e chiarimenti sulla sua misteriosa missione di pace.

Hess fu sepolto a Wunsiedel, in Baviera. Sulla sua lapide, sotto il suo nome, si leggevano le parole: «Io ho osato». Il 20 luglio 2011 la sua tomba fu smantellata e i suoi resti esumati, dopo che la chiesa evangelica proprietaria del terreno su cui sorgeva il sepolcro aveva disdetto il contratto di affitto del suolo. Gli eredi di Hess decisero di far cremare i resti e di disperderne le ceneri in mare.[3] Nonostante la sua posizione di "moderato" e i suoi difficili rapporti con Hitler e il Nazismo a partire dalla fine degli anni trenta, Hess è diventato un punto di riferimento per i circoli neonazisti tedeschi, composti quasi esclusivamente da giovani: durante ogni anniversario della sua morte, si tiene una marcia commemorativa bandita a più riprese in Germania, che nel 2004 richiamò circa 9.000 persone. Hess rappresenta infatti l'unico caso di rovesciamento dei ruoli, nel quale un nazista appare come vittima.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Insegna d'Oro del Partito Nazional Socialista dei Lavoratori Tedeschi (Goldene Parteiabzeichen der N.S.-D.A.P.) - nastrino per uniforme ordinaria Insegna d'Oro del Partito Nazional Socialista dei Lavoratori Tedeschi (Goldene Parteiabzeichen der N.S.-D.A.P.)

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pro e Contro - Hitler, I Dossier Mondadori, 1972
  2. ^ Gorbaciov Non Sarebbe Contrario A Liberare Rudolf Hess - La Repubblica.It
  3. ^ Articolo su Corriere.it

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Eugene K. Bird, Rudolf Hess. Storia di quarantacinque anni di prigionia, Padova, Edizioni di Ar, 1986.
  • Lynn Picknett, Clive Prince e Stephen Prior, Il caso Rudolf Hess (nuova edizione aggiornata), Milano, Sperling Paperback, 2005

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64799191 LCCN: n79078096