Ernst Röhm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ernst Röhm

Ernst Röhm (Monaco di Baviera, 28 novembre 1887Monaco di Baviera, 2 luglio 1934) è stato un politico e militare tedesco, comandante militare (Stabschef) delle SA.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ernst Röhm, benché nato da una famiglia di funzionari statali, fu per scelta e per vocazione un soldato. È rimasta celebre la sua frase: «la guerra e le agitazioni mi attraggono più del buon ordine borghese». Prese parte alla Prima guerra mondiale (1914-18), e alla fine del conflitto fece ritorno in Germania dove partecipò, nelle file dei gruppi di ex-combattenti (freikorps) alla lotta contro la Repubblica Sovietica Bavarese, proclamata a Monaco dopo l'assassinio del suo ispiratore, Kurt Eisner. In seguito, entrò a far parte della Reichswehr, entrando in contatto con gli ambienti dell'estrema Destra nazionalista.

Hitler, il generale Erich Ludendorff ed Ernst Röhm (penultimo da dx), prima del putsch di Monaco

Indignato – come tutti gli ufficiali dell'esercito e la maggior parte dei tedeschi - per l'umiliazione inflitta alla Germania dal trattato di Versailles, Röhm si convinse che la Germania avrebbe potuto essere resa nuovamente grande solo da un forte partito a base popolare.

Attorno al 1919 fu uno dei primi ad aderire al Partito dei Lavoratori tedeschi, fondato dal fabbro Anton Drexler, nucleo originario di quello che in seguito divenne il Partito Nazionalsocialista dei Lavoratori tedeschi. Röhm divenne intimo amico di Adolf Hitler: fu anzi il solo collaboratore a cui Hitler desse familiarmente del "tu".

Röhm si adoperò per convogliare nelle file del nascente partito nazista un gran numero di ex-combattenti, ottenendo, tra l'altro, nella sua veste di ufficiale dell'esercito, la protezione e l'appoggio delle autorità bavaresi. Nel 1923 prese parte al putsch della birreria; in seguito al suo fallimento figurò tra gli imputati al processo per alto tradimento, ma venne liberato sulla parola. Poco tempo dopo, nel 1925, in seguito ad alcuni contrasti con Hitler, ruppe i rapporti con il capo, accettando di recarsi in Bolivia per arruolarsi nell'esercito locale - con il grado di tenente colonnello - in qualità di istruttore militare.

Richiamato in patria espressamente da Hitler nel 1930 per riorganizzare le SA (le squadre d'assalto che costituivano, allora, il braccio armato del partito), Röhm si gettò con entusiasmo nel nuovo compito: 170.000 nel 1930, nel 1933 le SA arrivarono a contare effettivi per più di due milioni – ben venti volte di più delle forze della Reichswehr - assumendo una posizione di implicita rivalità nei confronti dell'esercito.

Il trionfo[modifica | modifica wikitesto]

Ernst Röhm a Berlino nel 1933 insieme a Karl Ernst (alla sua sinistra)

Nel frattempo, nel gennaio 1933 i nazisti erano saliti al potere: Röhm entrò a far parte del primo governo Hitler e venne nominato Reichsleiter, la più alta carica all'interno del NSDAP. Ben presto iniziarono le prime frizioni con i compagni di partito e con lo stesso Führer. Hitler aveva fin dall'inizio sostenuto che le SA dovessero essere una forza politica e non militare: dovevano servire a spianare al partito, con la violenza e il terrore, la via verso il potere politico. Questo obiettivo era stato ormai raggiunto e molto probabilmente Hitler pensò a questo punto che le turbolente e indisciplinate Sturmabteilung avessero perduto la propria ragion d'essere. Pare avesse già progettato di ridurne gli effettivi di due terzi.

Röhm, che era sempre stato un rappresentante dell'ala radicale del partito, al riguardo la pensava ben diversamente. Egli al contrario insisteva perché l'intero apparato dello Stato fosse dato in mano alle SA, cioè a coloro che per primi si erano battuti per portare il nazionalsocialismo al potere. Si opponeva strenuamente a qualunque compromesso con la destra conservatrice rappresentata dalle grandi imprese, dalla finanza, dai proprietari terrieri junker e dalle alte gerarchie militari. Tutti costoro erano rimasti indenni durante il passaggio dal vecchio al nuovo Stato nazionalsocialista e continuavano a occupare i principali posti di comando nel paese, esercitando tuttora il potere. La sinistra era già stata annientata; Röhm e gli altri radicali del partito, tra i quali figurava anche uno dei fedelissimi di Hitler, Joseph Goebbels, insistevano perché si facesse la stessa cosa con la vecchia destra, consegnando tutti i posti di comando dello Stato a membri del partito, cioè ai vecchi camerati del Führer. All'interno del partito Röhm aveva due nemici in Himmler e nel camerata degli inizi Goering.

In un discorso tenuto nell'agosto 1933 egli disse: «Ancora oggi vi sono, in posizioni ufficiali, persone che non hanno la minima idea dello spirito della nostra rivoluzione. Ci sbarazzeremo inesorabilmente di loro, se oseranno mettere in pratica le loro idee reazionarie». Röhm credeva che le Sturmabteilung dovessero essere il nucleo di una futura armata rivoluzionaria, un "esercito del popolo" che avrebbe edificato una nuova Germania. In questo ardito programma politico consisteva quella che Röhm chiamava la "seconda rivoluzione", che secondo la sua opinione costituiva il necessario completamento della rivoluzione del 1933. Queste posizioni oltranziste finirono per far guadagnare al capo delle SA l'odio mortale dei conservatori, cosa che in seguito doveva essergli fatale.

In ultimo, Röhm arrivò a proporre che si unificassero la Reichswehr, le SA, le SS e tutti i raggruppamenti di ex-combattenti in un unico "esercito popolare" alle dipendenze di un unico ministero della Guerra al quale - questo appariva chiaramente sottinteso - lui, Röhm, avrebbe dovuto sovrintendere. Per il corpo degli ufficiali non ci poteva essere un'idea più nauseabonda. Röhm ebbe continui alterchi con l'allora ministro della Difesa, il generale Werner von Blomberg, senza che nessuno dei due riuscisse a prevalere. A questo punto, la decisione definitiva spettava al Führer.

Hitler era sempre stato convinto di come, per consolidare il proprio governo, gli fosse assolutamente necessario l'appoggio delle alte gerarchie militari. I generali, che con la loro acquiescenza gli avevano permesso di salire al potere, possedevano ancora la forza di schiacciarlo, se avessero voluto. Inoltre, egli non si faceva illusioni sull'effettivo valore militare delle Sturmabteilung. Perciò fu subito propenso a prendere le parti dell'esercito contro le ambizioni velleitaristiche di Röhm. Probabilmente Hitler decise con largo anticipo di far uscire le squadre d'assalto dalla scena politica, prima di dare disposizioni per un'imponente opera di riarmo che dotasse in breve tempo la Germania di potenti e disciplinate forze armate.

La caduta[modifica | modifica wikitesto]

Röhm con Hitler

Il momento della resa dei conti arrivò nell'estate del 1934, quando al Führer arrivò, segretamente ma per via ufficiale, la notizia che i giorni del vecchio presidente, Paul von Hindenburg erano contati. Hitler progettò di succedere egli stesso a Hindenburg quale presidente del Reich, unificando le due cariche di presidente e cancelliere nella sua persona e rendendo così legale ed effettiva la propria dittatura. Per portare a compimento questo disegno, che costituiva un'aperta violazione alla costituzione di Weimar, egli aveva bisogno dell'appoggio immediato dell'esercito e sapeva bene che esso, per appoggiare la sua corsa al potere assoluto, chiedeva il sacrificio di Röhm e delle SA. Hitler decise quindi che le camicie brune dovessero uscire di scena e assicurò le alte sfere militari che nel Terzo Reich l'esercito sarebbe stata la sola forza armata. Con questa garanzia, il sostegno dei militari era virtualmente ottenuto.

Nonostante tutto, forse Hitler non si sarebbe deciso ad agire contro Röhm, il camerata a cui era più legato, se l'esercito e il presidente Hindenburg non gli avessero forzato la mano: ciò avvenne nel giugno 1934, allorché il presidente del Reich informò il cancelliere che, se non si fosse immediatamente posto fine al clima di tensione causato in Germania dalle agitazioni delle SA, egli avrebbe proclamato la legge marziale e affidato all'esercito il controllo dello Stato.

Hitler capì che si doveva agire in fretta per prevenire questa misura che avrebbe senz'altro significato la fine per il suo governo. Anche costretto in questa difficile posizione, aveva assolutamente bisogno di un pretesto valido per colpire Röhm e i suoi antichi camerati. I principali nemici di Röhm – il capo del Reichsluftfahrtministerium Hermann Göring e il capo delle SS Heinrich Himmler - si preoccuparono di fornirglielo, assicurandogli di avere le prove che le SA stessero preparandosi per attuare un colpo di Stato contro il governo del Reich, per affrettare così il compimento della "Seconda Rivoluzione". Molto probabilmente non era vero, ma Hitler credette – o volle credere – alla versione dei suoi due principali luogotenenti e ordinò loro di soffocare il putsch di Röhm. Alla fine, tutto non fu che un espediente di Göring e Himmler per vendicarsi di molti dei loro nemici personali: i due si erano ovviamente preoccupati di compilare in anticipo una lista di "cospiratori" destinati alla morte e Röhm era uno dei primi in lista.

La notte dei lunghi coltelli[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Notte dei lunghi coltelli.
Röhm con militi delle SA

L'epurazione dei vertici delle SA, nota in seguito come la "notte dei lunghi coltelli", ebbe luogo tra la sera del 29 e il primo pomeriggio del 30 giugno 1934. Gli arresti e successivamente le esecuzioni furono eseguite da un reparto della Leibstandarte-SS Adolf Hitler, comandato dallo Standartenführer Josef 'Sepp' Dietrich[1], mentre venne rifiutata dal cancelliere la copertura militare offerta dalla Reichswehr, evitando in questo modo di coinvolgerla nell'operazione[2].

Röhm fu arrestato personalmente da Hitler insieme ai suoi due vice Edmund Heines e Julius Uhl, comandante della Stabswache, la sua guardia personale, mentre dormiva alla pensione Hanselbauer nella cittadina di Bad Wiessee, nei pressi di Monaco[3], venendo trasferito, insieme ad altri dirigenti delle SA, alla prigione di Stadelheim, sita nella capitale bavarese.

Terminata la procedura degli arresti, Hitler diramò gli ordini per la sorte delle SA, a capo delle quali era stato posto Viktor Lutze: ad alcune di esse fu offerto di avere salva la vita in cambio del giuramento di fedeltà al cancelliere, mentre altre avrebbero dovuto essere immediatamente giustiziate (Röhm non figurava tra queste). L'ordine fu affidato a Dietrich che lo eseguì immediatamente; solo il 1º luglio Hitler convocò una riunione, alla quale parteciparono Himmler e Göring: subito dopo venne impartito l'ordine di uccidere il capo delle SA all'Oberführer Theodor Eicke, futuro comandante del campo di concentramento di Dachau, che si trovava al Ministero degli Interni della Baviera, eletto a quartier generale della repressione, in attesa di comunicazioni da Berlino.

All'ufficiale delle SS fu espressamente ordinato di proporre a Röhm l'alternativa del suicidio: recatosi alla prigione di Stadelheim, nella cella n. 474, dove il capo delle SA era rinchiuso dalla sera prima, gli lasciò una pistola con un solo colpo. Rientrato dopo dieci minuti, lo trovò ancora in vita e, dopo avergli detto «Röhm, si prepari», ordinò allo Sturmbannführer Michel Lippert di sparargli: questi eseguì l'ordine e Röhm cadde mormorando «Mein Führer».[4].

L'omosessualità di Röhm[modifica | modifica wikitesto]

Röhm, al tempo noto omosessuale[5][6], era per questo molto mal visto in certi ambienti völkisch e di destra, specie quando la sua omosessualità iniziò a essere usata per attacchi personali dalla sinistra. Alcune lettere che egli indirizzò a un prostituto furono pubblicate dalla stampa antinazista dopo un fallito tentativo d'estorsione da parte del giovane.

Hitler rifiutò sempre di allontanare Röhm solo per la sua omosessualità, ma dopo la sua caduta, motivò la necessità della sua eliminazione anche su questa base. Hitler sottolineò di aver appreso dell'omosessualità del suo stretto confidente (Röhm era uno dei pochi amici che dava del tu a Hitler) solo nel 1934. La satira politica del tempo commentò: «Il Führer si mostrò scioccato quando seppe dell'omosessualità di Röhm - chissà come sarà scioccato quando saprà che Göring è grasso, che Rudolf Hess è stupido e che Goebbels zoppica»[7].

Poco dopo l'assassinio di Röhm, la persecuzione nazista degli omosessuali, che fino a quel momento non era stata condotta in modo sistematico, conobbe un rapido incremento. Il paragrafo 175 venne inasprito nel 1935 e in quasi tutte le maggiori città si assistette alla chiusura di luoghi d'incontro di omosessuali, a razzie e a delazioni.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Medaglia Commemorativa del 9 novembre 1923 detta Ordine del Sangue - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Commemorativa del 9 novembre 1923 detta Ordine del Sangue
Distintivo d'argento per feriti - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo d'argento per feriti
Insegna d'Oro del Partito Nazional Socialista dei Lavoratori Tedeschi (Goldene Parteiabzeichen der N.S.-D.A.P.) - nastrino per uniforme ordinaria Insegna d'Oro del Partito Nazional Socialista dei Lavoratori Tedeschi (Goldene Parteiabzeichen der N.S.-D.A.P.)
Cavaliere di IV classe con spade dell'Ordine al Merito Militare di Baviera (Baviera) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV classe con spade dell'Ordine al Merito Militare di Baviera (Baviera)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Ernst Röhm, Die Geschichte eines Hochverräters, Eher, München 1928.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'unità a guardia di Hitler, allo scoppio della seconda guerra mondiale, fu inquadrata nelle Waffen-SS, divenendo la 1. SS-Panzer-Division "Leibstandarte SS Adolf Hitler"
  2. ^ L'ufficiale che ricevette Hitler all'aeroporto, dopo essere stato ringraziato dal cancelliere, fu incaricato da questi di dare comunicazione del divieto di intervenire al generale Wilhelm Adam, comandante del Wehrkreis VII, il distretto di Monaco Gallo, 1970, op. cit., p. 246.
  3. ^ Gallo, 1970, op. cit., p. 257
  4. ^ Le SS, 1993, op. cit., p. 37.
  5. ^ Lothar Machtan, The Hidden Hitler, Basic Books, 2002, p. 107, ISBN 0-465-04309-7.
  6. ^ Shirer, William, The Rise and Fall of the Third Reich (Touchstone Edition), New York, Simon & Schuster, 1990.
  7. ^ Joseph Goebbels, divenuto Ministro della propaganda spodestando Gregor Strasser, fu, a causa della sua zoppia, sempre oggetto di scherno da parte dei cosiddetti Alte Kämpfer, i vecchi nazisti che credevano solo nella forza, tanto che le SA cantavano: «Mein lieber Gott, mach mich blind, dass ich Goebbels arisch find» (Mio Dio, rendimi cieco, affinché possa credere che Goebbels sia ariano).Gallo, 1970, op. cit., p. 47

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Heinrich Bennecke, Hitler und die SA, München, Wien, 1962.
  • (DE) Heinrich Bennecke, Die Reichswehr und der "Röhm-Putsch", München, Wien, 1964.
  • Max Gallo, La notte dei lunghi coltelli, Mondadori, 1970, ISBN 88-04-46870-X.
  • Massimo Consoli, Homocaust. Il nazismo e la persecuzione degli omosessuali, Milano, Kaos edizioni, 1991.
  • (DE) Immo von Fallois, Kalkül und Illusion. Der Machtkampf zwischen Reichswehr und SA während der Röhmkrise 1934, Berlin, Duncker & Humblot, 1994.
  • (DE) Kurt Gossweiler, Die Röhm-Affäre; Hintergründe - Zusammenhänge - Auswirkungen, 1983.
  • (DE) Heinz Höhne, Mordsache Röhm. Hitlers Durchbruch zur Alleinherrschaft 1933 - 1934, Reinbek, 1984.
  • (DE) Peter Longerich, Die braunen Bataillone. Geschichte der SA, München, 1989.
  • (DE) Ronald Smelser, Die braune Elite, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, Darmstadt, 1989.
  • (DE) Alexander Zinn, Die soziale Konstruktion des homosexuellen Nationalsozialisten, Frankfurt/Main, 1997, ISBN 3-631-30776-4
  • AA.VV., Il terzo Reich, Le SS, H&W, 1993, ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Stabschef-SA Successore SA-Logo.svg
Franz Pfeffer von Salomon 1930-1934 Viktor Lutze

Controllo di autorità VIAF: 36926323 LCCN: n83137754