Der Eigene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Der Eigene
Stato Germania Germania
Germania Germania
Genere Rivista
Fondatore Adolf Brand
Fondazione 1896
Chiusura 1933
 
Copertina di ""Der Eigene, 1906.

Der Eigene (in italiano: Lo speciale oppure L'unico) è stata la prima rivista al mondo rivolta espressamente ad un pubblico omosessuale.

Fu fondata in Germania nell'anno 1896 da Adolf Brand e pubblicata, seppur irregolarmente, fino all'anno 1931. La rivista può aver avuto una media di circa 1500 abbonati per numero durante la sua esistenza, ma i numeri esatti sono incerti. Le prime 10 edizioni sono uscite 4 volte l'anno, in seguito a cadenza mensile, pur con qualche sporadica interruzione[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo della rivista fu ispirato dall'opera filosofica dell'anarchico Max Stirner L'Unico e la sua proprietà; inizialmente Der Eigene si occupò, infatti, di temi anarchici e solo dopo due anni iniziò ad affrontare tematiche omosessuali. Il sottotitolo era Rivista mensile di arte e vita e intrecciava argomenti culturali, artistici e politici venendo ad occuparsi di poesia lirica, prosa, manifesti politici, nudo maschile in fotografia e disegno. Altro tema affrontato è stato quello del naturismo.

Su Der Eigene scrissero molti famosi autori tedeschi dell'epoca: oltre allo scienziato di estrema destra Benedict Friedlaender, al poeta-filosofo e scrittore di destra Hanns Heinz Ewers, a Erich Mühsam e Kurt Hiller, anche l'avvocato e medico Ernst Burchard, John Henry Mackay, Theodor Lessing, Klaus Mann e il padre Thomas Mann, Elisar von Kupffer e Erwin Bab. Brand stesso contribuì con poesie ed articoli giornalistici.

Anche vari artisti ed illustratori vennero coinvolti nel corso degli anni, tra i quali Wilhelm von Gloeden, Fidus e Sascha Schneider.

La rivista ebbe molti problemi con la censura: nel 1903 venne intentato un processo a seguito della pubblicazione della poesia Die Freundschaft, e successivamente anche a causa della pubblicazione di un poemetto scritto da Friedrich Schiller[2].

A partire dal 1920 si spostò politicamente fino a sostenere la democrazia liberale della Repubblica di Weimar e più in particolare il partito socialdemocratico.

Nel 1933, quando Adolf Hitler salì al potere, la casa di Adolf Brand è stata perquisita, gli archivi confiscati e tutti i materiali necessari per la produzione della rivista sono stati sequestrati e fatti consegnare a Ernst Röhm[3].

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Der Eigene. In der Datenbank des deutschsprachigen Anarchismus (DadA)
  2. ^ Lyrikwelt: Die Freundschaft
  3. ^ GLBT-News

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Joachim S. Hohmann (a cura di), Der Eigene. Ein Blatt für männliche Kultur, Foerster, Frankfurt (Main) e Berlino 1981, pp. 384. Ristampa di una selezione di articoli.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Sul sito Omofonie sono disponibili le riproduzioni digitali di alcuni articoli pubblicati sulla rivista "Der Eigene" con la traduzione italiana (PDF).
LGBT Portale LGBT: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di LGBT