Richard Walther Darré

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walther Darré.

Richard Walther Darré, nato Ricardo Walther Oscar Darré, noto anche come Richard Walter Darré (Belgrano, 14 luglio 1895Monaco di Baviera, 5 settembre 1953), è stato un politico tedesco ai tempi del nazionalsocialismo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Darré nacque quale figlio di Richard Oskar Darré, commerciante e direttore della ditta commerciale Hardt & Co., e di Emilia Berta Eleonore (nata Lagergren). A causa dell'attività del padre, la famiglia traslocò spesso. Darré trascorse la propria infanzia a Belgrano, un quartiere di Buenos Aires, ove frequentò la scuola tedesca. Più tardi frequentò in Germania il Liceo scientifico di Heidelberg, la facoltà di magistero a Godesberg e inoltre il Kings College di Wimbledon.

Dopo la partecipazione da volontario tedesco alla prima guerra mondiale, si aggregò brevemente ai Freikorps di Berlino. Nel 1920 terminò lo studio di amministratore coloniale diplomato presso l'Istituto Coloniale Tedesco (Deutsche Kolonialschule) a Witzenhausen. Più tardi iniziò, a Giessen, uno studio di agricoltura, incentrato sull'allevamento e le questioni di trasmissione ereditaria, e lo concluse diplomandosi a Halle. Il suo interesse si focalizzò sulle problematiche genetiche, in particolare in riguardo all'uomo.

Poiché non trovò un impiego all'università, egli si incaricò di lavori commissionati dallo Stato tedesco nel settore della selezione d'allevamento. Nel 1927 seguì un viaggio di studio in Finlandia e, nel 1928 e 1929, fu perito agrario per l'ambasciata tedesca a Riga. Già presto Darré conobbe Heinrich Himmler presso la Lega degli Artamani. Segnato da questo ambiente egli pubblicò, nel 1929, il suo primo libro intitolato Il contadinato come fonte vitale della razza nordica (Das Bauerntum als Lebensquell der nordischen Rasse).

Nel 1930 seguì il testo La nuova nobiltà di sangue e suolo (Neuadel aus Blut und Boden), in cui tentò di motivare la crisi economica mondiale e il decadimento della Repubblica di Weimar con degli argomenti antisemitici, antisovietici e anticapitalistici. In questo egli si entusiasmò per un rinnovamento spirituale e razziale tramite una riconversione all'economia agraria, un distacco dall'industria e il ritorno ad un rapporto più diretto con la natura.

Attraverso l'intercessione dell'architetto Paul Schultze-Naumburg egli incontrò Adolf Hitler e venne da questi incaricato di elaborare un programma agrario per il partito nazionalsocialista. In questo modo il Darré diventò il consigliere di Hitler per gli affari agrari e direttore dell'apparato politico-agrario della direzione del Reich. Nel luglio 1930 Darré si iscrisse al NSDAP e alle SS e diventò, mediante la sua creazione della propaganda nazionalsocialista nel settore agricolo, uno dei più importanti aiutanti del NSDAP nelle elezioni seguenti. Dal 1931 Darré diresse il neonato Ufficio per la razza e le colonie (RuSHA: Rasse und Siedlungshauptamt) all'interno delle SS.

Nel 1932 fondò la rivista mensile Deutsche Agrarpolitik(politica agraria tedesca) e dal 1939 Odal. In queste pubblicazioni egli propagò la propria idea della nobiltà rurale e la sua visione ecologista del mondo. Dopo la presa di potere del NSDAP nel 1933, egli diventò direttore dell'Ufficio per la politica agraria del partito. assunse inoltre la presidenza della Comunità del Reichsfuehrer (Reichsfuehrergemeinschaft) delle associazioni agrarie unite e, il 28 maggio, diventò Capo dei contadini del Reich (Reichsbauernfuehrer), in aggiunta, il 29 luglio, Ministro del Reich all'alimentazione e alla agricoltura, detenendo perciò la dirigenza dell'intera politica agraria tedesca.

Di seguito il governo deliberò la Legge sui poderi ereditari, la quale regolava l'eredabilità di parcelle poderali e ne escludeva la divisione ereditaria. Parimenti egli fondò il cosiddetto Reichsnaehrstand che unificava e uniformava tutte le persone e associazioni che collaboravano alla produzione di prodotti agrari. Egli introdusse anche l'annuale Festa del ringraziamento del Reich (Reichserntedankfest) sul Bueckenberg presso Hameln. Dal novembre 1933 fu membro del Reichstag, Reichsleiter e SS-Gruppenfuehrer, membro dell'"Accademia del Diritto Tedesco" e presidente onorario della Società agraria Tedesca. Nel 1936 ricevette il Distintivo aureo del Partito.

Nel suo testo Blut und Boden, ein Grundgedanke des Nationalsozialismus (Sangue e suolo, un concetto fondamentale del nazionalsocialismo) egli riprese la tesi di sangue e suolo. In tal modo entrò sempre più in contrasto sia con l'amministrazione tecnocratica del piano quadriennale diretto da Hermann Goering che con Hjalmar Schacht e la Banca del Reich. Mentre Darré pensava a un ritorno a condizioni precedenti la rivoluzione industriale e ad una riscoperta di una natura antecedente la Rivoluzione capitalista, altri dirigenti del Terzo Reich ritenevano necessario sviluppare l'industria, ai fini di un pieno sviluppo dell'economia bellica.

Quando nel settembre 1938 si aggiunse un conflitto con Himmler, poiché i piani di Darré sull'incremento di colonie rurali contraddicevano le sue idee sulla politica colonizzatrice d'oriente, egli venne deposto quale dirigente del RuSHA. Nel 1939, con l'inizio della seconda guerra mondiale, Darré passò viepiù in secondo piano come ministro per l'alimentazione e l'agricoltura, perse di peso politico e venne infine licenziato il 16 maggio 1942. Gli fu rimproverato il fallimento personale e, nel 1943, il suo successore diventò Herbert Backe.

Egli trascorse gli ultimi anni della guerra appartato in un casolare di caccia nella Schorfheide. Nel 1945 fu arrestato e internato nell'area della caserma della contraerea di Ludwigsburg. Dalla corte militare americana fu accusato della confisca di proprietà di contadini polacchi e ebrei, inoltre di aver negato l'alimentazione di base a degli ebrei tedeschi, riducendo con ciò dei civili alla fame. Il 14 aprile, nel Processo della Wilhelmstrasse (Wilhelmstrassen-Prozess) venne condannato a cinque anni di reclusione, che scontò completamente. Trascorse gli ultimi anni di vita a Bad Harzburg e morì il 5 settembre 1953 in una clinica privata di Monaco di Baviera.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Croce d'onore della Grande Guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'onore della Grande Guerra
Insegna d'Oro del Partito Nazional Socialista dei Lavoratori Tedeschi (Goldene Parteiabzeichen der N.S.-D.A.P.) - nastrino per uniforme ordinaria Insegna d'Oro del Partito Nazional Socialista dei Lavoratori Tedeschi (Goldene Parteiabzeichen der N.S.-D.A.P.)
Medaglia di lungo servizio nel NSDAP (15 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di lungo servizio nel NSDAP (15 anni)
Medaglia di lungo servizio nel NSDAP (10 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di lungo servizio nel NSDAP (10 anni)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Walther Darrè, La nuova nobiltà di sangue e suolo. Padova, Edizioni di Ar, 1978.
  • Anna Bramwell, Ecologia e società nella Germania nazista. Walter Darré e il partito dei verdi di Hitler. Trento, Reverdito, 1988.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54942299 LCCN: n86142879

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie