Artur Axmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Artur Axmann (Hagen, 18 febbraio 1913Berlino, 24 ottobre 1996) fu il leader della Gioventù hitleriana dal 1940 fino alla fine nella guerra nel 1945.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La gioventù[modifica | modifica sorgente]

Axmann nacque ad Hagen il 18 febbraio 1913. Studiò legge e, nel 1928, appena quindicenne, fondò il primo gruppo giovanile hitleriano in Vestfalia.

Carriera nazista[modifica | modifica sorgente]

Nel 1932, fu nominato Reich Leader (Reichsleiter) del Partito nazista (Nationalsozialistische Deutsche Arbeiterpartei o NSDAP) per riorganizzare il movimento giovanile nazista e nel 1933 diventò Capo dell'Ufficio Sociale della Supremazia della Gioventù del Reich. Era in servizio attivo sul fronte occidentale fino al maggio 1940. Nel mese di agosto dello stesso anno succedette a Baldur von Schirach come Leader della Gioventù del Reich (Reichsjugendführer) del partito nazista. Nel 1941, fu gravemente ferito sul fronte orientale, perdendo un braccio.

Durante le ultime settimane della guerra, Axmann comandò le unità della Gioventù hitleriana (Hitlerjugend), le quali vennero inserite nella milizia popolare nazionalsocialista ( Volkssturm ). Le sue unità erano composte prevalentemente da bambini e adolescenti. Hanno combattuto soprattutto nella battaglia delle Alture di Seelow (Seelower Höhen), che fu una parte della più vasta battaglia di Berlino (um Endkampf Berlino). Sebbene abbia permesse a giovani e bambini maschi di partecipare agli attacchi suicidi contro l'Armata rossa, si oppose sempre con forza affinché anche ragazze e bambine venissero arruolate in battaglia.

Il 4 gennaio 1944, Axmann ricevette l'Ordine Teutonico, la decorazione più alta che il partito nazista dava ad una persona, per i suoi servizi al Reich. Lui e un altro destinatario, K. Hierl, sono stati gli unici titolari della concessione ad essere sopravvissuti alla guerra e alle sue conseguenze. Tutti gli altri destinatari furono premiati dopo la morte, o furono uccisi nella guerra o per le sue conseguenze. Dopo aver tentato la fuga nell'aprile 1945 venne arrestato nel dicembre dello stesso anno mentre stava organizzando un movimento clandestino di guerriglia filo-nazista.[1] Dopo essere stato processato fu condannato a tre anni e tre mesi di prigionia e dopo il suo rilascio lavorò come rappresentante di commercio a Gelsenkirchen e Berlino.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Robert S. Wistrich, Who's who in Nazi Germany, Routledge Press, pag.5

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Cavaliere dell'Ordine Teutonico nazista - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Teutonico nazista
— 28 aprile 1945
Croce di I classe al merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce di I classe al merito di guerra
Distintivo d'argento per feriti - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo d'argento per feriti
Insegna d'Oro del Partito Nazional Socialista dei Lavoratori Tedeschi - nastrino per uniforme ordinaria Insegna d'Oro del Partito Nazional Socialista dei Lavoratori Tedeschi
Medaglia di lungo servizio nel NSDAP (15 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di lungo servizio nel NSDAP (15 anni)
Medaglia di lungo servizio nel NSDAP (10 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di lungo servizio nel NSDAP (10 anni)

Controllo di autorità VIAF: 116560743 LCCN: n/95/82640

nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo