Pharacocerus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pharacocerus
Immagine di Pharacocerus mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Salticoidea
Famiglia Salticidae
Sottofamiglia Plexippinae
Tribù Plexippini
Genere Pharacocerus
Simon, 1902
Serie tipo
Pharacocerus sessor
Simon, 1902
Specie

Pharacocerus Simon, 1902 è un genere di ragni appartenente alla famiglia Salticidae.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Questo genere ha molte peculiarità in comune con Plexippus[1]

I maschi sono di dimensioni variabili fra i 4 e i 6 millimetri[1].

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Le sette specie oggi note di questo genere sono diffuse in Africa centrale; ben due sono endemiche del Madagascar[2].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Attualmente, a dicembre 2010, si compone di sette specie e due sottospecie[2]:

Specie trasferite[modifica | modifica sorgente]

  • Pharacocerus hirticeps Song & Chai, 1992; gli esemplari rinvenuti sono stati trasferiti al genere Evarcha con la denominazione Evarcha hirticeps (Song & Chai, 1992) a seguito di un lavoro degli aracnologi Song, Zhu & Chen del 1999[2].
  • Pharacocerus orientalis Song & Chai, 1992; gli esemplari rinvenuti sono stati trasferiti al genere Evarcha con la denominazione Evarcha orientalis (Song & Chai, 1992) a seguito di un lavoro degli aracnologi Song, Zhu & Chen del 1999[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Murphy & Murphy 2000: 277
  2. ^ a b c d The world spider catalog, Salticidae
  3. ^ Specie tipo del genere.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Simon, 1902 - Etudes arachnologiques. 31e Mémoire. LI. Descriptions d'espèces nouvelles de la famille des Salticidae. Annales de la Société Entomologique de France, vol.71, p. 389-421.
  • Frances e John Murphy, An Introduction to the Spiders of South East Asia, Kuala Lumpur, Malaysian Nature Society, 2000.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi