Michele Andreolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michele Andreolo
Andreolo.jpg
Dati biografici
Nome Miguel Ángel Andriolo Frodella
Nazionalità Uruguay Uruguay
Italia Italia (dal 1936)
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Giovanili
Nacional Nacional
Squadre di club1
1932-1935 Nacional Nacional 35 (0)
1935-1943 Bologna Bologna 165 (24)
1943-1945 Lazio Lazio 14 (1)
1945-1948 Napoli Napoli 93 (11)
1948-1949 Catania Catania 8 (0)
1949-1950 Forli Forlì  ? (?)
Nazionale
1934-1935
1936-1942
Uruguay Uruguay
Italia Italia
5 (0)
26 (1)
Carriera da allenatore
1953-1954 Marsala Marsala
1957-1958 Taranto Taranto[1]
Palmarès
W.Cup2.svg Coppa Rimet
Oro Francia 1938
Coppa America calcio.svg Copa América
Oro Perù 1935
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Miguel Ángel Andriolo Frodella, italianizzato in Michele Andreolo (Carmelo, 6 settembre 1912Potenza, 15 maggio 1981[2]), è stato un allenatore di calcio e calciatore uruguaiano naturalizzato italiano, di ruolo centromediano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]
Michele Andreolo

Cresciuto a Dolores[3], nato a Carmelo[4] ma originario di Valle dell'Angelo in provincia di Salerno[2][5], Miguel Andreolo - poi italianizzato in Michele -, conosciuto in Uruguay anche come Miguel Andriolo, come lui stesso si firmava nei documenti ufficiali[6], esordì come calciatore nella squadra locale del Libertad F.C.,[7] nel 1931. Nel 1932, "el Chivo" - così era soprannominato in Uruguay - venne ingaggiato dal Nacional Montevideo, il celebre club tricolor della capitale Oriental. Con il Nacional vinse due titoli nazionali, nel 1933[8] e nel 1934[9], diventando in breve tempo un punto fermo della squadra e uno dei beniamini della tifoseria[10]. Il 25 agosto del 1934, faceva parte dell'undici titolare che affrontò nella finale di campionato il Peñarol. L'incontro - uno degli episodi più significativi della storia del Nacional Montevideo - fece epoca, e passò alla storia come "el clásico de los 9 contra 11"[11]. Le sue qualità non passarono inosservate, e venne convocato nella "Celeste" per il Campeonato Sudamericano de Football 1935[12]. L'Uruguay vinse il torneo, ma Andreolo non fu schierato, essendo il suo ruolo occupato da Lorenzo Fernández, campione olimpico ad Amsterdam 1928 e campione del mondo 1930.

I successi nel Bologna[modifica | modifica wikitesto]

Arrivò ventitreenne alla Serie A, e centrò in quel primo anno in Italia, il 1935-1936, la vittoria dello scudetto con la maglia del Bologna. Durante il periodo bolognese sbagliò l'unico rigore tirato nella sua carriera italiana in un Bologna-Fiorentina. Con il Bologna si distinse anche a livello internazionale, nella Coppa Mitropa, dove i suoi duelli contro Matthias Sindelar e György Sárosi fecero epoca. Bissato il titolo tricolore nel 1936-1937, nel mese di giugno del 1937 fu protagonista della vittoria nel Torneo Internazionale dell'Expo Universale di Parigi, in cui il Bologna sconfisse in finale gli inglesi del Chelsea per 4 a 1. Con la maglia rossoblù del Bologna vinse altri due scudetti (1938-1939 e 1940-1941) portando a 4 il suo palmarès personale.

Le ultime stagioni da calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo bellico disputò e vinse il Campionato romano di guerra 1943-1944 con la maglia della Lazio. Nel dopoguerra giocò con il Napoli in Serie A e con Catania e Forlì in Serie C.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con l'Uruguay partecipò alla vittoria del Campeonato Sudamericano del 1935 - l'attuale Coppa America -, senza essere mai schierato. Arrivato in Italia fu convocato in Nazionale italiana da Vittorio Pozzo ed esordì il 17 maggio 1936[13] a Roma, in una gara amichevole contro l'Austria. Diventò Campione del Mondo nel 1938 in Francia e chiuse in seguito, nel 1942, la carriera in Nazionale con 26 presenze e un gol[13].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Una volta terminata la carriera da calciatore, Andreolo intraprese quella di allenatore, guidando formazioni soprattutto del Sud Italia, come Marsala e Taranto.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1945-1946 Italia Napoli DN 32 5 - - - - - - - - - 32 5
1946-1947 A 33 4 - - - - - - - - - 33 4
1947-1948 A 28 2 - - - - - - - - - 28 2
Totale Napoli 93 11 0 0 0 0 0 0 93 11
Totale carriera  ?  ?  ?  ?  ?  ?  ?  ?  ?  ?

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
17-5-1936 Roma Italia Italia 2 – 2 Austria Austria Amichevole -
31-5-1936 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
25-10-1936 Milano Italia Italia 4 – 2 Svizzera Svizzera Coppa Internazionale -
15-11-1936 Berlino Germania Germania 2 – 2 Italia Italia Amichevole -
25-4-1937 Torino Italia Italia 2 – 0 Ungheria Ungheria Coppa Internazionale -
23-5-1937 Praga Cecoslovacchia Cecoslovacchia 0 – 1 Italia Italia Coppa Internazionale -
27-5-1937 Oslo Norvegia Norvegia 1 – 3 Italia Italia Amichevole -
31-10-1937 Ginevra Svizzera Svizzera 2 – 2 Italia Italia Coppa Internazionale -
5-12-1937 Parigi Francia Francia 0 – 0 Italia Italia Amichevole -
15-5-1938 Milano Italia Italia 6 – 1 Belgio Belgio Amichevole 1
22-5-1938 Genova Italia Italia 4 – 0 Jugoslavia Jugoslavia Amichevole -
5-6-1938 Marsiglia Norvegia Norvegia 1 – 2 dts Italia Italia Mondiali 1938 - Ottavi -
12-6-1938 Parigi Francia Francia 1 – 3 Italia Italia Mondiali 1938 - Quarti -
16-6-1938 Marsiglia Brasile Brasile 1 – 2 Italia Italia Mondiali 1938 - Semif. -
19-6-1938 Parigi Ungheria Ungheria 2 – 4 Italia Italia Mondiali 1938 - Finale - 2º Titolo Mondiale
20-11-1938 Bologna Italia Italia 2 – 0 Svizzera Svizzera Amichevole -
4-12-1938 Napoli Italia Italia 1 – 0 Francia Francia Amichevole -
26-3-1939 Firenze Italia Italia 3 – 2 Germania Germania Amichevole -
13-5-1939 Milano Italia Italia 2 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
4-6-1939 Belgrado Jugoslavia Jugoslavia 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
8-6-1939 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 3 Italia Italia Amichevole -
11-6-1939 Bucarest Romania Romania 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
12-11-1939 Zurigo Svizzera Svizzera 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
3-3-1940 Torino Italia Italia 1 – 1 Svizzera Svizzera Amichevole -
5-4-1942 Genova Italia Italia 4 – 0 Croazia Croazia Amichevole -
19-4-1942 Milano Italia Italia 4 – 0 Spagna Spagna Amichevole -
Totale Presenze 26 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bologna: 1935-1936, 1936-1937, 1938-1939, 1940-1941

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bologna: 1937

Altre competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Lazio: 1943-1944

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Uruguay: Perù 1935
Italia: Francia 1938

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Assume l'incarico di direttore tecnico in coppia con Leonardo Costagliola, per poi condurre il Taranto da solo fino al termine della stagione agonistica.
  2. ^ a b Enciclopedia dello Sport, volume calcio, Istituto della "Enciclopedia Italiana", pagina 603
  3. ^ (ES) Miguel Andriolo Frodella (Chivo), doloresnet.com. URL consultato il 17 marzo 2012.
  4. ^ (ES) Miguel Ángel Andreolo, nacionaldigital.com. URL consultato il 1º maggio 2012.
  5. ^ La Treccani dichiara solo che i genitori erano salernitani.
  6. ^ Miguel Andreolo, tremareilmondofa.blogspot.com. URL consultato il 17 marzo 2012.
  7. ^ (ES) Libertad Futbol Club, estadiosdeuruguay.blogspot.it. URL consultato il 17 marzo 2012.
  8. ^ (EN) Uruguay 1933 Championship Rsssf.com
  9. ^ (EN) Uruguay 1934 Championship Rsssf.com
  10. ^ (ES) Idolos: Miguel Angél Andreolo, nacionaldigital.com. URL consultato il 17 marzo 2012.
  11. ^ (ES) Historia: El clásico de los 9 contra 11, decano.com. URL consultato il 17 marzo 2012.
  12. ^ (EN) Southamerican Championship 1935, rsssf.com. URL consultato il 17 marzo 2012.
  13. ^ a b Almanacco del calcio Panini 1979, pagina 451

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]