Peregrino Anselmo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peregrino Anselmo
Dati biografici
Nome Juan Peregrino Anselmo
Nazionalità Uruguay Uruguay
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Carriera
Squadre di club1
1923-1935 Penarol Peñarol  ? (?)
Nazionale
1927-1934 Uruguay Uruguay 8 (3)
Carriera da allenatore
19?? Penarol Peñarol
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Oro Amsterdam 1928
W.Cup2.svg  Coppa Rimet
Oro Uruguay 1930
Coppa America calcio.svg  Copa América
Oro Perù 1935
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 settembre 2008

Juan Peregrino Anselmo (Montevideo, 30 aprile 1902Montevideo, 27 ottobre 1975) è stato un calciatore e allenatore di calcio uruguaiano, di ruolo attaccante. Campione olimpico con la Nazionale uruguaiana nel 1928 e campione del Mondo nel 1930.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Di ruolo attaccante, Anselmo fu uno dei massimi calciatori uruguaiani dell'anteguerra. Giocò l'intera sua carriera nel Peñarol, di cui divenne una bandiera e con cui vinse 5 titoli nazionali.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Con la maglia dell'Uruguay, Anselmo partecipò da riserva alle olimpiadi di Amsterdam del 1928 e vinse la medaglia d'oro.

Due anni dopo fu tra i protagonisti che trascinarono la Celeste alla vittoria del primo mondiale di calcio disputato in Uruguay nel 1930. Anselmo, stavolta tra i titolari del team guidato da Suppici, andò a segno nell'ultima partita del primo turno contro la Romania (vinta per 4-0 dall'Uruguay) e siglò una doppietta nella semifinale contro la Jugoslavia (conclusasi 6-1 per i sudamericani).

Tra i protagonisti più attesi alla vigilia della finalissima contro l'Argentina, Anselmo si rifiutò di giocare, in preda ad un attacco di panico: fu degnamente sostituito da un altro grande centravanti, Héctor Castro, che andò anche a segno (suo il 4-2 finale che regalò il titolo all'Uruguay).

Nel 1935 fece parte della rosa dell'Uruguay che vinse il campeonato sudamericano in Perù, tuttavia senza scendere mai in campo.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Dopo la fine della carriera agonistica, Anselmo guidò il "suo" Peñarol.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Penarol

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Amsterdam 1928
Uruguay 1930
Perù 1935

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (ES) AA.VV., La Enciclopedia de "El País", Montevideo, El País, 2011, ad vocem.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]