Juan Píriz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juan Píriz
Dati biografici
Nazionalità Uruguay Uruguay
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 193?
Carriera
Squadre di club1
1921 Penarol Peñarol  ? (?)
192? Defensor Defensor  ? (?)
1928-19?? Nacional Nacional  ? (?)
Nazionale
1928 Uruguay Uruguay 2 (0)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Amsterdam 1928
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Juan Píriz (Montevideo, 17 maggio 1902Montevideo, 23 marzo 1946) è stato un calciatore uruguaiano, di ruolo centrocampista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Píriz era originaria di Durazno.[1] Juan era fratello di Conduelo Píriz e cugino di Juan Emilio Píriz (con cui è spesso confuso): anch'essi vestirono la maglia della Nazionale uruguaiana.[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocava come centromediano o mediano sinistro.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Juan Píriz giocò nel Peñarol nella stagione 1921; passò poi al Defensor.[4] Nel 1928 si trasferì al Nacional di Montevideo.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

In Nazionale giocò due gare, entrambe nel torneo olimpico di Amsterdam 1928: la prima, contro la Germania, segnò il suo debutto, il 3 giugno 1928.[3] Presenziò poi nell'incontro valido per l'assegnazione della medaglia d'oro contro l'Argentina il 13 giugno, giocando da centromediano.[3]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Amsterdam 1928

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Reseña del fútbol en Durazno, imdurazno.com.uy. URL consultato il 29 aprile 2012.
  2. ^ (ES) Eduardo Gutiérrez Cortinas, Alberto Santelli fue un definidor incansable. URL consultato il 29 aprile 2012.
  3. ^ a b c (ES) V OLYMPIC FOOTBALL TOURNAMENT, linguasport.com. URL consultato il 29 aprile 2012.
  4. ^ (ES) Principios, defensorsporting.com.uy. URL consultato il 29 aprile 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]