Carmelo (Uruguay)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carmelo
comune
Carmelo – Stemma Carmelo – Bandiera
Carmelo – Veduta
Localizzazione
Stato Uruguay Uruguay
Dipartimento Flag of Colonia department.svg Colonia
Amministrazione
Alcalde Alejandro Brusco dal 2010
Territorio
Coordinate 34°11′24″S 58°10′12″W / 34.19°S 58.17°W-34.19; -58.17 (Carmelo)Coordinate: 34°11′24″S 58°10′12″W / 34.19°S 58.17°W-34.19; -58.17 (Carmelo)
Altitudine 23 m s.l.m.
Abitanti 16 628 (2004)
Altre informazioni
Cod. postale 70100
Prefisso +0542
Fuso orario UTC-3
Nome abitanti carmelitani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Uruguay
Carmelo
Sito istituzionale

Carmelo è una cittadina turistica dell'Uruguay, situata nel dipartimento di Colonia, conta 16.628 abitanti (2004).

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Dista 85 km dal capoluogo Colonia del Sacramento e 262 km dalla capitale Montevideo. È la seconda città per grandezza del dipartimento preceduta solo da Colonia del Sacramento che vanta una popolazione di circa 20 mila abitanti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu fondata il 12 febbraio del 1816 dal colonnello José Gervasio Artigas. In un documento del 1826 è nominata per la prima volta la popolazione "Del Carmelo" e il villaggio con il nome di Carmelo. In origine, favorita dalla sua posizione geografica, era un luogo frequentato da banditi, contrabbandieri e vi si tenevano tutti i tipi di traffici illeciti.

Il 17 agosto del 1842 vi si accampò Giuseppe Garibaldi impegnato nella difesa della Repubblica contro gli argentini. Nel 1870 iniziarono ad arrivare i primi immigrati italiani. Il 1º maggio del 1912 veniva costruito il famoso ponte girevole unico del suo genere in tutto il Sudamerica.

L'emigrazione italiana[modifica | modifica wikitesto]

L'emigrazione italiana in Uruguay iniziò nel 1879 e terminò nel 1930. Il flusso migratorio non giunse a valicare le 90.000 unità. La maggior parte dei connazionali era composta da liguri, piemontesi e campani e il figlio di uno di questi primi emigranti, José Serrato diventò nel 1920 presidente della Repubblica.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianpaolo Zeni, En Merica! L'emigrazione della gente di Magasa e Val Vestino in America, Il Chiese, Storo 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]