Luciano Vincenzoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luciano Vincenzoni (Treviso, 7 marzo 1926Roma, 22 settembre 2013) è stato uno sceneggiatore italiano, uno dei più stimati scrittori di film, famoso in Italia come lo "Script doctor".[1] Ha scritto prolificamente per circa 65 film fra il 1954 e il 2000.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi di legge a Roma e Padova, ha iniziato a scrivere per il cinema dopo essere arrivato a Roma con l'aiuto di due suoi amici imprenditori di Treviso, Mario e Toni Roma. Ha esordito con il film Hanno rubato un tram del 1954, interpretato da Aldo Fabrizi, e successivamente Il ferroviere, di Pietro Germi, da un soggetto di Alfredo Giannetti. Dopo una lite con Germi che interrompe la loro collaborazione, Vincenzoni riesce a vendere a Dino De Laurentiis in una sola volta diversi soggetti, dopo essergli piombato in ufficio senza appuntamento. Tre dei soggetti verranno realizzati immediatamente, diventando i film Il gobbo, I due nemici, e La grande guerra. Inoltre De Laurentiis scrittura nella stessa mattina Vincenzoni, prendendolo in esclusiva per 4 anni come sceneggiatore.

Tra i molti soggetti scritti in quegli anni, uno verrà rappresentato a teatro, Sacco e Vanzetti. Vincenzoni lo adatterà con l'aiuto di Mino Roli. Tra gli interpreti Gian Maria Volontè. Doveva diventare anche un film ma i rapporti con De Laurentiis si interrompono e non si realizzerà il progetto. (Mino Roli collaborerà in seguito ad un film su Sacco e Vanzetti, prodotto da Papi e Colombo per la regia di Giuliano Montaldo, e che ebbe tra gli interpreti lo stesso Volontè). Terminata la collaborazione con De Laurentiis, Vincenzoni ritrova il maestro Germi, che ha chiuso da poco i rapporti con Giannetti. Tornano a lavorare insieme e creano la società RPA e producono il film Sedotta e abbandonata, con l'aiuto di Franco Cristaldi, e subito dopo con Robert Haggiag e la United Artists, il film Signore & signori.

Di nuovo una lite mette fine ai rapporti con Germi, e Vincenzoni esce dalla RPA e prosegue la sua carriera con Sergio Leone che lo cerca per scrivere il film Per qualche dollaro in più. Insieme faranno anche Il buono, il brutto, il cattivo e Giù la testa: questi film daranno a entrambi fama internazionale e ricchezza. Vincenzoni scriverà pochissimi altri film western. Ilya Lopert, capo della UA in Europa chiede in quel periodo a Vincenzoni di dirigere un film western sull'onda del successo degli "Spaghetti western". Vincenzoni declina l'offerta, ma comunque supervisiona la realizzazione del film Da uomo a uomo diretto da Giulio Petroni e prodotto da Sansone e Chroscick. I rapporti con Petroni non saranno idilliaci. Lopert con il film voleva lanciare l'attore John Phillip Law.

Il film negli USA ebbe un grande successo. Law però non arrivò mai al tipo di successo sperato dai dirigenti UA. Gli stretti rapporti con i dirigenti degli studios, come Lopert o i fratelli Picker, permisero a Vincenzoni di vendere Per qualche dollaro in più alla United Artists. Durante la fase di contrattazione si trovava di fronte a Sergio Leone quando i rappresentanti della United Artists chiesero se era già stato scritto il seguito. Vincenzoni ripensando a La grande guerra, che era stata comprata per gli USA dagli stessi con cui contrattava, disse di avere già un soggetto per un film ambientato nella guerra di secessione, che aveva per protagonisti due straccioni, tipo Gassman - Sordi.

Ancora oggi presso il Pubblico registro della SIAE si può visionare la denuncia inizio lavorazione di questo film, che ha come primo titolo Due magnifici straccioni, poi cambiato ne Il buono, il brutto, il cattivo. Lopert decise di acquistare Per qualche dollaro in più dopo che Vincenzoni lo convinse a vedere Per un pugno di dollari in un cinema di Roma. Quel giorno il pubblico scalpitava per entrare, la sala era gremita. Lopert, che andò poco convinto, non ebbe più dubbi. Vincenzoni sviluppava interamente i soggetti che scriveva già dai suoi primi lavori, come La grande guerra, straordinario film tragicomico che racconta della vita di trincea durante la prima guerra mondiale. A titolo di mera curiosità il titolo del famosissimo Il buono, il brutto, il cattivo è stata una sua idea, idea venutagli in sogno.[2]

Il successo al botteghino portò tutte le persone che lavoravano con Leone, compreso Vincenzoni, a diventare rapidamente milionari. Vincenzoni ha avuto un ruolo importante nella carriera di Leone, sia come scrittore che come mediatore, aiutandolo nei rapporti con i dirigenti della UA. Leone voleva anche affidargli la regia del film Giù la testa, che non voleva fare. Vincenzoni declinò l'offerta. Leone poi propose il film a Peter Bogdanovich, che incontrò il regista italiano, ma litigarono su tutto. Leone cacciò Bogdanovich, Vincenzoni ne prese le difese, e da allora divennero grandi amici. [1] Vincenzoni riferì che, dopo il successo dei film della "trilogia del dollaro", Leone non poteva tollerare di vedere Vincenzoni condividere con lui i ricavi.

Ci fu, per questo, dell'acredine fra i due amici per qualche anno. Fu molto amico degli scrittori Goffredo Parise e Ennio Flaiano. Riguardo a Flaiano, Vincenzoni ha sempre ricordato pubblicamente che questi era uno dei pochi che lo aiutò nei periodi di difficoltà in cui cercava lavoro. Vincenzoni visse diciassette anni a Hollywood quando lavorava con Dino De Laurentiis. I suoi vicini di casa erano Candice Bergen e Peter Sellers, e divenne amico dell'attore William Holden e del regista Billy Wilder, oltre che del già citato Bogdanovich. Tentò di realizzare con Peter Bogdanovich un film dal titolo Cow Girl, ma il progettò si arenò.

I protagonisti dovevano essere Marcello Mastroianni e Cybill Shepherd. Scrisse il film Raw Deal, uscito in Italia con il titolo Codice Magnum, che ha come protagonista Arnold Schwarzenegger, il soggetto originale di Vincenzoni e Donati però, si discostava molto dalla versione finale modificata dallo sceneggiatore G. de Vore. Vincenzoni fu intervistato nell'edizione speciale del DVD della "trilogia del dollaro": durante questa intervista ha rivelato che osservava ciascun film nel dietro le quinte. Ha vinto due Nastri d'Argento come Miglior Sceneggiatura per Sedotta e abbandonata e Signore e signori. Nel 1996 ha ricevuto il Premio Flaiano alla carriera. È stato membro emerito del WGA (Writer's Guild of America). È scomparso il 22 settembre 2013 a Roma, all'età di 87 anni[3],

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) http://www.fistful-of-leone.com/classic/articles/vince.html
  2. ^ (EN) Cristopher Frayling, Sergio Leone: Something To Do With Death, Faber & Faber, 2000, ISBN 0-571-16438-2.
  3. ^ Addio a Luciano Vincenzoni, scrisse "Il buono, il brutto e il cattivo" Repubblica.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Cristopher Frayling, Sergio Leone: Something To Do With Death, Faber & Faber, 2000, ISBN 0-571-16438-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 12493164 LCCN: no97046039