Casablanca, Casablanca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casablanca, Casablanca
Inizio del film, lo Scuro al Gambrinus
Inizio del film, lo Scuro al Gambrinus
Titolo originale Casablanca, Casablanca
Paese di produzione Italia
Anno 1985
Durata 109 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Francesco Nuti
Soggetto Luciano Vincenzoni, Sergio Donati e Francesco Nuti
Sceneggiatura Luciano Vincenzoni, Sergio Donati e Francesco Nuti
Produttore Gianfranco Piccioli
Fotografia Franco Di Giacomo
Musiche Giovanni Nuti
Interpreti e personaggi
Premi

Casablanca, Casablanca è il primo film diretto da Francesco Nuti, nel 1985.

Il film, sequel di Io, Chiara e lo Scuro di Maurizio Ponzi (nel quale Nuti aveva partecipato in veste di co-sceneggiatore ed interprete protagonista), ha una cornice legata al gioco del biliardo all'italiana. Nel titolo, così come nella sceneggiatura e nelle immagini, è evidente il riferimento al film cult del 1942 Casablanca.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Firenze. Francesco, innamoratosi della musicista Chiara, abbandona il biliardo per amore. Merlo, l'accompagnatore del campione di biliardo detto Lo Scuro, offre a Francesco la possibilità di partecipare al mondiale di biliardo a Casablanca, ma nonostante l'importanza del torneo Francesco tentenna.

L'uomo infatti sospetta che Chiara abbia un amante di nome Daniel: una volta che lei gli confessa il tradimento, caccia Chiara di casa e decide di riprendere a giocare.

Francesco parte dunque per Casablanca. Quando si è già qualificato per le semifinali, una sera incontra Chiara insieme a Daniel al Rick's Bar, un locale notturno. Lei gli confessa di aver mentito dicendo di aver avuto rapporti intimi con Daniel, e i due passano la notte insieme. La mattina seguente Francesco arriva in ritardo alla partita e viene quindi squalificato.

Lo Scuro, sebbene fosse il vicecampione e si fosse sempre vantato di essere il migliore, decide allora di cedergli il suo posto alla finalissima: una partita di Goriziana a 1000 punti contro il grande Domingo Acànfora.

Dopo essere stato in svantaggio per quasi tutta la partita, Francesco esegue un'ottavina reale e vince partita e titolo mondiale, tra gli applausi del pubblico.

Il neo campione del mondo cerca di convincere Chiara a rimanere un'altra settimana a Casablanca, ma lei insiste ribadendo di dover partire alla volta de Il Cairo per precedenti impegni di lavoro.

Francesco l'accompagna fino all'aeroporto, dove la informa che non la seguirà, ma che anzi cercherà di farsi assumere come cameriere al Rick's Bar, cercato invano poco prima dalla coppia per l'ultimo saluto al pianista Sam.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema