Inferno in diretta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Inferno in diretta
Titolo originale Cut and run
Paese di produzione Italia
Anno 1985
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione
Regia Ruggero Deodato
Sceneggiatura Cesare Frugoni, Dardano Sacchetti, Luciano Vincenzoni
Fotografia Alberto Spagnoli
Montaggio Mario Morra
Musiche Claudio Simonetti
Scenografia Claudio Cinini
Interpreti e personaggi

Inferno in diretta è un film del 1985, diretto da Ruggero Deodato.

Il film chiude la cosiddetta Trilogia dei cannibali di Deodato, anche se è prettamente un film d'azione e non sono presenti cannibali.

Dopo Cannibal Holocaust anche qui Deodato critica i mass media che sono alla ricerca dello scoop sensazionale, in più mostra come nella giungla amazzonica imperino i narcotrafficanti.

Deodato già dall'inizio mostra il carattere cinico dei giornalisti. Infatti dopo un incipit agghiacciante in cui vediamo gli uomini del colonnello fare strage di alcuni narcotrafficanti la scena si trasferisce a Miami, dove i giornalisti entrano nella casa di alcuni narcotrafficanti che sono stati barbaramente uccisi. La loro telecamera si sofferma sui particolari della strage, come teste mozzate, coltelli infissi nelle gambe e braccia squartate.

Tra gli attori da segnalare la prova di Michael Berryman, già visto in Le colline hanno gli occhi di Wes Craven.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Una giornalista e il suo operatore sono diretti in Guayana, alla ricerca di Tommy, il figlio del direttore dell'emittente televisiva. Scopo del loro viaggio è intervistare il colonnello Brian Horne, un santone che usa un esercito di indios per sterminare i narcotrafficanti. I reporter riprendono i massacri compiuti dal colonnello, fino all'intervista...

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema