Lingua berbera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Tamazight" rimanda qui. Se stai cercando la rete televisiva, vedi Tamazight (rete televisiva).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Berbero (Tamazight)
Parlato in Marocco, Algeria, Tunisia, Libia, Egitto, Melilla (Spagna), Isole Canarie†, Mauritania, Mali, Niger, Burkina Faso, e in altri Stati confinanti, oltre ai paesi d'emigrazione (soprattutto Francia, Spagna, Canada, USA, Belgio, Olanda e Italia)
Regioni Nordafrica (Tamazgha)
Persone 45-55 milioni
Tipo VSO introflessiva
Filogenesi Lingue afroasiatiche (camito-semitiche)
 Lingue camitiche
  Libico-berbero
Statuto ufficiale
Nazioni Marocco è lingua ufficiale e nazionale; Algeria, Mali, Niger, è lingua nazionale ma non ufficiale; altrove non ha alcun riconoscimento
Regolato da IRCAM (Istituto Reale della Cultura Amazigh) in Marocco; HCA (Alta Commissione per l'Amazighità) in Algeria
Codici di classificazione
ISO 639-2 ber
SIL Vari:
AUJ, CHB, GHA, GHO, GNC, GRR, JBE, JBN, KYL, MZB, OUA, RIF, SDS, SHI, SHY, SIZ, SJS, SWN, TIA, TJO, TMH, TZM, ZEN
(maggiori dettagli nell'articolo)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Tiṣerriḥt Tagraγlant n Izerfan n Wemdan
Ixf 1: Imdanen, akken ma llan, ttlalen d ilelliyen mwatan di lḥweṛma d izerfan. Γur-sen tamsakwit d lεqel u yessefk ad tili tegmatt gar-asen.
Berber-map-ITA.png
(LA)
« Nam et in Africa barbaras gentes in una lingua plurimas novimus »
(IT)
« Infatti anche in Africa conosciamo molte popolazioni barbare che parlano una sola lingua »
(Sant'Agostino, De Civitate Dei XVI.6)

Il berbero (Tamazight, Tamaziɣt, o "ⵜⴰⵎⴰⵣⵉⵖⵜ") è la lingua dei Berberi; si tratta di una lingua camitica appartenente alla famiglia linguistica camito-semitica, e quindi imparentata, tra l'altro, con l'antico egizio, ma anche con l'arabo. Le fasi più antiche del berbero sono rappresentate dall'antico libico.

In italiano, berbero deriva dal francese berbère, che a sua volta riprende la pronuncia magrebina dell'arabo barbar. Il termine arabo probabilmente non fa che continuare il latino barbarus, con cui venivano chiamate, nell'impero romano, le popolazioni di lingua non latina[1]. Una etimologia popolare, riportata già da Ibn Khaldūn, afferma che gli Arabi, non capendo chi parlava il berbero, dicevano che "emetteva suoni inintelligibili" ("emettere suoni inintelligibili" in arabo si dice barbar) analogo al greco βάρβαρος.

Oggi i Berberi non amano più sentirsi chiamare con questo nome (in arabo barbar vuole dire anche "barbaro"), e preferiscono usare per sé il termine berbero amazigh (al plurale imazighen, "uomini liberi"), e per la lingua berbera il corrispettivo femminile tamazight.

Estensione del berbero e sue suddivisioni[modifica | modifica wikitesto]

Il berbero nel Nordafrica[modifica | modifica wikitesto]

La lingua berbera è parlata nell'Africa mediterranea, dall'Egitto (oasi di Siwa) all'Atlantico, oltre che nel Sahara e in vaste regioni sub-sahariane, Mali, Niger, Ciad e Burkina Faso (dai Tuareg).
Un piccolo gruppo che parla un dialetto berbero (zenaga) si trova anche in Mauritania. Probabilmente anche i Guanci (o guanche), i primi abitanti delle isole Canarie, parlavano varietà di berbero.
In Marocco le popolazioni di lingua berbera sono circa il 60%, in Algeria il 30%, in Libia il 23%, in Tunisia l'1%.
Ciononostante, per motivi ideologici, in questi paesi la sola lingua ufficialmente riconosciuta è l'arabo (classico), e solo negli ultimi anni, e a prezzo di dure lotte (in particolare in Algeria, con la primavera berbera del 1980 e con la primavera nera del 2001), i Berberi del Marocco e dell'Algeria cominciano a vedere qualche riconoscimento della loro lingua e un suo timido inserimento nella scuola pubblica (in Marocco dal 2011 è lingua ufficiale, diventando ufficialmente bilingue).

Data la vasta estensione di questa lingua (in sostanza tutto il Nord-Africa), ne esistono numerose varietà dialettali. C'è perfino chi, esagerando, ha parlato di 5000 dialetti berberi[2]; in realtà, la maggior parte dei parlanti si esprime in una delle varietà maggiori, ormai dotate tutte anche di una letteratura scritta:

cui si aggiungono una moltitudine di dialetti zanata, parlati un tempo da tribù nomadi ed oggi diffusi in tante regioni, anche distanti tra loro.

Localizzazione delle principali varietà di berbero in Nordafrica

Localizzazione delle principali varietà di berbero in Nordafrica.

         tashelhit          tamazight del Marocco centrale (Berberi del Medio Atlante)
         tarifit          tashenwit
         cabilo          tashawit
         tamashek          zanata (Figuig, tumzabt, siw, ecc.)

Classificazione Ethnologue[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Ethnologue,[3] la classificazione delle lingue berbere è la seguente:

Parlato e scritto[modifica | modifica wikitesto]

Le popolazioni che parlano il berbero hanno spesso usato per esprimersi ad un livello "colto" le lingue dei colonizzatori: il latino nell'antichità (Terenzio, Apuleio, Sant'Agostino, ecc.), in tempi più recenti l'arabo (Edrisi, Ibn Khaldun, ...) e il francese (Mouloud Feraoun, Jean Amrouche, Mouloud Mammeri, ..). Per questo la letteratura berbera è in gran parte orale (anche se si conservano manoscritti di letteratura berbera, in caratteri arabi, risalenti anche all'XI secolo). Solo i Tuareg, soprattutto grazie alle donne, hanno tramandato la tradizione della antica scrittura berbera tifinagh, con un alfabeto formato da una cinquantina di segni geometrici.

Ultimamente, sia pur con molta riluttanza, anche i governi algerino e marocchino cominciano a prendere atto dell'esistenza del berbero e della necessità di insegnarlo nelle scuole. Da qui il problema della scelta del metodo di trascrizione da utilizzare. Per l'Algeria, dove il berbero nelle scuole è una realtà dal 1995, sembra affermata una trascrizione a base latina, elaborata nel tempo da diversi autori (in particolare Mouloud Mammeri) e messa a punto in diversi congressi scientifici internazionali. In Marocco invece, nonostante l'opposizione di molte associazioni culturali berbere, favorevoli ad un'adozione dello stesso sistema a base latina in uso in Algeria, l'Istituto Reale di Cultura Amazigh ha optato per i caratteri neo-tifinagh. In entrambi i paesi, comunque, è molto forte la richiesta, da parte soprattutto di associazioni religiose islamiche e/o per la difesa della lingua araba, di utilizzare invece una grafia a base araba. Una grafia che ha una lunga tradizione in Nordafrica (si pensi ai poemi di Muhammad Awzal), ma che i Berberi tendono a rifiutare per sottolineare il proprio distacco dalla cultura araba, sentita oggi come ostile e pericolosa per il mantenimento della lingua berbera.

Fonetica e fonologia[modifica | modifica wikitesto]

Data la grande estensione dei territori in cui è parlata questa lingua, non è possibile sintetizzare in breve tutte le caratteristiche fonetiche di tutti i parlari. Si farà qui cenno ad alcune caratteristiche più generali, mentre si rimanda alla descrizione delle singole lingue per maggiori dettagli.

Vocali[modifica | modifica wikitesto]

Gran parte dei dialetti berberi conoscono un sistema vocalico estremamente ridotto, con la presenza di tre sole vocali fonologiche, /i/, /a/, /u/. I dialetti dei tuareg, invece, conoscono un sistema vocalico molto più ricco e articolato, che comprende anche /e/ e /o/, e inoltre due vocali "brevi" /ə/ e /ă/. È possibile che questa situazione derivi da una situazione originaria in cui tre vocali brevi /*i/, /*a/, /*u/ si affiancavano a tre vocali lunghe /*i:/, /*a:/, /*u:/, come traspare dalle grafie più antiche di testi berberi in caratteri arabi, oltre che da svariati altri particolari evidenziati dalla linguistica storica (mantenimento di alcune "vocali brevi" in zenaga, origine dei suoni "labiovelari" in prossimità di antica u breve, ecc.).

Comunque sia, oggi il tratto di "lunghezza vocalica" è distintivo solo in tuareg, dove addirittura qualcuno crede di vedere una serie di vocali "iperlunghe" ("surlongues") in certi contesti come il cosiddetto "perfetto risultativo" o in certi "imperfetti" ("aoristi intensivi").

Consonanti[modifica | modifica wikitesto]

Il consonantismo berbero presenta diverse caratteristiche interessanti:

  • assenza, nel patrimonio fonologico comune, di numerosi suoni posteriori (faringali e laringali) che sono invece tipici dell'arabo e si ritrovano nei sistemi fonologici dei parlari del nord in seguito a massicci prestiti da questa lingua;
  • ripartizione delle consonanti nelle tre serie sorda-sonora-enfatica (un tratto caratteristico di molte lingue afroasiatiche)
  • nel complesso, i dialetti berberi si possono classificare, sulla base delle realizzazioni delle occlusive, in "parlari occlusivi" vs. "parlari a tendenza spirante". Questi ultimi parlari presentano fricative là dove altri hanno delle occlusive. Per esempio [θ] per [t], [ð] per [d], [v] per [b], ecc.
  • tendenza a realizzare le consonanti "lunghe" (o "geminate") con una maggiore tensione delle consonanti scempie, il che spesso le porta ad essere occlusive (od affricate) e sorde rispetto a consonanti semplici fricative e sonore. Per esempio, [ɣ] geminato non dà [ɣɣ] ma [qq], [ḍ] geminato non dà [ḍḍ] ma [ṭṭ]. Da notare anche, in molti dialetti, la sostituzione delle semivocali "lunghe" [ww] con [bbw] / [ggw] e [yy] con [gg] / [ggy]
  • presenza, in molti dialetti, di suoni "labiovelari": [kw], [gw].

Grammatica[modifica | modifica wikitesto]

Da un punto di vista tipologico, il berbero è una lingua flessiva (per la precisione "introflessiva"), con ordine basico VSO, alternante spesso con SVO.

La morfologia introflessiva, tipica di gran parte delle lingue afroasiatiche, prevede mutamenti vocalici all'interno della parola con valore morfologico. Per esempio:

  • adrar "monte", pl. idurar
  • gulleɤ "ho giurato" ma (ad) galleɤ "giurerò".

Oltre all'alternanza vocalica, la morfologia fa uso anche sia di prefissi che di suffissi. Inoltre, un tratto piuttosto caratteristico della sua morfologia è quello della presenza di numerosi "morfemi discontinui" (circonfissi), vale a dire affissi che "circondano" la base che essi modificano, con la presenza contemporanea di un prefisso e di un suffisso. Per esempio:

  • te-ggull-eḍ "tu hai giurato"
  • amellal "bianco" (m.), ma ta-mellal-t "bianca" (f.)
  • yexdem "ha lavorato", ma: wer yexdim ara "non ha lavorato".

Nome[modifica | modifica wikitesto]

I nomi in berbero esprimono di norma:

  • il numero (singolare e plurale)
  • il genere (maschile e femminile)
  • lo "stato" ("stato libero" e "stato d'annessione")

Quest'ultima categoria è tipica delle parole di origine berbera, mentre non è dato trovarla nei nomi provenienti da altre lingue, in particolar modo nei numerosi prestiti dall'arabo. Essa ha infatti origine da modificazioni fonetiche successive all'incorporazione nei nomi di un antico "articolo", assente invece nella maggior parte dei prestiti.

Alcuni esempi:

singolare
amɣar "vecchio" (maschile singolare, st. libero) / wemɣar (masch. sg., st. annessione)
tamɣart "vecchia" (femminile singolare, st. libero) / temɣart (fem. sg., st. annessione)
lebḥer "mare" (masch. sing., indifferente allo stato: prestito dall'arabo)
plurale
imɣaren "vecchi" (maschile plurale, st. libero) / yemɣaren (m. pl., st. annessione)
timɣarin "vecchie" (femminile plurale, st. libero) / temɣarin (f. pl., st. annessione)
lebḥur "mari" (masch. pl., indifferente allo stato: prestito dall'arabo)

Verbo[modifica | modifica wikitesto]

Il verbo berbero presenta tre "tempi" principali:

  • il perfetto (o "compiuto")
  • l'aoristo (spesso accompagnato da "particelle")
  • l'imperfetto (o "aoristo intensivo", o "forma di abitudine")

Inoltre, esistono forme di

  • perfetto negativo e di
  • imperfetto negativo

che vengono usate (quasi) solo in contesti negativi.

Ogni "tempo" è caratterizzato da un proprio tema, che di solito è formato semplicemente mediante apofonia (mutamento vocalico) per quanto riguarda perfetto e aoristo, mentre l'imperfetto si forma a partire dall'aoristo con vari mezzi morfologici come raddoppiamenti consonantici o l'uso di prefissi. Le varie persone si formano con prefissi, suffissi e circonfissi che sono uguali in ogni "tempo".

Un esempio col verbo af "trovare"

persona Aoristo Perfetto Imperfetto
1 sg. (ad) af-eɤ ufi-ɤ ttaf-eɤ
2 sg. (ad) t-af-eḍ t-ufi-ḍ te-ttaf-eḍ
3 sg. masch. (ad) y-af y-ufa ye-ttaf
3 sg. femm. (ad) t-af t-ufa te-ttaf
1 pl. (ad) n-af n-ufa ne-ttaf
2 pl. masch. (ad) t-af-em t-ufa-m te-ttaf-em
2 pl. femm. (ad) t-af-met t-ufa-mt te-ttaf-met
3 pl. masch. (ad) af-en ufa-n ttaf-en
3 pl. femm. (ad) af-ent ufa-nt ttaf-ent
"troverò"
"troverai"
ecc.
"ho trovato"
"hai trovato"
ecc.
"sto trovando"
"stai trovando"
ecc.

L'imperativo si forma col semplice tema dell'aoristo, senza desinenze per il singolare, con i suffissi -t (masch.) e -emt (femm.) per il plurale. La forma dell'imperativo, essendo quella che fornisce la forma più breve del verbo, viene utilizzata come "forma di citazione" dei verbi nei dizionari, invece dell'infinito o di altre persone e tempi.

La varietà di mutamenti vocalici nei diversi tempi è grande e dà luogo a numerose coniugazioni (nella sua grammatica di tuareg, Ch. de Foucauld ne ha contate più di cento).


Studi berberi[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli studiosi della lingua berbera si ricordano:

  • Jean-Michel Venture de Paradis (1739-1799), fu uno dei primi a raccogliere testi berberi ed a studiarli, anche se gran parte dei suoi lavori in proposito sono rimasti a lungo manoscritti.
  • René Basset (1855-1924), il primo ad indagare estesamente un gran numero di dialetti,
  • Henri Basset (1892-1926), autore del primo studio complessivo sulla letteratura berbera,
  • André Basset (1895-1956), autore della prima grammatica berbera completa, ideatore di un grande atlante linguistico-dialettologico berbero, e curatore del dizionario tuareg-francese manoscritto dal Padre Charles de Foucauld.

In Italia gli studi berberi hanno visto un loro pioniere in Francesco Beguinot (1879-1953), che istituì la cattedra di berbero all'Istituto Orientale di Napoli (la sola in Italia, ancora oggi esistente). In precedenza si ricordano gli studi pionieristici di Carlo Ottavio Castiglione (Mémoire géographique et numismatique sur la partie orientale de la Barbarie appelée Afrikia par les Arabes, suivi de recherches sur les Berbères atlantiques, Milano, 1826), Pietro Bronzi (Frammento di fonologia berbera, Bologna 1919) e Alfredo Trombetti (in particolare nei suoi studi su Le origini della lingua basca, 1923).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un ulteriore esempio di tale pratica è costituito dalla Sardegna, le cui aree interne e maggiormente resistenziali vennero dai latini chiamate Barbària (donde l'attuale nome Barbaza/Barbagia), contrapposte alla Romània (da cui la Romangia, ad esempio), dove il latino si impose prima.
  2. ^ A. Basset (1952: 1): "Cette langue s'éparpille directement ou à peu près en une poussière de parlers, de 4 à 5 mille peut-être" ("e questa lingua si sparpaglia direttamente o quasi in un pulviscolo di dialetti, da 4 a 5 mila, forse").
  3. ^ (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Berber in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Studi d'insieme:

Le sole grammatiche di berbero attualmente esistenti in italiano sono:

  • Francesco Beguinot, Il berbero nefusi di Fassato, Roma, Istituto per l'Oriente, 1942 [berbero della Libia]
  • Olivier Durand, Lineamenti di lingua berbera. Varietà tamazight del Marocco centrale, Roma, Università "La Sapienza", 1998
  • Kamal Naït-Zerrad, Grammatica moderna di lingua cabila (ed. italiana tradotta e curata da V. Brugnatelli e A. M. Di Tolla), Milano, Centro Studi Camito-Semitici, 2008 - ISBN 978-88-901537-1-6

Sull'interessante questione dei relitti latini che ancora si trovano in berbero e nei dialetti arabi del Nordafrica esistono diversi studi:

  • Vermondo Brugnatelli, "I prestiti latini in berbero: un bilancio", in: M. Lamberti, L. Tonelli (a cura di), Afroasiatica Tergestina. Papers from the 9th Italian Meeting of Afro-Asiatic (Hamito-Semitic) Linguistics, Trieste, April 23-24, 1998, Padova, ed. Unipress, 1999, pp. 325–332 ISBN 88-8098-107-2
  • Franco Fanciullo, "Un capitolo della Romania submersa: il latino africano", in: D. Kremer (a cura di), Actes du XVIIIe Congrès International de Linguistique et de Philologie Romanes. Université de Trèves (Trier) 1986, tomo I, Tübingen 1992, pp. 162–187 ISBN 3-484-50220-7
  • Tadeusz Lewicki, "Une langue romane oubliée de l'Afrique du Nord. Observations d'un arabisant", Rocznik Orientalistyczny 17 (1958), 415-480 ISSN: 0080-3545
  • Hugo Schuchardt, Die romanischen Lehnwörter im Berberischen, Vienna 1918 (Sitzungsberichte der Kaiserlichen Akademie der Wissenschaften zu Wien 188.4)
  • Carlo Tagliavini, Le origini delle Lingue Neolatine, Bologna, Patron Editore, 1999
  • Werner Vycichl, Berberstudien & A Sketch of Siwi Berber (Egypt), Colonia, R. Köppe Verlag, 2005 (§§ 3 "Lateinische und Griechische Lehnwörter" e 4 "Antike Ortsnamen", pp. 16–39) ISBN 3-89645-389-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Lingua berbera
Mauritania : Zenaga - Marocco : Tarifit | Tamazight | Tashelhit | Senhaja di Srair | Figuig - Algeria : Cabilo | Tashawit | Mzab | Teggargrent | Tashenwit | Ksour oranesi | Gourara - Tunisia : Sendi | Jerbi | Tamazret | Douiret - Libia : Nefusi | Zuara | Ghadamès | Ghat | Sokni | El-Fogaha | Augila - Egitto : Siwi - Sahara : Tuareg - Isole Canarie : † Guanche
Nordafrica Portale Nordafrica: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Nordafrica