Lingua siwi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Siwi (Jilân n Isîwan)
Parlato in Egitto
Regioni Siwa
Persone 30.000 (2006)
Scrittura alfabeto arabo (tradizionale), alfabeto latino, neo-tifinagh (uso recente)
Tipo VSO (intro)flessiva
Filogenesi Lingue afro-asiatiche
 Lingue berbere
Codici di classificazione
ISO 639-3 siz  (EN)
SIL siz  (EN)

La lingua siwi (nota col nome tradizionale indigeno Jilân n Isîwan) è una lingua berbera parlata in Egitto, nella regione dell'oasi di Siwa.

Distribuzione geografica[modifica | modifica sorgente]

Secondo Ethnologue,[1] il siwi è parlato da 30.000 persone stanziate nella zona desertica dell'Egitto nordoccidentale, nei villaggi attorno all'oasi di Siwa.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Secondo Ethnologue,[1] la classificazione della lingua siwi è la seguente:

Grammatica[modifica | modifica sorgente]

Il dialetto di Siwa, che costituisce la parlata berbera più orientale, ha numerose particolarità rispetto alle altre varietà di berbero.

Tra i tratti salienti vi è quello di possedere un tempo, caratterizzato da un suffisso -a o -aya, che ha un valore di "perfetto risultativo" (in francese "accompli résultatif"), e che trova riscontro solo nella vicina oasi libica di Augila. La posposizione di -a provoca l'allungamento della vocale della sillaba precedente, non solo nel verbo (yənğəf "si è sposato" > yənğif-a "è sposato") ma anche negli eventuali pronomi suffissi (yuš-as-tən "glieli ha dati" > yuš-as-tin-a "glieli aveva dati"). Questi fenomeni fonetici, che si potrebbero spiegare con uno spostamento dell'accento in seguito all'aggiunta dell'affisso, hanno fatto ipotizzare una possibile origine comune al "perfetto risultativo" del tuareg, che non presenta un suffisso -a ma è caratterizzato da spostamenti di accento e allungamenti di vocali (Brugnatelli 2005: 376-377).

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Italiano Siwi
mio fratello ammwa
mia sorella weltma
mio nonno jiddi
mia nonna jidda
mio padre abba
mia madre umma
figlio jir
oliva azemmur

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Siwi in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • André Basset, "Problème verbal dans le parler berbère de Siwa", in Mémoires de l'Institu français, T. LXVIII - Mélanges Maspéro, vol III, Le Caire 1935, p. 154-159.
  • André Basset, "Siwa, Aoudjila et Imeghran. À propos d'un rapprochement", Annales de l'Institut d'études orientales de l'Université d'Alger, T. II, 1936, p. 119-127.
  • André Basset, "Siwa et Aoudjila. Problème verbal berbère", Mémires de l'Institut français - Mélanges Gaudefroy-Demombynes, Le Caire, 1937, p. 279-300.
  • Vermondo Brugnatelli, "Il 'problema verbale' di Siwa e Augila", Atti Sodalizio Glottologico Milanese 26 (1984-85) [1986], 8-11.
  • Vermondo Brugnatelli, "Voyelles et accents dans l'histoire du berbère", in: P. Fronzaroli, P. Marrassini (eds.), Proceedings of the 10th Meeting of Hamito-Semitic (Afroasiatic) Linguistics (Florence 18-20 April 2001), Firenze, Dipartimento di Linguistica dell'Università di Firenze, ("Quaderni di semitistics" 25) 2005, 371-380.
  • Émile Laoust, Siwa. I - Son parler, Paris, Leroux, 1932.
  • Alphonse Leguil, "Notes sur le parler berbère de Siwa (I)", Bulletin des Études Africaines de l'INALCO vol. 6 (1986), n° 11, p. 5-42.
  • Alphonse Leguil, "Notes sur le parler berbère de Siwa (II)", Bulletin des Études Africaines de l'INALCO vol. 6 (1986), n° 12, p. 97-124.
  • Werner Vycichl. 2005. "Jlân n Isîwan: Schizzo della lingua berbera dell'Oasi di Siwa (Egitto)," Berberstudien & A Sketch of Siwi Berber (Egypt). Ed. Dymitr Ibriszimow & Maarten Kossmann. Studi berberi, vol. 10. Cologne: Rüdiger Köppe Verlag. ISBN 3-89645-389-0

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Lingua berbera
Mauritania : Zenaga - Marocco : Tarifit | Tamazight | Tashelhit | Senhaja di Srair | Figuig - Algeria : Cabilo | Tashawit | Mzab | Teggargrent | Tashenwit | Ksour oranesi | Gourara - Tunisia : Sendi | Jerbi | Tamazret | Douiret - Libia : Nefusi | Zuara | Ghadamès | Ghat | Sokni | El-Fogaha | Augila - Egitto : Siwi - Sahara : Tuareg - Isole Canarie : † Guanche
Nordafrica Portale Nordafrica: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Nordafrica