Leônidas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leônidas
Leônidas da Silva.jpg
Leônidas nel 1938
Dati biografici
Nome Leônidas da Silva
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 173[1] cm
Peso 75[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Carriera
Giovanili
1923-1929
1929-1930
1931-1932
Sao Cristovao São Cristóvão
Sirio Libanes Sírio Libanês
Bonsucesso Bonsucesso
Squadre di club1
1933-1934 Penarol Peñarol  ? (?)
1934 Vasco da Gama Vasco da Gama  ? (1)
1935 S.C. Brasil S.C. Brasil  ? (?)
1935 Botafogo Botafogo  ? (9)
1936-1942 Flamengo Flamengo 179 (142)
1942-1950 San Paolo San Paolo 211 (140)
Nazionale
1932-1946 Brasile Brasile 19 (21)
Carriera da allenatore
1953-1955 San Paolo San Paolo
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Francia 1938
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 
« I goal di Leônidas erano talmente belli che persino il portiere avversario si rialzava per congratularsi[2]»
(Eduardo Galeano)

Leônidas da Silva (leˈõnidɐz dɐ ˈsiwvɐ; Rio de Janeiro, 6 settembre 1913Cotia, 24 gennaio 2004) è stato un calciatore e allenatore di calcio brasiliano.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Soprannominato diamante nero, quasi a voler accostare il colore della pelle alla purezza della tecnica, ma anche l'uomo di gomma, per la grande agilità e la morbidezza dei gesti,[3][4] Leônidas era un grande funambolo del dribbling, dalle eccelse capacità acrobatiche sotto porta: celebre la sua rovesciata, nota come bicicleta[5], con cui egli divenne uno dei più prolifici attaccanti degli anni trenta.[6]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Dopo una trafila nelle squadre della natìa Rio (Sírio Libanês, Bonsucesso e São Cristovão), nel 1933 si guadagnò la convocazione nella nazionale brasiliana con cui esordì realizzando una doppietta, che gli valse la chiamata dal primo grande club, gli uruguayani del Peñarol.

L'anno dopo tornò in patria, al Vasco da Gama, con cui vinse il campionato. Nello stesso anno partecipò ai Mondiali d'Italia: la Seleção uscì al primo turno, sconfitta a Genova 3-1 dalla Spagna (il gol carioca fu segnato proprio da Leônidas).

Nel 1935 Leônidas passò al Botafogo, con cui vinse nuovamente il campionato. Nel 1936 si accasò al Flamengo, club con cui avrebbe giocato fino al 1942. In quell'anno passò al San Paolo, con cui abbandonò la carriera nel 1950. Tre anni dopo divenne allenatore del team paulista, ma l'esperienza non fu delle migliori e Leônidas passò a lavorare come commentatore radiofonico, prima di aprire un negozio di arredamento a San Paolo.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Legò il suo nome principalmente ai Mondiali di Francia nel 1938.[3] L'obiettivo era la vittoria finale, ma il cammino del Brasile fu arduo. Negli ottavi la Seleção era attesa dalla Polonia e il terreno del "Meinau" di Strasburgo, in cattive condizioni a causa dalla pioggia incessante, era pesantissimo: nonostante ciò andò in scena una partita superba, con i due campioni, Leônidas da una parte e Ernst Willimowski dall'altra, che realizzarono rispettivamente 3 e 4 goal.[7] La spuntarono, solo ai supplementari, i brasiliani con un roboante 6-5. Nei quarti al Brasile occorsero due incontri (1-1 e 2-1, un goal di Leônidas in ambedue i match) per eliminare un'altra grande del tempo, la Cecoslovacchia. In semifinale il Brasile raggiunse l'Italia campione del mondo in carica, ma la Seleção scese in campo senza Leônidas: il ct brasiliano Pimenta, convinto della vittoria (al punto che i brasiliani avevano già prenotato l'aereo per Parigi, teatro della finale), concesse infatti un turno di riposo al campione, per averlo più fresco in finale.[3] Ma gli azzurri, che di lì a poco avrebbero bissato il successo di quattro anni prima, batterono il Brasile 2-1. Per Leônidas le uniche consolazioni vennero dal terzo posto conquistato a spese della Svezia (4-2, con sua doppietta) e dal titolo di capocannoniere del torneo con 7 gol.[7]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[8][9][10][modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Brasile Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
4-12-1932 Montevideo Uruguay Uruguay 1 – 2 Brasile Brasile Copa Rio Branco 2
27-5-1934 Genova Brasile Brasile 1 – 3 Spagna Spagna Mondiali 1934 1
3-6-1934 Belgrado Jugoslavia Jugoslavia 8 – 4 Brasile Brasile Amichevole 2
5-6-1938 Strasburgo Brasile Brasile 6 – 5 Polonia Polonia Mondiali 1938 3
12-6-1938 Bordeaux Brasile Brasile 1 – 1 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Mondiali 1938 1
14-6-1938 Bordeaux Brasile Brasile 2 – 1 Cecoslovacchia Cecoslovacchia Mondiali 1938 1
19-6-1938 Bordeaux Brasile Brasile 4 – 2 Svezia Svezia Mondiali 1938 2
15-1-1939 Rio de Janeiro Brasile Brasile 1 – 5 Argentina Argentina Copa Roca 1
22-1-1939 Rio de Janeiro Brasile Brasile 3 – 2 Argentina Argentina Copa Roca 1
18-2-1940 San Paolo del Brasile Brasile Brasile 2 – 2 Argentina Argentina Copa Roca 2
25-2-1940 San Paolo del Brasile Brasile Brasile 0 – 3 Argentina Argentina Copa Roca -
10-3-1940 Buenos Aires Argentina Argentina 2 – 3 Brasile Brasile Copa Roca 1
17-3-1940 Buenos Aires Argentina Argentina 5 – 1 Brasile Brasile Copa Roca 1
24-3-1940 Rio de Janeiro Brasile Brasile 3 – 4 Uruguay Uruguay Copa Rio Branco 1
31-3-1940 Rio de Janeiro Brasile Brasile 1 – 1 Uruguay Uruguay Copa Rio Branco 1
16-12-1945 San Paolo del Brasile Brasile Brasile 3 – 4 Argentina Argentina Copa Roca -
20-12-1945 Rio de Janeiro Brasile Brasile 6 – 2 Cile Cile Copa Roca 1
23-12-1945 Rio de Janeiro Brasile Brasile 3 – 2 Argentina Argentina Copa Roca -
29-1-1946 Buenos Aires Brasile Brasile 1 – 1 Paraguay Paraguay Campeonato Sudamericano de Football -
Totale Presenze 19 Reti (20º posto) 21

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Vasco da Gama: 1934
Botafogo: 1935
Flamengo: 1939
San Paolo: 1943, 1945, 1946, 1948, 1949

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

1932
1945

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1938 (16 gol), 1940 (30 gol)
Francia 1938 (7 gol)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (PT) Leônidas, playerhistory.com. URL consultato il 10 aprile 2010.
  2. ^ El fútbol a sol y sombra, p. 81. Siglo veintiuno editores, Madrid, IV ed. 2000. ISBN 968-23-1971-4
  3. ^ a b c Autori vari, Enciclopedia dello Sport - Calcio, 2002, p. 740.
  4. ^ (PT) Que Fim Levou? - Leônidas da Silva, terceirotempo.ig.com.br. URL consultato il 19 marzo 2010.
  5. ^ Google celebra la mitica rovesciata di Leonidas da Silva in ANSA, 6 settembre 2013. URL consultato il 6 settembre 2013.
  6. ^ (PT) Lectícia Cavalcanti, O Diamante Negro, Terra Magazine. URL consultato il 17 marzo 2010.
  7. ^ a b (EN) Leonidas ignites legendary fire, FIFA.com. URL consultato il 20 marzo 2010.
  8. ^ (PT) Seleção Brasileira (Brazilian National Team) 1923-1932, rsssfbrasil.com. URL consultato il 6 settembre 2013.
  9. ^ (PT) Seleção Brasileira (Brazilian National Team) 1934-1938, rsssfbrasil.com. URL consultato il 6 settembre 2013.
  10. ^ (PT) Seleção Brasileira (Brazilian National Team) 1939-1946, rsssfbrasil.com. URL consultato il 6 settembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]