Glenn Hysén

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Glenn Hysén
Glenn Hysén.jpg
Glenn Hysén alla Fiorentina nel 1987
Dati biografici
Nome Glenn Ingvar Hysén
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 184[1] cm
Peso 80[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra Flag of None.svg Utsiktens BK
Ritirato 1994 - giocatore
Carriera
Giovanili
1975-1977 Warta Warta
Squadre di club1
1977 Warta Warta 9 (0)
1978-1983 IFK Goteborg IFK Göteborg 117 (8)
1983-1985 PSV PSV 45 (12)
1985-1987 IFK Goteborg IFK Göteborg 38 (5)
1987-1989 Fiorentina Fiorentina 61 (1)
1989-1992 Liverpool Liverpool 72 (1)
1992-1994 GAIS GAIS 54 (6)
Nazionale
1981-1990 Svezia Svezia 68 (6)
Carriera da allenatore
2002-2004 Flag of None.svg Torslanda IK
2010- Flag of None.svg Utsiktens BK
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º aprile 2007

Glenn Ingvar Hysén (Göteborg, 30 ottobre 1959) è un ex allenatore di calcio ed ex calciatore svedese, di ruolo libero, commentatore per la televisione del suo Paese.

Fu nominato calciatore svedese dell'anno nel 1983 e nel 1988 e, tra gli anni ottanta e novanta, giocò nei Paesi Bassi, in Italia e Inghilterra e fu capitano della Nazionale svedese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Glenn Hysén ha avuto due differenti mogli, Kerstin e Helena, e cinque figli. Dalla prima moglie ha avuto due bambini, Charlotte e Tobias. Alexander, Anton e Annie sono invece figli di Helena. I tre figli maschi hanno tutti intrapreso la carriera calcistica da professionisti.[2]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Hysén iniziò l'attività nelle giovanili del Warta, uno dei vari club calcistici di Göteborg, sua città natale. Con tale squadra esordì nel 1977 in terza divisione svedese, per poi passare, solo un anno dopo, allo Göteborg, che nel 1979 gli diede l'opportunità di debuttare nell'Allsvenskan, il campionato di prima divisione, sotto la guida di Sven-Göran Eriksson. Con la plurititolata – a livello nazionale – compagine, Hysén vinse due titoli nazionali (1982 e 1983) ma, soprattutto, la Coppa UEFA 1981-1982, e fu anche il successo internazionale, per la prima volta, di una squadra svedese, a far ricadere per la stagione successiva le scelte degli esperti di quel Paese sulla nomina del giovane difensore a giocatore dell'anno.

Glenn Hysén ospite di una trasmissione televisiva svedese nell'ottobre 2006

Il successo europeo fu il viatico per la prima avventura continentale di Hysén, che fu ingaggiato dagli olandesi del PSV nell'estate del 1983 per rimanervi due stagioni fino al settembre 1985, data in cui tornò in Svezia allo Göteborg. La seconda avventura fuori dai confini nazionali fu in Italia, alla Fiorentina, squadra in cui Hysén militò dal 1987 al 1989 per due stagioni. Le buone performance in Nazionale, nel frattempo, lo avevano portato all'attenzione del calcio inglese. Alla scadenza del contratto con la Fiorentina, dopo un primo contatto con il Manchester Utd., Hysén si accordò con il Liverpool per tre stagioni, vincendo subito, nel 1990, la First Division e formando con Alan Hansen e Gary Ablett un pacchetto difensivo di sicuro affidamento, anche se, venuto a mancare il compagno di reparto scozzese per via di un infortunio nel 1991, Hysén faticò a reggere da solo il peso di una difesa abituata al ritmo del calcio inglese.

Terminata anche l'esperienza britannica nel 1992, Hysén tornò a Göteborg per giocare un'ultima stagione nel GAIS.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

In Nazionale maggiore Hysén esordì nel 1981 nel corso delle qualificazioni al campionato del mondo 1982. Ebbe modo di farsi notare dagli osservatori inglesi nell'ottobre del 1988 quando, nel corso dell'incontro di apertura del girone di qualificazione al campionato del mondo 1990 contro l'Inghilterra a Wembley, riuscì a marcare alla perfezione la punta inglese Gary Lineker: la partita finì 0-0 e la Svezia si qualificò come prima del girone proprio davanti all'Inghilterra. Hysén fece parte anche della spedizione al conseguente campionato del mondo, dove la Svezia perse tutte e tre le partite del suo girone per 1-2. L'ultimo incontro in nazionale di Hysén fu il 20 giugno 1990 a Genova contro la Costa Rica. Furono in totale 68 (con 6 gol) gli incontri giocati nella selezione maggiore del suo Paese.

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Al termine della carriera calcistica è divenuto opinionista e commentatore sportivo per varie testate giornalistiche ed emittenti del suo paese.

In seguito è stato chiamato come tecnico di un'improvvisata squadra di personaggi digiuni di calcio partecipanti a un reality show in Svezia.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Dal 2002 al 2004 è stato vice allenatore del Torslanda IK. Dal 2010 allena l'Utsiktens BK.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Göteborg: 1982, 1983, 1987
Göteborg: 1982, 1983
Liverpool: 1989-1990
Liverpool: 1989, 1990

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Göteborg: 1981-1982, 1986-1987

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1983, 1988

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 35.
  2. ^ Profilo su Calziozz.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]