Tomas Brolin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tomas Brolin
Tomas Brolin Parma 1991.jpg
Dati biografici
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 176 cm
Peso 76 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista, attaccante
Ritirato 1998
Carriera
Giovanili
Näsvikens
Squadre di club1
1984-1986 Näsvikens IK 36 (10)
1987-1989 GIF Sundsvall GIF Sundsvall 51 (13)
1990 Norrköping IFK Norrköping 11 (7)
1990-1995 Parma Parma 133 (20)
1995-1996 Leeds Leeds 19 (4)
1996 Zurigo Zurigo 3 (0)
1997 Parma Parma 15 (0)
1998 Crystal Palace Crystal Palace 13 (0)
1998 Hudiksvalls 1 (0)
Nazionale
1992
1990-1995
Svezia Svezia olimpica
Svezia Svezia
4 (2)
47 (26)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Stati Uniti 1994
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 17 marzo 2010

Tomas Brolin (Hudiksvall, 29 novembre 1969) è un ex calciatore svedese, di ruolo centrocampista o attaccante, il cui periodo di maggiore successo arrivò quando militava nelle file del Parma, società italiana con cui vinse la Coppa Italia 1992, la Coppa delle Coppe e la Supercoppa UEFA nel 1993 e la Coppa UEFA 1995[1][2].

Nonostante fosse un talento da giovane[3], nel 2007 il Times stilò la classifica dei 50 peggiori calciatori che avessero mai giocato nella Premier League, posizionandolo al secondo posto.[4] La sua carriera, dal passato brillante, fu in declino dopo il suo passaggio al Leeds nell'estate 1995, e decise di ritirarsi a soli 29 anni[5] a causa dei troppi guai muscolari.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Era un'ala[1] e giocava anche da seconda punta, aiutando il centrocampo[1] e dimostrando di essere un calciatore polivalente.[6][7] Aveva una buona capacità tattica ed era dinamico.[7]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Esordisce a 14 anni nel Näsvikens, società di quarta divisione con la quale colleziona 36 presenze e 10 reti in due anni. In seguito il Sundsvall gli offre un contratto per il quale può continuare sia gli studi sia la carriera calcistica. Nel 1986 entra nell'accademia calcistica del Sundsvall, esordendo in prima squadra l'anno dopo in una partita contro l'Elfsborg. Dopo tre stagioni si trasferisce al Norrköping, dove gioca 9 incontri siglando 7 reti prima di trasferirsi al Parma.

Nell'estate del 1990 passa al Parma, società italiana dove negli anni diventa una delle colonne della squadra di Nevio Scala.[1] Alla sua prima stagione in Italia, Brolin forma una prolifica coppia offensiva con l'attaccante Alessandro Melli, conquistando il quinto posto in campionato e qualificando il Parma alla sua prima competizione europea, la Coppa UEFA. Nella stagione seguente lo svedese gioca tutti gli incontri in programma in campionato, segnando 4 reti e contribuendo alla vittoria del Parma in Coppa Italia. Durante quest'ultima competizione Brolin sigla l'1-1 nella sfida di ritorno contro la Fiorentina, rete che consente ai parmensi di passare al turno successivo per la regola dei gol fuori casa, e l'1-0 nella partita d'andata contro la Sampdoria (il ritorno è pareggiato 2-2), portando gli emiliani in finale dove vincono 2-1 nel doppio confronto contro la Juventus. Nell'estate del 1992 arrivano due nuovi stranieri, il colombiano Faustino Asprilla e l'argentino Sergio Berti: il Parma all'epoca poteva schierare in campo solo tre stranieri perciò il posto di Brolin, che nel reparto offensivo assieme a Melli, era a rischio. Scala preferisce Asprilla a Brolin, relegando quest'ultimo in panchina. Nonostante ciò, lo svedese gioca da titolare la finale di Coppa delle Coppe vinta per 3-1 sull'Anversa. Gioca anche la Supercoppa UEFA vinta per 2-1 nella doppia finale contro il Milan.

Nell'estate del 1992, giocando alle Olimpiadi contro l'Australia (2-1), rimedia un infortunio al menisco.[8]

Nella stagione 1992-1993 il Parma acquista l'attaccante Gianfranco Zola e il centrocampista Massimo Crippa: Scala decide di arretrare Brolin a centrocampista, affiancandolo a Gabriele Pin e a Crippa nel 5-3-2, optando per il duo Zola-Asprilla nel reparto offensivo. Quando la squadra era sotto di una rete o necessitava di attaccare, Scala spostava Melli al posto di Pin e faceva arretrare Zola, portando la squadra ad un 5-4-1 offensivo. In Coppa delle Coppe la società italiana elimina Ajax (0-2) e Benfica (2-2, regola dei gol in trasferta), arrivando alla finale, persa 1-0 contro l'Arsenal.[9]

Il 16 novembre 1994, dopo Svezia-Ungheria, valida per l'Europeo 1996, rimedia una frattura all'articolazione del collo del piede[6][7] che lo tiene fuori per sei mesi.[6] Al momento del suo infortunio, il Parma era in testa al campionato con due punti di vantaggio sugli avversari. Al suo ritorno in campo, il 23 aprile del 1995, gli emiliani sono sotto alla Juventus di otto lunghezze. Durante la parte finale della stagione, Brolin colleziona diverse partenze dalla panchina. A fine stagione il club vince la Coppa UEFA, battendo la Juventus per 2-1 nella finale doppia.

Nonostante durante il precampionato Brolin tenti di recuperare totalmente dall'infortunio, Scala non ritiene che lo svedese abbia recuperato la forma fisica necessaria per giocare a centrocampo.[10] Scende in campo il 10 settembre 1995, giocando pochi minuti contro l'Inter (2-1) ed esordendo titolare in Coppa delle Coppe contro il Teuta (0-2). Lo svedese capisce di non essere più titolare negli undici di Scala e decide di essere ceduto.[10]

Il 7 novembre del 1995 viene ceduto in cambio di circa £ 4,5 milioni[11] al Leeds United, società nella quale, dieci giorni dopo, firma un contratto fino a giugno 1998. Il 18 dello stesso mese, debutta con la nuova maglia contro il Newcastle (2-1), subentrando nei minuti finali a Mark Ford. Il 16 dicembre realizza la sua prima rete contro lo Sheffield Wednesday, sfida persa 6-2. Dopo una sconfitta patita contro il Liverpool (5-0), l'allenatore Howard Wilkinson accusa Brolin di non aver aiutato adeguatamente in difesa. Non viene convocato per la sfida contro l'Aston Villa, nonostante Wilkinson abbia nove giocatori indisponibili.[12] Lo svedese è indicato come "infortunato" e salta le tre partite seguenti.[12] È nuovamente aggregato in squadra il 25 febbraio, durante un incontro di Football League Cup vinto per 3-0 sul Birmingham City.[12]

Il primo aprile del 1996 Brolin deve scusarsi con Wilkinson in seguito ad uno scherzo del pesce d'aprile mal riuscito:[13] il calciatore aveva dichiarato a una stazione televisiva svedese che sarebbe tornato in prestito al Norrköping fino al termine della stagione come scherzo, ma la dichiarazione viene presa sul serio e l'affare viene riportato dai media come in dirittura d'arrivo.[13] Il primo maggio la società inglese annuncia che Brolin è tornato in Svezia per dei controlli sulla caviglia, ma il suo futuro a Leeds è a rischio.

Nel 2012 secondo la rivista svedese "Offside", lo scarso rendimento di Brolin nella partita contro il Liverpool e i successivi screzi con Wilkinson erano dovuti al fatto che Brolin era stato fatto giocare fuori posizione sulla fascia come esterno, mentre lo svedese era abituato a giocare come regista, ritenendo di dover essere schierato in quel ruolo.[14]

Nell'estate del 1996 Wilkinson ufficializza la cessione dello svedese al prezzo di £ 2 milioni.[11] Inoltre, Wilkinson aveva multato Brolin di £ 12.000 per non essersi presentato agli allenamenti del precampionato. Quando lo svedese si rifiuta di aggregarsi alla squadra per il precampionato, gli viene bloccato lo stipendio. Negli ultimi giorni di agosto, si trasferisce in prestito allo Zurigo[15] dove riceve uno stipendio minimo di circa £ 800 a settimana. Sotto la guida di George Graham, il Leeds decide di farlo tornare in Inghilterra e impedendogli di giocare la sfida contro il San Gallo, in programma per il 9 ottobre. Il 6 novembre successiva, la società inglese manda un ultimatum a Brolin: se non tornerà a Leeds la squadra intraprenderà un'azione legale. Ritornato a Leeds, il 24 dicembre seguente, Brolin paga £ 500.000 di tasca propria per finanziare il proprio ritorno a Parma, seppur in prestito. Debutta nuovamente a Parma il 23 febbraio del 1997, contro la Lazio. A fine stagione gli emiliani terminano il campionato al secondo posto e a fine stagione il Parma restituisce Brolin al Leeds.

Il 16 giugno del 1997, scaduto il contratto col Parma, Brolin è costretto a tornare a Leeds entro tre giorni ma invece che tornare in Inghilterra cerca di ottenere un contratto con il Real Saragozza ma, non riuscendo ad ottenerlo, viene multato dalla società. Il 6 ottobre successivo è multato dalla società con £ 90.000 per aver saltato una partita. Il 28 ottobre 1997, in accordo con il club, rescinde il contratto che lo lega al Leeds United in cambio di £ 140.000. In due anni conta una ventina di presenze e 4 reti con il Leeds.[16]

È ampiamente considerato dai tifosi del Leeds come uno dei peggiori calciatori nella storia della squadra, e in un sondaggio della BBC del 2003 è stato votato come il peggior giocatore del Leeds degli ultimi tempi. [17]

Il 16 novembre del 1997, l'allenatore del Crystal Palace Steve Coppell offre a Brolin due settimane di prova con i londinesi, che dovevano fare un'amichevole in Svezia. In quel periodo Brolin si allenava con gli svedesi dell'Hammarby. Il 10 gennaio 1998 lo svedese esordisce contro l'Everton (3-1) e sei giorni dopo firma un contratto fino al termine della stagione. Brolin s'impone a Londra come attaccante e a seguito dell'esonero di Coppell, il presidente Mark Goldberg decide di affidare il club all'italiano Attilio Lombardo: nonostante Brolin dovesse divenire l'allenatore in seconda di Lombardo, Goldberg gli impone il ruolo di interprete, per il fatto che Brolin conosce bene e parla fluentemente sia l'inglese sia l'italiano. A seguito della retrocessione in seconda divisione, il 14 maggio 1998 il Crystal Palace svincola Brolin che, il 12 agosto seguente, annuncia il ritiro giocando un ultimo incontro con la maglia dell'Hudiksvalls ABK nella giornata del 28 agosto, come portiere.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

In Nazionale disputò in totale 47 partite e segnò 26 gol. Fu presente al Campionato mondiale del 1990 e a quello del 1994, nonché al Campionato europeo del 1992, in cui realizzò 3 reti, lasciando la scena internazionale nel 1995.

Nel 1994, con la Nazionale del suo paese, in cui aveva esordito nel 1990, disputò i Mondiali statunitensi e raggiunse la terza piazza battendo nella finale per il terzo e quarto posto la Bulgaria per 4-0. Da ricordare il gol del parziale 1-0 in Svezia-Romania (2-2), sfida valida per i quarti di finale del mondiale vinta ai calci di rigore: al 78', Stefan Schwarz finta di calciare una punizione e lascia la conclusione a Kennet Andersson che invece di tirare passa la sfera a Brolin, scattato da dietro la barriera, che batte il portiere avversario con un tiro da distanza ravvicinata, rivelando in seguito che ha imparato lo schema giocando al Parma.[18]

Dopo il ritiro[modifica | modifica sorgente]

Ritornato in patria, diviene un uomo d'affari, gestendo per un certo periodo di tempo un ristorante italo-svedese chiamato "Undici".[19] Il locale è multato più volte perché fa bere i minorenni.[20] Inoltre ha investito denaro nel settore immobiliare e in un nuovo tipo di boccaglio per aspirapolvere.[19][21][22] Nel 2001 la fidanzata da alle luce il primo figlio di Brolin, Sebastian.[23] Dal 2006 è un professionista di poker sportivo, precisamente Texas Hold'em.[24]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Parma: 1991-1992

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Parma: 1992-1993
Parma: 1993
Parma: 1994-1995

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1990, 1994
1992 (3 gol)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Luca Valdiserri, Brolin, Tomas, Enciclopedia Treccani, 2002. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  2. ^ (EN) Where are they now? No. 6 Crystal Palace FC Supporters' Website – The Holmesdale Online
  3. ^ (EN) Football's foreign lottery BBC Sport, 2 January 2003
  4. ^ (EN) Alex Murphy, The 50 worst footballers in The Times (London), 4 luglio 2007. URL consultato il 20 luglio 2007.
  5. ^ (EN) Alex Murphy, 50 worst footballers (London), The Times, 4 luglio 2007. URL consultato il 6 gennaio 2008.
  6. ^ a b c Brolin operato: "starò fermo 6 mesi" in Il Corriere della Sera, 18 novembre 1994. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  7. ^ a b c Emilio Marrese, Brolin fa triste Parma in La Repubblica, 19 novembre 1994. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  8. ^ Il Parma perde Brolin: menisco in La Repubblica, 4 agosto 1992. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  9. ^ (EN) JOE LOVEJOY in Copenhagen, European Cup-Winners Cup: Smith's strike brings Arsenal European glory: Battling Londoners make light of the loss of Wright and Jensen - Sport, The Independent, 5 maggio 1994. URL consultato l'8 giugno 2012.
  10. ^ a b Roberto Schianchi, Brolin: "A Parma smentirò chi diceva che io ero finito" in Il Corriere della Sera, 1° febbraio 1997. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  11. ^ a b Premiership Shockers XI The Sun
  12. ^ a b c http://news.google.com/newspapers?id=8P1OAAAAIBAJ&sjid=qh4EAAAAIBAJ&pg=3423,201630&dq=tomas+brolin&hl=en
  13. ^ a b (EN) Brolin plays the fool, The Independent, 3 aprile 1996. URL consultato l'8 giugno 2012.
  14. ^ (EN) Thomas Brolin played badly for Leeds on purpose, Dailymail.co.uk, 16 febbraio 2012. URL consultato l'8 giugno 2012.
  15. ^ Il Leeds cede Brolin: giocherà nello Zurigo in Il Corriere della Sera, 22 agosto 1996. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  16. ^ (EN) Top 10 rubbish footballers including Sean Dundee, Massimo Taibi, Ramon Vega and Ali Dia The Sun
  17. ^ (EN) eng_prem/2902411.stm BBC SPORT, BBC News, 1º aprile 2003. URL consultato l'8 giugno 2012.
  18. ^ Roberto Perrone, Nonno Ravelli accende gli svedesi in Il Corriere dello Sport, 12 luglio 1994. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  19. ^ a b (EN) David Hills, 'Said and Done' Article in The Guardian (London), 24 dicembre 2000. URL consultato il 23 settembre 2008.
  20. ^ (SV) Tomas Brolin nekas serveringstillstånd Aftonbladet
  21. ^ (SV) Nu har Brolin sug i blicken Aftonbladet
  22. ^ (EN) Twinner Vacuum Cleaner – English Website.
  23. ^ (EN) David Hills, 'Said and Done' Article in The Guardian (London), 6 maggio 2001. URL consultato il 23 settembre 2008.
  24. ^ Thomas Brolin, dalla serie A al tavolo verde" Pokermondiale.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (DEENIT) Tomas Brolin in Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.