Giovanna II di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanna II di Borgogna.

Giovanna di Borgogna, in francese Jeanne II de Bourgogne (1291Roye, 21 gennaio 1330) , contessa di Borgogna e d'Artois, e anche regina consorte di Francia e di Navarra.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque nel 1291 dal conte di Borgogna e di Chalon, Ottone IV di Borgogna (1248-1303), e dalla futura contessa di Artois, Matilde di Artois (1268-1329), figlia del conte d'Artois, Roberto II il Nobile (1250-1302) e di Amicie signora di Conches.

Nel 1302, sua madre ereditò la contea d'Artois; e, nel 1303, suo fratello, Roberto di Borgogna, ereditò la contea di Borgogna, sotto la tutela della madre, Matilde.

Nel gennaio del 1307, a Corbeil, sposò il figlio secondogenito del re di Francia, Filippo IV il Bello, e futuro re di Francia, Filippo il Lungo (1292-1322).

Il castello di Dourdan, immagine tratta dal libro Très Riches Heures du duc de Berry

Nel 1314, il re Filippo il Bello fece arrestare Giovanna[1], per flagrante adulterio, con la sorella Bianca, moglie del terzogenito, Carlo il Bello, e con la cognata, Margherita, moglie del primogenito, Luigi l'Attaccabrighe, erede al trono.

Nel 1315, alla morte del fratello Roberto, ereditò il titolo comitale di Borgogna, che, essendo Giovanna in carcere, fu governata dal marito, Filippo e forse dalla madre, Matilde, che si adoperò per ottenere il suo perdono.

Nel 1316, alla morte del re, il fratello di Filippo il Lungo, Luigi l'Attaccabrighe, fu nominato reggente in attesa della nascita dell'erede al trono, attesa per la fine dell'autunno. In novembre, nacque un erede maschio, Giovanni I il Postumo, che però visse solo 5 giorni e il marito di Giovanna, Filippo divenne re di Francia e quindi lei regina e poté rientrare a corte: ambedue furono incoronati il 9 gennaio 1317.

Nel 1322, rimase vedova, lasciò la corte e si ritirò in Borgogna.

Nel 1329, alla morte della madre, divenne contessa d'Artois, dove si recò e dove morì, a Roye, il 21 gennaio del 1330, all'età di 39 anni.
Le successe la figlia Giovanna.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Dalla sua unione con Filippo il Lungo, nacquero 6 o forse 7 figli:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sebbene Giovanna, dalla corte giudicante, fosse stata assolta, dall'accusa più grave, fu però ritenuta colpevole di aver favorito l'adulterio della cognata, Margherita, e della sorella, Bianca, e venne quindi rinchiusa nel castello di Dourdan. Ma mentre la cognata fu strangolata in cella, nel 1315, e la sorella tenuta in prigione fino all'annullamento del matrimonio nel 1322, Giovanna fu liberata e divenne regina di Francia, nel 1316.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Hilda Johnstone, "Francia: gli ultimi Capetingi", cap. XV, vol. VI (Declino dell'impero e del papato e sviluppo degli stati nazionali) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 569-607.
  • Paul Fournier, "Il regno di Borgogna o d'Arles dal XI al XV secolo", cap. XI, vol. VII (L'autunno del Medioevo e la nascita del mondo moderno) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 383-410.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Regina consorte di Francia e di Navarra Successore
Clemenza d'Ungheria 9 gennaio 1317 – 3 gennaio 1322 Bianca di Borgogna
Predecessore Contessa di Borgogna Successore Blason comte fr Nevers.svg
Roberto 1315–1330 Giovanna III
Predecessore Contessa di Artois Successore Artois Arms.svg
Matilde 1329–1330 Giovanna III

Controllo di autorità VIAF: 73211195 LCCN: n2002026801