Ottone I di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Duchi di Svevia
Hohenstaufen

Armoiries Famille Hohenstaufen.svg

Federico I (1050 - 1105)
Federico II (1105-1147)
Federico III (1147-1152)
Federico IV (1152-1167)
Federico V (1167-1170)
Federico VI (1170-1191)
Corrado II (1191-1196)
Filippo I (1196-1208)
Federico VII (1212-1216)
Enrico II (1216-1235)
Corrado III (1235-1254)
Corrado IV (1254-1268)

Ottone II di Hohenstaufen (1171Besançon, 13 gennaio 1200) conte di Borgogna e conte di Lussemburgo. Era il quarto figlio maschio del re di Germania e imperatore del Sacro Romano Impero, Federico Barbarossa e della contessa di Borgogna, Beatrice di Borgogna.[1] Era fratello dell'imperatore Enrico VI.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ritratto di Ottone di Borgogna

Nel 1190, alla morte del padre, mentre il fratello gli succedeva come imperatore con il nome di Enrico VI, re di Germania e re d'Italia, Ottone ereditò il titolo di conte di Borgogna. Nello stesso anno sposò Margherita di Blois (1170 - 1230), figlia del conte Tibaldo V di Blois e di Alice di Francia, a sua volta figlia del re Luigi VII di Francia.

Nel 1196, alla morte senza eredi maschi del conte Enrico IV di Lussemburgo, la contea di Lussemburgo fu ereditata dall'imperatore che consegnò il titolo di conte di Lussemburgo al fratello Ottone.

Nel 1197 Ermesinda, figlia del conte Enrico IV di Lussemburgo e moglie del conte Tebaldo I di Bar, negoziò ed ottenne da Ottone la restituzione della contea, quindi divenne contessa Ermesinda I di Lussemburgo.[2].

Nello stesso anno, alla morte di suo fratello, l'imperatore, Enrico VI, essendo l'erede, Federico un bambino di circa tre anni, e non potendo la Germania rimanere senza Re dei Romani, il partito ghibellino pensò subito ai due figli di Federico Barbarossa, ancora in vita: Ottone e il fratello minore, duca di Svevia e feudatario dei domini italiani in Toscana, Filippo, che da qualche anno aveva abbandonato la carriera ecclesiastica. Fu scelto Filippo, in quanto Ottone fu considerato troppo inefficiente ed inoltre troppo impegnato nei problemi della sua contea.
Ottone appoggiò lealmente il giovane fratello.

Alla sua morte, avvenuta per assassinio, nel 1200 circa, il titolo di contessa di Borgogna fu ereditato dalla figlia Giovanna. La sua salma fu inumata nella Cattedrale di Besançon (Franca Contea).

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Ottone e Margherita di Blois ebbero due figlie:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Beatrice di Borgogna era la figlia unica del conte di Borgogna Rinaldo III e di Beatrice di Lorena (figlia a sua volta di Gerardo I di Lorena).
  2. ^ Di questo fatto vi è una seconda versione secondo la quale, con Ottone ancora in vita, Ermesinda aveva ottenuto l'investitura direttamente dall'imperatore, Enrico VI.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Austin Lane Poole, Filippo di Svevia e Ottone IV, cap. II, vol. V (Il trionfo del papato e lo sviluppo comunale) nella Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 54-93.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Conte di Borgogna Successore
Federico Barbarossa 1190–1197 (1200) Giovanna I
Predecessore Conte di Lussemburgo Successore
Enrico IV 1196–1197 Ernesinda

Controllo di autorità VIAF: 160449241