Margherita di Borgogna (1290-1315)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Margherita di Borgogna
Margherita di Borgogna
Margherita di Borgogna
Regina consorte di Francia e di Navarra
In carica 29 novembre 1314 - 15 agosto 1315
Predecessore Giovanna I di Navarra
Successore Clemenza d'Ungheria
Nascita 1290
Morte Château-Gaillard, 15 agosto 1315
Casa reale Borgogna
Padre Roberto II di Borgogna
Madre Agnese di Francia
Consorte Luigi X di Francia
Figli Giovanna

Margherita di Borgogna, in francese Marguerite de Bourgogne (1290Château Gaillard, 15 agosto 1315), è stata regina di Francia e di Navarra dal 29 novembre 1314 al 15 agosto 1315.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque nel 1290 da Roberto II di Borgogna (1248-1306) e da Agnese di Francia (1260-1325), figlia del re di Francia, Luigi IX (1215-1270) e di Margherita di Provenza (1221-1295).

Nel 1305 sposò l'erede al trono di Francia, Luigi X di Francia, figlio del re di Francia, Filippo IV il Bello[1].

All'inizio del 1314, il re, Filippo il Bello, fece arrestare le tre nuore: Margherita, Giovanna II di Borgogna[2] (futura regina di Francia, in quanto moglie del secondogenito Filippo il Lungo) e la sorella di Giovanna, Bianca di Borgogna[3] (futura regina di Francia, in quanto moglie del terzogenito Carlo Martello il Bello), con l'accusa di adulterio.

Margherita era sospettata di aver commesso l'adulterio con il cavaliere normanno Philippe d'Aunay[4].

Vista panoramica della fortezza, oggi in rovina, di Château-Gaillard, Eure

Dopo che il suo amante, Philippe, sotto tortura, ebbe confessato anche Margherita ammise l'adulterio e, dalla corte giudicante, che la riteneva colpevole di flagrante adulterio, fu condannata ad essere rinchiusa in fortezza; le furono tagliati i capelli e venne rinchiusa nella fortezza di Château-Gaillard, Eure.

Dato che l'adulterio di Margherita era iniziato fin dal 1311, come era stato evidenziato dal processo ed ammesso dalla stessa Margherita, anche la legittimità della figlia, Giovanna, fu messa in discussione.

Con la morte di Filippo il Bello (29 novembre 1314) Margherita divenne regina, ma continuò a essere tenuta in segregazione, finché, il 15 agosto del 1315, fu trovata morta[5] (strangolata o forse soffocata dai suoi capelli).

Figli[modifica | modifica sorgente]

Margherita di Borgogna.

Margherita e Luigi X ebbero una figlia:

  • Giovanna (1311-1349), regina di Navarra, che fu defraudata di una parte dei suoi diritti, il regno di Francia, da Filippo di Valois, con l'avallo di una commissione di prelati, cittadini autorevoli, feudatari e dottori dell'università, che, nel mese di febbraio del 1317, avevano enunciarono il principio che una donna non può accedere al trono di Francia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il re di Francia, Filippo IV il Bello era il fratello della madre, Agnese di Francia (1260-1325).
  2. ^ Giovanna II di Borgogna (1294-1330), contessa di Borgogna, dal 1315, fu assolta dall'accusa di adulterio, ma fu tenuta in carcere per un periodo di circa due anni, per complicità con la sorella e la cognata, ritenute invece colpevoli, quindi salì al trono (1316) fu incoronata e regnò col marito Filippo V e, alla di lui morte (1322), continuò a governare la contea di Borgogna, e, ne 1329, alla morte della madre, Matilde di Artois, divenne anche contessa d'Artois
  3. ^ Bianca di Borgogna (1296-1326), ritenuta colpevole di adulterio, fu invece tenuta segregata nella fortezza di Château-Gaillard, sino a che il marito salì al trono di Francia (febbraio 1322, quindi divenne regina); poi però fu costretta, nel maggio del 1322 ad accettare l'annullamento del matrimonio da parte di papa Giovanni XXII, in cambio della possibilità di vivere nell'abbazia di Maubuisson, nel comune di Saint-Ouen-l'Aumône.
  4. ^ Philippe d'Aunay ed il fratello, Gauthier, amante di Bianca, invece furono condannati a morte per lesa maestà e furono giustiziati in modo atroce:
    • nella città di Pontoise, il 19 aprile 1314, furono evirati, torturati, scorticati vivi, e quindi decapitati, dopo che erano morti i loro corpi furono trainati da un cavallo per le strade della città ed infine furono appesi per le ascelle.
      Il loro sesso, strumento del crimine, fu dato in pasto ai cani.
  5. ^ Una leggenda, non supportata da alcuna documentazione, sostiene che Margherita, non morì nella fortezza di Château-Gaillard, ma fuggì e si nascose nel castello di Couches, dove visse sino al 1333, aiutata dalla madre, Agnese di Francia, e dai suoi fratelli, duchi di Borgogna: Ugo V di Borgogna (1294-1315) e Eudes IV di Borgogna (1295-1349).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Hilda Johnstone, "Francia: gli ultimi Capetingi", cap. XV, vol. VI (Declino dell'impero e del papato e sviluppo degli stati nazionali) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 569-607.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Regina consorte di Francia e di Navarra Successore
Giovanna I di Navarra come Regina di Navarra e regina consorte di Francia 29 novembre 1314 - 15 agosto 1315 Clemenza d'Ungheria

Controllo di autorità VIAF: 43584824 LCCN: n97043955