Dourdan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dourdan
comune
Dourdan – Stemma
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione France moderne.svg Île-de-France
Dipartimento Blason département fr Essonne.svg Essonne
Arrondissement Étampes
Cantone Dourdan
Territorio
Coordinate 48°32′N 2°01′E / 48.533333°N 2.016667°E48.533333; 2.016667 (Dourdan)Coordinate: 48°32′N 2°01′E / 48.533333°N 2.016667°E48.533333; 2.016667 (Dourdan)
Superficie 30,65 km²
Abitanti 9 971[1] (2009)
Densità 325,32 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 91410
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 91200
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Dourdan
Sito istituzionale

Dourdan è un comune francese di 9.971 abitanti situato nel dipartimento dell'Essonne nella regione dell'Île-de-France.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Dourdan è situata all'estremità ovest del dipartimento dell'Essonne, è bagnata dal fiume Orge e si trova in prossimità di boschi molto belli che costituiscono la forêt de Dourdan (bosco di Dourdan) (vedi Dintorni)

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Dourdan è gemellata con quattro città nel mondo:

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il nome trae verosimilmente origine da Dour, derivato dalla radice irlandese Dor che significa acqua o fiume.

Dourdan si sviluppò fin dal periodo gallo-romano; fu un importante centro di produzione della ceramica.

Dourdan fu la residenza di Ugo il Grande, chiamato anche Ugo il Bianco o Ugo l'Abate, padre di Ugo Capeto; vi morì nel 956.

Dourdan divenne residenza reale nel 987, quando Ugo Capeto fu consacrato re.

Nel 1220 Filippo Augusto fece costruire un castello. I più famosi tra i successivi possessori del castello, che fu spesso concesso come appannaggio, furono: Bianca di Castiglia, il duca di Sully, Anna d'Austria e la famiglia d'Orléans.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

La città di Dourdan è servita da due stazioni della linea C della RER: Dourdan et Dourdan-la-Forêt, capolinea di una delle diramazioni di questa linea.

Monumenti principali[modifica | modifica sorgente]

Chiesa Saint-Germain-l'Auxerrois[modifica | modifica sorgente]

Inizio della costruzione nel 1150, completamento dei lavori nel XIV secolo.

Subì dei deterioramenti importanti sulla parte alta nel 1428, della parte di Salisbury, sarà restaurata alla fine del XV secolo.

Durante le Guerre di Religione, la chiesa è nuovamente danneggiata. Nel 1641 costruzione delle frecce, 1689 costruzione della cappella della Vergine che aumenta la lunghezza dell'edificio di 14 metri (da 36 a 50 metri).

Chiesa e fortificazione del castello di Dourdan viste dal torrione

Castello[modifica | modifica sorgente]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Costruito su richiesta di Filippo II di Francia all'inizio del XIII secolo al posto di una fortezza in legno, ha la caratteristica architettura militare di questa epoca. La roccaforte è costruita su un piano quadrato, la difesa è assicurata da alcune torri agli angoli e da un mastio isolato.

La concezione del fossato era simile a quella del castello di Louvre.

Il castello diviene la proprietà di Jean de Berry nel 1385, poi il posto di presidio del duca di Guise durante le Guerre di Religione francesi, le scuderie furono costruite in questo periodo. Il mastio, parte principale del castello, misura circa 30 metri di altezza e 13,6 metri di diametro. È il classico tipo di torrione dell'epoca di Filippo II di Francia.

Al piano terra si trova la cucina con i suoi forni per il pane, al piano la camera, e in cima una sala di appostamento.

Non possiede arcieri, dunque non giocava un importante ruolo difensivo.

Qui hanno soggiornato dei prigionieri celebri:

  • Giovanna di Burgogna, bella figlia di Filippo il Bello ci fu rinchiusa in seguito alla faccienda della Torre di Nesle, prima di essere liberata da suo marito Filippo il Lungo e di divenire regina di Francia nel 1316.
  • Étienne di Vignolles, compagno di Giovanna D'Arco che rappresenta il fante di cuori nelle carte francesi.

Il mastio serve ancora da prigione reale nel XVII secolo.

Il torrione

Ad oggi[modifica | modifica sorgente]

Collocato in pieno centro è circondato da ampi e profondi fossati atti alla difesa e da una cinta in pietra terminante all'origine a forma di punta. Il torrione si trova all'angolo nord, le sue mura misurano circa 3,80 metri di spessore; li' si troverebbe un sotterraneo che ospiterebbe la ' pietra di Dourdan ', pietra che non bisogna sollevare su nessun pretesto pena la morte ("Chi tocca la pietra di Dourdan perisce nell'acqua"). Un museo di arte locale occupa i luoghi con belle collezioni di libri rari e oggetti antichi.

Persone legate a Dourdan[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia