Ugo III di Borgogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ugo III di Borgogna

Ugo III di Borgogna in francese Hugues III de Bourgogne (1148Tiro, 25 agosto 1192) fu duca di Borgogna dal 1162 alla sua morte.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Era l'unico figlio maschio del duca di Borgogna, Oddone II, e di Maria di Blois (11281190), figlia del conte di Champagne e di Blois, Tebaldo IV di Blois.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1162, alla morte del padre Oddone, durante un pellegrinaggio in Terra Santa, Ugo ereditò e governò il ducato, inizialmente sotto la tutela della madre, Maria di Blois, che dopo qualche anno si ritirò in monastero e, nel 1174, divenne badessa dell'abbazia di Fontevrault.
Descritto dai cronisti storici come un uomo molto bellicoso, l'ascesa al ducato di Ugo III portò la fine del periodo di pace e stabilità di cui la Borgogna aveva sino ad allora goduto.

Nel 1165 Ugo sposò Alice di Lorena, figlia del duca di Lorena, Matteo I, e di Berta di Svevia

Blasone del Ducato di Borgogna.

Egli fu coinvolto in conflitti per i confini dei suoi feudi contro il re di Francia, Luigi VII e soprattutto, nel 1166, combatté il conte di Châlons, che era alleato del re Luigi VII.

Nel 1171 partì per la Terra Santa, in compagnia di Stefano I di Sancerre, dove si fermò a combattere per alcuni mesi e poi rientrò in Francia. Rientrato nel 1174 nel suo ducato, dovette subito combattere il conte di Nevers ed il signore di Vergy, che rifiutavano di prestargli il proprio omaggio di vassallaggio.

Nell'estate del 1182 scoppiò la guerra tra il re d'Inghilterra, Enrico il Giovane[1] e suo fratello, il futuro re d'Inghilterra, Riccardo, duca d'Aquitania, che sconvolse l'Aquitania per circa un anno; Ugo, assieme al conte di Tolosa, Raimondo V, si schierò con Enrico il Giovane. La guerra terminò per la morte di Enrico, cosicché il duca di Borgogna, Ugo ed il conte di Tolosa, Raimondo rientrarono nei loro possedimenti e Riccardo rimase padrone della situazione.

Nel 1183 Ugo ripudiò la prima moglie Alice e si risposò lo stesso anno con Beatrice di Albon (1161 - 1228), delfina del Viennois, figlia di Ghigo V di Albon, delfino del Viennois e di Beatrice di Monferrato.

Quando Filippo II Augusto successe a Luigi VII sul trono di Francia nel 1180, Ugo aveva colto l'occasione per rafforzarsi togliendo vassalli al re di Francia, però Filippo II Augusto, che non intendeva vedere i suoi vassalli prestare omaggio ad altri, iniziò una guerra, innescata dal signore di Vergy, di nome Ugo, nel 1183. La guerra si protrasse per tre anni, sino al 1186. Filippo, nel marzo del 1186, attaccò la città di Chatillon. La città cadde e la sua guarnigione, guidata dal figlio di Ugo III, Oddone, fu fatta prigioniera.
Poco dopo fu negoziata una pace, dove Ugo pagò un alto riscatto per ottenere la liberazione[2] di suo figlio Oddone, rinunciando alle sue ambizioni sul territorio francese.

Ugo si dedicò anche alla prosperità del suo ducato, quando nel 1187 trasferì la capitale della Borgogna da Beaune a Digione, per trasformare la città in un centro commerciale di notevole rilevanza.

Alla fine dell'estate del 1190 seguì il re di Francia, Filippo II Augusto, alla Terza Crociata e combatté nell'assedio che portò alla conquista di San Giovanni d'Acri, il 12 luglio del 1191.
Quando Filippo II Augusto, nell'estate del 1191, ritornò in Francia, lasciò a Ugo il comando delle truppe francesi. Alleato fidato del suo ex avversario, ora re d'Inghilterra, Riccardo Cuor di Leone lottò assieme a lui contro il Saladino. Ugo giocò un ruolo di notevole importanza nella battaglia di Arsuf (dove divise con il Cuor di Leone la gloria della vittoria, il 7 settembre del 1191). Ugo morì l'anno seguente, a Tiro in Terra Santa. Il figlio Oddone gli successe nel titolo di duca di Borgogna.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Ugo da Alice di Lorena aveva avuto quattro figli:

mentre da Beatrice di Albon ne ebbe tre:

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Duca di Borgogna Successore Blason Ducs Bourgogne (ancien).svg
Oddone II 10621192 Oddone III
Predecessore Delfino del Viennois Successore Dauphin of Viennois Arms.svg
Beatrice d'Albon
(con il marito Alberico Tagliaferro)
(con la moglie Beatrice d'Albon)
1183-1192
Beatrice d'Albon
(con il marito Ugo di Coligny)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il re d'Inghilterra, Enrico II Plantageneto, pur mantenendo il reale potere sul regno, nel 1170 aveva incoronato re d'Inghilterra il figlio primogenito quindicenne, anche lui di nome Enrico
  2. ^ La liberazione di Oddone pare che fosse stata appoggiata dall'imperatore, Federico Barbarossa.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Charles Lethbridge Kingsford, Il regno di Gerusalemme, 1099-1291, cap. XXI, vol. IV (La riforma della chiesa e la lotta fra papi e imperatori) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 757-782
  • Louis Alphen, La Francia: Luigi VI e Luigi VII (1108-1180), cap. XVII, vol. V (Il trionfo del papato e lo sviluppo comunale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 705-739
  • Frederick Maurice Powicke, I regni di Filippo Augusto e Luigi VIII di Francia, cap. XIX, vol. V (Il trionfo del papato e lo sviluppo comunale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 776-828

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]