Margherita di Provenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Margherita di Provenza
MarkProvence.jpg
Regina consorte di Francia
In carica 27 maggio 1234 –
25 agosto 1270
Incoronazione 28 maggio 1234
Predecessore Bianca di Castiglia
Successore Isabel d'Aragona
Nascita Forcalquier, primavera 1221
Morte Parigi, 20 dicembre 1295
Luogo di sepoltura Basilica di Saint-Denis
Padre Raimondo Berengario IV di Provenza
Madre Beatrice di Savoia
Consorte Luigi IX di Francia
Figli Blanche
Isabelle di Francia
Louis
Filippo III di Francia
Jean
Giovanni Tristano di Valois
Pietro I d'Alençon
Bianca di Francia
Marguerite di Francia
Roberto di Clermont
Agnes di Francia

Margherita di Provenza (Forcalquier, primavera 1221Parigi, 20 dicembre 1295) fu regina consorte di Francia dal 1234 al 1270.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Come riportato dal Vincentii Bellovacensis Memoriale Omnium Temporum era la figlia primogenita del conte di Provenza e conte di Forcalquier, Raimondo Berengario IV e della moglie (come risulta dalla cronaca del monaco benedettino inglese, cronista della storia inglese, Matteo da Parigi (12001259), quando descrive il matrimonio della figlia Eleonora con il re d'Inghilterra, Enrico III[1]), Beatrice di Savoia[2] (12061266), che, secondo il documento n° 49 del Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, dello storico, Ludwig Wurstenberger, era figlia del Conte di Savoia, d'Aosta e di Moriana, Tommaso I[3] (11771233) e della moglie[4], Beatrice Margherita di Ginevra (11801257), che secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium era figlia di Guglielmo I di Ginevra e di Margherita Béatrice di Faucigny[4].
Raimondo Berengario IV di Provenza, secondo la Historia Comitum Provinciae era l'unico figlio maschio del consorte dell'erede della contea di Forcalquier e conte di Provenza, Alfonso II e di sua moglie, Garsenda di Sabran[5], figlia del Signore di Caylar e d'Ansouis, Raniero († dopo il 1209) appartenente alla famiglia de Sabran e di Garsenda di Forcalquier ( - prima del 1193), l'unca figlia del Conte di Forcalquier, Guglielmo IV d'Urgell e di Adelaide di Bezieres[6], di cui non si conoscono gli ascendenti.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Margherita nacque nel 1221 da Raimondo Berengario IV e Beatrice di Savoia, sue sorelle minori erano Eleonora di Provenza, che sposò Enrico III d'Inghilterra, Sancha di Provenza, che sposò Riccardo di Cornovaglia e Beatrice di Provenza che andò in moglie a Carlo I d'Angiò. Margherita era particolarmente legata alla sorella Eleonora, di soli due anni minore di lei, con la quale mantenne rapporti affettuosi[7]. Tutte le sorelle andarono in moglie a futuri sovrani o altrettanto importanti nobili inglesi o francesi con lo scopo di mantenere vivo il Trattato di Parigi siglato nel 1229 con lo scopo di porre fine alla Crociata albigese[8].

La regina di Francia[modifica | modifica sorgente]

La regina madre di Francia, Bianca di Castiglia, con lo scopo di legare sempre di più la Provenza al regno di Francia, combinò il matrimonio tra suo figlio, il re di Francia, Luigi IX, che, nel 1226, era succeduto al padre Luigi VIII, e Margherita, di sette anni più giovane di lui. Il matrimonio, come riportato dal Vincentii Bellovacensis Memoriale Omnium Temporum, fu celebrato il 27 maggio 1234[2] e Margherita venne incoronata il giorno seguente, nella cattedrale di Saint-Étienne a Sens[9], la stessa dove era stato celebrato il matrimonio[9].
Il documento n° XXIII delle Instrumenta della Gallia Christiana Novissima, Tome I, Aix, ci conferma che Raimondo Berengario il 17 maggio fece i dovuti preparativi perla dote di Margherita[9].

Descritta dai cronisti come irrequieta ed arrogante, Margherita tentò inutilmente di portare a corte un considerevole numero di suoi compatrioti provenzali,[10] in quanto Luigi la sorvegliò sempre da vicino e si lasciò influenzare dalla moglie solo nei suoi rapporti con l'Inghilterra.[11] Le cronache non riportano soltanto note relativa al suo carattere, ma anche alla sua persona, Margherita viene infatti ricordata come una bell donna, dai colori scuri e begli occhi, stesse caratteristiche che condivideva con le sorelle[12].

Quando, nel 1245, suo padre, Raimondo Berengario IV, morì, come da suo testamento (come ci conferma il documento riportato a pagina 485 del Matthæi Parisiensis, Monachi Sancti Albani, Chronica Majora, vol IV[13], lasciò i titoli di contessa di Provenza e Forcalquier alla figlia più giovane, non ancora sposata[14], Beatrice,[15]. Il testamento redatto da Raimondo Berengario IV, il 20 giugno 1238 a Sisteron, si trova nelle Layettes du Trésor des Chartes, vol. II, contrassegnato come documento n° 2719[16].
Margherita con le sorelle, Eleonora, moglie del re d'Inghilterra, Enrico III, e Sancha, moglie di Riccardo di Cornovaglia avrebbero desiderato dividere i feudi paterni con la sorella minore, Beatrice, ma il fratello di Luigi IX il Santo, Carlo d'Angiò, conte d'Angiò e del Maine, che il Papa Innocenzo IV aveva contribuito a scegliere come marito per Beatrice di Provenza[17], invase la Provenza e non la volle più spartire; per cui i rapporti di Carlo d'Angiò con le tre sorelle defraudate furono sempre molto tesi[18].

Il regno e la morte[modifica | modifica sorgente]

Margherita seguì il marito nella Settima crociata e partì con lui, nel 1248, e, dopo una sosta di sei mesi a Cipro, raggiunse l'Egitto, nel 1249, e, dopo la conquista di Damietta in giugno, la sconfitta nella battaglia di Mansura, l'8-11 febbraio 1250, e una breve prigionia del marito, nella primavera del 1251, la coppia reale si stabili in Terra Santa e vi rimase sino al 1254, dove Margherita partorì tre dei suoi figli: Giovanni Tristano, Pietro e Bianca. I cronacotecari del tempo descrivono il coraggio che Margherita mostrò nel periodo in cui il marito rimase prigioniero in Egitto, ella si attivò perché i cristiani di Damietta avessero cibo sufficiente e si spinse persino a chiedere al cavaliere che le faceva da guardia alla camera da letto di uccidere lei e il figlio Giovanni se fossero stati sul punto di cadere in mano agli arabi. Ella riuscì anche a convincere alcuni uomini che stavano per lasciare Damietta a rimanere per difenderla[19]. Il carisma che aveva saputo esercitare durante la crociata le diede, al ritorno in patria, un relativo prestigio politico tanto che le venne chiesto di mediare alcune dispute[19]. Margherita temeva le ambiziodi del cognato Carlo e rafforzò per questo il legame che la univa non solo alla sorella Eleonora, ma anche a suo marito Enrico quale contrappeso alle mire dell'altro. Nel 1254 i reali inglesi furono invitati a passare il Natale in Francia[19], nel 1259 le implementate relazioni fra le due case regnanti diedero luogo a una seconda stesura del trattato di Parigi, la stessa Margherita fu presente alla firma del nuovo trattato insieme alle sorelle e alla madre[20]. In anni più tardi Margherita sembrò vessare il marito con le proprie ambizioni, ella sembra nutrire davvero ambizioni di tipo politico, ma in un qualche modo queste erano viziate da una certa dose di incapacità. Dopo la morte del primogenito Luigi, avvenuta nel 1260, Margherita indusse l'altro figlio Filippo a formulare un voto secondo il quale egli sarebbe rimasto sotto la sua tutela fino ai trent'anni, indipendentemente dall'età in cui sarebbe salito al trono. Quando Luigi lo scoprì egli chiese immediatamente al Papa Alessandro IV di liberarlo dal giuramento che era stato formulato senza che egli ne fosse a conoscenza e non lo aveva, quindi, autorizzato, il pontefice acconsentì prontamente e Margherita fu privata di quell'autorità.

Alla morte di sua madre, Beatrice di Savoia, che, secondo le Chartes du diocèse de Maurienne, Documents publiés par l´académie royale de Savoie, Vol. II, Beatrice di Savoia (vidua dna comitssa Provincie) morì il 4 gennaio (Januarius II Non) del 1267[21], Margherita con la sorella, Eleonora, ereditarono i beni della madre, come previsto dai due testamenti redatti da Beatrice di Savoia (il testamento redatto il 22 febbraio ad Ambiani, in cui rammenta anche di una proprietà lasciata all'ordine dei Cavalieri Ospitalieri, è riportato come documento n° 639 del Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, dello storico, Ludwig Wurstenberge[22]).

Il marito, Luigi IX, morì qualche anno dopo, il 25 agosto 1270, durante l'Ottava crociata. In quell'occasione Margherita era rimasta in Francia e, dopo essere rimasta vedova, secondo il Chronicon Guillelmi de Nangiaco si ritirò in un monastero vicini a Parigi (Parisius apud sanctum Marcellum cœnobium sororum minorum)[23], comunque ella rimase sempre legata alla sorella Eleonora con la quale rimase in contatto fino alla morte di lei avvenuta nel 1291.

Margherita (regina Franciæ Margareta) morì a Parigi il 30 dicembre del 1295, venticinque anni dopo il marito, come riporta ancora il Chronicon Guillelmi de Nangiaco[23] e venne seppellita nelle vicinanze del marito Luigi, nella Basilica di Saint-Denis (in ecclesia sancti Dionysii in Francia juxta regem sanctissimum Ludovicum conjugem suum)[23].
La sua tomba, sotto l'altare, non venne mai esplicitamente contrassegnata il che, probabilmente, spiega perché fu l'unica tomba reale a non venire saccheggiata durante la Rivoluzione francese.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Margherita, dopo aver subito due aborti (spontanei), diede a Luigi undici figli[24][25]:

Parentele incrociate[modifica | modifica sorgente]

Margherita e la sorella Beatrice, che sposarono i fratelli Luigi IX di Francia e Carlo d'Angiò, divennero cognate, e viceversa per Luigi e Carlo. La stessa cosa successe alle altre due sorelle, figlie di Raimondo Berengario IV, Eleonora e Sancha, sposando i fratelli Enrico III d'Inghilterra e Riccardo di Cornovaglia, divennero cognate, e viceversa per Enrico e Riccardo.

Ascendenza[modifica | modifica sorgente]

Margherita di Provenza Padre:
Raimondo Berengario IV di Provenza
Nonno paterno:
Alfonso II di Provenza
Bisnonno paterno:
Alfonso II d'Aragona
Trisnonno paterno:
Raimondo Berengario IV di Barcellona
Trisnonna paterna:
Petronilla di Aragona
Bisnonna paterna:
Sancha di Castiglia
Trisnonno paterno:
Alfonso VII di León
Trisnonna paterna:
Richenza di Polonia
Nonna paterna:
Garsenda di Provenza
Bisnonno paterno:
Rainou de Sabran
Trisnonno paterno:
Rostaing II de Sabran
Trisnonna paterna:
Roscie, Dame d'Uzes
Bisnonna paterna:
Garsenda di Forcalquier
Trisnonno paterno:
Guglielmo IV di Forcalquier
Trisnonna paterna:
Adelaide de Beziere
Madre:
Beatrice di Savoia
Nonno materno:
Tommaso I di Savoia
Bisnonno materno:
Umberto III di Savoia
Trisnonno materno:
Amedeo III di Savoia
Trisnonna materna:
Mahaut d'Albon
Bisnonna materna:
Beatrice di Viennois
Trisnonno materno:
Gerard I, Conte di Macon e Vienne
Trisnonna materna:
Guyonne de Salines
Nonna materna:
Margherita di Ginevra
Bisnonno materno:
Guglielmo I di Ginevra
Trisnonno materno:
Amedeo I conte di Ginevra
Trisnonna materna:
Mathilde de Cuiseaux
Bisnonna materna:
Beatrice de Faucigny
Trisnonno materno:
Aimon I, Signore de Faucigny
Trisnonna materna:
Clemencia de Berançon

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (LA) Matthæi Parisiensis, Monachi Sancti Albani, Chronica Majora, volume III, anno 1236, pagg 334 e 335
  2. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, Tomus XXIV, Ancentii Bellovacensis Memoriale Omnium Temporum, anno 1233, pag 161
  3. ^ (LA) Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, doc. 49, pagg. 22 e 23
  4. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, Tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1235, pag 938
  5. ^ (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus XIX, Ex brevi historia comitum Provinciæ ex familia comitum Aragonensium, pag. 231
  6. ^ (FR) #ES Histoire générale des Alpes Maritimes ou Cottiènes par Marcellin Fornier, Continuation, Tome I, pag. 742 e 743 e nota 1 di pag 743
  7. ^ Margaret Howell (2001). Eleanor of Provence: Queenship in Thirteenth-Century England. Blackwell Publishers Ltd.
  8. ^ Sanders, I.J. (1951). "The Texts of the Peace of Paris, 1259 The English Historical Review Vol. 66, No. 258 pp. 81-97". Oxford University Press
  9. ^ a b c (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy :Nobiltà di Provenza- MARGUERITE de Provence
  10. ^ La sorella Eleonora, regina d'Inghilterra dal 1236, invece riuscì a riempire la corte d'Inghilterra di compatrioti provenienti dalla Provenza e dalla Savoia.
  11. ^ Nel 1253, Luigi e Margherita, non solo permisero al cognato, il re d'Inghilterra, Enrico III (1207-1272), di attraversare i territori francesi, ma l'anno dopo (1254), Luigi inviò a Londra un elefante, mentre Margherita donò a Enrico una spilla di gemme a forma di pavone.
  12. ^ Costain, Thomas B., The Plantagenets, The Magnificent Century, 1951
  13. ^ (LA) Matthæi Parisiensis, Monachi Sancti Albani, Chronica Majora, vol IV, pagina 485
  14. ^ Austin Lane Poole, L'interregno in Germania, pag. 148
  15. ^ Beatrice fu nominata erede perché era l'unica non sistemata (infatti Margherita era regina di Francia, Eleonora era regina d'Inghilterra e Sancha, futura regina di Germania, era contessa di Cornovaglia).
  16. ^ (LA) Layettes du Trésor des Chartes, vol. II', doc. 2719, pagg. 378 - 382
  17. ^ Charles Petit-Dutaillis, Luigi IX il Santo, pag. 857
  18. ^ Hilda Johnstone, "Francia: gli ultimi capetingi", pag. 570
  19. ^ a b c Goldstone, Nancy (2009). Four Queens: The Provençal Sisters Who Ruled Europe. Phoenix Paperbacks, London
  20. ^ Hilton, Lisa (2008). Queens Consort, England's Medieval Queens. Great Britain: Weidenfeld & Nichelson.
  21. ^ (LA) Chartes du diocèse de Maurienne, pag 356
  22. ^ (LA) Peter der Zweite Graf von Savoyen, Markgraf in Italien, sein Haus und seine Lande, doc. 639 pagg. 320-322
  23. ^ a b c (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus XX, Chronicon Guillelmi de Nangiaco, anno 1295, pag. 577
  24. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy :Capetingi - MARGUERITE de Provence (LOUIS de France)
  25. ^ (EN) #ES Genealogy : capetingi - Marguerite (LOUIS IX "Saint")
  26. ^ a b c d (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus XXIII, Ex brevi Chronico ecclesiæ S. Dionysii pag. 144
  27. ^ a b c d e f g h i j k (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus XXI, Chronique anonyme des rois de France, anno 1234, pag. 81
  28. ^ (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, tomus XX, Chronicon Guillelmi de Nangiaco, anno 1250, pag. 555

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Letteratura storiografica[modifica | modifica sorgente]

  • Austin Lane Poole, L'interregno in Germania, in «Storia del mondo medievale», vol. V, 1999, pp. 128-152
  • Charles Petit-Dutaillis, Luigi IX il Santo, in Storia del mondo medievale, vol. V, 1999, pp. 829-864
  • E.F. Jacob, Inghilterra: Enrico III, in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 198-234
  • Hilda Johnstone, Francia: gli ultimi capetingi, in Storia del mondo medievale, vol. VI, 1999, pp. 569-607
  • Paul Fournier, Il regno di Borgogna o d'Arles dall'XI al XV secolo, in «Storia del mondo medievale», vol. VII, 1999, pp. 383-410
  • (FR) Histoire générale des Alpes Maritimes ou Cottiènes par Marcellin Fornier, Continuation, Tome I.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Regina consorte di Francia Successore
Bianca di Castiglia 1234-1270 Isabella d'Aragona

Controllo di autorità VIAF: 58135578 LCCN: n87817999