Gimme Shelter (film 1970)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gimme Shelter
Titolo originale Gimme Shelter
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1970
Durata 91 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.33 : 1
Genere documentario
Regia Albert Maysles, David Maysles, Charlotte Zwerin
Produttore Ronald Schneider
Casa di produzione Maysles Films
Distribuzione (Italia) Kit Parker Films
Fotografia Albert Maysles, David Maysles
Montaggio Joanne Burke, Robert Farren
Musiche The Rolling Stones
Interpreti e personaggi
« Mi dissero che se mi fossi seduto sul bordo del palco affinché nessuno potesse arrampicarsi, avrei potuto bere birra sino a quando il concerto non fosse terminato »
(Ralph "Sonny" Barger, capo degli Hells Angels)

Gimme Shelter è un film documentario del 1970 sui Rolling Stones, diretto da Albert e David Maysles. Il titolo riprende la canzone omonima del gruppo britannico.

Negli Stati Uniti, la pellicola uscì il 6 dicembre 1970.[1] Fu presentato fuori concorso al Festival di Cannes 1971.[2]

Nel 1992 ne uscì una versione con nuovi dialoghi non censurati,[3] mentre nel 2000 ne uscì una versione ulteriormente ampliata (in cui figura anche lo spogliarello di una ragazza), che venne distribuita anche nel circuito cinematografico.[3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 1969, quattro mesi dopo il festival di Woodstock, i Rolling Stones diedero un concerto gratuito nel nord della California, vicino Oakland. Vi parteciparono circa 300.000 persone, e gli organizzatori misero gli Hells Angels a proteggere il palco. Armati con stecche da biliardo e coltelli, gli Angels passarono il concerto a picchiare gli spettatori, uccidendone almeno uno. Il film monta a velocità quasi schizofreniche parti recitate, violenza, i tentativi di Grace Slick e Mick Jagger di calmare le risse in corso, primi piani di giovani spettatori (che ballano, drogati, o sotto i colpi degli Angels).

Versioni alternative[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle ri-edizioni del 1992 e del 2000, si è sempre vociferato su una possibile terza edizione. Stando ad Albert Maysles, regista, George Lucas era uno dei cameraman al concerto. Sfortunatamente la sua telecamera cadde in mezzo alla folla dopo aver ripreso oltre 100 metri di pellicola durante la notte. Tutto il suo footage venne ritenuto inaccettabile e non venne usato in nessuna delle versioni oggi in circolazione.[4] Quasi tutte le versioni in commercio sono state però censurate: ad esempio, nella versione cinematografica statunitense originale, Mick Jagger diceva "cazzo" diverse volte. Nella versione DVD attuale, tutte le volte che dovrebbe dire la parola si sente un acuto di chitarra.[4]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne accolto negativamente, a causa della violenza ivi mostrata e della crudezza di alcune sequenze. La stampa accusò addirittura la canzone Sympathy for the Devil, suonata al concerto, di incitare alla violenza manifestata durante la performance, i Rolling Stones non la cantarono più per oltre sei anni.[4] Molti furono gli episodi ad alimentare la critica negativa, uno su tutti, quello di Meredith Hunter, ucciso dagli Hells Angels durante Under My Thumb (prima si credeva fosse stato ucciso durante Sympathy for the Devil)[4].

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è interamente composta da pezzi dei Rolling Stones, eccetto le tracce 7, 8 e 9:

  1. Jumpin' Jack Flash
  2. (I Can't Get No) Satisfaction
  3. You Gotta Move
  4. Wild Horses
  5. Brown Sugar
  6. Love in Vain
  7. I've Been Loving You Too Long (To Stop Now)
  8. The Other Side of This Life
  9. Six Days on the Road
  10. Honky Tonk Women
  11. Street Fighting Man
  12. Sympathy for the Devil
  13. Under My Thumb
  14. Gimme Shelter

Slogan promozionali[modifica | modifica wikitesto]

  • «The music that thrilled the world ... and the killing that stunned it!»
    «La musica che ha scosso il mondo ... e la violenza che l'ha tramortita!».

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Date di uscita for Gimme Shelter (1970). URL consultato il 10 febbraio 2008.
  2. ^ (EN) Official Selection 1971, festival-cannes.fr. URL consultato il 16 giugno 2011.
  3. ^ a b Versioni alternative for Gimme Shelter (1970). URL consultato il 10 febbraio 2008.
  4. ^ a b c d Curiosità for Gimme Shelter (1970). URL consultato il 10 febbraio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema