Hot Rocks 1964-1971

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hot Rocks 1964-1971
Artista The Rolling Stones
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 20 dicembre 1971
Durata 85 min : 23 s
Dischi 2
Tracce 21 (12+9)
Genere Rock
Etichetta London (UK), ABKCO (US)
Produttore Andrew Loog Oldham, The Rolling Stones, Jimmy Miller, Glyn Johns
Registrazione maggio 1964 - aprile 1970
Note Ristampato in versione CD rimasterizzato nell'agosto 2002
The Rolling Stones - cronologia
Album precedente
(1971)
Album successivo
(1972)

Hot Rocks 1964-1971 è il primo album raccolta dei Rolling Stones pubblicato negli Stati Uniti dalla casa discografica ABKCO Records, di proprietà dell'ex manager della band Allen Klein, nel dicembre 1971.

Klein deteneva il controllo sul materiale dei Rolling Stones registrato per la Decca/London Records dal 1963 al 1970. Anche se all'epoca della pubblicazione della compilation i brani contenuti erano tutti già editi e l'unica nota di interesse, per il mercato americano, era la presenza di Time Is on My Side in versione europea, la raccolta si rivelò uno dei più grandi successi degli Stones in carriera.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver lasciato la Decca per formare la propria etichetta discografica Rolling Stones Records, il gruppo registrò Sticky Fingers nel corso del 1970, pubblicando il nuovo album la primavera successiva. Anche se Klein non era più ormai il manager del gruppo, la sua società ABKCO era ancora proprietaria del catalogo passato dei Rolling Stones, e decisa a sfruttarlo. Hot Rocks 1964–1971 venne velocemente immessa sul mercato come album doppio di "greatest hits".

Pur includendo la maggior parte dei successi più celebri della band nella loro prima decade di attività, la raccolta comprende anche brani meno ovvi come Play With Fire, Under My Thumb e Gimme Shelter dando all'ascoltatore una panoramica più ampia della musica dei Rolling Stones dell'epoca. Nella scaletta delle tracce furono incluse anche Brown Sugar e Wild Horses facenti parte di Sticky Fingers, poiché queste due canzoni, essendo state registrate dalla band quando ancora erano sotto contratto con la Decca, avevano il copyright diviso a metà fra il gruppo ed Allen Klein.

Pubblicazione e accoglienza[modifica | modifica sorgente]

Hot Rocks 1964–1971 venne comunque autorizzata dai Rolling Stones (come anche la successiva More Hot Rocks (Big Hits & Fazed Cookies)). Il disco riscosse un grande successo di pubblico, raggiungendo la posizione numero 4 in classifica negli Stati Uniti. L'uscita in Inghilterra venne posticipata di diversi anni, avvenendo solo nel 1990, ma la compilation, anche a distanza di anni, raggiunse la terza posizione nella classifica di vendita.

Nell'agosto 2002, Hot Rocks 1964–1971 è stato ristampato in una nuova versione rimasterizzata in formato CD e SACD dalla ABKCO Records.[1]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Tracce}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
  • Tutti i brani sono opera di Mick Jagger & Keith Richards, eccetto dove indicato.

LP 1[modifica | modifica sorgente]

Lato 1
  1. Time Is on My Side (Norman Meade) - 2:58
  2. Heart of Stone - 2:50
  3. Play with Fire (Nanker Phelge) - 2:13
  4. (I Can't Get No) Satisfaction - 3:43
  5. As Tears Go By (Jagger/Richard/Andrew Loog Oldham) - 2:45
  6. Get Off of My Cloud - 2:55
Lato 2
  1. Mother's Little Helper - 2:45
  2. 19th Nervous Breakdown - 3:56
  3. Paint It, Black - 3:45
  4. Under My Thumb - 3:42
  5. Ruby Tuesday - 3:16
  6. Let's Spend the Night Together - 3:36

LP 2[modifica | modifica sorgente]

Lato 3
  1. Jumpin' Jack Flash - 3:41
  2. Street Fighting Man - 3:15
  3. Sympathy for the Devil - 6:18
  4. Honky Tonk Women - 3:00
  5. Gimme Shelter - 4:31
Lato 4
  1. Midnight Rambler (live) - 9:13
  2. You Can't Always Get What You Want - 7:28
  3. Brown Sugar - 3:49
  4. Wild Horses - 5:42

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Christopher Walsh, Super audio CDs: The Rolling Stones Remastered in Billboard, Billboard, 24 agosto 2002, pp. 27.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock