Basilica di San Lorenzo (Firenze)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Chiesa di San Lorenzo (Firenze))

Coordinate: 43°46′29.6″N 11°15′13.91″E / 43.774889°N 11.253864°E43.774889; 11.253864

Insigne basilica di San Lorenzo
Veduta esterna
Veduta esterna
Stato Italia Italia
Regione Toscana Toscana
Località FlorenceCoA.svgFirenze
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Lorenzo martire
Diocesi Arcidiocesi di Firenze
Consacrazione 393, 1095, 1461
Stile architettonico Rinascimentale
Inizio costruzione IV secolo (chiesa paleocristiana), 1059 (chiesa romanica), 1418 circa (chiesa rinascimentale)
Completamento 1461, con interventi fino al 1740
Sito web Sito ufficiale

La basilica di San Lorenzo è uno dei principali luoghi di culto cattolici di Firenze, situata nell'omonima piazza nel centro storico della città. È una delle chiese che si contendono il titolo di più antica della città ed ha il rango di basilica minore. Attorno alla chiesa si tiene il caratteristico mercato di San Lorenzo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La basilica di San Lorenzo nel Codice Rustici (XV secolo)

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Fu fondata, secondo la tradizione, nel corso del IV secolo su un'altura nei pressi del corso (poi deviato) del Mugnone, grazie alla donazione di Giuliana, matrona di origine ebraica. Già nel 393 veniva consacrata come cattedrale cittadina al martire Lorenzo, alla presenza di sant'Ambrogio e di san Zanobi. La zona all'epoca era appena fuori dalle mura, come la maggior parte dei siti delle primitive basiliche cristiane nelle città romane[1].

Il monticulus Sancti Laurentii oggi è occultato dalla gradinata che risale, nella sua sistemazione attuale, al 1912-1913. Della chiesa primitiva non resta pressoché niente. Tracce archeologiche frammentarie, non collegabili organicamente, sono venute alla luce qua e là sotto il pavimento della chiesa, nel corso di scavi negli anni sessanta e settanta del Novecento. Resti di abitazioni e botteghe costruiti a ridosso della chiesa furono rinvenuti nei lavori del 1912-1913[1].

Il Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Per trecento anni San Lorenzo fu la cattedrale di Firenze, prima di cedere lo status a Santa Reparata, quando vennero solennemente traslate le spoglie del vescovo di Firenze, san Zanobi[1].

Fu ampliata e riconsacrata una prima volta nel 1059 per iniziativa del vescovo Gherardo di Borgogna, quando divenne papa col nome di Niccolò II; in quell'occasione fu dotata anche di un capitolo di canonici, che diede impulso alla costruzione di alcuni ambienti come il chiostro a lato della chiesa[1].

La fase medicea[modifica | modifica wikitesto]

Fu deliberato dai canonici un nuovo ampliamento all'inizio del XV secolo, ma i lavori procedettero inizialmente molto a rilento. Nel 1418 il priore Matteo Dolfini ottenne dalla Signoria il permesso per abbattere alcune case per ingrandire il transetto della chiesa e il 10 agosto 1421 egli celebrò una solenne cerimonia per benedire l'inizio dei lavori. Tra i finanziatori c'era il ricchissimo banchiere Giovanni di Bicci de' Medici, che abitava nel quartiere, e che fece probabilmente il nome dell'architetto che già stava lavorando alla sua cappella, l'odierna Sagrestia Vecchia, cioè Filippo Brunelleschi. La ricostruzione dell'intera chiesa fu un progetto che dovette maturare in un secondo momento, probabilmente dopo il 1421, quando morì il Dolfini. L'inizio dell'intervento brunelleschiano viene generalmente collocato in quell'anno.

Mentre la sagrestia veniva terminata nel 1428 (e nel 1429 vi si celebrarono le esequie solenni di Giovanni de' Medici), i lavori alla chiesa erano invece andati poco avanti ed erano pressoché bloccati. Dopo il 1441 si prese l'onere quasi per intero della ricostruzione Cosimo de' Medici, figlio di Giovanni, ma i progressi continuarono ad essere lenti, segnati da incertezze e interruzioni. In questa seconda fase la direzione dei lavori passò probabilmente a Michelozzo, architetto del vicino palazzo Medici e erede di numerosi cantieri avviati da Brunelleschi, ormai anziano e concentrato su altre opere.

Dal 1457 fu alla direzione del cantiere Antonio Manetti Ciaccheri e nel 1461, a lavori pressoché ultimati, venne consacrato l'altare maggiore[1]. Tre anni dopo Cosimo de' Medici moriva e veniva sepolto in una cripta sotterranea, posta in un pilastro esattamente al di sotto dell'altare centrale.

Da allora San Lorenzo divenne il luogo di sepoltura dei componenti della famiglia Medici, tradizione proseguita, salvo alcune eccezioni, fino ai granduchi e all'estinzione della casata. Tale usanza venne anche ripresa, per analogia, dai successivi membri della dinastia Lorena, usando i sotterranei della basilica per le proprie sepolture.

La facciata su piazza San Lorenzo

La facciata della chiesa era rimasta incompiuta: papa Leone X, Medici, dopo un concorso a cui parteciparono grandissimi artisti come Raffaello e Giuliano da Sangallo, dette a Michelangelo il compito di progettarne una nel 1518[1]. L'artista fece un modello ligneo di una facciata classica e proporzionata, ma l'opera non fu ugualmente portata a termine, per problemi tecnici e finanziari insorti già dall'approvvigionamento dei materiali. Sempre Leone X commissionò la Sagrestia Nuova al grande artista, per conservare i sepolcri dei due rampolli di casa Medici, Lorenzo duca d'Urbino e Giuliano Duca di Nemours, che erano morti entrambi sui trent'anni con grande costernazione del papa che tanto si era adoperato per la loro affermazione. L'opera fu realizzata a più riprese, includendo anche le tombe di Lorenzo il Magnifico e suo fratello Giuliano, ma con grande lentezza e un graduale ridimensionamento dei progetti, finché, messo alle strette per il suo appoggio antimediceo alla Repubblica fiorentina, Michelangelo barattò un salvacondotto con una conclusione parziale dell'opera.

Clemente VII, l'altro papa Medici, non mancò pure di arricchire il complesso di San Lorenzo, incaricando Michelangelo di realizzare la Biblioteca Medicea Laurenziana, mentre dentro la chiesa fece costruire su progetto dello stesso artista il balcone nella controfacciata per l'esposizione delle reliquie.

La vasta cappella dei Principi, separata, dietro l'altare maggiore, fu un'impresa grandiosa avviato al tempo di Ferdinando I; i Medici la stavano ancora pagando quando l'ultimo membro, Anna Maria Luisa de' Medici, morì nel 1743.

Il piccolo campanile risale invece al 1740, opera di Ferdinando Ruggieri.

L'ultima della dinastia Anna Maria Ludovica commissionò l'ultima opera importante nella basilica: la decorazione della cupola con la Gloria dei santi fiorentini ad opera del pittore Vincenzo Meucci (1742), una magra compensazione però in confronto alla distruzione degli affreschi di Pontormo nel coro, perpetrata in quegli stessi anni.

Periodo moderno[modifica | modifica wikitesto]

Con la soppressione ottocentesca degli enti religiosi, la biblioteca fu separata giuridicamente dal resto del complesso e venne creato il Museo delle Cappelle Medicee, di proprietà statale. Nel 1907 fu istituita l'Opera medicea laurenziana per la gestione e la salvaguardia della basilica.

Dal 1º marzo 2001 per accedere alla chiesa è richiesto il pagamento di un biglietto che va all'Opera Laurenziana[2]. Per le conseguenze della storia negli ultimi due secoli, il complesso laurenziano, uno dei più importanti di tutta Firenze, si presenta oggi con un'immagine frammentaria, corrispondente ai diversi usi degli ambienti: religioso, turistico, museale, bibliotecario. Per visitare il complesso, fatti salvi il chiostro principale, a ingresso gratuito, e le zone riservate ai religiosi (non accessibili), si devono oggi staccare tre biglietti diversi, fruibili con orari di visita differenti: uno per la basilica, la Sagrestia Vecchia e la cripta, uno per la cappella dei Principi e la Sagrestia Nuova, uno infine per gli ambienti monumentali della Biblioteca Medicea Laurenziana, aperti per lo più solo in occasione delle regolari mostre temporanee.

Nel luglio 2011 l'allora sindaco Matteo Renzi propose di completare la facciata della chiesa con il progetto di Michelangelo del 1515, da realizzare per il cinquecentenario, 2015[3]. La proposta si rifaceva alle edificazioni ottocentesche di due delle principali chiese fiorentine: Santa Croce, la cui facciata fu realizzata tra il 1853 e il 1863, e Santa Maria del Fiore, realizzata tra il 1871 e il 1887. L'iniziativa, che avrebbe dovuto passare da un referendum popolare, non ebbe seguito.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Architettura esterna[modifica | modifica wikitesto]

La facciata di San Lorenzo è a capanna digradante, con pietra grezza a vista su cui si aprono tre portali centinati. Il fianco destro è in pietra liscia, decorato da un ordine di arcate cieche e lesene. Su questo lato si vede anche l'esterno della sagrestia Nuova di Michelangelo, dotata di cupoletta coperta a scaglie, conclusa da una lanterna con colonnine marmoree.

In alto, sopra il tiburio, è impostata la grande cupola della cappella dei Principi, coperta da embrici.

Sul retro della chiesa (con accesso dal retro su piazza Madonna degli Aldobrandini) si apre la grandiosa cappella dei Principi, con la sua grande cupola che a Firenze è la seconda per grandezza dopo quella del duomo.

Architettura interna[modifica | modifica wikitesto]

La basilica (interno). Si noti, sullo sfondo, il grande Organo Serassi

La chiesa è a croce latina a tre navate, con cappelle lungo il piedicroce e i lati del transetto. All'incrocio dei bracci si trova una cupola. L'impianto, come in altre opere di Brunelleschi, si ispira ad altre opere della tradizione medievale fiorentina, come Santa Croce, Santa Maria Novella o Santa Trinita, ma a partire da questi modelli Brunelleschi prese spunto per qualcosa di più rigoroso, con esiti rivoluzionari. L'innovazione fondamentale sta nell'organizzazione degli spazi lungo l'asse mediano applicando un modulo (sia in pianta che in alzato), corrispondente alla dimensione di una campata quadrata, con la base di 11 braccia fiorentine, circa lo stesso dello Spedale degli Innocenti (10 braccia fiorentine), edificato dal 1419. L'uso del modulo regolare, con la conseguente ripetizione ritmica delle membrature architettoniche, definisce una scansione prospettica di grande chiarezza e suggestione. Le due navate laterali sono state definite come lo sviluppo simmetrico del loggiato dello spedale, applicato per la prima volta all'interno di una chiesa: anche qui infatti l'uso della campata quadrata e della volta a vela genera la sensazione di uno spazio scandito come una serie regolare di cubi immaginari sormontati da semisfere.

Le pareti laterali sono decorate da paraste che inquadrano gli archi a tutto sesto delle cappelle. Queste ultime però non sono proporzionate al modulo e si pensa che siano una manomissione al progetto originale di Brunelleschi, messa in atto almeno dopo la sua morte (1446). Inoltre la razionalità dell'impianto nel piedicroce non trova un riscontro di analoga lucidità nel transetto, poiché qui probabilmente Brunelleschi dovette adattarsi alle fondazioni già avviate dal Dolfini. In base a rilievi, studi delle fondazioni, indagini d'archivio e a un disegno di Giuliano da Sangallo dell'inizio del XV secolo[4] si è ricostruito che il progetto originale dovesse prevedere un giro di cappelle a pianta quadrata (invece che rettangolare come sono adesso), con volta a vela e abside sulla parete di fondo, che proseguisse anche in controfacciata e alle testate del transetto e del presbiterio, dove erano previste coppie di cappelle simmetriche su ciascuna estremità: un modello rivoluzionario, che l'architetto provò ad applicare anni dopo, con risultati più coerenti, nella basilica di Santo Spirito.

Nonostante le alterazioni la basilica trasmette ancora un senso di concezione razionale dello spazio, sottolineata dalle membrature architettoniche portanti in pietra serena, che risalta sull'intonaco bianco secondo il più riconoscibile stile brunelleschiano.

L'interno è estremamente luminoso, grazie alla serie di finestre ad arco che corre lungo il cleristorio. Le colonne poggiano su corti plinti, hanno fusti lisci e terminano nell'innovativo "dado brunelleschiano", composto dal capitello corinzio e da un pulvino cubico, composto da fregio con rilievi di protome angeliche e graticole di san Lorenzo. Le arcate della navata sono a tutto sesto, sovrastate da una cornice sporgente. Il soffitto della navata centrale è decorato a lacunari, con rosoni dorati su sfondo bianco, mentre le navate laterali sono coperte da volte a vela. Ciascuna cappella laterale è sollevata di tre gradini, fiancheggiata da paraste e sormontata da un arco a tutto sesto, che si raccorda al cornicione con una mensola[5].

Controfacciata[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tribuna delle reliquie.

Le decorazioni delle membrature architettoniche, con putti e motivi vegetali, sono opera delle botteghe di Antonio e Tommaso Rossellino, con l'aiuto di Pagno di Lapo Portigiani (seconda metà del XV secolo)[6].

La facciata interna è composta dalla Tribuna delle reliquie di Michelangelo (1531-1532), sormontata nel XIX secolo da un grande scudo con la croce sabauda a grisaille[6].

Navata destra[modifica | modifica wikitesto]

Rosso Fiorentino, Sposalizio della Vergine

In senso antiorario, da destra a sinistra, si incontrano innanzitutto le cappelle della navata destra. Nella prima si trova il Martirio di san Sebastiano dell'Empoli, nella seconda lo Sposalizio della Vergine (1523), capolavoro del manierismo toscano di Rosso Fiorentino, in cui Maria e Giuseppe sono i due giovani attori in una gioiosa festa popolata da vari invitati, dentro una composizione anticonvenzionale e con una stesura del colore particolarmente vivace. Sulla parete sinistra di questa cappella si trova anche la lastra tombale del musicista Francesco Landini (1397), tra i fondatori dell'Ars Nova. Nella terza cappella San Lorenzo e le anime del Purgatorio di Niccolò Lapi, nella quarta l'Assunta di Michele di Ridolfo del Ghirlandaio. La quinta non ha opere di rilievo, la sesta l'Adorazione dei Magi di Girolamo Macchietti, la settima pure non ha decorazioni degne di nota. Sulla parete al confine col transetto si trova il ciborio del Sacramento di Desiderio da Settignano (1460 circa), opera copiatissima e citatissima, che si distingue per la sua delicatezza. Ha alla base una Pietà, sormontata da due angeli reggicandelabro; al centro il ciborio vero e proprio, incorniciato da uno scorcio prospettico di una chiesa popolata da angeli adoranti; in alto infine un Gesù Bambino benedicente, prototipo di un soggetto che ebbe vasta diffusione[6].

Davanti ad esso si trova il Pulpito della Resurrezione, gemello del Pulpito della Passione sull'altro lato. Nati come semplici pannelli, assemblati in seguito nella forma attuale, sono le ultime opere del maestro, in cui si coglie il suo spirito anticonformista e rivoluzionario fino all'estremo, portato avanti in un clima culturale ormai estraneo alle sue ricerche, dopo la sua lunga assenza in città di ritorno da Padova. Furono scolpiti in stile stiacciato con gli aiuti di Bertoldo di Giovanni e Bartolomeo Bellano nel 1460 circa. Il pulpito di destra mostra la Discesa agli inferi, la Resurrezione e l'Ascensione , in un'unica scena suddivisa da simboliche "porte", mentre altri episodi isolati sono le Marie al sepolcro, la Pentecoste e il Martirio di san Lorenzo. Negli episodi giudicati autografi si coglie un'intesa drammaticità, un uso spregiudicato dello spazio e una fortissima espressività, accentuata da una finitura spesso grezza, di assoluta modernità. San Luca e il Cristo deriso invece sono opere lignee del 1616 e 1634 trattate a imitazione del bronzo e aggiunte solo dopo il riassemblaggio. Sul fregio, entro un medaglione retto da due centauri, si trova la firma dell'artista[6].

Braccio destro del transetto[modifica | modifica wikitesto]

La cappella destra del transetto destro contiene un frammento di sarcofago antico, già utilizzato come copertura della tomba del beato Niccolò Stenone (oggi sul lato opposto, in un monumento seicentesco), sopra il quale si trova un affresco con una delicata Vergine, opera di Niccolò di Tommaso; all'altare un drammatico crocifisso in legno di sughero di Antonio del Pollaiolo[6].

La cappella alla testate del transetto, dedicata al Santissimo Sacramento, ha una tela di San Zanobi di Fabrizio Boschi (fine del XVI secolo), e il monumento funebre di Carolina di Sassonia, prima moglie del granduca Leopoldo II di Toscana, morta nel 1832. Si tratta di un'opera eseguita dall'opificio delle Pietre Dure in commesso fiorentino nel 1857. Alla parete destra Natività coi santi Marco e Francesco della bottega del Ghirlandaio (fine del XV secolo[6]).

Presbiterio[modifica | modifica wikitesto]

La prima cappella da destra contiene alle pareti due monumenti funebri di Leopoldo Costoli e sull'altare una pala della seconda metà del Settecento con Sant'Anna che educa la Vergine. La cappella seguente non ha decorazioni di rilievo[6].

La cupola all'incrocio dei bracci è decorata dalla Gloria dei santi fiorentini, un grande affresco di Vincenzo Meucci del 1742, voluto dall'Elettrice Palatina. nei pennacchi, Quattro padri della Chiesa dello stesso autore[6].

L'altare maggiore è in commesso di pietre dure, disegnato da Gaspare Maria Paoletti nel 1787, sormontato da un Crocifisso in marmo attribuito a Valerio Cioli. La forma mozza del coro, che un tempo era decorato da affreschi del Pontormo, risale alla sistemazione che ne fece Gaetano Baccani nel 1860 dopo la parziale demolizione settecentesca. Davanti all'altare, una grata in bronzo tra i disegni geometrici del pavimento (in marmi policromi, porfidoe serpentino che disegnano stemmi medicei) segna il luogo di sepoltura nella cripta sottostante di Cosimo de' Medici, pater patriae. Si tratta di una collocazione assolutamente eccezionale per una sepoltura civile, che ricalca quella delle tombe dei santi o delle più preziose reliquie, e che testimonia lo straordinario prestigio della dinastia medicea nella basilica laurenziana[6]

Nella cappella successiva una teca in vetro contiene una Madonna col Bambino in legno attribuita a Giovanni Fetti e databile al dopo il 1382. Sulla parete destra San Lorenzo tra i santi Stefano e Leonardo attribuito a Raffaellino del Garbo, e su quella sinistra la Natività coi santi Giuliano e Francesco di scuola fiorentina del primo Cinquecento[6].

Nell'ultima cappella una pala della bottega del Ghirlandaio (Sant'Antonio Abate in trono tra i santi Lorenzo e Giuliano e nella predella Storie dei tre santi) e un monumento di Giovanni Duprè dedicato a Berta Moltke Withfield, del 1864[7].

La Sagrestia Nuova[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sagrestia Nuova.

Edificata da Michelangelo a più riprese tra il 1521 ed il 1534, fa parte del progetto mediceo per avere una degna sepoltura per i membri della famiglia, che, nel frattempo, stava salendo gradualmente di rango grazie soprattutto all'elezione al soglio pontificio di Leone X e all'arrivo dei primi titoli ducali.

Michelangelo partì dalla stessa pianta della Sacrestia del Brunelleschi e divise lo spazio in forme più complesse, con archi trionfali che si aprono su delle specie di absidi. Incassati nelle due pareti laterali realizzò i sepolcri monumentali dedicati a Giuliano Duca di Nemours e suo nipote Lorenzo Duca d'Urbino, per i quali scolpì tre sculture ciascuno: le Allegorie del Tempo, adagiate sopra i sepolcri, e i ritratti soprastanti dei Duchi. Per la tomba di Giuliano de’ Medici, seduto in fiera postura, scelse il Giorno e la Notte; per quella di Lorenzo, in posa malinconica e pensierosa, il Crepuscolo e l'Aurora.

Entrambe le statue guardano verso il centro della cappella dove Michelangelo realizzò e pose una Madonna con Gesù in grembo. Volgendo il loro sguardo alla rappresentazione sacra i duchi esprimono le inclinazioni religiose dell'artista, secondo il quale, quando le glorie terrene passano, solo la spiritualità e la religione riescono a dare sollievo alle inquietudini degli uomini. Completano il corredo le statue dei Santi Cosma e Damiano, opere di allievi di Michelangelo.

Sotto l'altare sono sepolti anche Lorenzo il Magnifico e suo fratello Giuliano de' Medici, per i quali non ci fu mai il tempo per costruire una sepoltura monumentale.

La cappella dei Principi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cappelle Medicee.
La cappella dei Principi

Lo sfarzoso ambiente ottagonale è largo 28 metri ed è sormontato dalla cupola di San Lorenzo, la seconda per maestosità in città dopo quella del Brunelleschi.

Fu commissionato da Ferdinando I all'architetto Matteo Nigetti nel 1604, pare su disegno di Don Giovanni de' Medici, fratello dello stesso granduca. Anche Bernardo Buontalenti intervenne nel progetto.

Gli intarsi che decorano tutta la superficie della cappella sono stati creati con marmi scuri e pietre semipreziose, che creano un abbagliante effetto scenografico. Per la realizzazione di questa opera venne appositamente creato l'Opificio delle Pietre Dure, come laboratorio per l'arte del cosiddetto commesso fiorentino. Nella zoccolatura, dove sono riprodotti gli stemmi delle sedici città toscane fedeli alla famiglia dei Medici, si fece uso di pietre semipreziose, madreperla, lapislazzuli e corallo.

Le otto nicchie avrebbero dovuto ospitare le statue di tutti i granduchi, anche se furono poi realizzate soltanto quelle per Ferdinando I e Ferdinando II, opere entrambe di Pietro Tacca, eseguite tra il 1626 ed il 1642.

Al centro dell'atrio, nelle intenzioni dei committenti, doveva trovarsi il Santo Sepolcro, ma i vari tentativi di comprarlo o rubarlo a Gerusalemme fallirono.

I sarcofaghi sono in realtà cenotafi vuoti e le vere spoglie dei granduchi e dei loro familiari fino a Anna Maria Luisa de' Medici (ultima erede della dinastia, 1667-1743) sono conservati in semplici nicchie nascoste dietro le mura.

La Sagrestia Vecchia[modifica | modifica wikitesto]

La Sagrestia Vecchia
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sagrestia Vecchia.

Capolavoro del Quattrocento, fu la prima parte di San Lorenzo ad essere completata dal Brunelleschi, su incarico dei Medici che desideravano realizzarvi il proprio mausoleo (1421-1428).

La cappella, dedicata a San Giovanni Evangelista, è strutturata come uno spazio cubico, coperto da cupola emisferica a ombrello, ed è divisa in 12 spicchi da costoloni. Brunelleschi si trovò nella condizione di dover risolvere il rapporto fra spazi strutturalmente analoghi. Egli accostò due vani a base quadrata, ma di diversa altezza: la sacrestia vera e propria e la piccola scarsella dell'altare. Il gioco coloristico della pietra grigia e dell'intonaco è ulteriormente esaltato dalla presenza degli stucchi dipinti: il fregio con i Cherubini e serafini, i tondi degli Evangelisti nelle pareti e quelli con le Storie di San Giovanni Evangelista nei pennacchi della cupola, opere di Donatello, autore anche dei battenti delle porte bronzee, con i Santi, Martiri, Apostoli e Padri della Chiesa. Il violento cromatismo e lo sperimentalismo esasperato delle opere di Donatello, anch'egli un protetto dei Medici, originarono un forte dissidio tra lo scultore ed il Brunelleschi, che lo accusò di voler distogliere l'attenzione dalle proporzioni architettoniche della cappella. Il dissidio fra due artisti, che erano stati una coppia affiatatissima per anni, portò poi all'esclusione di Donatello dalla decorazione di altre opere brunelleschiane come, ad esempio, la cappella dei Pazzi.

La perfetta fusione tra la rigorosità dell'architettura e la varietà della decorazione plastica ne fa "una delle creazioni più complete e coerenti del primo rinascimento fiorentino"[7].

Gli affreschi della volta della cupola nell'abside raffigurano la situazione cosmologica del Sole e delle costellazioni, come appariva su Firenze la notte del 4 luglio del 1442. Si suppone che la volta celeste sia stata dipinta dall'eclettico pittore-decoratore Giuliano d'Arrigo, detto Pesello. Opera autografa del Verrocchio è il monumento funebre a Giovanni(1421-1463) e Piero de' Medici, figli di Cosimo il Vecchio, commissionati nel 1472 dai figli dello stesso Piero, Lorenzo il Magnifico e Giuliano de' Medici. Il busto di San Lorenzo è attribuito a Desiderio da Settignano. Al centro, sotto la tavola marmorea con intarsi circolari in porfido, si trova la tomba di Giovanni di Bicci de' Medici e Piccarda Bueri di Andrea Cavalcanti (1434).

Sulla parete sinistra della cappella, in un'apertura decorata da una grata bronzea, si trova il monumento funebre a Piero e Giovanni de' Medici, del Verrocchio (1472), opera originalissima in marmi, bronzo e pietra serena, a cui si ispirarono numerose creazioni del Rinascimento fiorentino.

Braccio sinistro del transetto[modifica | modifica wikitesto]

La cappella alla testata del transetto sinistro è detta "dei Santi Cosma e Damiano" o "delle Reliquie". Strettamente connessa al patronato mediceo della vicina sagrestia Vecchia, contiene gli armadi lignei dove sono conservate i numerosi reliquiari in dotazione alla basilica. Sull'arcone di ingresso due affreschi attribuiti al Poccetti, i Santi Cosma e Damiano e San Carlo Borromeo e un altro prelato (datati 1611). L'altare è decorato da una Madonna col Bambino trecentesca, incorniciata da una tela coi Santi Lorenzo, Ambrogio e Zanobi di Francesco Conti. Sull'altare un'iscrizione del 1714 che ricorda Cosimo III de' Medici come "Etruscorum Rex".

Segue a sinistra la cappella Martelli. A parte il neorinascimentale monumento a Donatello (di Dario Guidotti e Raffaello Romanelli, 1896), dedicato allo scultore che è sepolto nella cripta, si trovano due importanti opere rinascimentali: il sarcofago della famiglia Martelli (1455 circa) dello stesso Donatello, che simula una grande cesta di vimini, e l'Annunciazione Martelli di Filippo Lippi (1450 circa), la prima pala rettangolare della basilica che poi fu presa a modello per tutte le altre. La predella con Storie di san Niccolò è forse estranea all'opera, e fu realizzata dal Lippi con l'aiuto dell'assistente Francesco Pesellino. Sopra l'altare un Crocifisso ligneo policromato quattrocentesco e sulla parete sinistra la tela di Giuseppe Nicola Nasini con San Girolamo e l'angelo.

Navata sinistra[modifica | modifica wikitesto]

La parete della navata sinistra vicino al transetto è ornata da un grande affresco col Martirio di san lorenzo di Agnolo Bronzino (1565-69), ricco di citazioni michelangiolesche. Davanti ad esso si trova l'altro pulpito di Donatello, quello della Passione, col capolavoro della scena della Deposizione.

Sulla porta che dà sul chiostro si trova la cantoria per l'organo, già attribuita all'inizio del Novecento a Donatello, per le innegabili affinità con quella di Santa Maria del Fiore, di cui riprende lo schema architettonico e il fregio posto dietro a colonnine libere. In seguito la critica l'ha assegnata a maestranze di bottega, per la minore eleganza e libertà compositiva dei rilievi. Dovrebbe risalire agli anni 1460.

Nella cappella laterali si trovano, proseguendo in ordine antiorario, una pala di Pietro Annigoni (Cristo e San Giuseppe nella bottega), che a causa del fondo oro sembra un'opera più antica ma risale invece al 1964, caratterizzata da una notevole è la resa della scena tra padre e figlio, permeata di familiare raccoglimento, con san Giuseppe che sembra affettuosamente consapevole del ruolo del figlio, suggerito anche dall'asse in legno in primo piano che forma una croce; segue la Crocifissione di sant'Acazio e dei suoi compagni di Giovan Antonio Sogliani; un Crocifisso ligneo di scuola tedesca affiancato da due Dolenti su tela di Lorenzo Lippi; una Madonna in trono tra i santi Lorenzo e Zanobi del 1877; la Crocifissione di Francesco Conti, proveniente da San Jacopo Soprarno e documentata al 1709; la Chiamata di san Matteo di Pietro Marchesini (1739 circa).

Cripta[modifica | modifica wikitesto]

Nella cripta di Bernardo Buontalenti sono sepolti circa cinquanta membri tra maggiori e minori della famiglia, mentre nella parte superiore, nella grande sala ottagonale sormontata da una cupola, vi sono i cenotafi (tombe vuote) monumentali dei granduchi di Toscana.

Organi a canne[modifica | modifica wikitesto]

La consolle dell'organo Serassi

Organo maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo organo, quello più grandioso, è stato costruito nel 1864-1865 dalla celebre fabbrica d'organi dei Fratelli Serassi di Bergamo per volere del governo italiano[8]. È posizionato nell'abside, in alto.

Il sontuoso e imponente strumento si compone di tre tastiere di settanta tasti ciascuna e pedaliera dritta e 64 registri; la consolle è un capolavoro di ebanistica, con intagli finissimi e molto ornati. Il sistema di trasmissione è integralmente quello meccanico originale. A seguito di tale opera collocata da Giacomo Locatelli, tuttora ben conservata, il Re Vittorio Emanuele II nominò il signor Giacomo Serassi Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, e concesse alla ditta la facoltà di fregiare del Regio stemma l'insegna del suo stabilimento artistico industriale.

La disposizione fonica dell'organo è la seguente[9]:

Prima tastiera - Eco Espressivo
Principale 8' Bassi
Principale 8' Soprani
Ottava 4' Bassi
Ottava 4' Soprani
Quintadecima 2'
Due di Ripieno
Due di Ripieno
Due di Ripieno
Viola 8' Bassi
Flauto a Camino 8' Soprani
Flauto in Ottava 4' Soprani
Arpone 8' Bassi
Clarino 16' Soprani
Violoncello 8' Bassi
Violoncello 8' Soprani
Corna Musa 8' Soprani
Voce Umana 8' Soprani
Seconda tastiera - Organo Grosso
Principale I 16' Bassi
Principale I 16' Soprani
Principale II 8' Bassi
Principale II 8' Soprani
Principale III 8' Bassi
Principale III 8' Soprani
Ottava I 4' Bassi
Ottava I 4' Soprani
Ottava II 4'
Duodecima 2.2/3'
Quintadecima 2'
Quintadecima 2'
Due di Ripieno
Due di Ripieno
Quattro di Ripieno
Quattro di Ripieno
Terza Mano
Corno 16’ Soprani
Cornetto I [VIII-XII] Soprani
Cornetto II [XV-XVII] Soprani
Fagotto 8’ Bassi
Tromba 8’ Soprani
Clarone 4’ Bassi
Bombarda 16’ Soprani
Violoncello 4’ Bassi
Corno Inglese 16’ Soprani
Viola 4’ Bassi
Clarinetto 16’ Soprani
Violone 8’ Bassi
Flauto Reale 8’ Soprani
Flauto in Ottava 4’ Soprani
Ottavino 2’ Soprani
Voce Umana 8’ Soprani
Terza tastiera - Armonio Espressivo[10]
Ottava 4' Bassi
Zampogna 4' Soprani
Viola 4' Bassi
Violetta 8' Soprani
Voce Flebile 8' Soprani
Cromorno 8' Bassi
Oboe 16' Soprani
Tremolo
Pedale
Contrabbasso 16'
Basso 8'
Violone 8'
Bombarda 16'
Trombone 8'
Timballo

Organo Vantaggini[modifica | modifica wikitesto]

Il primo organo, collocato nella cantoria di Donatello, è stato costruito nel 1502 dal volterrano Benedetto Vantaggini e successivamente ampliato dai fratelli Tronci nel 1773. Nel 1896 Pietro Paoli di Campi Bisenzio rifece i mantici e aggiunse quattro tasti cromatici nella prima ottava e rifece la tastiera e la pedaliera. In occasione del sedicesimo centenario della chiesa (1993-1994), l’organo è stato restaurato dall'organaro Riccardo Lorenzini di Montemurlo che ha ripristinato le caratteristiche originarie dello strumento. Lo strumento ha una tastiera di 47 tasti con prima ottava corta ed una pedaliera scavezza di 14 pedali costantemente unita al manuale. La sua disposizione fonica è la seguente:

Manuale
Principale [8']
Ottava
XV
XIX-XXII-XXVI
Flauto in XII
Voce Umana
Accessori
Tiratutti

Organo Corale[modifica | modifica wikitesto]

Nel coro, celato dall'altare maggiore, vi è un terzo organo a canne che è stato costruito nel 1952 dalla ditta Tamburini e ampliato nel 2007. Possiede due tastiere di 61 note ciascuna ed una pedaliera concavo-radiale di 32. È a trasmissione elettrica ed ha la seguente disposizione fonica:

Prima tastiera - Grand'Organo
Principale 8'
Ottava 4'
Decimaquinta 2'
Ripieno 5 file
Bordone 8'
Cornetto 3 file
Tromba 16'
Tromba 8'
Seconda tastiera - Espressivo
Bordone 16'
Bordone 8'
Viola 8'
Voce celeste 8'
Flauto 4'
Nazardo 2.2/3'
Flautino 2'
Cimbalo 3 file
Oboe 8'
Tremolo
Pedale
Acustico 32'
Subbasso 16'
Bordone 8'
Tromba 16'
Tromba 8'
Clarone 4'

Il Chiostro dei Canonici[modifica | modifica wikitesto]

Il chiostro della basilica

Progettato da Brunelleschi, ma realizzato dopo la morte del maestro (1446) tra il 1457 e il 1460 dal suo allievo Antonio Manetti, è il chiostro principale del complesso. Presenta un doppio loggiato, con arcate a tutto sesto nel piano inferiore e architravato nel piano superiore, e vi si accede dal lato sinistro della facciata. Vi erano anticamente collocate le abitazioni dei canonici e i vari ambienti della vita monastica.

Sulla parete destra del portico d'ingresso è presente una Madonna con Bambino in stucco, opera di Desiderio da Settignano, con una cornice in terracotta invetriata (1513), oggi difficilmente ammirabile per il vetro protettivo sporco e l'altezza del posizionamento. Sullo stesso lato si trovano numerose lapidi fra le quali è interessante quella apposta per desiderio di Anna Maria Ludovica de' Medici al fine di ricordare i lavori di consolidamento del complesso nel 1742. Nell'angolo destro verso il transetto della basilica si accede alla Biblioteca Medicea Laurenziana, progettata da Michelangelo, mentre a fianco del portone si trova la statua marmorea del comense Paolo Giovio, vescovo di Nocera eseguita da Francesco da Sangallo (opera firmata, 1560). Da qui si accede anche alla cripta, ristrutturata dal Buontalenti, che conserva le tombe di Cosimo il Vecchio e Donatello. Più avanti, una porta con timpano conduce alla cappella del Capitolo dei Canonici, con stalli lignei intagliati nel tardo Quattrocento.

Francesco da Sangallo, Monumento a Paolo Giovio

Monumenti funerari[modifica | modifica wikitesto]

Opere già in San Lorenzo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Touring Club, cit., p. 290.
  2. ^ 'Telecamere e antincendio per difendere San Lorenzo' - Repubblica.it»
  3. ^ La Repubblica - Firenze, 25 luglio 2011, Un referendum per San Lorenzo Rifare la facciata come voleva Michelangelo?.
  4. ^ Siena, Biblioteca Comunale.
  5. ^ Touring Club, cit., p. 291.
  6. ^ a b c d e f g h i j Touring Club, cit., p. 292.
  7. ^ a b Touring Club, cit., p. 293.
  8. ^ Firenze fu capitale d'Italia fra il 1865 e il 1870
  9. ^ Fonte
  10. ^ tergale, sotto la panca dell'organista

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elena Capretti, Brunelleschi, Giunti Editore, Firenze 2003. ISBN 88-09-03315-9
  • Guida d'Italia, Firenze e provincia "Guida Rossa", Touring Club Italiano, Milano 2007

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]