Giuliano da Sangallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Giuliano eseguito dall'amico Piero di Cosimo. Fa parte di un doppio ritratto ed è infatti completato dal ritratto del padre

Giuliano Giamberti da Sangallo (Firenze, 1445Firenze, 1516) è stato un architetto, ingegnere e scultore italiano. Tra i migliori continuatori di Brunelleschi ed Alberti nella seconda metà del XV secolo, fu architetto prediletto di Lorenzo il Magnifico, pioniere nello studio delle antichità classiche, progettista di opere assunte come modello nelle linee di ricerca dell'architettura rinascimentale, innovatore nell'ingegneria militare.

La vita[modifica | modifica sorgente]

Rilievo della Basilica Emilia

La formazione[modifica | modifica sorgente]

Figlio primogenito di Francesco Giamberti di Bartolo, intagliatore di mobili (anche per i Medici) e probabilmente anche capomastro e capostipite di un'importante famiglia di architetti ed artisti toscani. Giuliano fu infatti fratello di Antonio da Sangallo il Vecchio, zio di Antonio da Sangallo il Giovane e di Bastiano da Sangallo, padre dello scultore Francesco da Sangallo. Giuliano come anche il fratello minore Antonio, si formò in un ambiente di artigiani e artisti nella Firenze della seconda metà del Quattrocento.

Fu allievo del Francione, scultore in legno, ebanista ma anche mastro d'ascia e ingegnere di fortificazioni[1]
Durante un giovanile soggiorno romano tra il 1465 e il 1473, studiò e disegnò le antichità[2] come continuerà in seguito facendone un elemento fondamentale della propria ricerca architettonica e forse la base per la progettata realizzazione di un trattato di architettura.[3]

Tornato a Firenze si dedicò inizialmente, insieme al fratello Antonio, alla scultura in legno, come da tradizione di famiglia: un'opera di questo periodo è il crocefisso ligneo conservato nella basilica della Santissima Annunziata, scolpito insieme al fratello.

Contemporaneamente si impegnò, inizialmente in collaborazione con il maestro Francione alla progettazione di opere di ingegneria militare, grazie alle quali entrò in contatto con i Medici[4], che in quel momento erano impegnati in una vasta opera di rinnovo del sistema difensivo del territorio, in un periodo politicamente sempre più teso. Partecipò insieme alla bottega del Francione al rafforzamento delle mura di Colle di Val d’Elsa (1479) e di San Gimignano.

Al servizio di Lorenzo[modifica | modifica sorgente]

A partire dagli anni settanta, lavorò come architetto a Firenze, in collaborazione con il fratello, costruendo soprattutto palazzi per importanti famiglie. Negli stessi anni si trovò in concorrenza con l'antico maestro Francione nella progettazione di fortificazioni, per esempio per la fortezza di Sarzanello che fu il capolavoro del vecchio artigiano. Divenne in breve l’architetto prediletto da Lorenzo il Magnifico, che nel 1480 gli commissionò la villa di Poggio a Caiano, prototipo della villa rinascimentale italiana. Per Lorenzo progettò anche lo scomparso convento presso la Porta San Gallo a Firenze, che gli valse, forse, il soprannome che diverrà il nome di famiglia, la Sagrestia di Santo Spirito e forse la Chiesa di San Salvatore al Monte[5]. Erede e interprete della tradizione brunelleschiana, partecipò attivamente alla cultura del suo tempo elaborando, attraverso l’attento studio delle forme dell’antichità, soluzioni innovatrici, dando un importante contributo all'elaborazione delle forme architettoniche a pianta centrale con la chiesa di Santa Maria delle Carceri a Prato, anch'essa voluta da Lorenzo. Nel 1488 Lorenzo, che perseguiva i suoi scopi politici anche attraverso una accorta politica di rapporti culturali attraverso il prestigio dei suoi artisti, inviò Giuliano a Napoli, dal re Ferrante, con un modello di palazzo (non realizzato). Il re ricambiò inviando, tramite Giuliano, statue antiche a Lorenzo[6]. Del fertile periodo lorenziano sono anche i progetti per la Basilica della Madonna dell'Umiltà a Pistoia e quello per il palazzo in via Laura, non realizzato. Lorenzo incaricò Giuliano anche di varie opere militari, in un piano complessivo di rafforzamento delle difese territoriali di Firenze. A lui affidò il progetto della nuova Fortezza di Poggio Imperiale a Poggibonsi (1488-1511) con i suoi innovativi bastioni poligonali.[7]

In giro per l'Europa[modifica | modifica sorgente]

Palazzo Della Rovere a Savona

Morto Lorenzo nel 1492 e cacciati i Medici nel 1494, Giuliano, dopo essersi dedicato alla chiesa di Prato e visto che i cantieri medicei erano stati abbandonati ed il nuovo clima politico non prometteva nuove committenze, lasciò Firenze[8].

Nel 1492, su incarico di Piero dei Medici, fu a Milano, dove incontrò Leonardo e Bramante, per presentare un modello della villa di Poggio a Caiano e, forse, di un nuovo palazzo a Ludovico il Moro[9]. Nel 1494 si recò in Francia su invito di Carlo VIII. Tra il 1495 ed il 1497 risiedette a Savona per costruire il palazzo del cardinale Giuliano della Rovere (futuro Giulio II) al seguito del quale, nel 1496, fu di nuovo in Francia, presentò un modello di palazzo al Re che si trovava a Lione[10] e viaggiò in Provenza disegnando i resti romani della regione (per esempio l'arco di trionfo e il teatro di Orange). Lavorò anche a Siena e tra il 1499 e il 1500 si recò a Loreto per occuparsi della cupola del santuario della Santa Casa.

Roma[modifica | modifica sorgente]

Uno dei progetti per la basilica di San Pietro, Uffizi, Gabinetto Disegni e Stampe, 7A

Ai primi del Cinquecento, dopo l'elevazione al soglio pontificio di Giulio II, si stabilì a Roma lavorando per la corte pontificia. Intorno al 1505, elaborò e propose progetti per la basilica di San Pietro in Vaticano che influenzarono il progetto bramantesco; ma non ebbe quei prestigiosi incarichi in cui sperava, sorpassato appunto dal Bramante. Ritornato momentaneamente a Firenze, dove fu nominato capomastro dell'Opera del Duomo, ritornò a Roma dopo l'elezione di Leone X dei Medici (1513), e per un periodo, fino al 1515, fu capomastro del cantiere di San Pietro (insieme a Raffaello), ma con scarso successo per ciò che riguarda i suoi progetti per la basilica. Restando fedele al linguaggio del primo Rinascimento anche nell’età di Raffaello e Bramante, si trovò a rappresentare una posizione ormai superata.
Tornato a Firenze nel 1515, vi morì l’anno seguente. Il suo ultimo progetto può essere considerato quello per la facciata della Chiesa di San Lorenzo, elaborato per il concorso indetto nel 1516 da Leone X tra i maggiori artisti dell'epoca.

Opere[modifica | modifica sorgente]

I palazzi fiorentini[modifica | modifica sorgente]

A Firenze Giuliano realizzò numerosi palazzi a Firenze in cui vengono reinterpreti i modelli di Brunelleschi, Alberti e Michelozzo. A Giuliano sono attribuiti:

Giuliano dovette avere anche un ruolo nel progetto del Palazzo Strozzi per il quale preparò un modello, ma non sappiamo se corrispondente al progetto realizzato, in quanto il Sangallo non partecipò al cantiere.

Altre opere fiorentine[modifica | modifica sorgente]

Giuliano, soprattutto durante la vita di Lorenzo, lasciò numerose opere a Firenze tra cui:

Poggio a Caiano[modifica | modifica sorgente]

La Villa Medicea di Poggio a Caiano.
L'edificio delle Cascine di Poggio a Caiano attribuito a Giuliano da Sangallo

Il suo lavoro più conosciuto è la Villa Medicea di Poggio a Caiano, prototipo della villa rinascimentale italiana; commissionata da Lorenzo nel 1480, la villa incarna il prestigio economico, politico e sociale del proprietario. L'edificio non sarà visto completato né da Lorenzo né da Giuliano. Il nitido volume squadrato della costruzione, a due piani con la pianta a forma di H inscritta in un quadrato, si innalza su un ampio porticato che lo circonda su ogni lato. Fondamentale per l'originalità della soluzione è il riferimento all'architettura classica, evidente nell'elegante fronte di tempio ionico posto al centro della facciata. L'allusione al tempio è ulteriormente rafforzata dalla presenza nell'architrave di un fregio in terracotta invetriata che illustra, mediante una serie di simboli e allegorie tratti dalla mitologia antica, il tema dell'ineluttabile scorrere del tempo e il ritorno all'età dell’oro, con allusione esplicita alla pace e al benessere arrecati a Firenze dal governo di Lorenzo il Magnifico. Per questi elementi la villa Poggio a Caiano rappresenta un’assoluta novità nella storia di questa tipologia architettonica, costituendo un diretto precedente della villa-tempio palladiana.

A Poggio a Caiano esiste un'altra opera attribuita a Giuliano da Sangallo[12], all'interno della grande tenuta dipendente dalla villa, ma posta sull'altra sponda del fiume Ombrone. Si tratta di un grande edificio con una corte quadrangolare, circondato da un fossato, comunemente denominato Cascine e che rappresentata il centro delle varie attività agricole presenti nel vasto possedimento messo insieme da Lorenzo il Magnifico e poi ampliato e arricchito dai granduchi di casa Medici[13].

Santa Maria delle Carceri[modifica | modifica sorgente]

La sobria ed elegante chiesa di Santa Maria delle Carceri a Prato (1485) fu il suo capolavoro ed una tappa importante nell'elaborazione del linguaggio rinascimentale, concretizzando il vero prototipo di edificio a pianta centrale, dopo le sperimentazioni brunelleschiane ed albertiane. Sulla pianta a croce greca egli innestò, all'incrocio dei due bracci, un attico quadrato che regge, sopra un tamburo, la copertura della cupola e la lanterna. L'esterno è rivestito in marmo con riferimenti romani soprattutto per le finestre e porte con timpano, paraste accoppiate e un timpano anche sull'ingresso L'interno segue modelli brunelleschiani con paraste, trabeazione, fregio e cappelle.

Altre opere[modifica | modifica sorgente]

  • Il palazzo Della Rovere (1495-1497) a Savona progettato per Giulio II, all'epoca ancora cardinale Della Rovere.
  • La cupola della Basilica di Loreto; realizzata in soli nove mesi tra il 1499 ed il 1500, dimostra la grande perizia tecnica di Giuliano, visto che la cupola all'epoca era seconda solo a quella fiorentina.
  • Il chiostro della Basilica di San Pietro in Vincoli (attribuzione di Vasari, confutata dai contratti dell'epoca che lo vedono impegnato a Firenze)[14].
  • La Cappella del cardinale ungherese Tamás Bakócz a Esztergom, a croce greca con cupola e volte a botte sui bracci laterali (attribuita a Giuliano oppure ad un suo eventuale allievo)[15].

Ingegneria militare[modifica | modifica sorgente]

Fortificazione di Colle Val d'Elsa

Fu anche uno dei più attivi ingegneri militari del suo tempo, contribuendo in modo decisivo allo sviluppo della fortificazione alla moderna in collaborazione con il fratello Antonio, tanto che a volte risulta difficile distinguere l'apporto progettuale di ognuno.

Il ruolo innovativo dei due fu particolarmente importante nella definizione del fronte bastionato e nella forma stessa del bastione che lentamente nel corso del loro lungo operare passo dalla torrione circolare al puntone poligonale fino al bastione vero e proprio con fianchi rientranti, come si può vedere in numerose cittadelle e fortificazioni, molte ancora esistenti, progettate per vari committenti:

L'attribuzione della rocca di Ostia fatta da Vasari è generalmente ritenuta superata[17].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ G. Vasari, Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori,1550
  2. ^ Testimonia tale studio, che fu costante per tutta la sua vita, l'ampio corpus di disegni di Giuliano contenuti nel Codice Barberiniano della Biblioteca Vaticana e nel piccolo Taccuino senese conservato presso la Biblioteca degli intronati a Siena. vd.: Stefano Borsi, Giuliano da Sangallo: i disegni di architettura e dell'antico, 1985
  3. ^ Marcello Scalzo, La misura dell'architettura nei disegni di Giuliano da Sangallo, in "Matematica e architettura. Metodi analitici, metodi geometrici e rappresentazioni in architettura", pag.83, Editore Alinea Editrice, 2001.
  4. ^ secondo Vasari, il giovane Giuliano partecipò direttamente ad un episodio bellico, organizzando le postazioni ed il fuoco delle artiglierie dalle mura assediate di Castellina: G. Vasari, Op. cit., 1550
  5. ^ Cristina Acidini Luchinat, Storia, arte, fede nelle chiese di Firenze, 2001
  6. ^ Ingeborg Walter, Lorenzo il Magnifico e il suo tempo, 2005.
  7. ^ D. Taddei, Giuliano e Antonio da Sangallo in "L’architettura militare nell’età di Leonardo" Atti del Convegno, 2007, pp. 231-253.
  8. ^ Giuseppe Marchini, Giuliano da Sangallo, 1942
  9. ^ M. Rossi, Disegno storico dell'arte lombarda, 2005
  10. ^ Giuseppe Marchini, Op. cit., 1942
  11. ^ L.Castelfranchi Vegas, L'arte del Quattrocento in Italia e in Europa
  12. ^ Foster Philip Ellis, La Villa di Lorenzo de' Medici a Poggio a Caiano, Comune di Poggio a Caiano, Poggio a Caiano 1992.
  13. ^ Luciano Agriesti, Memoria, paesaggio, progetto: le Cascine di Tavola e la Villa medicea di Poggio a Caiano dall'analisi storica all'uso delle risorse, Roma 1982.
  14. ^ A. Ippoliti, Il complesso di San Pietro in vincoli e la committenza della Rovere (1467-1520), Roma 1999
  15. ^ L.Rotondi Secchi Tarugi, Rapporti e scambi tra umanesimo italiano ed umanesimo europeo, 2001
  16. ^ F.P. Fiore, Le difese fortificate nello Stato della Chiesa in età alessandrina, in "Le rocche alessandrine e la rocca di civita castellana", Atti del convegno, 2003
  17. ^ G. Severini, Architetture militari di Giuliano da Sangallo, Pisa 1970, p. 18,

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giuseppe Marchini, Giuliano da Sangallo, 1942.
  • Stefano Borsi, Giuliano da Sangallo: i disegni di architettura e dell'antico, 1985.
  • Philip Ellis Foster, La Villa di Lorenzo de' Medici a Poggio a Caiano, 1992, Comune di Poggio a Caiano.
  • Bardazzi Silvestro, La Villa Medicea di Poggio a Caiano, Cassa di risparmi e depositi di Prato, Prato 1981.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 52485809 LCCN: n81147607