Jacopo Chimenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Annunciazione, san Michele arcangelo tra san Francesco e donatore con fanciulla, Sasseta di Vernio, chiesa di San Michele Arcangelo, 1582
Dispensa con trancio di cinghiale, pasticcio ed anatra, Uffizi, Firenze, 1624

Jacopo da Empoli, noto anche come Jacopo Chimenti, dal nome del padre, o L'Empoli per assonanza al cognome (Firenze, 30 aprile 1551Firenze, 30 settembre 1640), è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si formò alla bottega di Maso da San Friano a Firenze, la sua pittura si ispira soprattutto ai primi maestri del Cinquecento, volgendo lo sguardo alla pittura dei Santi di Tito, quindi ad un'arte popolare e devota, sia classicheggiante sia attenta alle verità naturali. Apparve, talvolta, una traccia dell'ambiente caravaggesco, manifestata dalle ricerche luministiche.[1]

Un dipinto di Jacopo da Empoli si trova nel Santuario della Madonna dei Tre Fiumi nel Mugello, vicino a Ronta. Tenne il suo laboratorio a Firenze presso il Palazzo Pasqui in via dei Servi, come oggi ricorda una targa.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Disegni[modifica | modifica wikitesto]

  • Madonna col Bambino, matita nera su carta tinta verdina quadrettata a matita nera, mm 154×134, Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, n. 3459 F, 1570-1575
  • Madonna col Bambino, matita rossa su carta bianca, mm 203×157, Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, n. 3418 F, 1575-1580
  • Madonna col Bambino e san Giovannino, matita nera e biacca su carta tinta verde-azzurra, quadrettata a matita rossa, mm 261×212, Firenze, Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, n. 9394 F, 1580-1585

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Le Muse", De Agostini, Novara, 1965, Vol.IV, pag.347

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R. Carapelli, L'Annunciazione di Jacopo da Empoli a Massa Marittima. Una riconsiderazione critica del 1940, in "Le Antiche Dogane", a. V, n. 45, marzo 2003, p. 10
  • R. C. Proto Pisani, A. Natali, C. Sisi, E. Testaferrata, Jacopo da Empoli (1551 – 1640) pittore d'eleganza e devozione, catalogo della mostra (Empoli, Chiesa di Santo Stefano e Convento degli Agostiniani, 21 marzo – 20 giugno 2004), Cinisello Balsamo (Mi), Silvana Editoriale, 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 121753671 LCCN: n80127046