Casalfiumanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casalfiumanese
comune
Casalfiumanese – Stemma Casalfiumanese – Bandiera
Casalfiumanese – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Bologna-Stemma.png Bologna
Amministrazione
Sindaco Gisella Rivola (PD) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 44°18′00″N 11°38′00″E / 44.3°N 11.633333°E44.3; 11.633333 (Casalfiumanese)Coordinate: 44°18′00″N 11°38′00″E / 44.3°N 11.633333°E44.3; 11.633333 (Casalfiumanese)
Altitudine 125 m s.l.m.
Superficie 81,96 km²
Abitanti 3 463[1] (31-12-2011)
Densità 42,25 ab./km²
Frazioni San Martino in Pedriolo, Sassoleone
Comuni confinanti Borgo Tossignano, Castel del Rio, Castel San Pietro Terme, Dozza, Fontanelice, Imola, Monterenzio
Altre informazioni
Cod. postale 40020
Prefisso 0542
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 037012
Cod. catastale B892
Targa BO
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti casalesi
Patrono san Gregorio Magno
Giorno festivo 12 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Casalfiumanese
Posizione del comune di Casalfiumanese nella provincia di Bologna
Posizione del comune di Casalfiumanese nella provincia di Bologna
Sito istituzionale

Casalfiumanese (Casêl Fiumanés in romagnolo[2]) è un comune italiano di 3.463 abitanti della provincia di Bologna.
Sorge lungo la Valle del Santerno in una zona sopraelevata favorevole alle colture da frutto.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Conosciuto nel Medioevo con il nome di Castrum Casale, verso il 1100 si dichiarò libero comune. Fu poi soggetto a Bologna guelfa, che lo governò in nome della Chiesa. In seguito divenne dominio diretto dello Stato Pontificio. Fu perduto e ripreso più volte (nel 1357 e nel 1507). Seguì i destini dello Stato della Chiesa anche dopo il 1815.

Il 27 dicembre 1859, con la ridefinizione delle circoscrizioni territoriali, il Comune di Casalfiumanese fu aggregato alla Provincia di Bologna. Con il plebiscito del 1860 entrò a far parte del Regno di Sardegna, che l'anno dopo divenne Regno d'Italia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Santuario della Madonna di Riviera (immagine): chiesa romanica risalente al XV secolo;
  • Torre Pedriaga.
  • Pieve di sant'Andrea (borgo incastellato con torrione). La prima memoria della pieve (immagine) è contenuta in una bolla di papa Onorio II indirizzata al vescovo Bennone databile negli anni 1126-1130. Ancora parzialmente racchiuso nelle quattrocentesche mura, con un superstite torrione dell’epoca di Ludovico Alidosi (1412), il borgo è oggi diviso a metà tra i comuni di Imola e Casalfiumanese.[3]

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]


Variazione della popolazione residente a Casalfiumanese dal 2006 al 2010.

Data Abitanti Variazione Italiani Variazione Stranieri Variazione
31/12/2006 3.241 3.086 155 (4,8%)
31/12/2010 3.478 + 7,3% 3.200 + 3,7% 278 (8,0%) + 79,4%

Fonte, Dati Istat al 31 dicembre 2010.

Religione[modifica | modifica sorgente]

Quasi tutto il territorio di Casalfiumanese appartiene alla Diocesi di Imola. Nel comune sono presenti nove parrocchie facenti parte della Diocesi imolese: Casalfiumanese (principale), Casalino, Carseggio, Croara, Gesso, Pezzuolo, Sassoleone, Sellustra e Valsellustra[5].

Vi è inoltre una parrocchia facente parte della Diocesi di Bologna: S. Martino in Pedriolo.

Il Santuario della Madonna di Riviera (tra Casalfiumanese e Borgo Tossignano), è il più antico luogo di devozione mariana della vallata del Santerno. La venerata l'immagine, una tavoletta policroma, è attestata fin dal 1448. Fu il frutto di un'apparizione a una fanciulla del posto di nome Cornelia. È invocata come protezione da tutte le calamità naturali. La sua ricorrenza cade il 2 luglio.

Altro luogo di venerazione è il Santuario della Madonna del Rio, a Gesso.[6] L'immagine, in terracotta, fu rinvenuta da un contadino nel 1638 nel letto del Rio. La costruzione della chiesa risale al 1714. È invocata in caso di calamità naturali e per protezione da infermità. La sua ricorrenza cade il 15 settembre.

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Il teatro comunale di Casalfiumanese offre una stagione di prosa (anche commedie in romagnolo) ed è sede di convegni e iniziative culturali.

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Casalfiumanese
  • «Sagra del raviolo», (la domenica più vicina al 19 marzo, Festa di San Giuseppe), istituita nel 1925 riprendendo l'antica Fiera del bestiame di San Giuseppe, risalente al lontano 1738). Dalle torri che si affacciano sulla piazza centrale del paese, caratteristico lancio dei ravioli dolci alla folla cittadina;
  • «Mostra e sagra dell'albicocca» (ultima domenica di giugno), dal 1971.
Sassoleone
  • «Sagra della cuccagna», (la prima domenica di aprile), si svolge dalla fine del XIX secolo;

Persone legate a Casalfiumanese[modifica | modifica sorgente]

  • Papa Onorio II, nato a Fiagnano[7] il 9 febbraio 1060
  • Luca Ghini (1490-1556), medico naturalista e botanico
  • Aurelio Sabattani (1912-2003), cardinale.
  • Bruno Lombardi (Castel San Giorgio, 4 luglio 1912 - Sassoleone, 23 ottobre 1944), tenente, eroe della seconda guerra mondiale, M.A.V.M., morto nei territori appartenenti a questo comune dopo aver portato a termine una eroica missione che permise la salvezza di innumerevoli vite umane. Le sue spoglie riposano, dopo essere state seppellite per 5 anni presso Casalfiumanese, nel cimitero della nativa Castel San Giorgio, nella tomba di famiglia.

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Il territorio comunale abbraccia tre vallate, Santerno, Sellustra e Sillaro, collocandolo come il più esteso di tutto il circondario imolese. Oltre al capoluogo, tra i centri maggiormente abitati si registrano le frazioni di San Martino in Pedriolo e Sassoleone.

Altre località sono Borgo Casale, Carseggio, Casalino, Casoni di Romagna, Croara, Gesso, Pezzuolo, Pieve Sant'Andrea, Riviera, Sellustra e Valsellustra.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Popolazione residente al 31 dicembre 2011.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 152.
  3. ^ Carlo D'Onofrio, I mille anni di Pieve Sant'Andrea, Imola 2012, 96 pagg.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  5. ^ Ha ereditato il titolo dell'antica Pieve di Sant'Andrea.
  6. ^ I confini parrocchiali e quelli amministrativi non coincidono: il santuario si trova nel comune di Fontanelice.
  7. ^ Località sul versante del torrente Sellustra; oggi non esiste più.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Romagna Portale Romagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Romagna

www.pievedisantandrea.tk (sito degli abitanti del borgodi Pieve di Sant'Andrea, suddiviso tra Imola e Casalfiumanese)