Carpetbagger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caricatura di un "carpetbagger" del 1872.

Storicamente, negli Stati Uniti, carpetbagger era il soprannome che la gente del sud dava agli abitanti del nord che si trasferivano in quegli stati durante l'era della Ricostruzione, tra il 1865 e il 1877. Queste persone formavano una coalizione con i "freedmen" (gli schiavi liberati) e gli "scalawags" (bianchi del sud che appoggiavano la Ricostruzione) all'interno del Partito Repubblicano. Insieme controllarono politicamente gli ex stati confederati a più riprese tra il 1867 e il 1877.

Il termine deriva dal fatto che frequentemente i politici repubblicani del nord che si spostavano a sud arrivavano portando come bagaglio una carpet bag da viaggio (la carpet bag è una borsa o valigia fatta di una stoffa simile a quella dei tappeti, spesso con decorazioni orientaleggianti, in voga all'epoca). La gente del sud li considerava pronti a saccheggiare e depredare il loro paese sconfitto in guerra[1]. Nonostante il termine nel linguaggio comune sia tuttora usato alla stregua di un insulto, negli studi e nelle analisi storiche viene invece usato senza alcun intento denigratorio.

Modello di "Carpet bag" statunitense del 1860 circa.

Attualmente negli Stati Uniti il termine viene talvolta usato in senso ironico per riferirsi a politici che si candidano a cariche pubbliche in zone delle quali non sono originari e dove hanno vissuto per pochissimo tempo.

Nel Regno Unito il termine viene invece usato per riferirsi a persone che si uniscono ad associazioni e cooperative con l'intento di trasformarle in società a scopo di lucro per ottenere un guadagno personale.

Premesse[modifica | modifica wikitesto]

I propositi di riforma[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1862, migliaia di abolizionisti del nord e di altri riformatori si trasferirono in zone del sud dove la secessione degli stati confederati era fallita. Nel sud giunsero molti insegnanti e religiosi in missione, alcuni dei quali finanziati da chiese del nord. Molti di essi intendevano continuare la loro lotta in favore dell'uguaglianza razziale; spesso diventarono collaboratori del Freedmen's Bureau federale, che cominciò ad operare nel 1865 per aiutare gli schiavi liberati e i profughi bianchi. Il bureau fondò scuole pubbliche in zone rurali del sud dove non esistevano in precedenza. Altre persone originarie del nord che si trasferirono al sud lavorarono alla realizzazione di ferrovie dove tali infrastrutture mancavano[2][3].

Anche centinaia di donne bianche si trasferirono al sud, molte per fare da insegnanti ai bambini afroamericani da poco liberi[4]. Durante il periodo in cui le famiglie afroamericane erano state schiave la maggior parte degli stati del sud avevano proibito che ai bambini venisse insegnato a leggere e a scrivere o che in genere frequentassero la scuola.

Tuttavia, anche se molte persone del nord andarono a sud con l'intento di riformare il paese dopo la guerra civile, non tutti erano spinti da simili propositi[5].

Motivazioni economiche[modifica | modifica wikitesto]

Diversi carpetbagger erano uomini d'affari che acquistavano o affittavano piantagioni, diventando ricchi proprietari terrieri e ingaggiando gli ex-schiavi come lavoratori. Molti di essi erano ex soldati unionisti che volevano investire i propri risparmi in quella nuova promettente frontiera, oppure civili attirati a sud dai racconti della stampa che parlavano delle "favolose somme che si possono fare al sud coltivando il cotone". Gli investitori venivano accolti calorosamente[6]. Tuttavia Eric Foner osserva anche che "oltre alla ricerca di un profitto, questa gente aveva anche uno spirito riformatore e si vedevano come agenti della riconciliazione tra gruppi e della 'rinascita economica' del sud". Abituati a considerare la gente del sud - sia bianchi che neri - come privi di spirito di iniziativa e di autodisciplina, credevano che solo "il capitale e l'energia del nord" potessero portare "il dono di un'organizzazione del sistema del lavoro libera nella regione"[7].

I carpetbagger erano prevalentemente persone con una certa istruzione e provenienti dalla classe media. Alcuni erano stati avvocati, uomini d'affari, editori di giornali e avevano ricoperto posizioni di spicco nelle comunità del nord. La maggioranza (tra cui cinquantadue dei sessanta che furono eletti al Congresso nel periodo della Ricostruzione) erano veterani dell'esercito dell'Unione[8].

I carpetbagger neri più eminenti credevano allo stesso modo nei valori del capitale e del lavoro e pensavano che gli ex-schiavi meritassero più di una giusta possibilità nella gara della vita[9].

Molti repubblicani sia del nord che del sud condividevano la visione di una modernizzazione e una rivalutazione dell'economia e della società del sud, che avrebbe sostituito l'inefficiente sistema delle piantagioni con ferrovie, industrie e un migliore sistema di coltivazione. Furono molto attivi nel sostegno alla scuola pubblica e fondarono numerosi college e università. Quelli del nord ottennero particolare successo nel prendere il controllo delle ferrovie del sud, favoriti anche dai parlamenti locali. Nel 1870 persone originarie del nord controllavano il 21% delle ferrovie del sud (in chilometraggio); sempre dal nord proveniva il 19% dei dirigenti. Entro il 1890 controllavano l'88% delle ferrovie (in chilometraggio) e la percentuale di dirigenti dal nord salì al 47%[10].

Interesse privato e intenti speculativi[modifica | modifica wikitesto]

Tra i carpetbagger erano comunque presenti anche alcuni avventurieri che speravano di riuscire ad ottenere profitto dalla situazione usando metodi piuttosto discutibili.

Esempi di carpetbagger di spicco negli stati del Sud[modifica | modifica wikitesto]

Mississippi[modifica | modifica wikitesto]

Il generale unionista Adelbert Ames, originario del Massachusetts, fu nominato sovrintendente militare ed in seguito eletto governatore del Mississippi per il Partito Repubblicano durante la Ricostruzione. Ames tentò, senza riuscirvi, di assicurare l'eguaglianza di diritti ai neri che vivevano nello stato. Le sue battaglie politiche con gli abitanti del sud e gli afroamericani finirono per spaccare il suo stesso partito[11].

L'assemblea costituente multirazziale (soprannominata Black & Tan) del Mississippi del 1868 comprendeva 29 uomini originari del sud, 17 schiavi liberati e 24 non originari del sud, quasi tutti veterani dell'esercito dell'Unione. Tra questi c'erano anche quattro uomini che avevano vissuto al sud prima della guerra, due dei quali avevano prestato servizio nell'esercito confederato. Si distinguevano il generale Beroth B. Eggleston, originario di New York, che si era arruolato come soldato semplice in un reggimento dell'Ohio; il colonnello A. T. Morgan, del secondo reggimento volontari del Wisconsin; il generale W. S. Barry, ex comandante di un reggimento afroamericano del Kentucky, un generale e avvocato dell'Illinois laureatosi allo Knox College; il maggiore W. H. Gibbs, del 15º fanteria dell'Illinois; il giudice W. B. Cunningham, della Pennsylvania; il capitano E. J. Castello del 7º fanteria del Missouri. Tutte queste persone furono tra i fondatori del partito repubblicano del Mississippi ed ebbero un ruolo determinante nella conduzione politica dello stato fino al 1875, ma quasi tutti finirono per lasciare il Mississippi tra il 1875 e il 1876 per le pressioni delle organizzazioni paramilitari dei Red Shirts e dei White Liners. Queste, descritte come il braccio armato del partito democratico operavano alla luce del sole per rovesciare il governo repubblicano, servendosi di violenze e arrivando all'omicidio per intimidire i repubblicani, allontanarli dalle loro cariche e sopprimere il diritto di voto per gli ex-schiavi.[12][13][14].

Albert T. Morgan, lo sceriffo repubblicano di Yazoo, salì per un breve periodo all'attenzione delle cronache nazionali quando dei democratici bianchi in rivolta presero con la forza il controllo del paese, costringendolo a fuggire.

Il 6 novembre 1875 Hiram Rhodes Revels, repubblicano del Mississippi e primo afroamericano ad essere eletto Senatore degli Stati Uniti, scrisse una lettera al Presidente Ulysses S. Grant che finì per essere spesso ristampata e citata. Revels denunciava Ames e quelli come lui venuti dal nord per aver manipolato il voto dei neri per tornaconto personale e per aver volontariamente mantenuto vivo l'odio tra gruppi del tempo di guerra:

(EN)

« Since reconstruction, the masses of my people have been, as it were, enslaved in mind by unprincipled adventurers, who, caring nothing for country, were willing to stoop to anything no matter how infamous, to secure power to themselves, and perpetuate it..... My people have been told by these schemers, when men have been placed on the ticket who were notoriously corrupt and dishonest, that they must vote for them; that the salvation of the party depended upon it; that the man who scratched a ticket was not a Republican. This is only one of the many means these unprincipled demagogues have devised to perpetuate the intellectual bondage of my people.... The bitterness and hate created by the late civil strife has, in my opinion, been obliterated in this state, except perhaps in some localities, and would have long since been entirely obliterated, were it not for some unprincipled men who would keep alive the bitterness of the past, and inculcate a hatred between the races, in order that they may aggrandize themselves by office, and its emoluments, to control my people, the effect of which is to degrade them »

(IT)

« Dopo la Ricostruzione, la grande massa della mia gente è stata, per così dire, tenuta sotto una schiavitù mentale da avventurieri privi di scrupoli che, non importando loro nulla del paese, erano disposti ad usare qualsiasi mezzo, quanto ignobile non conta, per assicurarsi il potere e mantenerlo..... Alla mia gente è stato detto da questi malfattori che, nonostante fossero stati candidati uomini notoriamente corrotti e disonesti, dovevano votare per loro; che la salvezza del partito dipendeva da questo; che chi non l'avesse fatto non era un vero repubblicano. Questo è solo uno dei molti modi che questi demagoghi privi di principi hanno escogitato per rendere duratura la schiavitù intellettuale del mio popolo.... L'amarezza e l'odio creati dall'ultima parte della guerra civile sono stati, secondo me, dimenticati in questo stato, tranne forse in alcune località, e sarebbero stati dimenticati del tutto già da un pezzo se non fosse per alcuni scellerati che mantengono vivi questi brutti strascichi del passato e instillano l'odio razziale per potersi arricchire grazie ai posti pubblici e agli emolumenti che garantiscono e per controllare la mia gente che per effetto di quest'azione finisce per degradarsi »

(Hiram Rhodes Revels[15])

Carolina del Nord[modifica | modifica wikitesto]

La corruzione rappresentava una sfida impegnativa per i democratici della Carolina del Nord, nota lo storico Paul Lescott, "in quanto la sua esistenza era davvero evidente"[16]. Ad esempio, il generale Milton S. Littlefield, soprannominato Il principe dei carpetbagger, si servì di voti comprati per "sostenere progetti ferroviari grandiosi e fraudolenti". Escott conclude che alcuni democratici erano coinvolti, ma i repubblicani "avevano le responsabilità maggiori per l'emissione di 28 milioni di dollari in titoli di stato per le ferrovie e per la corruzione che ne derivò. La somma, enorme per l'epoca, attirò un grande interesse" Foner sostiene che Littlefield sborsò 200.000 dollari (in mazzette) per assicurarsi il sostegno economico dell'assemblea per le sue ferrovie e che sia i democratici che i repubblicani furono complici della manovra[17]. I democratici della Carolina del Nord definirono i membri dell'assemblea di stato "depravati farabutti, che prendono tangenti ogni giorno"[16].

Gli sperperi e la corruzione fecero aumentare le tasse e i costi dell'amministrazione in uno stato che si era sempre avvantaggiato dalle sue basse uscite. Questo tuttavia, accadeva nel contesto di una zona in cui la pressione della classe dei proprietari di piantagioni per avere tasse basse era indirizzata a beneficio di loro stessi soltanto. Usavano i soldi per fini privati invece che per realizzare investimenti pubblici. Nessuno degli stati dell'area aveva creato un sistema di scuole pubbliche prima che li creassero le assemblee del periodo della Ricostruzione e avevano sistematicamente evitato di investire in infrastrutture come strade e ferrovie. Le piantagioni che si trovavano sulle rive dei fiumi potevano contare sul trasporto fluviale, ma le fattorie più piccole dell'entroterra avevano grossi problemi.

Escott afferma: "Alcune somme finanziarono cause davvero utili - ad esempio l'assemblea del 1869 approvò una legge per la scuola che diede il via alla riorganizzazione e all'espansione delle scuole pubbliche dello stato - ma troppe finirono impiegate malamente o spese in maniera insensata" per aiutare il governo del partito repubblicano[16].

Albion W. Tourgée, originario dell'Ohio e amico del Presidente James A. Garfield si trasferì in Carolina del Nord per fare l'avvocato e poi il giudice. Una volta sostenne che "Gesù Cristo era un carpetbagger". In seguito scrisse A Fool's Errand, un romanzo ampiamente autobiografico su un carpetbagger idealista perseguitato dal Ku Klux Klan in Carolina del Nord.

Carolina del Sud[modifica | modifica wikitesto]

Il più importante uomo politico "carpetbagger" in Carolina del Sud fu Daniel Henry Chamberlain, un uomo del New England ex ufficiale di un reggimento composto in prevalenza da neri. Lavorò come procuratore generale della Carolina del Sud tra il 1868 e il 1872 e fu governatore per il partito repubblicano tra il 1874 e il 1877. In conseguenza del Compromesso del 1877 Chamberlain perse la propria carica, nonostante avesse cercato di essere rieletto in una tornata elettorale segnata da enormi frodi elettorali e dalla violenza esercitata contro gli ex schiavi da parte delle Red Shirts democratiche, che riuscirono praticamente ad annullare il voto dei neri in alcune contee a maggioranza afroamericana.[18]. Chamberlain, mentre rivestiva cariche pubbliche in Carolina del Sud fu un forte sostenitore dei diritti dei neri.

Alcuni storici dei primi anni trenta sostennero che Chamberlain più tardi venne sedotto dalla teoria del darwinismo sociale e divenne un supremazista bianco, sostenitore del liberismo economico. Nel 1896 sostenere la libertà significava sostenere il diritto di sottrarsi alla crescente richiesta di eguaglianza. Si dice che Chamberlain abbia giustificato la supremazia dei bianchi sostenendo che, in termini evoluzionistici, il negro apparteneva evidentemente ad un ordine sociale di livello inferiore.[19].

Anche Charles Stearns, originario del Massachusetts, scrisse un resoconto delle sue esperienze in Carolina del Sud, The Black Man of the South, and the Rebels: Or, the Characteristics of the Former and the Recent Outrages of the Latter (1873).

Francis L. Cardozo, un religioso nero di New Haven in Connecticut, svolse il ruolo di delegato all'assemblea costituente della Carolina del Sud del 1868; tenne degli splendidi discorsi, sostenendo che le piantagioni dovevano essere divise in parti e distribuite agli ex schiavi, che volevano la propria terra da coltivare, terra che avevano già pagato con anni di lavoro[19].

Louisiana[modifica | modifica wikitesto]

Henry C. Warmoth, governatore repubblicano della Louisiana tra il 1868 e il 1874, fu un politico meno idealista. Da governatore Warmoth fu bersaglio di accuse di corruzione che continuarono a lungo, anche dopo la sua morte. Sostenne il diritto di voto per i neri. Nello stesso tempo usò la propria posizione di governatore per trafficare in titoli di stato a suo unico beneficio. La società editrice di quotidiani di sua proprietà ottenne un remunerativo contratto dal governo. Warmoth rimase in Louisiana anche dopo la Ricostruzione e morì nel 1931 all'età di 89 anni[20].

Una vignetta che minaccia che il Ku Klux Klan avrebbe linciato i carpetbagger, tratta dall'Independent Monitor di Tuscaloosa (Alabama), 1868.

Alabama[modifica | modifica wikitesto]

George E. Spencer fu un importante Senatore degli Stati Uniti. La campagna per la sua rielezione in Alabama del 1872 lo espose ad accuse di tradimento politico dei colleghi; distrazione di fondi federali; appropriazione indebita di fondi pubblici; acquisto di voti; intimidazione degli elettori per mezzo della presenza di truppe federali ai seggi[21].

Georgia[modifica | modifica wikitesto]

Tunis Campbell, un uomo d'affari nero di New York, venne assunto nel 1863 dal Segretario di guerra Edwin M. Stanton per aiutare gli ex schiavi di Port Royal, in Carolina del Sud. Quando la guerra civile finì Campbell venne assegnato alle Sea Islands in Georgia, dove si impegnò in un programma di riforme, apparentemente baciato dal successo, in favore degli ex schiavi. Alla fine diventò vicepresidente del Partito repubblicano della Georgia, senatore dello stato e capo di una milizia afroamericana che sperava di riuscire ad usare contro il Ku Klux Klan[20].

Arkansas[modifica | modifica wikitesto]

William Hines Furbush, nato schiavo in Kentucky nel 1839, ricevette un'educazione in Ohio per poi migrare ad Helena, in Arkansas nel 1862. Tornato in Ohio nel febbraio 1865 si arruolò nel 42º fanteria, un reparto afroamericano, di Columbus. Dopo la guerra Furbush emigrò in Liberia grazie all'American Colonization Society. Tornò in Ohio dopo diciotto mesi e di nuovo in Arkansas nel 1870[22]. Furbush fu eletto in due occasioni alla camera dei rappresentanti dell'Arkansas, nel 1873-74 nella Contea di Phillips e nel 1879-80 nella Contea di Lee.

Nel 1873 lo stato approvò una legge per i diritti civili. Furbush e altri tre leader neri, tra cui il principale sostenitore del disegno di legge, il Senatore dello stato Richard A. Dawson, citarono in giudizio un barista di Little Rock per aver rifiutato di servirli. La causa risultò l'unica di questo tipo ad avere successo nel periodo della Ricostruzione proprio grazie alla legge sui diritti civili approvata. Durante la prima legislatura Furbush lavorò per creare una nuova contea, la Contea di Lee, a partire da porzioni della contee di Phillips, Crittenden, Monroe e St. Francis.

Terminato il mandato della legislatura del 1873 Furbush fu nominato sceriffo dal governatore repubblicano Elisha Baxter. Vinse le elezione a sceriffo per altre due volte, mantenendo l'incarico dal 1873 al 1878. Durante il mandato adottò una politica di "fusione" tesa a far condividere il potere a democratici e repubblicani nel periodo del dopo-Ricostruzione. Eletto in origine tra le file dei repubblicani, Furbush verso la fine del mandato da sceriffo passò tra i democratici. Nel 1878 venne eletto nuovamente al parlamento dell'Arkansas. La sua elezione è degna di nota perché fu eletto, nero, tra i democratici in una tornata elettorale famosa per le intimidazioni dei bianchi nei confronti dei neri e dei repubblicani nell'Arkansas orientale dove la maggioranza degli abitanti era nera. Furbush fu il primo democratico nero di cui si abbia notizia eletto nell'assemblea dell'Arkansas.

Nel marzo 1879 Furbush lasciò l'Arkansas per andare in Colorado, dove lavorò come analista di metalli e barbiere. A Bonanza (Colorado), riuscì a sfuggire a un linciaggio dopo aver sparato a un poliziotto uccidendolo. Il successivo processo lo vide assolto dall'accusa di omicidio. Tornò a Little Rock nel 1888 e poi andò nuovamente in Ohio.

Nel 1889 lui e E. A. Fulton, anch'egli un democratico nero, annunciarono il progetto National Democrat, una serie di riunioni settimanali fatte per attrarre elettori neri verso il Partito Democratico. Dopo il fallimento del progetto e l'approvazione nel 1891 da parte dei democratici bianchi di una legge elettorale che toglieva il diritto di voto alla maggior parte dei neri, Furbush lasciò lo stato. Si spostò in Carolina del Sud e in Georgia, ma presto anche questi stati tolsero il diritto di voto ai neri.

L'ultima tappa di Furbush fu la National Home for Disabled Veterans di Marion in Indiana, dove morì e fu sepolto il 3 settembre 1902[23].

Texas[modifica | modifica wikitesto]

I carpetbagger in Texas ebbero un ruolo minore. I repubblicani mantennero il potere dal 1867 al gennaio 1874. Solo un funzionario statale e un giudice della corte suprema di stato erano originari del nord. Dal nord venivano dal 13% al 21% dei giudici distrettuali, oltre a circa il 10% dei delegati che scrissero la costituzione della Ricostruzione del 1869. Dei 142 uomini eletti nella 12º legislatura solo tra 12 e 29 erano del nord. A livello di contee, le persone originarie del nord erano circa il 10% dei funzionari, giudici di contea e sceriffi[24].

Il newyorkese George T. Ruby venne inviato come agente del Freedmen's Bureau a Galveston, dove finì per stabilirsi. Eletto in seguito senatore del Texas, Ruby svolse un ruolo importante in vari progetti di sviluppo economico e nello sforzo di organizzare i portuali neri nel sindacato Labor Union of Colored Men. Quando la Ricostruzione finì Ruby diventò uno dei capi del movimento degli Exodusters, che incoraggiava i neri del sud a prendere degli appezzamenti di terreno in concessione trasferendosi in Kansas per sfuggire alla violenza dei sostenitori della supremazia bianca e all'oppressione della segregazione[24].

La posizione della storiografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli storici statunitensi della Scuola di Dunning (1900-1950) non vedevano con favore i carpetbagger, sostenendo che avessero contribuito a degradare la cultura politica e commerciale. La scuola revisionista degli anni trenta li definì come marionette che curavano gli interessi economici del Nord. Dopo il 1960, la scuola neoabolizionista iniziò a riabilitarli ponendo l'attenzione sul loro coraggio morale.

Uso del termine nei tempi moderni[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Il termine Carpetbagger viene impiegato per descrivere politici che si candidano ad una carica pubblica in un luogo con cui non avevano in precedenza alcun rapporto. Nel 1964 Robert Kennedy si spostò a New York per candidarsi al Senato e si liberò dell'etichetta di carpetbagger grazie al suo umorismo, iniziando un discorso pubblico con la frase "My fellow New Yorkites!" [25] Similmente, nel 2000 molti newyorkesi considerarono una carpetbagger Hillary Rodham Clinton quando si trasferì in città per concorrere per il Senato. Sia Kennedy che la Clinton finirono comunque per essere eletti.

Alcuni texani giudicarono un carpetbagger George W. Bush nella sua fallimentare campagna elettorale per il Congresso del 1978 contro il democratico Kent Hance, dal momento che era nato nel Connecticut ed aveva studiato ad Andover e a Yale; Bush però aveva passato la maggior parte della sua infanzia e della sua vita prima di impegnarsi in politica in Texas. Il problema della sufficiente texanità di Bush saltò nuovamente fuori nella campagna elettorale per la carica di governatore del 1994, che alla fine vinse.

Jeb Bush, fratello di George W. Bush, è stato eletto 43º governatore della Florida; alcuni lo considerano in buon esempio di carpetbagger contemporaneo, anche se si è trasferito in Florida diversi anni prima di iniziarvi la sua carriera politica.

Elizabeth Dole fu accusata da alcuni di essere una carpetbagger quando, nel 2002 si candidò al Senato in Carolina del Nord, seggio lasciato vacante da Jesse Helms. Nonostante la Dole fosse nata in Carolina del Nord se n'era andata da giovane (suo marito è Bob Dole, per molti anni Senatore del Kansas) ed era tornata solo per candidarsi dopo più di quarant'anni; la Dole vinse comunque le elezioni.

Nel 2004 il repubblicano Alan Keyes fu definito carpetbagger quando si trasferì in Illinois solo un mese prima dell'elezione per il Senato, che perse sconfitto da Barack Obama.

Anche John McCain fu accusato di essere un carpetbagger alla sua prima candidatura per il Congresso nel 1982. McCain rispose facendo osservare che, a causa del servizio nell'esercito prima di suo padre e poi suo e del periodo trascorso come prigioniero di guerra, non aveva mai vissuto molto a lungo in alcun luogo.

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Il termine carpetbagging è stato usato nel Regno Unito verso la fine degli anni novanta durante l'ondata di privatizzazioni (demutualizzazione) delle cooperative edilizie. Serviva ad indicare le persone che si univano alle cooperative con la speranza di ottenere veloci profitti dalla trasformazione delle società[26].

Nel linguaggio britannico contemporaneo quindi, la parola carpetbagger indica speculatori finanziari itineranti, spesso di modesti mezzi, che scorgono opportunità di investimento e mirano a ottenere vantaggio da circostanze che in condizioni normali non potrebbero sfruttare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Davidson, Gienapp, Heyrman, Lytle, Stoff. Nation of Nations: A Concise Narrative of the American Republic. 3rd. New York: McGraw Hill, 2002
  2. ^ The Scalawag in Alabama Politics. 1865–1881 by Sarah Woolfolk Wiggins. University of Alabama Press. 1991.
  3. ^ Those Terrible Carpetbaggers by Richard Nelson Current. Oxford University Press. 1988.
  4. ^ Self-Taught: African American Education in Slavery and Freedom - Williams, Heather Andrea, University of North Carolina Press, 2006
  5. ^ Those Terrible Carpetbaggers by Richard Nelson Current. Oxford University Press.1988
  6. ^ Foner 1988 pp 137, 194
  7. ^ Foner 1988 pp 137
  8. ^ Foner 1988 pp 294–295
  9. ^ Foner 1988 pp 289
  10. ^ Klein 1968 p. 269
  11. ^ Garner (1902); Harris (1979)
  12. ^ George C. Rable, But There Was No Peace: The Role of Violence in the Politics of Reconstruction, Athens, GA: University of Georgia Press, 1984, p.132
  13. ^ Nicholas Lemann, Redemption: The Last Battle of the Civil War, New York: Farrar, Strauss & Giroux, paperback, 2007, pp.80-87
  14. ^ Garner 187–88
  15. ^ Full text in Garner, p. 399–400.
  16. ^ a b c Escott 160
  17. ^ Foner 1988 pp 387
  18. ^ Nicholas Lemann, Redemption: The Last Battle of the Civil War, New York: Farrar, Strauss & Giroux, paperback, 2007
  19. ^ a b Simkins and Woody. (1932)
  20. ^ a b Foner (1968)
  21. ^ Woolfolk (1966); Foner (1968) p. 295
  22. ^ Wintory, William Hines Furbush: African-American Carpetbagger, Republican, Fusionist, and Democrat.
  23. ^ Foner Freedom's Lawmakers p. 79; Wintory 2004, 2006; Daniel Phillips Upham; Gov. Powell Clayton
  24. ^ a b Campbell (1994)
  25. ^ N.d.T. In italiano si può rendere come Miei concittadini di New York! ma la parola inglese fellow sottintende un concetto di uguaglianza ovvero di pari discendenza difficile da rendere.
  26. ^ Race Matthews, Looting the Mutuals: The Ethics and Economics of Demutualisation. Background Paper for an Address on "Succession and Continuance of Mutuals", Mutuality 2000: Continuing and Emerging Examples Conference, Brisbane, 16 aprile 2000. URL consultato il 0 agosto 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ash, Stephen V. When the Yankees Came: Conflict and Chaos in the Occupied South, 1861–1865 University of North Carolina Press, 1995.
  • Barnes, Kenneth C. Who Killed John Clayton. Duke University Press, 1998.
  • Brown, Canter, Jr. "Carpetbagger Intrigues, Black Leadership, and a Southern Loyalist Triumph: Florida's Gubernatorial Election of 1872" Florida Historical Quarterly, 1994 72 (3): 275–301. ISSN 0015-4113.
  • Bryant, Emma Spaulding. Emma Spaulding Bryant: Civil War Bride, Carpetbagger's Wife, Ardent Feminist; Letters and Diaries, 1860–1900 Fordham University Press, 2004. 503 pp.
  • Campbell, Randolph B. "Carpetbagger Rule in Reconstruction Texas: an Enduring Myth." Southwestern Historical Quarterly, 1994 97 (4): 587–596. ISSN 0038-478X
  • Richard Nelson Current. Those Terrible Carpetbaggers: A Reinterpretation (1988).
  • Currie-Mcdaniel, Ruth. Carpetbagger of Conscience: A Biography of John Emory Bryant, Fordham University Press, 1999.
  • Davidson, Gienapp, Heyrman, Lytle, Stoff. Nation of Nations: A Concise Narrative of the American Republic. 3rd. New York: McGraw Hill, 2002.
  • Durden, Robert Franklin; James Shepherd Pike: Republicanism and the American Negro, 1850–1882 Duke University Press, 1957
  • Paul D. Escott; Many Excellent People: Power and Privilege in North Carolina, 1850–1900, University of North Carolina Press, 1985.
  • Fleming, Walter L. Documentary History of Reconstruction: Political, Military, Social, Religious, Educational, and Industrial 2 vol 1906.
  • Foner, Eric. Freedom's Lawmakers: A Directory Of Black Officeholders During Reconstruction, Oxford University Press, 1993, Riedizione, 1996, LSU Press.
  • Foner, Eric. Reconstruction: America's Unfinished Revolution, 1863–1877 (1988). Harper & Row, 1988.
  • Fowler, Wilton B. "A Carpetbagger's Conversion to White Supremacy." North Carolina Historical Review, 1966 43 (3): 286–304. ISSN 0029-2494
  • Garner, James Wilford. Reconstruction in Mississippi (1902)
  • Harris, William C. The Day of the Carpetbagger: Republican Reconstruction in Mississippi Louisiana State University Press, 1979.
  • Harris, William C. "James Lynch: Black Leader in Southern Reconstruction," Historian 1971 34 (1): 40–61. ISSN 0018-2370.
  • Klein, Maury. "Southern Railroad Leaders, 1865–1893: Identities and Ideologies" Business History Review, 1968 42 (3): 288–310. ISSN 0007-6805 Fulltext in JSTOR.
  • Morrow, Ralph E.; Northern Methodism and Reconstruction Michigan State University Press, 1956.
  • Olsen, Otto H. Carpetbagger's Crusade: The Life of Albion Winegar Tourgee (1965)
  • Post, Louis F. "A 'Carpetbagger' in South Carolina," The Journal of Negro History Vol. 10, No. 1 (Jan., 1925), pp. 10–79 in JSTOR.
  • Simkins, Francis Butler, e Robert Hilliard Woody. South Carolina during Reconstruction (1932).
  • Tunnell, Ted. Edge of the Sword: The Ordeal of Carpetbagger Marshall H. Twitchell in the Civil War and Reconstruction. LSU Press, 2001.
  • Tunnell, Ted. "Creating 'the Propaganda of History': Southern Editors and the Origins of Carpetbagger and Scalawag," Journal of Southern History, (Nov 2006) 72#4.
  • Twitchell, Marshall Harvey. Carpetbagger from Vermont: The Autobiography of Marshall Harvey Twitchell. ed by Ted Tunnell; Louisiana State University Press, 1989. 216 pp.
  • Wiggins, Sarah Woolfolk; The Scalawag in Alabama Politics, 1865–1881. University of Alabama Press, 1991
  • Wintory, Blake. "William Hines Furbush: African-American Carpetbagger, Republican, Fusionist, and Democrat," Arkansas Historical Quarterly, 2004 63 (2): 107–165. ISSN 0004-1823
  • Wintory, Blake. "William Hines Furbush (1839–1902)" Encyclopedia of Arkansas History & Culture (2006).
  • Woolfolk, Sarah Van V. "George E. Spencer: a Carpetbagger in Alabama," Alabama Review, 1966 19 (1): 41–52. ISSN 0002-4341