Knights of Labor

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Nobile e Sacro Ordine dei Cavalieri del Lavoro (inglese "Noble and Holy Order of the Knights of Labor") è stata la più grande e una delle più importanti organizzazioni dei lavoratori americani degli anni '80 del XIX secolo. Il principale leader fu Terence V. Powderly. I Cavalieri promuovevano lo sviluppo sociale e culturale dei lavoratori, rifiutando socialismo e radicalismo, rivendicando la giornata lavorativa di otto ore, e promuovendo l'ideologia repubblicana degli Stati Uniti. In alcuni casi agì come un sindacato, negoziando coi datori di lavoro, ma non fu mai strutturalmente organizzata, e dopo una rapida espansione intorno alla metà degli anni '80, perse rapidamente i suoi nuovi membri e tornò a più modeste dimensioni.

Fu fondata nel 1869, raggiunse 28,000 membri nel 1880, e balzò a 100,000 neln 1885. Successivamente crebbe fino ai 700,000 membri nel 1886, ma la sua fragile struttura organizzativa non riuscì a resistere alle sconfitte e alla repressione governativa. La maggioranza degli iscritti abbandonò l'organizzazione nel biennio 1886-87, riducendola a 100,000 membri nel 1890.I resti dei Cavalieri del Lavoro sopravvissero fino al 1949, quando gli ultimi iscritti sciolsero l'organizzazione.

Storia dell'organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 1869, sette membri dell'Unione dei Sarti di Filadelfia, guidati da Uriah Smith Stephens e James L. Wright, fondarono un'organizzazione segreta sotto il nome di Nobile Ordine dei Cavalieri del Lavoro. Il collasso della National Labor Union nel 1873, aveva lasciato un vuoto per i lavoratori in cerca di unità. I Cavalieri rafforzarono l'organizzazione con uno sguardo sul piano nazionale quando rimpiazzarono Stephens con Terence V. Powderly. Il soggetto divenne popolare presso i minatori della Pennsylvania durante la crisi economica del 1873, così da crescere rapidamente.

Con la crescita degli iscritti, i Cavalieri cominciarono a lavorare più come un sindacato che come un'associazione solidaristica. Le assemblee locali cominciarono ad essere sempre più un luogo nel quale organizzare scioperi, più che per esaltare la cooperazione fra i lavoratori. Powderly si oppose agli scioperi definendoli un "relitto della barbarie" ma le dimensioni e la diversità dei Cavalieri garantirono alle assemblee locali un notevole grado di autonomia.

Nel 1882, i Cavalieri abbandonarono i rituali d'iniziazione e rimossero le parole "Nobile Ordine" dal loro nome. Ciò permise di avvicinare i Cattolici e superare lo scetticismo dei Vescovi che temevano i riferimenti alla massoneria. Nonostante l'iniziale contrarietà, i Cavalieri promossero numeri scioperi e boicottaggi. La loro maggiore vittoria fu nello sciopero del 1884 contro la Union Pacific Railroad. Lo sciopero della Wabash Railroad nel 1885 fu un altro successo significativo, che Powderly alla fine decise di supportare contribuendo alla vittoria contro la line sul fiume Wabash di Jay Gould. Gould fu costretto a incontrare Powderly e venire a patti con i Cavalieri. Questi sviluppi positivi diedero slancio all'organizzazione e portarono moltissimi nuovi iscritti, che nel 1886 raggiunsero la cifra di 700,000.

Gran Maestri Lavoratori[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • William C. Birdsall, The Problem of Structure in the Knights of Labor in Industrial and Labor Relations Review, vol. 6, nº 4, luglio 1953, pp. 532–546, DOI:10.2307/2518795, JSTOR 2518795.
  • Browne, Henry J. The Catholic Church and the Knights of Labor. Washington: Catholic University of America Press, 1949.
  • Case, Theresa Ann. The Great Southwest Railroad Strike and Free Labor (2010) 1886
  • Michael J. Cassity, Modernization and Social Crisis: The Knights of Labor and a Midwest Community, 1885-1886 in Journal of American History, vol. 66, nº 1, giugno 1979, pp. 41–61, DOI:10.2307/1894673, JSTOR 1894673.
  • Commons, John R. et al., History of Labour in the United States: Volume 2, 1860-1896. (4 vol 1918). vol 2
  • Conell, Carol, and Kim Voss. "Formal Organization and the Fate of Social Movements: Craft Association and Class Alliance in the Knights of Labor," American Sociological Review Vol. 55, No. 2 (Apr., 1990), pp. 255–269 in JSTOR, focus on steel industry
  • Fink, Leon. "The New Labor History and the Powers of Historical Pessimism: Consensus, Hegemony, and the Case of the Knights of Labor," Journal of American History Vol. 75, No. 1 (Jun., 1988), pp. 115–136 in JSTOR, historiography
  • Fink, Leon/ Workingmen's Democracy: The Knights of Labor and American Politics. Urbana: University of Illinois Press, 1983.
  • Grob, Gerald N. "The Knights of Labor and the Trade Unions, 1878-1886," Journal of Economic History Vol. 18, No. 2 (Jun., 1958), pp. 176–192 in JSTOR
  • Sidney H. Kessler, The Organization of Negroes in the Knights of Labor in Journal of Negro History, vol. 37, nº 3, luglio 1937, pp. 248–276, DOI:10.2307/2715493, JSTOR 2715493.
  • Kaufman, Jason. "Rise and Fall of a Nation of Joiners: The Knights of Labor Revisited," Journal of Interdisciplinary History Vol. 31, No. 4 (Spring, 2001), pp. 553–579 in JSTOR statistical study of competition with other unions and with fraternal societies for members
  • Donald L. Kemmerer, Edward D. Wickersham, Reasons for the Growth of the Knights of Labor in 1885-1886 in Industrial and Labor Relations Review, vol. 3, nº 2, gennaio 1950, pp. 213–220, DOI:10.2307/2518830, JSTOR 2518830.
  • Levine, Susan. "Labor's True Woman: Domesticity and Equal Rights in the Knights of Labor," Journal of American History Vol. 70, No. 2 (Sep., 1983), pp. 323–339 in JSTOR
  • Levine, Susan. True Women: Carpet Weavers, Industrialization, and Labor Reform in the Gilded Age. Philadelphia: Temple University Press, 1984.
  • Walter Licht, Gregory Kealey, Bryan Palmer e Leon Fink, The Knights of Labor Commemorated and Reconsidered: : Dreaming of What Might Be: The Knights of Labor in Ontario, 1880-1900; Workingmen's Democracy: The Knights of Labor and American Politics in Journal of Interdisciplinary History, vol. 16, nº 1, Summer 1985, pp. 117–123, DOI:10.2307/204327, JSTOR 204327.
  • Claudia Miner, The 1886 Convention of the Knights of Labor in Pylon, vol. 44, nº 2, 2nd Quarter, 1983, pp. 147–159, DOI:10.2307/275026, JSTOR 275026.
  • McLaurin, Melton Alonza. The Knights of Labor in the South. Westport, CT: Greenwood Press, 1978.
  • Phelan, Craig. Grand Master Workman: Terence Powderly and the Knights of Labor (Greenwood, 2000), scholarly biography online edition
  • Voss, Kim. The Making of American Exceptionalism: The Knights of Labor and Class Formation in the Nineteenth Century. Ithaca, NY: Cornell University Press, 1994. Sociological study.
  • Ware, Norman J. The Labor Movement in the United States, 1860 - 1895: A Study In Democracy. (1929).
  • Weir, Robert E. Beyond Labor's Veil: The Culture of the Knights of Labor. (Pennsylvania State University Press, 1996) online edition
  • Weir, Robert E. (1997). A fragile alliance: Henry George and the Knights of Labor. The American Journal of Economics and Sociology, 56, 421-439.
  • Weir, Robert E. Knights Unhorsed: Internal Conflict in Gilded Age Social Movement (Wayne State University Press, 2000)
  • Wright, Carroll D. "An Historical Sketch of the Knights of Labor," Quarterly Journal of Economics, vol. 1, no. 2 (January 1887), pp. 137–168. in JSTOR

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]