Californication (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Californication
Artista Red Hot Chili Peppers
Tipo album Studio
Pubblicazione 8 giugno 1999[1]
Durata 56 min : 17 s
Dischi 1
Tracce 15
Genere Alternative rock[1]
Funk rock[1]
Rap rock[1]
Etichetta Warner Bros. Records
Produttore Rick Rubin
Registrazione 1999
Certificazioni
Dischi d'oro Francia Francia (2x)[2]
(Vendite: 200.000+)
Germania Germania (3x)[3]
(Vendite: 750.000+)
Norvegia Norvegia[4]
(Vendite: 25.000+)
Dischi di platino Argentina Argentina (2x)[5]
(Vendite: 120.000+)
Australia Australia (8x)[6]
(Vendite: 560.000+)
Austria Austria (2x)[7]
(Vendite: 100.000+)
Belgio Belgio[8]
(Vendite: 50.000+)
Brasile Brasile (2x)[9]
(Vendite: 500.000+)
Canada Canada (6x)[10]
(Vendite: 600.000+)
Finlandia Finlandia[11]
(Vendite: 62.365)
Italia Italia (3x)[12]
(Vendite: 300.000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (8x)[13]
(Vendite: 120.000+)
Polonia Polonia[14]
(Vendite: 100.000+)
Regno Unito Regno Unito (3x)[15]
(Vendite: 900.000+)
Spagna Spagna (2x)[16]
(Vendite: 200.000+)
Stati Uniti Stati Uniti (5x)[17]
(Vendite: 5.000.000+)
Svezia Svezia (2x)[18]
(Vendite: 160.000+)
Svizzera Svizzera (2x)[19]
(Vendite: 100.000+)
Red Hot Chili Peppers - cronologia
Album precedente
(1995)
Album successivo
(2002)
Singoli
  1. Scar Tissue
    Pubblicato: 25 maggio 1999
  2. Around the World
    Pubblicato: 14 settembre 1999
  3. Otherside
    Pubblicato: 11 gennaio 2000
  4. Californication
    Pubblicato: 19 giugno 2000
  5. Road Trippin'
    Pubblicato: 18 novembre 2000 (solo in Europa)
  6. Parallel Universe
    Pubblicato: 2001 (singolo promozionale - solo negli Stati Uniti)

Californication è il settimo album del gruppo musicale statunitense Red Hot Chili Peppers, pubblicato l'8 giugno 1999 dalla Warner Bros. Records e prodotto da Rick Rubin. Californication segna il ritorno di John Frusciante, precedentemente comparso in Mother's Milk e Blood Sugar Sex Magik, che sostituisce Dave Navarro alla chitarra. Il ritorno di Frusciante coincide col cambiamento totale del sound del gruppo, segnando un notevole discostamento dallo stile del materiale registrato con Navarro. Fra i temi dell'album, oltre all'erotismico tipico della band, sono presenti anche l'avidità, la morte, il suicidio, la California e il viaggio.

Californication rappresenta il maggior successo commerciale dei Red Hot, con oltre 15 milioni di copie vendute in tutto il mondo,[20] di cui più di 5 milioni solo negli Stati Uniti,[21] e nel 2002 contava più di 4 milioni di copie vendute in Europa.[22] Dall'album furono estratti diversi singoli di successo, fra cui Otherside, Californication e Scar Tissue, quest'ultimo vincitore del Grammy Award. Californication ha raggiunto la terza posizione della Billboard 200. L'album ha segnato un cambiamento significativo nello stile del gruppo: secondo Greg Tate di Rolling Stone "mentre tutti i precedenti lavori dei Chili Peppers erano molto vivaci, Californication si permette di essere spirituale ed evocativo".[23]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Dave Navarro sostituì John Frusciante dopo la sua uscita dal gruppo

Il chitarrista John Frusciante lasciò il gruppo durante il tour del 1992, relativo all'acclamato Blood Sugar Sex Magik.[24] La band impiegò più di un anno per trovare un nuovo chitarrista con cui entrare ufficialmente in studio. Dave Navarro, membro dei Jane's Addiction, fu invitato ad entrare nei Red Hot, dopo il licenziamento di Arik Marshall, che aveva completato le date mancanti del tour di Blood Sugar Sex Magik.[25] Navarro influenzò il sound dell'album conseguente, One Hot Minute, aggiungendo elementi derivanti dall'heavy metal e dal rock psichedelico,[26] un qualcosa per il quale i Chili Peppers non erano noti. One Hot Minute ebbe un discreto successo commerciale, vendendo circa 5 milioni di copie (meno della metà rispetto al suo predecessore, Blood Sugar Sex Magik).[27] La critica, tuttavia, stroncò il disco, giudicandolo debole e sfocato.[26][28] Due anni dopo l'uscita di One Hot Minute, Dave Navarro venne licenziato a causa di divergenze con il resto della band.[29]

Negli anni seguenti alla sua uscita dai Red Hot, Frusciante sviluppò una forte dipendenza sia da eroina che da cocaina che lo portò alla povertà e vicino alla morte.[30] Gli amici lo convinsero ad entrare in riabilitazione nel 1998.[31] Nell'aprile 1998, in seguito al completamento dei tre mesi della riabilitazione di Frusciante, Flea fece visita al suo vecchio compagno e lo invitò apertamente a riunirsi al gruppo, e Frusciante accettò subito. Durante la stessa settimana, e per la prima volta dopo sei anni, il quartetto si radunò ed iniziò a suonare con la formazione storica nuovamente unita.[32]

John Frusciante rientrò nel gruppo su proposta di Flea

Scrittura e composizione[modifica | modifica wikitesto]

Gran parte dell'album venne scritta nelle case dei membri della band nell'estate 1998. Kiedis e Frusciante trascorsero molto spesso intere giornate assieme discutendo sulla creazione delle canzoni, sui riff di chitarra e sul contenuto lirico. Le parti di basso e percussioni vennero costruite attraverso jam session e il lavoro individuale di Flea e Chad Smith.[33]

I testi di Californication derivarono da Kiedis, dalle sue idee, prospettive e percezioni sulla vita e il suo significato. Porcelain è il risultato dell'incontro di Kiedis con una giovane madre al YMCA, che stava cercando di combattere contro il suo alcolismo mentre viveva con la piccola figlia.[34] Il sarcasmo era un concetto che Kiedis aveva affrontato in passato, e alla fine scrisse una canzone al riguardo. Fu ispirato dal vecchio compagno Dave Navarro, che considerava il "re del sarcasmo".[35] Frusciante approcciò la linea di chitarra presente in Scar Tissue come tentativo di utilizzare due note suonate lontane fra loro, ma che producono un "ritmo cool".[36] Egli affinò la sua tecnica nel suo album solista del 1994, Niandra LaDes and Usually Just a T-Shirt. Frusciante considera Scar Tissue come "un semplicissimo esempio di tecnica, ma penso sia uno stile che suona come me". Il chitarrista fece uso della slide guitar per gli assoli del brano.[36] La canzone Emit Remmus, che sarebbe "summer time" al contrario, fu ispirata dalla breve relazione di Anthony Kiedis con la cantante Melanie C delle Spice Girls.[37]

Get on Top, brano che vede un massiccio uso del pedale wah wah, nacque dopo una jam session svoltasi poco dopo che Frusciante ebbe ascoltato i Public Enemy: "me ne venni con [il ritmo della canzone] sulla strada per le prove - solamente battendo il ritmo col piede".[36] Il mite assolo nella parte centrale del brano fu inizialmente pensato come più notevole, stando a Frusciante, che stava suonando potenti assoli. Cambiò idea dopo avere ascoltato l'assolo di Steve Howe nel brano Siberian Khatru degli Yes: "il gruppo suonava in modo grandioso - e stanno suonando molto velocemente - e poi viene fuori questo assolo pulito. È bellissimo, come se fosse su un palco tutto suo. Per Get on Top volli suonare qualcosa che contrastasse fra l'assolo e l'accompagnamento."[36] Savior, canzone che si trova verso la fine dell'album, è caratterizzata da pesanti effetti, in particolare un Electro-Harmonix Micro Synth con un delay di 16 secondi.[36] Frusciante afferma che il sound è "ispirato direttamente dal modo di suonare di Eric Clapton nei Cream. Se ascolti le note effettive, sembrano quelle di un assolo di Clapton - non suonano come tale per via degli effetti."[36]

La hit Around the World, che rimanda alle vecchie sonorità funk dei Red Hot, venne strutturata da Frusciante a casa sua. Il ritmo ed il beat - tuttavia - sono complessi; questo gli richiese di suonare il brano col resto del gruppo piuttosto che da solo, per permettere agli altri di capirlo.[36] Il lick di basso venne composto in "probabilmente 15 minuti", stando a Frusciante: "Flea è il migliore bassista al mondo. Il suo senso del tempo ed il suo modo di pensare sono folli."[36] La title track fu una delle più difficili da completare. Frusciante si sentì costretto a scrivere un ensemble di chitarra appropriata all'intenso testo, ma gli fu difficoltoso.[38] La canzone progredì appena, e fu sul punto di essere scartata se non fosse stato per l'urgenza di Kiedis di includerla nel disco. Frusciante completò il riff finale appena due giorni prima delle registrazioni, dopo avere tratto ispirazione dalla suite Carnage Visors dei The Cure.[36][38] La title track venne immaginata come rappresentazione dello stile di vita californiano e, più specificamente, la "finta" natura che è associata a gran parte di Hollywood. Viene menzionato Kurt Cobain dei Nirvana e utilizza molte immagini per catturare la natura evocativa della California.[38]

Rick Rubin venne nuovamente scelto come produttore

L'album rappresenta un cambio di stile per i Chili Peppers, specialmente se paragonato al suo predecessore, One Hot Minute, che combina vari elementi heavy metal e di rock psichedelico. Benché Californication contenga ancora canzoni funk rock (Around the World, Get on Top, I Like Dirt, Purple Stain, Right on Time), si approccia verso riff più melodici (per esempio, Scar Tissue e Otherside) e si focalizza su canzoni che prediligono la struttura piuttosto che le jam session.[39]

Promozione e pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Rick Rubin produsse i loro precedenti due album. Nonostante ciò, i Red Hot decisero di cercare un altro produttore per Californication.[40] David Bowie mostrò grande interesse nel lavorare con la band e chiese loro di produrre il disco; tuttavia, i Chili Peppers scelsero di rimanere ancora con Rubin per Californication.[40] Rubin, in passato, concedette ai Red Hot libertà creativa per registrare il proprio materiale; questo era un qualcosa che la band ritenne necessario per rendere l'album unico, e poteva verificarsi solo con il suo ritorno.[41] Le registrazioni si tennero presso i Cello Studios di Los Angeles. All'inizio del 1999, durante le fasi di registrazione, la band suonò Californication, Otherside e Scar Tissue ai loro manager, e fu deciso che quest'ultima sarebbe stato il singolo principale dell'album.[42] Per supportare la formazione riunita, la band suono in vari balli di fine anno in tutto il paese per promuovere Californication.[42] Nacque una gara, che chiamò gli studenti delle scuole superiori a scrivere dei saggi su "come loro renderebbero le proprie scuole migliori, più sicure, più felici, più rock, così da non avere più paura di andare a scuola. Se scrivi il saggio, vinci un biglietto gratis per lo show."[42]

Californication venne pubblicato l'8 giugno 1999, debuttando alla posizione numero 5 ma arrivando fino alla numero 3 della Billboard 200. In Europa, arrivò alla posizione numero 5 della UK Top 40, numero 1 nella classifica finlandese, austriaca, svedese e neozelandese, e numero 2 nella French Top 40. Venne certificato disco d'oro solo un mese dopo la sua uscita, il 22 luglio 1999, e le sue continue vendite gli consentirono di venire certificato cinque volte disco di platino.[43] Nel marzo 2006, gli album dei Red Hot Chili Peppers vennero resi disponibili per il download digitale sull'iTunes Store.[44] Gli album comprati lì includevano nuove tracce precedentemente inedite (Fat Dance, Over Funk e Quixoticelixer). In Germania, fu il loro album più venduto, rimanendo in classifica per ben 114 settimane (più di due anni) e vendendo più di 750.000 copie, venendo certificato 3 volte disco d'oro.[45]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic[1] 4/5 stelle
Robert Christgau[46] *
Entertainment Weekly[39] B+
Los Angeles Daily News[47] 1.5/4 stelle
NME 6/10
Pitchfork Media[48] 6.8/10
Q[49] 4.5/5 stelle
Rolling Stone[23] 4/5 stelle
Rolling Stone Album Guide[50] 3/5 stelle

Californication ricevette critiche positive in confronto al suo meno fortunato predecessore, One Hot Minute, ed ebbe un maggiore successo mondiale.[1] Rolling Stone menzionò Kiedis per il suo drastico miglioramento vocale: "[le sue] corde vocali sembrano avere superato un incrocio e la riabilitazione, ritornando con un range mai sentito prima d'ora, intonazione, emotività e sensibilità melodica."[23] Canzoni come Otherside e Porcelain vennero paragonate allo stile dei The Smashing Pumpkins, mentre l'album nel suo complesso venne definito "suggestivo" e "i figli di puttana RHCP si stanno muovendo verso il Sacro Graal del funk: quel piccante matrimonio della mitologia esoterica e l'insaziabile musicalità che salva le anime, unisce le comunità e cura i malati."[23] Altri critici attribuirono il successo dell'album al ritorno di John Frusciante. Greg Prato di Allmusic disse che "la ragione ovvia per la rinascita [del gruppo] è la ricomparsa di John Frusciante", considerandolo la "quintessenza del chitarrista per i RHCP".[1] L'album nel suo complesso venne definito "un autentico classico dei Chili Peppers".[1] Anche Entertainment Weekly attribuì a Frusciante la trasformazione del sound della band in "più rilassato, meno stridente, e, a modo loro, più introspettivo come mai prima".[39] Mark Woodlief di Ray Gun commentò che This Velvet Glove azzecca un complesso bilanciamento fra l'accompagnamento acoustico e il rock da inno," continuando con "l'intro 'disco' di Parallel Universe sfocia in un rovente e vertiginoso motivo Western nel ritornello, e le escursioni di Frusciante in stile Hendrix alla fine del brano."[51]

Mentre molti critici trovarono fresco il nuovo sound del gruppo, NME criticò i Chili Peppers per avere utilizzato raramente il loro marchio di fabbrica funk, chiedendo: "Potremmo ora riavere indietro i nostri animali funk rock, senza cervello e vestiti a metà, per favore? Tutta questa finta empatia sta iniziando a farmi formicolare i nervi."[52] Pitchfork, che considerò l'album un trionfo rispetto One Hot Minute, sentì che Californication mancava del funk invece sempre presente in Blood Sugar Sex Magik.[48] Alcuni testi vennero giudicati troppo sessuali, mentre Frusciante venne definito il "il miglior chitarrista di alto livello di questo momento".[48]

Col passare degli anni, Californication ha mantenuto la sua popolarità. Scar Tissue vinse il Grammy Award alla miglior canzone rock nel 2000.[53] Nel 2003 l'album venne messo alla posizione 399 nella classifica dei 500 migliori album secondo Rolling Stone (ora alla posizione 401) e, nel 2006, i Red Hot registrarono una playlist di cinque brani per AOL Sessions, che includeva Scar Tissue e Californication.[54][55][56] L'album vanta un buon numero di hit per I Red Hot Chili Peppers; cinque canzoni su sedici nel loro Greatest Hits provengono da Californication.[57]

Problemi di qualità sonora[modifica | modifica wikitesto]

L'album venne molto criticato per quella che Tim Anderson del The Guardian chiamò "eccessiva compressione e distorsione" nel processo di masterizzazione digitale.[58] Stylous Magazine lo etichettò come una delle vittime della loudness war, commentando che esso soffriva talmente tanto di clipping digitale che "perfino i consumatori non audiofili se ne lamentarono".[59] Una versione con un mastering alternativo e con differenti tracklist e mixaggio, probabilmente un candidato pre-pubblicazione, circolò su Internet.[60]

Californication Tour[modifica | modifica wikitesto]

Immediatamente in seguito all'uscita di Californication, la band partì per un tour mondiale di supporto, iniziando dagli Stati Uniti. Per culminare la leg americana del loro tour, ai Red Hot venne chiesto di chiudere Woodstock 1999, cosa che divenne tristemente famosa per la violenza che ne risultò.[61][62] Poco prima del suo arrivo il gruppo venne informato che la folla e gli incendi nell'area erano ormai fuori controllo.[61] Mentre i Red Hot stavano suonando il brano Fire di Jimi Hendrix, per finire la propria scaletta e come tributo alla sorella di Hendrix, lo scompiglio sfociò in violenza quando alcune donne, che stavano facendo surf sulla folla e moshing, vennero violentate e una proprietà lì vicino venne saccheggiata e distrutta.[63][64][65][66] Kiedis sentì che "Era chiaro che questa situazione non avesse niente a che fare con Woodstock in alcun modo. Non rappresentava pace e amore, ma avidità e guadagno ... Ci svegliammo con i giornali e le radio che ci stavano demonizzando per avere suonato Fire."[64]

Per dare inizio al tour europeo, la band tenne uno show gratuito alla Piazza Rossa di Mosca, il 14 agosto 1999, davanti ad un pubblico di 200.000 persone.[67] Kiedis ricordò la situazione: "Piazza Rossa era così piena di russi attorno alle mura che avemmo bisogno di farci scortare dalla polizia per arrivare sul palco."[67] Dopo la leg europea, la band tenne uno show a New York, al Windows on the World, per i vincitori del contest di KROQ-fm, e poi al Big Day Out in Australia, dopo alcune date giapponesi.[68] Flea, tuttavia, cominciò a sentire le ripercussioni fisiche del tour, cosa che costrinse la band a tenere concerti meno energici, cosa che a sua volta portò al gruppo meno guadagno finanziario. Questi show avrebbero terminato il Californication Tour.[69] Fra gli ultimi spettacoli prima dell'uscita dell'album successivo, By the Way, il gruppò suonò al Rock in Rio 3.[70]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Anthony Kiedis, Flea, John Frusciante e Chad Smith.

  1. Around the World – 3:58
  2. Parallel Universe – 4:30
  3. Scar Tissue – 3:37
  4. Otherside – 4:15
  5. Get on Top – 3:18
  6. Californication – 5:21
  7. Easily – 3:51
  8. Porcelain – 2:43
  9. Emit Remmus – 4:00
  10. I Like Dirt – 2:37
  11. This Velvet Glove – 3:45
  12. Savior – 4:52
  13. Purple Stain – 4:13
  14. Right on Time – 1:52
  15. Road Trippin' – 3:25
Japanese edition bonus tracks
  1. Gong Li – 3:43
iTunes bonus tracks
  1. Fat Dance – 3:40
  2. Over Funk – 2:58
  3. Quixoticelixer – 4:48
Australian bonus disc
  1. Gong Li – 3:43
  2. How Strong – 4:42
  3. Instrumental #2 – 2:43

Posizioni in classifica dell'album[modifica | modifica wikitesto]

Classifica Posizione max
Australia Australia[71] 1
Austria Austria[72] 2
Belgio Belgio (Fiandre)[73] 6
Belgio Belgio (Vallonia)[73] 13
Canada Canada[74] 2
Paesi Bassi Paesi Bassi[75] 2
Europa Europa[76] 1
Finlandia Finlandia[77] 1
Francia Francia[78] 2
Germania Germania[79] 2
Irlanda Irlanda[80] 4
Italia Italia[81] 1
Giappone Giappone[82] 7
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[83] 1
Norvegia Norvegia[84] 1
Polonia Polonia[85] 22
Portogallo Portogallo[86] 2
Spagna Spagna[87] 1
Svizzera Svizzera[88] 2
Svezia Svezia[89] 1
Regno Unito Regno Unito[90] 2
Stati Uniti Billboard 200[91] 3

Posizioni in classifica dei singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Singolo Posizione massima
US
[92]
US
Mod

[92]
US
Main

[92]
UK
[90]
CAN
[93]
CAN
Alt

[94]
SWE
[89]
NZ
[83]
FR
[78]
SWI
[88]
1999 Scar Tissue 9 1 1 5 4 1 3 66
Around the World 108 7 16 15 18 35
2000 Otherside 14 1 2 13 32 1 19 5 65
Californication 69 1 1 16 59 1 37 8
Parallel Universe 37 29
Road Trippin' 30 44 91

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Californication in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ (FR) Les disques d'or, SNEP.
  3. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, BVMI.
  4. ^ (NO) Treffliste Trofeer, IFPI Norway.
  5. ^ (ES) Discos de Oro y Platino, CAPIF.
  6. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2006 Albums, Australian Recording Industry Association.
  7. ^ (DE) Gold & Platin, IFPI Austria.
  8. ^ (EN) Belgium Album 2000, BEA.
  9. ^ (PT) Red Hot Chili Peppers CD Todas as Premiaçµ¥s Todos os Anos Todas as Gravadoras, ABPD.
  10. ^ (EN) Gold & Platinum, Music Canada.
  11. ^ (FI) Red Hot Chili Peppers, Musiikkituottajat.
  12. ^ Red Hot Chili Peppers - Fight Like A Brave Un altro video del loro tour girato da Dick Rude, regista di tutta l'operazione, la Repubblica XL.
  13. ^ (EN) Top 50 albums, RIANZ.
  14. ^ (PL) Listy bestsellerów, wyróżnienia, ZPAV.
  15. ^ (EN) Certified Awards, BPI.
  16. ^ (ES) TOP 100 ALBUMES, PROMUSICAE.
  17. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA.
  18. ^ (SV) ÅR 2002, GLF.
  19. ^ (EN) Red Hot Chili Peppers Californication, IFPI Switzerland.
  20. ^ (EN) Billboard Magazine: 300 Best Selling Albums (Worldwide), Prince.org.
  21. ^ (EN) Chili Peppers get first US number one album, Music Week.
  22. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards - 2002, IFPI.
  23. ^ a b c d (EN) Greg Tate, Red Hot Chili Peppers - Californication, Rolling Stone.
  24. ^ Scar Tissue (2004), p. 295
  25. ^ Scar Tissue (2004), p. 307
  26. ^ a b (EN) One Hot Minute in Allmusic, All Media Network.
  27. ^ Scar Tissue (2004), p.344, 358, 401
  28. ^ (EN) Red Hot Chili Peppers Biography, Rolling Stone.
  29. ^ Scar Tissue (2004), p.361-377
  30. ^ (EN) Richard Skanse, Red Hot Redux, Rolling Stone.
  31. ^ (EN) John Frusciante in Allmusic, All Media Network.
  32. ^ Scar Tissue (2004), pp 389-400
  33. ^ Scar Tissue (2004), pp 401-406
  34. ^ Scar Tissue (2004), p. 404
  35. ^ Scar Tissue (2004),p. 409
  36. ^ a b c d e f g h i Matt Blackett (Settembre 1999), Return of the Prodigal Son", Guitar Player
  37. ^ (EN) Spice Girl Melanie C: Life as I know it, Express.co.uk.
  38. ^ a b c Scar Tissue (2004), p.407
  39. ^ a b c (EN) David Browne, Californication (1999), Entertainment Weekly.
  40. ^ a b Scar Tissue (2004), p. 420
  41. ^ Scar Tissue (2004), pp. 230–232, 320–321, 344, 424
  42. ^ a b c Scar Tissue (2004), p. 422
  43. ^ (EN) RIAA's Gold & Platinum Program, RIAA.
  44. ^ (EN) Jonathan Cohen, Billboard Bits: Coachella, Red Hot Chili Peppers, Zakk Wylde, Billboard.
  45. ^ (DE) Die ganze Musik im Internet: Charts, News, Neuerscheinungen, Tickets, Genres, Genresuche, Genrelexikon, Künstler-Suche, Musik-Suche, Track-Suche, Ticket-Suche, musicline.de.
  46. ^ (EN) Red Hot Chili Peppers, Robert Christgau.
  47. ^ (EN) Fred Shuster, Red Hot Chili Peppers/``Californication (Warner Bros.), Los Angeles Daily News.
  48. ^ a b c (EN) Brent DiCrescenzo, Red Hot Chili Peppers - Californication, Pitchfork Media.
  49. ^ (EN) Red Hot Chili Peppers - Californication CD, Q.
  50. ^ (EN) Red Hot Chili Peppers, Rolling Stone Album Guide.
  51. ^ Mark Woodlief (Agosto 1999) "Red Hot Chili Peppers Funking: The Power of Positive." Ray Gun
  52. ^ (EN) Kitty Empire, californication, NME.
  53. ^ (EN) 42nd Annual Grammy Awards nominations, CNN.
  54. ^ (EN) Red Hot Chili Peppers - 'Californication (Sessions@AOL Perfo Video by The Red Hot Chili Peppers), AOL.
  55. ^ (EN) Red Hot Chili Peppers, 'Californication', Rolling Stone.
  56. ^ (EN) Red Hot Chili Peppers Californication, acclaimedmusic.net.
  57. ^ (EN) Greatest Hits [Warner Bros.] in Allmusic, All Media Network.
  58. ^ (EN) Tim Anderson, How CDs are remastering the art of noise, The Guardian.
  59. ^ (EN) Imperfect Sound Forever, Stylous Magazine.
  60. ^ (EN) Californication Unmastered, Last.fm.
  61. ^ a b Scar Tissue (2004), p. 423
  62. ^ (EN) Red Hot Chili Peppers, MTV.
  63. ^ (EN) Alona Wartofsky, Woodstock '99 Goes Up in Smoke, Washington Post.
  64. ^ a b Scar Tissue (2004), p.424
  65. ^ (EN) Police investigate alleged rapes at Woodstock '99, CNN.
  66. ^ (EN) Repeated Violence Large block parties need supervision, The Lantern.
  67. ^ a b Scar Tissue (2004), p. 426
  68. ^ Scar Tissue (2004), p. 427
  69. ^ Scar Tissue (2004), p. 435
  70. ^ (EN) Really Randoms: Robbie Williams, Eminem, Rolling Stone.
  71. ^ (EN) RED HOT CHILI PEPPERS - CALIFORNICATION (ALBUM), australian-charts.com.
  72. ^ (EN) RED HOT CHILI PEPPERS - CALIFORNICATION (ALBUM), austriancharts.at.
  73. ^ a b (NL) Red Hot Chili Peppers - Californication, ultrapop.be.
  74. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 71, No. 17, August 28 2000, RPM.
  75. ^ (EN) RED HOT CHILI PEPPERS - CALIFORNICATION (ALBUM), dutchcharts.nl.
  76. ^ (EN) Hits of the World, Billboard.
  77. ^ (EN) RED HOT CHILI PEPPERS - CALIFORNICATION (ALBUM), finnishcharts.com.
  78. ^ a b (FR) RED HOT CHILI PEPPERS - CALIFORNICATION (ALBUM), lescharts.com.
  79. ^ (DE) RED HOT CHILI PEPPERS, musicline.de.
  80. ^ (EN) Hits of the World, Billboard.
  81. ^ (EN) Hits of the World, Billboard.
  82. ^ (EN) Hits of the World, Billboard.
  83. ^ a b (EN) RED HOT CHILI PEPPERS - CALIFORNICATION (ALBUM), charts.org.nz.
  84. ^ (NO) TOPP 40 ALBUM, lista.vg.no.
  85. ^ (PL) Officjalna lista sprzedaży, olis.
  86. ^ (EN) Hits of the World, Billboard.
  87. ^ (EN) Hits of the World, Billboard.
  88. ^ a b (EN) Red Hot Chili Peppers - Californication, swisscharts.com.
  89. ^ a b (EN) RED HOT CHILI PEPPERS - CALIFORNICATION (ALBUM), swedishcharts.com.
  90. ^ a b (EN) UK Top 40, everyhit.com.
  91. ^ (EN) Red Hot Chili Peppers, Billboard.
  92. ^ a b c Red Hot Chili Peppers single chart history, Billboard. URL consultato il 20 aprile 2007.
  93. ^ Red Hot Chili Peppers Top Singles positions (69–116), RPM. URL consultato l'8 settembre 2010.
  94. ^ Red Hot Chili Peppers Rock/Alternative positions (37–83), RPM. URL consultato l'8 settembre 2010.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock