Wah wah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un pedale wah-wah

Il wah wah (conosciuto anche come wah-wah o semplicemente wah) in musica è un effetto musicale che prende il nome dal caratteristico suono prodotto dal taglio e dal reinserimento graduale delle frequenze alte, vagamente assimilabile a un miagolio o a un vagito, da cui il nome onomatopeico. Per questo motivo l'effetto viene anche chiamato cry baby ("pianto di bambino"), da cui il marchio di fabbrica "Cry-Baby" della Jim Dunlop è il più famoso costruttore di pedali wah-wah per strumenti elettrici. Recentemente si sta diffondendo anche il pedale wah della Morley in ambito metal e ultimamente anche la Boss ha messo in commercio il PW-10, un pedale digitale che ha disposizione una manopola per renderlo simile ai tre pedali già citati. Un pedale wah wah modifica il suono dello strumento tramite un graduale cambiamento di tono tra acuti e bassi, regolati per mezzo di un apposito potenziometro azionato con la spinta del piede sul pedale rispettivamente verso la punta o verso il tacco.L'uso frequente del potenziometro,che durante un concerto potrebbe essere mosso centinaia di volte,ne può determinare l'usura.Per ovviare a ciò alcuni costruttori lo sostituiscono con un gruppo fotoresistenza-sorgente luminosa-barriera variabile:a seconda della posizione del pedale la barriera permette di illuminare più o meno la fotoresistenza che varierà quindi il proprio valore in modo proporzionale.

Wah digitali[modifica | modifica sorgente]

Il wah wah è uno dei pochi effetti musicali tradizionali che non sono stati soppiantati da versioni digitali o strumenti software di elaborazione del suono (almeno nelle esibizioni dal vivo). A differenza di altri effetti, infatti, il wah-wah non deve essere semplicemente inserito e disinserito in funzione del brano musicale da eseguire, ma viene controllato in modo continuo e a totale discrezione di chi lo usa, applicando un effetto potenzialmente diverso a ogni singola nota. Esistono tuttavia in commercio wah wah digitali, a costo relativamente basso, che applicano un effetto prefissato a ogni suono riprodotto.

Particolari tipi di wah sono gli auto wah, che sono costituiti generalmente dallo stesso circuito di un normale wah; la differenza sta nell'apparato che varia il cambiamento di tono: esso è sostanzialmente costituito da un oscillatore che pilota una resistenza variabile al posto del potenziometro collegato meccanicamente al normale pedale. Altri tipi di wah sono i wah dinamici, che utilizzano come parametro di controllo il volume della nota suonata: a volume più alto corrisponde un tono più acuto o più basso e viceversa. Esistono altri tipi di wah, come i wah ottici, a sequencer e digitali. Spesso questo genere di effetto è già caricato in versione digitale nei preset di numerose apparecchiature multi-effetto per chitarra, basso o per il trattamento della voce.

Chitarristi celebri nell'uso del wah-wah[modifica | modifica sorgente]

Il wah wah è un effetto molto noto tra i chitarristi e anche uno dei più antichi assieme al distorsore, al tremolo e al vibrato. Il suo utilizzo risale infatti agli anni sessanta. A renderlo celebre hanno contribuito grandi chitarristi che lo hanno spesso sfruttato con successo, tra cui: Frank Zappa, che rivendicava di essere stato il primo ad usarlo, Jimi Hendrix, Daisy Berkowitz, Steve Vai, Zakk Wylde, Kirk Hammett, Zim Zum, Jimmy Page (che accompagnava spesso l'effetto con la tecnica dell'arco per violino), Slash e Tom Morello. Pur essendo meno utilizzato insieme al basso, ne hanno fatto largo uso bassisti come Cliff Burton e Tim Commerford.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica