Chitarra decacorde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chitarra decacorde
JME ten string guitar.jpg
Informazioni generali
Invenzione XIX secolo
Classificazione Cordofoni composti, con corde parallele alla cassa armonica, a pizzico
Famiglia Liuti a manico lungo
Utilizzo
Musica contemporanea

La chitarra decacorde è una tipologia di chitarra a dieci corde invece delle sei canoniche, con le quattro corde aggiuntive usate per i toni gravi. Utilizzata per lo più per l'esecuzione di musica popolare, la sua accordatura è, partendo dalla corda più acuta, Mi - Si - Sol - Re - Do - Si - La - Sol - Fa - Mi[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Lo strumento nacque nel XIX secolo senza il tipico manico allargato, ma fu nel 1828 che Ferdinando Carulli usò una chitarra con dieci corde e un manico più largo costruita dal liutaio René Lacôte.

Nel Méthode complete pour la décacorde nouvelle guitare op. 293 vi sono alcune sue composizioni per questo strumento [1].

Sempre nello stesso periodo Johann Kaspar Mertz e Luigi Legnani adottarono una variante a otto corde.

Nel 1964 nasce la prima chitarra a dieci corde moderna ad opera del liutaio spagnolo Jose Ramirez III in collaborazione con il chitarrista Narciso Yepes [1].

Jose Ramirez III è o era il liutaio che ha costruito la chitarra decacorde moderna; Narciso Yepes era il grande chitarrista da lui contattato per provarla. Narciso Yepes elaborò la tecnica dell'esecuzione su chitarra a 10 corde moderna; appena provata esclamò: "in quale meraviglioso pasticcio mi son buttato".

Influente esponente di questo strumento in Italia è Angelo Amato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Storia della chitarra a dieci corde. URL consultato il 25 marzo 2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica