Anthony Kiedis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anthony Kiedis
Anthony Kiedis nel 2012
Anthony Kiedis nel 2012
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Alternative rock[1]
Funk rock[1]
Rap rock[1]
Periodo di attività 1983 – in attività
Etichetta Warner Bros. Records
EMI
Gruppo attuale Red Hot Chili Peppers
Album pubblicati 24
Studio 10
Live 7
Raccolte 7
Sito web

Anthony Kiedis (Grand Rapids, 1º novembre 1962) è un cantante e attore statunitense, cofondatore e frontman del gruppo rock Red Hot Chili Peppers.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Come racconta in Scar Tissue, libro autobiografico scritto dallo stesso Kiedis nel 2004, Anthony nasce il 1º novembre 1962 al St. Mary's Hospital di Grand Rapids, nel Michigan. Nasce dal matrimonio tra il padre John e la madre Peggy Nobel, entrambi americani. Dopo la nascita di Anthony la famiglia si trasferì in vari posti come Palm Beach, in Florida, per ragioni di lavoro. Il matrimonio tra John e Peggy non durò molto, infatti John tradì la moglie, successivamente ci fu il divorzio quando il piccolo Anthony aveva sei anni.

All'età di 11 anni si trasferisce dal padre a Los Angeles. Suo padre ebbe grande effetto su di lui quando crebbe. "Ho ereditato l'insaziabile desiderio di mio padre di conoscere tutte le donne più belle del mondo". Quando viveva dal padre iniziò a sperimentare varie droghe, a 11 anni iniziò a fumare erba, marijuana, che il padre trafficava come spacciatore. Sempre in quella età inizia a far piccoli furti nei supermecati con gli amici d'infanzia. Anthony perse la verginità pochi giorni prima del suo dodicesimo compleanno con una ragazza diciottenne di nome Kimberley Smith, ''compagna'' del padre in quel tempo.

Ben presto Anthony sperimentò un certo tipo di vita. Per quanto riguarda la sua carriera cinematografica, ha iniziato con il film F.I.S.T. in cui interpretava il figlio di Sylvester Stallone, e usava lo pseudonimo Cole Dammett. Un giorno, alla Fairfax High School conobbe un ragazzo australiano di nome Michael Balzary (meglio conosciuto come Flea) e da quel giorno furono indivisibili tanto da diventare il duo più selvaggio e pazzo di tutta la città.

Ai due si aggiunsero presto Hillel Slovak e Jack Irons, con i quali formarono i Red Hot Chili Peppers, esibendosi per la prima volta in un club losangelino nel febbraio 1983.

Dipendenza dalla droga[modifica | modifica sorgente]

Kiedis ha iniziato a fumare marijuana all'età di 11 anni, quando si trasferì a Los Angeles dal padre, che faceva un largo uso di droghe. Nella sua autobiografia ha raccontato che è stato proprio il padre, che spacciava, ad iniziarlo al consumo di marijuana e cocaina. Durante gli anni, Kiedis è spesso ricaduto nel tunnel della droga, in particolare cocaina ed eroina, di cui parla nella canzone Knock Me Down e Under the Bridge. Il primo tentativo di disintossicarsi venne messo in atto dopo la morte dell'amico, nonché chitarrista della band, Hillel Slovak (morto per un'overdose di speedball).

Kiedis entrò in riabilitazione nel 1988 e rimase pulito fino al 1994, periodo in cui ricominciò a fare uso di droghe per poi smettere definitivamente nel 2000, dopo l'uscita dell'album Californication. Da allora non si è più drogato e non ha mai più bevuto alcolici[2]. Nel marzo del 2007 ha rilasciato una intervista alla rivista musicale statunitense Blender, nella quale ha affermato: "È semplice essere un tossico, non è affatto semplice essere uno dei più grandi chitarristi di sempre o un grande scrittore". [senza fonte]

Dopo oltre vent'anni di speculazioni, nel maggio del 2012 è stato confermato che il luogo in cui Kiedis era solito far uso di droghe, e che ha ispirato la canzone Under the Bridge, corrisponde a MacArthur Park, a Los Angeles. Lo scrittore Mark Haskell Smith lo ha individuato basandosi su interviste rilasciate dal cantante e sulla sua autobiografia, Scar Tissue. Nel 1992 Kiedis aveva confessato alla rivista Rolling Stone che il ponte si trovava nella periferia di Los Angeles, ma aveva affermato "Non è importante. Non voglio che le persone lo cerchino".

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Anthony Kiedis 2006

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Ha avuto un figlio con la modella Heather Christie. Il bimbo è nato il 2 ottobre 2007 e si chiama Everly Bear; il particolare nome è dovuto alla passione di Anthony per gli Everly Brothers, il secondo nome invece è stato scelto dalla madre.
  • Ha interpretato il piccolo ruolo di Tone nel film cult Point Break - Punto di rottura, diretto da Kathryn Bigelow, al fianco di Patrick Swayze e Keanu Reeves.
  • Nel 1997, durante un viaggio in India, Anthony conosce il Dalai Lama.[2]
  • Nel 1983, all'interno del Kit Kat Club, un locale per spogliarelli, Anthony ebbe l'idea che diventerà un "must" negli show dei Red Hot: i socks on cocks, la band si esibisce senza niente addosso se non dei lunghi calzini sul pene.[2]
  • Nel 1984 Anthony ebbe un brutto incidente a Grand Rapids con l'auto della madre, a causa del quale dovette ricorrere ad un intervento di chirurgia plastica per la ricostruzione di uno zigomo. Dopo circa una settimana si esibisce comunque a New York con un'ingombrante maschera in gesso sulla faccia.[2]
  • Anthony assume ozono per via endovenosa come terapia preventiva contro l'epatite C.[2]
  • Nel 1999, in un'intervista al programma televisivo Sashimi, in onda su MTV Italia, Kiedis ha manifestato la sua simpatia e il suo apprezzamento nei confronti di Roberto Benigni, affermando di averlo conosciuto di persona e di amare i film Johnny Stecchino e La vita è bella. [4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c All Music Guide - Red Hot Chili Peppers
  2. ^ a b c d e Anthony Kiedis, Larry Sloman, Tissue', collana Strade blu, traduzione di Giuliana Picco, Mondadori, 2005. pp. 453. ISBN 88-04-53164-9
  3. ^ Past Celebrity 'Sexiest Vegetarian Alive' Winners
  4. ^ Anthony Kiedis parla di Roberto Benigni

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 84964807 LCCN: nb/2002/1854

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock