Bob Cratchit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robert Cratchit
Scrooge e Bob Cratchit
Scrooge e Bob Cratchit
Universo Canto di Natale
Lingua orig. Inglese
Autore Charles Dickens
Editore Chapman and Hall
1ª app. 1845
1ª app. in A Christmas Carol
Sesso Maschio
Luogo di nascita Regno Unito
Parenti
  • Tiny Tim (figlio)
  • Altri cinque figli
  • Moglie

Robert "Bob" Cratchit è il sottopagato, sfruttato e maltrattato impiegato di Ebenezer Scrooge nel racconto di Charles DickensCanto di Natale”. Il personaggio simbolizza la condizione dei lavoratori poveri dell’ottocento, costretti a lavorare in pessime condizioni per numerose ore al giorno.[1]

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

La prima volta che il lettore incontra Bob Cratchit, questo si trova in una piccola, fredda e sudicia stanzetta dell’ufficio di Scrooge, impegnato a ricopiare a mano decine di lettere per il suo padrone.

È di bassa statura ed indossa vari abiti cuciti e rammendati più volte e, come Dickens sottolinea, è troppo povero per permettersi un cappotto. Il suo salario è di circa 15 shilling a settimana, che sono insufficienti per poter sfamare tutta la famiglia anche per la cena di Natale.

Tuttavia Bob è un impiegato devoto e leale nei confronti del crudele padrone, che difende prontamente davanti alla moglie. Scrooge visita la casa di Bob in Camden Town il giorno di Natale e, precedentemente, nelle sue visioni accompagnato dallo Spirito del Natale Presente e dallo Spirito dei Natali Futuri. Sarà proprio vedendo la bontà di Bob e della sua famiglia che Scrooge troverà la via per cambiare vita.

Alla fine del racconto, Scrooge decide di promuovere Bob e di parlare del suo nuovo lavoro davanti a una tazza bollente di pudding.

I figli[modifica | modifica wikitesto]

Nel racconto vengono menzionati sei figli di Bob Cratchit, quattro dei quali hanno un nome:

  • Martha, la più grande, che lavora come apprendista in una cappelleria;
  • Belinda, la seconda figlia;
  • Peter, l'erede, per cui il padre ha trovato nuovi accordi di lavoro;
  • Un figlio di cui non si conosce il nome, ma chiamato Matthew in alcune versioni;
  • Una figlia piccola di cui si ignora il nome
  • Tim, il povero figlio minore sofferente di una malattia incurabile senza soldi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.time.com/time/magazine/article/0,9171,841001,00.html "Wall Street: Bob Cratchit Hours." Time. August 18, 1967.
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura