Vezzano Ligure

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vezzano Ligure
comune
Vezzano Ligure – Stemma Vezzano Ligure – Bandiera
Panorama di Vezzano Inferiore e Superiore
Panorama di Vezzano Inferiore e Superiore
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Liguria.svg Liguria
Provincia Provincia della Spezia-Stemma.png La Spezia
Amministrazione
Sindaco Fiorenzo Abruzzo (Lista civica di Centro-sinistra "Vezzano democratica") dal 26-5-2014
Data di istituzione 1797
Territorio
Coordinate 44°08′28.27″N 9°53′05.72″E / 44.141186°N 9.884922°E44.141186; 9.884922 (Vezzano Ligure)Coordinate: 44°08′28.27″N 9°53′05.72″E / 44.141186°N 9.884922°E44.141186; 9.884922 (Vezzano Ligure)
Altitudine 271 m s.l.m.
Superficie 18,37 km²
Abitanti 7 358[1] (31-3-2015)
Densità 400,54 ab./km²
Frazioni Bottagna, Buonviaggio, Carozzo, Fornola, Lagoscuro, Piano di Valeriano, Piano di Vezzano, Prati, San Venerio Basso, San Venerio Castello, Valeriano Lunense, Vezzano Superiore e Vezzano Inferiore
Comuni confinanti Arcola, Bolano, Follo, La Spezia, Santo Stefano di Magra, Sarzana
Altre informazioni
Cod. postale 19020
Prefisso 0187
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 011031
Cod. catastale L819
Targa SP
Cl. sismica zona 3A (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 758 GG[2]
Nome abitanti vezzanesi
Patrono Madonna del Molinello
Giorno festivo 3 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vezzano Ligure
Vezzano Ligure
Posizione del comune di Vezzano Ligure nella provincia della Spezia
Posizione del comune di Vezzano Ligure nella provincia della Spezia
Sito istituzionale

Vezzano Ligure (Vessàn in ligure, V-zàn nella variante locale[3]) è un comune italiano di 7 358 abitanti[1] della provincia della Spezia in Liguria. È il nono comune della provincia per numero di abitanti.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Vezzano Ligure assume una posizione centrale nella geografia spezzina. Il suo territorio mette in comunicazione tre dei quattro "distretti" spezzini come il Golfo, la val di Magra e la val di Vara.

Il suo ampio territorio comprende:

  • la collina dove sorge il capoluogo comunale, una posizione strategica da dove si può ammirare uno dei panorami più interessanti della zona, a 360° sul territorio circostante. Vezzano è suddiviso in due agglomerati, Vezzano Inferiore e Superiore, di poco distaccati tra loro.
  • la piana della val di Magra, confinante con Sarzana e Santo Stefano di Magra;
  • la piana della val di Vara, che mette in comunicazione Vezzano con la parte nord della provincia, attraverso i comuni di Bolano e Follo;
  • i territori limitrofi al Golfo della Spezia.

La sede amministrativa del Comune si trova al centro di Vezzano Alto e di Vezzano Basso, in piazza Giuseppe Mazzini.

Fanno parte anche del territorio le altre frazioni[4] di Bottagna, Buonviaggio, Carozzo, Fornola, Lagoscuro, Piano di Valeriano, Piano di Vezzano, Prati, Valeriano Lunense e Sarciara per un totale di 18,37 km2[5]. Confina a nord con i comuni di Follo e Bolano, a sud con La Spezia e Arcola, ad ovest con Follo e La Spezia e ad est con Bolano, Santo Stefano di Magra e Sarzana.

Il comune fa parte del Parco naturale regionale di Montemarcello-Magra[6].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Centro storico di Vezzano Ligure

Storicamente importante per la sua collocazione geografica, è ipotizzabile la presenza, prima della dominazione romana, di un insediamento preistorico dei Liguri o comunque di un "castellaro"[7].

Il primo documento ufficiale che parla espressamente della città di Vezzano è datato al 19 maggio 963[7] quando venne compilato dall'imperatore Ottone I di Sassonia per assegnare il castello, le fortificazioni e la corte al conte-vescovo di Luni.
Per tutto il XII secolo il potere rimase ben saldo nelle mani della Diocesi di Luni e ai Signori di Vezzano[7], questi ultimi signorotti locali che ottennero proprio dal vescovo l'investitura ufficiale[7].

Il 13 maggio del 1202 si celebrò il concordato di Terrarossa, con il cui atto si decisero le vertenze fra il vescovo di Luni e i marchesi Malaspina da una parte e i nobili di Vezzano dall'altra, circostanza in cui dovettero prestare il proprio consenso anche i consoli, i nobili e il popolo di Fosdinovo.[8]

Con il declino di tutte le piccole signorie della Lunigiana dalla metà del Duecento[7], ormai strette nella morsa del crescente potere territoriale della Repubblica di Genova e di nobili famiglie come i Malaspina e i Fieschi, o degli stessi vescovi di Luni rivendicanti antichi diritti feudali, anche la signoria vezzanese iniziò le prime cessioni territoriali e la rinuncia di molti diritti acquisiti. Ad approfittarne fu Genova che, con atto di fedeltà stipulato dai Vezzanesi nel 1253[7], inglobò quest'importante e strategica (in vicinanza della costa) parte del territorio feudale di Vezzano nei suoi domini di Levante, fino ad una completa annessione dal 1276[7] con la cessione alla repubblica (una vendita) del territorio amministrato dal nobile conte Nicolò Fieschi.

Durante il periodo rinascimentale Vezzano passò un periodo di relativa tranquillità e ricchezza che permisero alla città di guadagnare prestigio e autonomia; oltre a ciò il paese venne ampliato grazie alla costruzione di nuovi edifici. Questo momento di relativa pace venne meno intorno al XVI secolo quando i Genovesi iniziarono a preferire per i propri traffici commerciali le ben più agili vie di comunicazione che attraversavano la valle.

Con la nuova dominazione francese di Napoleone Bonaparte la costituita municipalità di Vezzano rientrò dal 2 dicembre 1797 nel Dipartimento del Golfo di Venere, con capoluogo La Spezia, all'interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile del 1798 con i nuovi ordinamenti francesi, Vezzano rientrò nel II cantone, come capoluogo ("Vezzano Soprano"), della Giurisdizione di Golfo di Venere. Dal 1803 fu centro principale del III cantone del Golfo di Venere nella Giurisdizione del Golfo di Venere. Annesso al Primo Impero francese, dal 13 giugno 1805 al 1814 venne inserito nel Dipartimento degli Appennini. Sotto il dominio napoleonico, la città non riuscì a recuperare l'antico splendore, nonostante i transalpini considerassero questo centro importante dal punto di vista strategico.

Nel 1815 fu inglobato nel Regno di Sardegna, così come stabilì il Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861. Dal 1859 al 1927 il territorio fu compreso nel III mandamento omonimo del Circondario di Levante facente parte della provincia di Genova prima e, con l'istituzione nel 1923, della provincia della Spezia poi.

Nel 1863 assunse la denominazione di Vezzano Ligure[9].

Durante la seconda guerra mondiale ospitò alcune fortificazioni di difesa del fronte terra come quella a difesa della strada di Buonviaggio.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Vezzano Ligure-Stemma.png
Vezzano Ligure-Gonfalone.png
« Tre culmini di monti con al centro un albero su fondo azzurro sormontato da una corona turrita »
(Descrizione araldica dello stemma[10])
« Drappo di azzurro... »
(Descrizione araldica del gonfalone[10])

Lo stemma è descritto nell'atto podestarile nº 129 del 1º dicembre 1931[5].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il primo e significativo nucleo abitativo è sorto a Vezzano intorno al X secolo, costituito da muri a secco che circondavano la roccaforte difensiva costituita dal castello e la torre. Due secoli più tardi venne eretta oltre le mura una torre a pianta pentagonale collegata con un ponte al castello. Attualmente sono visibili solo alcuni resti del castello mentre la torre è ancora in buono stato.

A seguito del matrimonio celebrato nel 1832 fra il marchese Pietro Giustiniani e la contessa Teresa Picedi, poi, la famiglia ereditò il sontuoso castello-palazzo di Vezzano Ligure, da sempre fulcro del potere e del prestigio di quest'area, che ha visto succedersi prima i signori di Vezzano e poi le famiglie Ottaviani, De Nobili, Malaspina, Picedi e, infine, Giustiniani; quest'ultimi edificarono nella frazione bolanese di Ceparana il proprio palazzo, chiamato “il castello”, sui resti dell'antica chiesa di San Venanzio di Luni.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Michele Arcangelo, sconsacrata, a Vezzano Inferiore. La sua prima menzione scritta è datata al 1224[12], anche se dell'originaria struttura tardo medievale mantiene pochi elementi architettonici[12]. Ha pianta unica e abside piana[12], nel corso del XV secolo fu fortificata con l'aggiunta di feritoie per armi da fuoco e scarpatura per adattare il sito allo scopo difensivo[12]. Nel XVI secolo fu riconvertita in oratorio[12] fino alla sua sconsacrazione (datazione sconosciuta).
  • Chiesa parrocchiale di Sant'Apollinare, del XVIII secolo e ad unica navata, nella frazione di Valeriano Lunense. L'organo è datato al 1876.
  • Chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo nella frazione di Bottagna.
  • Santuario-chiesa parrocchiale di Santa Maria del Molinello nella frazione di Prati di Vezzano. L'edificazione del santuario avvenne nel XVI secolo dopo l'apparizione mariana del 1523 alla paesana Caterina del Rosso durante la pestilenza che colpì il territorio.
  • Chiesa di San Siro, del XII secolo e parzialmente abbattuta nel 1880 per esigenze stradali.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Ospitale di San Nicola, lungo il percorso tra i paesi di Vezzano Inferiore e Superiore, già presente nel XIV secolo[12]. Da fonti storiche si apprende che nel XVI secolo[12] la struttura era divisa in due corpi: una cappella con annesso ricovero per viandanti o malati e una domus per predicatori. L'ospitale rimase attivo fino al XIX secolo[12]. In facciata una lapide in marmo reca la datazione 1705[12], forse l'anno del completamento e l'apertura della nuova struttura sei-settecentesca.
  • Palazzo Giustiniani con i resti delle antiche mura medievali a Vezzano Inferiore.
  • Ruderi del castello a Vezzano Superiore.
  • Arco di San Giorgio, a Vezzano Inferiore, del XIII-XIV secolo[12].

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Torre pentagonale del XIII secolo, alta circa quindici metri, a Vezzano Inferiore.
  • Forte di Monte Albano, a circa 2 km dalla frazione di Valeriano Lunense. Costruito nel 1887 come difesa verso il fronte terrestre, e poi utilizzato nella prima e seconda guerra mondiale con una dotazione fino a 38 bocche da fuoco da 120 mm, come parte integrante della rete di postazioni a presidio del Golfo dei Poeti.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[13]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

La torre pentagonale di Vezzano Inferiore

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2014, i cittadini stranieri residenti a Vezzano Ligure sono 349[14], pari al 4,73% della popolazione totale, così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[15]:

  1. Romania, 84
  2. Marocco, 73
  3. Albania, 50

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Nella zona di Vezzano Inferiore fu fondato nel 1889 il primo corpo musicale che assunse la prima denominazione di "Filarmonica del Basso Vezzano" e quindi Corpo musicale "Giuseppe Verdi". Nel 1891 fu invece costituito un gruppo musicale nell'altra zona di Vezzano Superiore, la "Pietro Mascagni". Le due bande proseguirono separate la loro storia fino al 29 luglio del 1945 quando, su comune accordo, si diede vita all'attuale Corpo Musicale "Giacomo Puccini".

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Palio dei Rioni Vezzanesi a settembre.
  • Sagra dell'uva e del vino.

Persone legate a Vezzano Ligure[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Scorcio del centro storico vezzanese

L'economia vezzanese è costituita da un mosaico di settori produttivi che vanno dalla media impresa, ai servizi, dall'agricoltura al turismo. Nel territorio è presente la zona retro portuale, scalo merci e movimento container provenienti dal porto della Spezia e quindi molte sono le imprese di logistica che operano nel settore dell'intermodalità.

L'agricoltura prevalentemente concentrata rispecchia la natura del territorio provinciale, e spiccano le coltivazioni di vite ed olivo, con conseguente produzione di vini ed olio d'oliva. Il turismo è strettamente legato a questi aspetti produttivi ed all'enogastronomia. Sono presenti infatti numerosi agriturismi e locali tipici.

Ecologia[modifica | modifica wikitesto]

In un'enclave territoriale del vicino comune di Santo Stefano Magra è presente l'unico impianto per TMB[16] presente nella provincia per la produzione di CDR. L'impianto è gestito dalla Veolia Environnement S.p.A., la stessa società proprietaria dell'inceneritore del Pollino (o di Falascaia) a Pietrasanta, impianto oggetto d'inchiesta della magistratura lucchese a causa delle presunte manomissioni al software dell'impianto che avrebbero segnalato valori di diossina inferiori rispetto alla realtà[17].

Dal 2005, nelle frazioni di Vezzano Alto e Vezzano Basso, è stato avviato un progetto di raccolta differenziata porta a porta.

Dal 2005, il Comune si è dotato di uno dei primi regolamenti italiani in materia di bioedilizia. Il regolamento prevede incentivi per l'uso di tecniche costruttive e materiali biocompatibili, in termini di minori oneri di fabbricazione, e di semplificazione dell'iter per ottenere i permessi edilizi. Pone un limite alle emissioni elettromagnetiche circa 10 volte più stringente di quello previsto dalla normativa nazionale.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Panorama della frazione di Valeriano

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Vezzano Ligure è attraversato principalmente dalle strade provinciali 16 (collegamento fra i due centri) e 10 che a sudest, nella località di Fornola, si innesta con la statale 1 Via Aurelia e con il raccordo-viadotto dell'autostrada A15; a nord la provinciale permette il collegamento con il territorio di Follo e poco prima con la provinciale 330 di Buonviaggio per la frazione di Ceparana nel comune di Bolano e con La Spezia.

Vezzano Ligure dispone di un proprio casello autostradale, situato sul raccordo che unisce il capoluogo spezzino all'autostrada A15.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Vezzano Ligure è dotata di una stazione ferroviaria, la stazione di Vezzano Ligure situata sulle linee Genova-Roma (Tirrenica) e Parma-La Spezia (Pontremolese).

La stessa è servita dalle relazioni regionali Trenitalia svolte nell'ambito dei contratti di servizio stipulati con la Regione Liguria e con la Regione Toscana, questi ultimi denominati anche "Memorario".

Sia l'uscita autostradale che la stazione ferroviaria si trovano in località Prati.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1951 1976 Lino Chella Partito Comunista Italiano Sindaco
1985 1995 Orlando Orlandi Partito Comunista Italiano Sindaco
1995 1999 Franco Cozzani Lista civica di centro-sinistra Sindaco
1999 2009 Paola Giannarelli Lista civica di centro-sinistra Sindaco
2009 in carica Fiorenzo Abruzzo Lista civica di centro-sinistra "Vezzano democratica" Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2015.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ I toponimi dialettali sono citati nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002.
  4. ^ Lo statuto del comune elenca nel documento ufficiale i vari paesi come "località", e non come "frazioni", raggruppandole nel seguente metodo: Valeriano-Buonviaggio-Carozzo, Bottagna-Piano di Valeriano-Lagoscuro, Piano di Vezzano I e II, Prati-Fornola. Tuttavia nel sito ufficiale dell'ente, nella sezione dedicata alla storia vezzanese, i paesi vengono riconosciuti come "frazioni" del comune.
  5. ^ a b Fonte dallo Statuto comunale di Vezzano Ligure
  6. ^ Fonte dal sito del Parco naturale regionale di Montemarcello-Magra
  7. ^ a b c d e f g Fonte dal sito del Comune di Vezzano Ligure-Cenni storici (PDF), comune.vezzanoligure.sp.it. URL consultato il 9 luglio 2011.
  8. ^ Massimo Dadà, Guida di Fosdinovo, La Spezia, Giacché, 2010, p. 36.
  9. ^ Regio decreto-legge 8 aprile 1863, n. 1234
  10. ^ a b Fonte dal sito Araldica Civica.it, araldicacivica.it. URL consultato il 6 novembre 2011.
  11. ^ Fonte dalla Guida d'Italia-Liguria del Touring Club Italiano, Milano, Mondadori, 2007.
  12. ^ a b c d e f g h i j Fonte dal sito del Comune di Vezzano Ligure-Approfondimenti storici-architettonici sui monumenti di Vezzano elaborati da Elena Vecchi, comune.vezzanoligure.sp.it. URL consultato il 13 agosto 2011.
  13. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  14. ^ Dato Istat al 31/12/2014
  15. ^ Dati superiori alle 20 unità
  16. ^ Impianto Saliceti in costruzione
  17. ^ Articolo del Tirreno

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN237439399