Laudivio Zacchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Laudivio Zacchia
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal (Bishop).svg
Nato 1565, Vezzano Ligure
Nominato vescovo 17 agosto 1605 da papa Paolo V
Consacrato vescovo 28 agosto 1605 dal cardinale Pietro Aldobrandini
Creato cardinale 19 gennaio 1626 da papa Urbano VIII
Deceduto 30 agosto 1637, Roma

Laudivio Zacchia (Vezzano Ligure, 1565Roma, 30 agosto 1637) è stato un cardinale e vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Papa Urbano VIII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 19 gennaio 1626.

Nominato inquisitore generale della Chiesa, specialmente deputato per l'eresia, fece parte del collegio inquirente contro Galileo Galilei, tuttavia non sottoscrisse la sentenza del 22 giugno 1633[1].

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Pro-Tesoriere generale della Camera Apostolica Successore Emblem Holy See.svg
Tiberio Cerasi maggio 1601 – aprile 1605 Luigi Capponi I
Costanzo Patrizi febbraio 1624 – marzo 1625 Girolamo Vidoni II
Predecessore Vescovo di Montefiascone e Corneto Successore BishopCoA PioM.svg
Paolo Emilio Zacchia 17 agosto 1605 - 13 maggio 1630 Gasparo Cecchinelli
Predecessore Cardinale presbitero di San Sisto Successore CardinalCoA PioM.svg
Francisco Gómez de Sandoval y Rojas 1626-1629 vacante dal 1629 al 1634
Predecessore Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore CardinalCoA PioM.svg
Luigi Capponi 1629-1637 Antonio Barberini
Controllo di autorità VIAF: (EN89739941 · GND: (DE1067676805 · BAV: ADV12041859