Circondario di Levante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Circondario di Levante
ex circondario
Localizzazione
StatoItalia Italia
ProvinciaCittà metropolitana di Genova-Stemma.png Genova
Provincia della Spezia-Stemma.png La Spezia
Amministrazione
CapoluogoSpezia
Data di istituzione1859
Data di soppressione1927
Territorio
Coordinate
del capoluogo
44°06′29″N 9°49′44″E / 44.108056°N 9.828889°E44.108056; 9.828889 (Circondario di Levante)Coordinate: 44°06′29″N 9°49′44″E / 44.108056°N 9.828889°E44.108056; 9.828889 (Circondario di Levante)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Circondario di Levante – Localizzazione

Il circondario di Levante era uno dei circondari in cui era suddivisa la provincia di Genova. Capoluogo era la città di Spezia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'annessione della Lombardia dal Regno Lombardo-Veneto al Regno di Sardegna (1859), fu emanato il decreto Rattazzi, che riorganizzava la struttura amministrativa del Regno, suddiviso in province, a loro volta suddivise in circondari. Il circondario di Levante fu creato come suddivisione della provincia di Genova; il territorio corrispondeva a quello della vecchia provincia di Levante del Regno di Sardegna.

Con l'Unità d'Italia (1861) la suddivisione in province e circondari fu estesa all'intera Penisola, lasciando invariate le suddivisioni stabilite dal decreto Rattazzi.

Nel 1923, a causa dello sviluppo demografico che aveva interessato la città di Spezia, il circondario di Levante fu innalzato allo status di nuova provincia (provincia di Spezia). Alla nuova provincia furono assegnati anche i comuni di Maissana e Varese Ligure, già nel circondario di Chiavari, e Calice al Cornoviglio e Rocchetta di Vara, già nel circondario di Massa[1].

Il circondario di Levante fu definitivamente abolito, come tutti i circondari italiani, nel 1927, nell'ambito della riorganizzazione della struttura statale voluta dal regime fascista[2].

Suddivisione amministrativa all'atto dell'istituzione (1859)[modifica | modifica wikitesto]

[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R.D. 2 settembre 1923, n. 1913
  2. ^ R.D.L. 2 gennaio 1927, n. 1, art. 3
  3. ^ Franco Bampi, La Provincia di Genova dopo la Legge Rattazzi, su www.francobampi.it. URL consultato il 18 novembre 2017.