St. Anger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
St. Anger
Artista Metallica
Tipo album Studio
Pubblicazione 5 giugno 2003
Durata 75:03
Dischi 1
Tracce 11
Genere Hard rock[1]
Heavy metal[1]
Etichetta Elektra
Produttore Bob Rock, Metallica
Registrazione maggio 2002–aprile 2003, HQ Studios, San Rafael (California)
Formati CD, CD+DVD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oro Brasile Brasile[3]
(vendite: 50 000+)
Giappone Giappone[4]
(vendite: 100 000+)
Polonia Polonia[5]
(vendite: 35 000+)
Spagna Spagna[6]
(vendite: 50 000+)
Dischi di platino Australia Australia (2)[7]
(vendite: 140 000+)
Austria Austria[8]
(vendite: 30 000+)
Canada Canada (2)[9]
(vendite: 200 000+)
Europa Europa[10]
(vendite: 1 000 000+)
Finlandia Finlandia[11]
(vendite: 35 725[12])
Germania Germania (2)[13]
(vendite: 600 000+)
Norvegia Norvegia[14]
(vendite: 50 000+)
Russia Russia[15]
(vendite: 20 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[16]
(vendite: 2 000 000+)
Svezia Svezia[17]
(vendite: 80 000+)
Svizzera Svizzera[18]
(vendite: 40 000+)
Metallica - cronologia
Album precedente
(1999)
Album successivo
(2008)
Singoli
  1. St. Anger
    Pubblicato: 23 giugno 2003
  2. Frantic
    Pubblicato: 15 settembre 2003
  3. The Unnamed Feeling
    Pubblicato: 12 gennaio 2004
  4. Some Kind of Monster
    Pubblicato: 13 luglio 2004

St. Anger è l'ottavo album in studio del gruppo musicale statunitense Metallica, pubblicato il 5 giugno 2003 dalla Elektra Records.[19]

Si tratta del primo album dai tempi di ...And Justice for All che non presenta il bassista Jason Newsted, il quale abbandonò il gruppo nel gennaio 2001,[20] prima delle sessioni iniziali per la registrazione dell'album. Le parti di basso sono state curate dall'allora produttore del gruppo, Bob Rock. La copertina è stata disegnata per la prima volta da Pushead,[21] il quale aveva già collaborato con i Metallica alla realizzazione del booklet di ...And Justice for All (1988), nonché alle copertine di svariati singoli e magliette del gruppo.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che il bassista Jason Newsted abbandonò il gruppo il 17 gennaio 2001,[20] i Metallica decisero di proseguire la propria attività musicale abbozzando nuovo materiale tra aprile e maggio 2001.[22] Nel mese di luglio 2001, il frontman James Hetfield ha abbandonato temporaneamente il gruppo per entrare in un centro di riabilitazione dall'alcol,[23] periodo concluso intorno alla fine dell'anno.[24]

Nel mese di marzo 2002, venne rivelato che i produttori cinematografici Joe Berlinguer e Bruce Sinofsky si sarebbero occupati di riprendere i Metallica durante le fasi di composizione e registrazione dell'ottavo album in studio del gruppo,[25] cominciate nel mese di maggio 2002 agli HQ Studios di San Rafael (California) insieme al produttore Bob Rock, il quale ha anche curato le parti di basso.[21][26]

Nei primi giorni del mese di giugno, i Metallica uscirono momentaneamente dagli studi di registrazione per eseguire un concerto a sorpresa a San Francisco, in cui eseguirono quattro cover dei Ramones (registrate poco prima per una possibile inclusione nell'album tributo del noto gruppo punk),[27] alcuni brani dei primi album e un brano inedito, descritto come "heavy"[28] ed intitolato Dead Kennedy Rolls.[29]

Durante una conferenza tenuta a febbraio 2003, Hetfield fornì dettagli sull'album:[30]

« Questo nuovo album è come rivisitare i primi sentimenti innocenti ma incorporando le nostre esperienze. È come ricominciare in un modo. Questo album è così pieno di energia e, liricamente [parlando], è più profondo di quanto non lo sia mai stato perché coinvolge tutti gli altri ragazzi [del gruppo]. »

Il 24 febbraio venne invece rivelato il nome del nuovo bassista, Robert Trujillo, noto per essere stato membro dei Suicidal Tendencies nei primi anni novanta.[31] Trujillo non prese parte alle registrazioni finali dell'album ma eseguì tutti i brani dell'album in un concerto di prova tenuto agli HQ Studios, successivamente immortalata nel DVD bonus St. Anger Rehearsals.[32]

Il 9 aprile 2003 i Metallica annunciarono di aver concluso le registrazioni per St. Anger, rivelando la lista tracce e le date di pubblicazione, fissate rispettivamente per il 9 giugno in Europa e il giorno successivo nel resto del mondo.[33] La copertina fu invece rivelata il 16 dello stesso mese.[34]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

L'album venne promosso soprattutto da due tour, il Summer Sanitarium Tour 2003 e il Madly in Anger with the World Tour. Durante quest'ultimo, terminato nel 2004, furono suonate soprattutto i primi tre brani dell'album e solamente in alcuni casi venivano proposte altre tracce tratte dall'album.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett e Bob Rock.

  1. Frantic – 5:50
  2. St. Anger – 7:21
  3. Some Kind of Monster – 8:25
  4. Dirty Window – 5:24
  5. Invisible Kid – 8:30
  6. My World – 5:45
  7. Shoot Me Again – 7:10
  8. Sweet Amber – 5:27
  9. The Unnamed Feeling – 7:09
  10. Purify – 5:13
  11. All Within My Hands – 8:49
DVD bonus – St. Anger Rehearsals
  1. Frantic – 6:24
  2. St. Anger – 7:37
  3. Some Kind of Monster – 8:40
  4. Dirty Window – 6:24
  5. Invisible Kid – 8:54
  6. My World – 6:09
  7. Shoot Me Again – 7:24
  8. Sweet Amber – 5:54
  9. The Unnamed Feeling – 7:30
  10. Purify – 5:35
  11. All Within My Hands – 9:21

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
Produzione CD
  • Prodotto da Bob Rock e dai Metallica
  • Registrato e missato da Bob Rock
  • Assistito da Mike Gillies e Eric Helmkamp
  • Ingegneria digitale di Mike Gilles
  • Masterizzato da Vlado Miller ai Sony Studios, New York
Produzione DVD
  • Diretto da Wayne Isham
  • Prodotto da Dana Marshall
  • Editato da Greg e Gary Rodgers
  • Direttore della fotografia: Alex Poppas

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2003) Posizione
massima
Australia[36] 1
Austria[36] 1
Belgio (Fiandre)[36] 1
Belgio (Vallonia)[36] 3
Canada[37] 1
Finlandia[36] 1
Francia[36] 3
Germania[36] 1
Giappone[38] 1
Italia[36] 2
Norvegia[36] 1
Nuova Zelanda[36] 1
Paesi Bassi[36] 2
Polonia[39] 1
Portogallo[36] 1
Regno Unito[40] 3
Spagna[41] 2
Stati Uniti[42] 1
Svezia[36] 1
Svizzera[36] 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) St. Anger, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 3 febbraio 2015. Digitare "St. Anger" in "Keywords", dunque premere "Search".
  3. ^ (PT) Certificados, Associação Brasileira dos Produtores de Discos. URL consultato il 14 maggio 2015.
  4. ^ (JA) ゴールド等認定作品一覧 2003年1月~7月, Recording Industry Association of Japan, 10 agosto 2003. URL consultato il 13 novembre 2014.
  5. ^ (PL) Przyznane w 2003 roku, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 19 maggio 2015.
  6. ^ (ES) Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 2000–2003, 1ª ed., ISBN 84-8048-639-2.
  7. ^ (EN) Accreditations - 2003 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 14 maggio 2015.
  8. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 14 maggio 2015. Digitare "St. Anger" in "Titel", dunque premere "Suchen".
  9. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 14 maggio 2015.
  10. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards – 2003, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 2 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2014).
  11. ^ (FI) Kultalevyjen myöntämisrajat, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 14 maggio 2015.
  12. ^ (FI) Metallica, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 14 maggio 2015.
  13. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 14 maggio 2015.
  14. ^ (NO) IFPI Norsk Platebransje, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 2 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2012).
  15. ^ (RU) International 2003, 2m-online.ru. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2009).
  16. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 28 ottobre 2015.
  17. ^ (SE) Guld- och Platinacertifikat − År 2003 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry, p. 3. URL consultato il 14 maggio 2015.
  18. ^ (DE) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 14 maggio 2015.
  19. ^ (EN) St. Anger, Metallica. URL consultato il 20 dicembre 2013.
  20. ^ a b (EN) Jason Newsted Leaves Metallica, Metallica, 17 gennaio 2001. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  21. ^ a b (EN) Note di copertina di St. Anger, Metallica, Elektra Records, CD, 5 giugno 2003.
  22. ^ (EN) Studio Update From Lars, Metallica, 5 maggio 2001. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  23. ^ (EN) Metallica Statement to the Fans, Metallica, 17 luglio 2001. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  24. ^ (EN) Update from James, Metallica, 3 dicembre 2001. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  25. ^ (EN) Berlinger and Sinofsky Film Project, Metallica, 1º marzo 2002. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  26. ^ (EN) The Boys Are Back..., Metallica, 1º maggio 2002. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  27. ^ (EN) Ramones Tribute, Metallica, 3 giugno 2002. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  28. ^ (EN) Sorelle Saidman, Metallica Go Out for a Spin, Rolling Stone, 5 giugno 2002. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  29. ^ (EN) A Busy Week for Metallica, Metallica, 9 giugno 2002. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  30. ^ (EN) Press Conference Updates, Metallica, 5 febbraio 2003. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  31. ^ (EN) Metallica is a Full Unit Again!!, Metallica, 24 febbraio 2003. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  32. ^ (EN) St. Anger Bonus DVD, Metallica, 27 marzo 2003. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  33. ^ (EN) St. Anger is Finished, Metallica, 9 aprile 2003. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  34. ^ (EN) St. Anger Cover Art, Metallica, 16 aprile 2003. URL consultato il 10 gennaio 2014.
  35. ^ Trujillo esegue lo strumento esclusivamente nel DVD St. Anger Rehearsals.
  36. ^ a b c d e f g h i j k l m n (NL) Metallica - St. Anger, Ultratop. URL consultato il 28 novembre 2013.
  37. ^ (EN) Metallica – Chart history (Canadian Albums), Billboard. URL consultato il 28 novembre 2013.
  38. ^ Oricon Chart Database, Oricon. URL consultato il 20 gennaio 2009.
  39. ^ (PL) OLiS Chart, OLiS Chart. URL consultato il 25 giugno 2010.
  40. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 08 June 2003 - 14 June 2003, Official Charts Company. URL consultato il 28 novembre 2013.
  41. ^ (ES) Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  42. ^ (EN) Metallica – Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato il 28 novembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal