The Memory Remains

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Memory Remains
The Memory Remains video.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaMetallica
FeaturingMarianne Faithfull
Tipo albumSingolo
Pubblicazione11 novembre 1997
Durata4:38
Album di provenienzaReLoad
GenereHard rock
EtichettaElektra
ProduttoreBob Rock, James Hetfield, Lars Ulrich
Registrazionemaggio 1996-ottobre 1997, Plant Studios, Sausalito (California)
FormatiCD, 7"
Certificazioni
Dischi d'oroAustralia Australia[1]
(vendite: 35 000+)
Metallica - cronologia
Singolo precedente
(1997)
Singolo successivo
(1998)

The Memory Remains è un singolo del gruppo musicale statunitense Metallica, il primo estratto dal settimo album in studio ReLoad e pubblicato l'11 novembre 1997.[2]

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Composta da James Hetfield e Lars Ulrich, il brano parla di una celebrità del passato caduta nell'oblio, che vuole riacquistare fama ma ha cominciato ad impazzire dopo il suo declino. Si dice che vi siano riferimenti impliciti ai film Viale del tramonto (1956) e Gli spostati, con Marilyn Monroe ("Say yes... at least say hello...").

Al brano ha collaborato anche l'attrice e cantante britannica Marianne Faithfull.

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip, diretto da Paul Andresen, si basa su un concetto di surrealismo e antigravità. Vengono mostrati i Metallica mentre suonano su una grossa piattaforma mobile che viene ripetutamente fatta roteare su sé stessa. La piattaforma e il gruppo sono in realtà fermi e la stanza, una scatola gigante costruita appositamente, gira attorno ad essi. Viene inoltre mostrata Marianne Faithfull che canta in un corridoio buio e gira la manovella di un organo a rullo.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di James Hetfield e Lars Ulrich, eccetto dove indicato.

CD singolo – parte 1
  1. The Memory Remains – 4:38
  2. Fuel for Fire (Work in Progress with Different Lyrics) – 4:41 (James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett)
  3. Memory (Demo Version) – 6:41
CD singolo – parte 2
  1. The Memory Remains – 4:38
  2. The Outlaw Torn (Unencumbered by Manufacturing Restrictions Version) – 10:48
  3. King Nothing (Tepid Mix) – 5:07 (James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett)
CD singolo (Giappone)
  1. The Memory Remains – 4:38
  2. Fuel for Fire (Work in Progress with Different Lyrics) – 4:41 (James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett)
  3. King Nothing (Tepid Mix) – 5:07 (James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett)
  4. For Whom the Bell Tolls (Haven't Heard It Yet Mix) – 4:40 (James Hetfield, Lars Ulrich, Cliff Burton)
  5. Memory (Demo Version) – 6:41
  6. The Outlaw Torn (Unencumbered by Manufacturing Restrictions Version) – 10:48
7"
  • Lato A
  1. The Memory Remains – 4:38
  • Lato B
  1. For Whom the Bell Tolls (Haven't Heard It Yet Mix) – 4:40 (James Hetfield, Lars Ulrich, Cliff Burton)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1997) Posizione
massima
Australia[3] 6
Austria[3] 20
Belgio (Fiandre)[3] 28
Canada[4] 4
Finlandia[3] 1
Germania[3] 20
Irlanda[5] 13
Italia[6] 13
Norvegia[3] 3
Nuova Zelanda[3] 23
Paesi Bassi[3] 15
Regno Unito[7] 13
Spagna[8] 3
Stati Uniti[4] 28
Stati Uniti (mainstream rock)[4] 3
Svezia[3] 4
Svizzera[3] 30

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gavin Ryan, Australia's Music Charts 1988-2010, Mount Martha, Moonlight Publishing, 2011.
  2. ^ (EN) The Memory Remains, Metallica. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  3. ^ a b c d e f g h i j (NL) Metallica - The Memory Remains, Ultratop. URL consultato il 9 giugno 2015.
  4. ^ a b c (EN) ReLoad - Music Charts, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 9 giugno 2015.
  5. ^ (EN) The Memory Remains, irishcharts.ie. URL consultato il 9 giugno 2015.
  6. ^ Hit Parade Italia - Indice per Interprete: M, Hit Parade Italia. URL consultato il 9 giugno 2015.
  7. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100: 16 November 1997 - 22 November 1997, Official Charts Company. URL consultato il 9 giugno 2015.
  8. ^ (ES) Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock