Master of Puppets

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Master of Puppets
ArtistaMetallica
Tipo albumStudio
Pubblicazione3 marzo 1986
Durata54:45
Dischi1
Tracce8
GenereSpeed metal[1]
Thrash metal[1]
EtichettaElektra, Music for Nations
ProduttoreMetallica, Flemming Rasmussen
Registrazione1º settembre–27 dicembre 1985, Sweet Silence Studios, Copenaghen, Danimarca
FormatiCD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroItalia Italia[2]
(vendite: 25 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[3]
(vendite: 70 000+)
Canada Canada (6)[4]
(vendite: 600 000+)
Finlandia Finlandia[5]
(vendite: 57 647[6])
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[7]
(vendite: 15 000+)
Regno Unito Regno Unito[8]
(vendite: 300 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (6)[9]
(vendite: 6 000 000+)
Metallica - cronologia
Album precedente
(1984)
Album successivo
(1988)
Singoli
  1. Master of Puppets
    Pubblicato: 2 luglio 1986
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[1] 5/5 stelle

Master of Puppets è il terzo album in studio del gruppo musicale statunitense Metallica, pubblicato il 3 marzo 1986 dalla Elektra Records[10] e il 7 dello stesso mese dalla Music for Nations.[11]

Il disco si posizionò alla posizione 29 nella Billboard 200[12] e divenne il primo album dei Metallica a superare le 500.000 copie. Nel 2003, l'album è stato certificato sei volte disco di platino dalla RIAA per aver venduto oltre sei milioni di copie negli Stati Uniti d'America.[9] Prima dell'inizio dell'era SoundScan nel 1991, Master of Puppets ha venduto 4.578.000 copie.[13] Nel 2016 è stato inserito nella National Recording Registry dalla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d'America in quanto «culturalmente, storicamente, ed esteticamente significativo».[14]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Grazie alle doti compositive dei singoli componenti del gruppo, l'album riesce a ritagliarsi un posto di prima grandezza nel mondo del thrash metal; dalla maggior parte della critica specializzata viene considerato come il miglior album del gruppo, nonché uno dei più riusciti dischi heavy metal di sempre. Da notare la buonissima produzione per l'epoca (1986): come riportò il frontman James Hetfield in varie interviste, venne data una grande attenzione allo spessore e alla potenza del suono delle chitarre, caratteristiche che con il tempo divennero uno dei punti di riferimento per il genere.

Dall'album è stato estratto il singolo omonimo, pubblicato esclusivamente in Francia. Nel disco è inoltre presente il brano strumentale Orion, penultima composizione del bassista Cliff Burton prima della sua scomparsa avvenuta nel 1986.

Il 10 novembre 2017 il gruppo ha ripubblicato l'album in edizione rimasterizzata e presentata in varie edizioni, tra cui una deluxe comprensiva di concerti inediti, interviste e demo.[15]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Edizione standard[modifica | modifica wikitesto]

  1. Battery – 5:12 (James Hetfield, Lars Ulrich)
  2. Master of Puppets – 8:35 (James Hetfield, Lars Ulrich, Cliff Burton, Kirk Hammett)
  3. The Thing That Should Not Be – 6:36 (James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett)
  4. Welcome Home (Sanitarium) – 6:27 (James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett)
  5. Disposable Heroes – 8:16 (James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett)
  6. Leper Messiah – 5:40 (James Hetfield, Lars Ulrich)
  7. Orion – 8:27 (James Hetfield, Lars Ulrich, Cliff Burton)
  8. Damage, Inc. – 5:32 (James Hetfield, Lars Ulrich, Cliff Burton, Kirk Hammett)
Tracce bonus nell'edizione di iTunes
  1. Battery (Live) – 4:53 (James Hetfield, Lars Ulrich)
  2. The Thing That Should Not Be (Live) – 7:02 (James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett)

Edizione deluxe[modifica | modifica wikitesto]

3 CD
  • CD 1 – Master of Puppets (Remastered)
  1. Battery – 5:12
  2. Master of Puppets – 8:35
  3. The Thing That Should Not Be – 6:36
  4. Welcome Home (Sanitarium) – 6:27
  5. Disposable Heroes – 8:16
  6. Leper Messiah – 5:40
  7. Orion – 8:27
  8. Damage, Inc. – 5:32
  • CD 2 – Riffs, Demos, Rough Mixes & Interviews
  1. Battery (Early June 1985 Demo) – 4:42
  2. Master of Puppets (Late June 1985 Demo) – 8:21
  3. The Thing That Should Not Be (September 1985 Drum Room Demo) – 6:22
  4. Welcome Home (Sanitarium) (Late June 1985 Demo) – 9:02
  5. Disposable Heroes (May 1985, Writing in Progress II) – 5:42
  6. Leper Messiah (1985, from James' Riff Tapes II) – 0:56
  7. Orion (November 1985, Work in Progress Rough Mix) – 8:23
  8. Damage, Inc. (1985, from James' Riff Tapes) – 1:55
  9. The Money Will Roll Right In (Work in Progress Rough Mix) – 2:58 – originariamente interpretata dai Fang
  10. The Prince (Work in Progress Rough Mix) – 4:50 – originariamente interpretata dai Diamond Head
  11. Metal Madness Magazine Interview with Cliff – 19:30
  • CD 3 – Live from the Damage, Inc. Tour
  1. Battery (Live at The Meadowlands, East Rutherford, NJ - April 21st, 1986) – 4:40
  2. Master of Puppets (Live at The Meadowlands, East Rutherford, NJ - April 21st, 1986) – 8:25
  3. For Whom the Bell Tolls (Live at Hampton Coliseum, Hampton, VA - August 3rd, 1986) – 5:15
  4. Ride the Lightning (Live at Grugahalle, Essen, West Germany - January 25th, 1987) – 6:16
  5. Welcome Home (Sanitarium) (Live at The Country Club, Reseda, CA - November 8th, 1986) – 6:00
  6. The Thing That Should Not Be (Live at the Aragon Ballroom, Chicago, IL - May 25th, 1986) – 6:16
  7. (Anesthesia) - Pulling Teeth (Live at the Aragon Ballroom, Chicago, IL - May 25th, 1986) – 2:58
  8. Damage, Inc. (Live at the Aragon Ballroom, Chicago, IL - May 25th, 1986) – 4:07
  9. Fade to Black (Fan Recording - Live at Solnahallen, Stockholm, Sweden - September 26th, 1986) – 6:33
  10. Seek & Destroy (Live at The Country Club, Reseda, CA - November 8th, 1986) – 6:18
  11. Creeping Death (Live at the Aragon Ballroom, Chicago, IL - May 25th, 1986) – 6:03
  12. The Four Horsemen (Live at Grugahalle, Essen, West Germany - January 25th, 1987) – 5:01
  13. Am I Evil? (Live at Hampton Coliseum, Hampton, VA - August 3rd, 1986) – 3:38 – originariamente interpretata dai Diamond Head
  14. Whiplash (Live at the Aragon Ballroom, Chicago, IL - May 25th, 1986) – 4:44

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1986) Posizione
massima
Regno Unito 41
Stati Uniti 29
Classifica (2004) Posizione
massima
Finlandia[16] 7
Classifica (2008) Posizione
massima
Australia 33
Classifica (2009) Posizione
massima
Messico 66

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Master of Puppets, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  2. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 2 novembre 2016.
  3. ^ (EN) Gavin Ryan, Australia's Music Charts 1988-2010, Mount Martha, Moonlight Publishing, 2011.
  4. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 27 marzo 2016.
  5. ^ (FI) Kultalevyjen myöntämisrajat, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 14 maggio 2015.
  6. ^ (FI) Metallica, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 14 maggio 2015.
  7. ^ (EN) Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  8. ^ (EN) BPI Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 27 marzo 2016. Digitare "Master of Puppets" in "Search BPI Awards" e premere Invio.
  9. ^ a b (EN) Metallica, Master of Puppets – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 12 maggio 2015.
  10. ^ (EN) Master of Puppets, Metallica. URL consultato il 26 agosto 2012.
  11. ^ (EN) Metallica in 1986, Metallica. URL consultato il 26 agosto 2012.
  12. ^ (EN) HEAVY METAL, WEIGHTY WORDS, The New York Times Company. URL consultato il 14 novembre 2010.
  13. ^ (EN) METALLICA's 'Black' LP Is Top-Selling Album Of SOUNDSCAN Era, Blabbermouth.net, 23 dicembre 2009. URL consultato il 13 agosto 2015.
  14. ^ (EN) METALLICA's 'Master of Puppets' Album Selected for Induction Into National Recording Registry, Blabbermouth.net, 23 marzo 2016. URL consultato il 25 marzo 2016.
  15. ^ (EN) Obey Your (Re)Master, Metallica, 29 agosto 2017. URL consultato il 6 novembre 2017.
  16. ^ Finnish Album Chart - Search. Retrieved on 2009-07-08.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal