Until It Sleeps

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Until It Sleeps
Until It Sleeps video.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
Artista Metallica
Tipo album Singolo
Pubblicazione 21 maggio 1996
Durata 4:33
Album di provenienza Load
Genere Heavy metal
Etichetta Elektra
Produttore Bob Rock, James Hetfield, Lars Ulrich
Registrazione maggio 1995-febbraio 1996, Plant Studios, Sausalito (California)
Formati CD, 10"
Certificazioni
Dischi d'oro Australia Australia[1]
(vendite: 35 000+)
Norvegia Norvegia[2]
(vendite: 25 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[3]
(vendite: 7 500+)
Stati Uniti Stati Uniti[4]
(vendite: 500 000+)
Svezia Svezia[5]
(vendite: 50 000+)
Metallica - cronologia
Singolo precedente
(1994)
Singolo successivo
(1996)

Until It Sleeps è un singolo del gruppo musicale statunitense Metallica, il primo estratto dal sesto album in studio Load e pubblicato il 21 maggio 1996.[6]

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Composta da James Hetfield e Lars Ulrich, ebbe successo notevole in radio e fu una delle prime a segnare la svolta sonora del gruppo alla fine degli anni novanta in quanto il brano presenta influenze hard rock, blues ed alternative rock. Il testo della canzone parla del cancro e di come abbia condotto alla morte la madre di Hetfield. Date le convinzioni religiose della famiglia, non ricevette alcun trattamento medico. Entrambi erano convinti che la fede l'avrebbe guarita, ma invano.[7]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip, diretto da Samuel Bayer e pubblicato il 23 maggio 1996, mostra concetti surreali che hanno a che vedere con la morte di un essere umano. Il concetto del video s'ispirava a vari quadri di Hieronymus Bosch. A parte delle immagini ispirate dai ritratti di Bosch, le figure che appaiono più spesso sono quelle di un mostro antropofago (da Trittico del Giardino delle delizie), la cacciata di Adamo ed Eva dall'Eden (da Haywain) e la crocifissione di Cristo (da Ecce Homo).

Cover[modifica | modifica wikitesto]

  • Gli Apocalyptica realizzarono una cover del brano nel loro album Cult del 2000.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD singolo – parte 1, 10"
  1. Until It Sleeps – 4:33 (James Hetfield, Lars Ulrich)
  2. 2 X 4 (Live) – 6:06 (James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett)
  3. F.O.B.D. (Aka Until It Sleeps - Early 'Writing in Progress' Version) – 4:56 (James Hetfield, Lars Ulrich)
CD singolo – parte 2
  1. Until It Sleeps – 4:36 (James Hetfield, Lars Ulrich)
  2. Kill/Ride Medley (Live) – 10:19 (James Hetfield, Lars Ulrich, Cliff Burton, Dave Mustaine)
  3. Until It Sleeps (Herman Melville Mix) – 4:20 (James Hetfield, Lars Ulrich)
CD singolo (Giappone)
  1. Until It Sleeps – 4:35 (James Hetfield, Lars Ulrich)
  2. Until It Sleeps (Herman Melville Mix) – 4:22 (James Hetfield, Lars Ulrich)
  3. Kill/Ride Medley (Live) – 10:19 (James Hetfield, Lars Ulrich, Cliff Burton, Dave Mustaine)
  4. 2 X 4 (Live) – 6:08 (James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett)
  5. Overkill (Live) – 4:11 (Lemmy Kilmister, Eddie Clarke, Phil Taylor)originariamente interpretata dai Motörhead
  6. F.O.B.D. (Aka Until It Sleeps - Early 'Writing in Progress' Version) – 4:59 (James Hetfield, Lars Ulrich)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1996) Posizione
massima
Australia[8] 1
Austria[8] 12
Belgio (Fiandre)[8] 8
Belgio (Vallonia)[8] 16
Canada[9] 5
Finlandia[8] 1
Francia[8] 10
Germania[8] 15
Irlanda[10] 3
Italia[11] 9
Norvegia[8] 2
Nuova Zelanda[8] 11
Paesi Bassi[8] 5
Regno Unito[12] 5
Spagna[13] 16
Stati Uniti[14] 10
Stati Uniti (alternative)[14] 27
Stati Uniti (mainstream rock)[14] 1
Svezia[8] 1
Svizzera[8] 22

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) ARIA Accreditations (1987-2010), Australian Recording Industry Association. URL consultato il 3 febbraio 2015.
  2. ^ (NO) IFPI Norsk Platebransje, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 2 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2012).
  3. ^ (EN) Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  4. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 9 giugno 2015.
  5. ^ (SV) Gold & Platinum 1987–1998 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry, p. 21. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  6. ^ (EN) Until It Sleeps, Metallica. URL consultato il 20 febbraio 2013.
  7. ^ (EN) Encyclopaedia Metallica - Song Info - Until It Sleeps, Encycmet.com. URL consultato il 10 maggio 2010.
  8. ^ a b c d e f g h i j k l (NL) Metallica - Until It Sleeps, Ultratop. URL consultato il 9 giugno 2015.
  9. ^ (EN) Top Singles - Volume 64, No. 2, August 26 1996, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 9 giugno 2015.
  10. ^ (EN) Until It Sleeps, irishcharts.ie. URL consultato il 9 giugno 2015.
  11. ^ Hit Parade Italia - Indice per Interprete: M, Hit Parade Italia. URL consultato il 9 giugno 2015.
  12. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100: 26 May 1996 - 01 June 1996, Official Charts Company. URL consultato il 9 giugno 2015.
  13. ^ (ES) Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  14. ^ a b c (EN) Load : Awards, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 9 giugno 2015.
Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal