Serie A 1955-1956 (rugby a 15)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie A 1955-1956
Competizione Serie A
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione 26ª
Organizzatore Federazione Italiana Rugby
Luogo Italia Italia
Partecipanti 10
Formula Girone unico
Risultati
Vincitore Treviso
(1º titolo)
Rugby Treviso 1956.jpg
Il Faema Treviso campione d'Italia 1955-56
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1954-55 1956-57 Right arrow.svg

Il Campionato di serie A 1955-56 fu il 26º campionato nazionale italiano di rugby a 15 di prima divisione.

Tenutosi a girone unico per la quinta stagione consecutiva[1], fu l'ultimo con tale formula prima di una ristrutturazione a gironi del campionato, che portò l'anno seguente il torneo ad allineare alla partenza 29 squadre; per tale ragione non furono previste retrocessioni nel campionato in oggetto[1].

Le squadre sponsorizzate furono due, in tale edizione di torneo: il Treviso, che già aveva abbinato il suo nome alla ditta Garbuio, si presentò nel nuovo campionato con il marchio di macchine per caffè espresso Faema; il Rho fu invece sponsorizzato dall'impresa edilizia Giudici.

Tra le altre curiosità statistiche, figura il ritorno dell'Associazione Sportiva Roma[1] che, già nell'immediato anteguerra, era stata presente al torneo, ma solo come marchio apposto sopra la Rugby Roma, mentre nell'edizione in oggetto presentò una propria squadra di rugby distinta dalla società bianconera.

Il Treviso si impose alla fine sul Parma e conquistò il suo primo scudetto, divenendo la sesta squadra a iscrivere il suo nome nell'albo d'oro del campionato italiano.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

  1ª/10ª giornata  
0-6 Milano - Parma 12-6
15-9 Petrarca - Rugby Roma 11-9
3-0 Rovigo - L'Aquila 0-6[2]
9-6 Rho - Amatori Milano 6-6
11-6 A.S. Roma - Treviso 0-8
  4ª/13ª giornata  
3-6 Amatori Milano - Milano 3-6
11-11 Parma - Treviso 0-3
9-3 Petrarca - Rovigo 3-6
0-8 Rugby Roma - A.S. Roma 0-6
3-0 L'Aquila - Rho 3-5
  7ª/16ª giornata  
3-3 Amatori Milano - L'Aquila 0-13
3-3 Treviso - Milano 5-0
9-9 A.S. Roma Milano 3-16
0-9 Petrarca - Rho 0-9
8-3 Rovigo - Parma 0-3
  2ª/11ª giornata  
6-11 Amatori Milano - Petrarca 14-11
3-0 L'Aquila - A.S. Roma 3-3
9-6 Treviso - Rovigo 17-10
32-3 Parma - Rho 8-3
0-13 Rugby Roma - Milano 3-29
  5ª/14ª giornata  
3-14 Parma - Petrarca 6-0
6-6 Milano - Rovigo 3-6
5-0 Treviso - Amatori Milano 0-0
6-9 Rho - A.S. Roma 3-22
3-12 Rugby Roma - L'Aquila 6-6
  8ª/17ª giornata  
3-3 A.S. Roma - Amatori Milano 6-6
8-3 Treviso - Rho 15-3
0-5 Milano - Petrarca 3-10
6-9 Parma - L'Aquila 6-0[3]
26-9 Rovigo - Rugby Roma 3-8
  3ª/11ª giornata  
0-11 A.S. Roma - Parma 0-3
0-0 Milano - L'Aquila 0-5
11-3 Petrarca - Treviso 0-9
17-0 Rovigo - Amatori Milano 0-3
9-0[4] Rho - Parma 3-3
   
0-0 Amatori Milano - Rugby Roma 3-29
9-3 L'Aquila - Treviso 0-17
3-0 A.S. Roma - Milano 14-6
0-0 Petrarca - ro 0-0
6-3 Rovigo - Parma 0-6[5]
  6ª/15ª giornata  
6-19 Amatori Milano - Parma 6-14
5-8 L'Aquila - Petrarca 0-14
8-21 Rho - Milano 3-6
5-14 Rugby Roma - Treviso 9-12
6-0 Rovigo - A.S. Roma 3-9

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P PF PS Pt
Scudetto.svg 1. Treviso 18 12 3 3 144 81 27
2. Parma 18 12 1 5 158 73 25
3. Petrarca 18 11 2 5 130 78 24
4. A.S. Roma 18 9 3 6 100 75 21
5. L’Aquila 18 8 4 6 84 77 20
6. Milano 18 7 3 8 114 93 18
7. Rovigo[6] 18 8 2 8 126 112 16
8. Rho 18 3 5 10 76 167 11
9. Amatori Milano 18 2 6 10 77 158 10
10. Rugby Roma 18 2 3 13 93 188 7

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Volpe, pag. 32
  2. ^ Per rinuncia
  3. ^ Per decisione del Giudice Sportivo a causa di incidenti allo stadio dell'Aquila
  4. ^ Sospesa a 7' dalla fine per rissa in campo; omologato il risultato acquisito
  5. ^ Per decisione del Giudice Sportivo dopo il ritiro dal campo del Rovigo
  6. ^ Due punti di penalizzazione (uno per la rinuncia, l'altro per abbandono del campo)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Volpe, Paolo Pacitti, Rugby 2009, Roma, ZESI, 2008.
Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby