Pino Strabioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pino Strabioli, all'anagrafe Giuseppe Strabioli[1] (Orvieto, 26 luglio 1963), è un regista teatrale, attore e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto a Orvieto, inizia a lavorare in teatro nel 1986 sotto la guida di Patrick Rossi Gastaldi, con il quale prende parte a spettacoli di cabaret (Valentin fest, Valentin kabaret, Kabaret kuche, Wunderbar, Da Gastone, Sufì, Milly)[2], dopodiché con la Compagnia Stabile del Piccolo Eliseo è nel cast di L'uomo, la bestia e la virtù di Luigi Pirandello e di Minnie la candida di Massimo Bontempelli, entrambe con la regia di Marco Parodi[3].

Esordisce in televisione nel 1992 a Telemontecarlo in T'amo TV, di Antonio Avati e Fabio Fazio; nel 1993 conduce Complimenti allo chef di Giorgio Calabrese e nel 1994 Senza fissa dimora, di Pietro Galeotti. Nello stesso periodo, inizia a collaborare con Rai 1 a Unomattina (edizioni 1993-94, 1994-95, 1995-96)[4] e Unomattina estate.

Mentre proseguono i lavori teatrali (da segnalare la partecipazione a I viaggi di Gulliver, nella versione di Paolo Poli, nella parte dell'autore Jonathan Swift[5]), nella stagione 1999-2000 è autore e conduttore di Souvenir d'Italie su Telemontecarlo. Dal 1999 al 2012 è autore e conduttore della striscia quotidiana di Rai 3 Cominciamo bene - Prima nella quale, nell'ultima stagione, è stato affiancato da Leo Sanfelice. Sempre per la stessa rete conduce il Cartellone di Palco e retropalco e Rivediamoli, come pure rubriche settimanali dedicate allo spettacolo dal vivo all'interno dei programmi Apprescindere e Elisir condotti da Michele Mirabella e Quante storie condotto da Corrado Augias.

Dopo aver condotto That's Italia (2012) con Filippa Lagerbäck su La7d, dove racconta usi e costumi degli italiani, torna su Rai 3 in prima serata con due cicli di Colpo di scena: l'edizione del 2014 dedicata ai grandi protagonisti della scena (Dario Fo, Paolo Poli, Giorgio Albertazzi, Franca Valeri, Piera Degli Esposti, Gigi Proietti, Valentina Cortese, e Carlo Giuffré) e l'edizione 2016 dedicata ai figli che raccontano i padri (Alessandro Gassman, Gianmarco Tognazzi, Simone Annicchiarico, Paolo Jannacci, Massimiliano Pani, Luca Manfredi e Giampiero Ingrassia), all'interno del programma Franca Valeri ricorda aneddoti dei sette attori.

Nel 2015, su Rai 3 presenta l'apprezzato E lasciatemi divertire (il titolo è un omaggio ad Aldo Palazzeschi), otto puntate dedicate ai vizi capitali, protagonista Paolo Poli.

Dal 2015 al 2018 è in tournée con Piera Degli Esposti nell'intervista spettacolo Wikipiera,[6]. Nelle stagioni 2015-2016 e 2016-2017 è in tournée con Sister Act, regia Saverio Marconi, nella parte di Monsignor O'Hara[7].

Nel 2016 conduce la diretta del Premio Strega su Rai3 e lo Speciale Colpo di scena dedicato a Carla Fracci in occasione dei suoi 80 anni.

Nel 2017 presenta per Rai 3: SanremoPoli[8] (le canzoni di Sanremo reinterpretate da Paolo Poli); Quella donna sono io[9] (in ricordo di Paolo Poli a un anno dalla scomparsa); Parlo da sola[10], due puntate dedicate ad Anna Marchesini.

Nel 2018, ancora su Rai 3 conduce Grazie dei fiori, 4 puntate sul Festival di Sanremo e i suoi protagonisti, e una quinta puntata, Grazie dei fiori speciale Festival di Sanremo, una riflessione sulla 68ma edizione del Festival[11]. In arte Patty Pravo[12], uno speciale dedicato alla "ragazza del Piper" in occasione dei suoi 70 anni.

Cura la direzione artistica della stagione di prosa di "Palazzo Santa Chiara" a Roma e del "Teatro Comunale" di Atri, in provincia di Teramo. In data 22 maggio 2017 fa parte del Consiglio di Amministrazione dell'Associazione TeMa che ha in gestione il "Teatro Mancinelli" di Orvieto.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gianfranco Gramola, Intervista a Pino Strabioli, su Interviste romane, 22 marzo 2014.
  2. ^ Fonte: Scheda biografica sul sito Rai Archiviato il 19 ottobre 2008 in Internet Archive.
  3. ^ Rodolfo Di Giammarco, Salto nel vuoto contro gli alieni, su la Repubblica, 10 aprile 1990.
  4. ^ Rodolfo Di Giammarco, Strabioli: dalla tv a Paolo Poli, su la Repubblica, 6 giugno 1996.
  5. ^ Franco Quadri, Paolo Poli una soubrette per Gulliver, su la Repubblica, 17 novembre 1996.
  6. ^ Giuseppe Sciarra, "Wikipiera", intervista spettacolo, su SaltinAria, 9 ottobre 2015.
  7. ^ "Sister Act" all'Alfieri con Suor Cristina, su la Repubblica, 12 gennaio 2017.
  8. ^ SanremoPoli, RaiPlay, febbraio 2017.
  9. ^ Quella donna sono io, RaiPlay, 25 marzo 2017.
  10. ^ Parlo da sola, RaiPlay, novembre 2017.
  11. ^ Grazie dei fiori, RaiPlay, gennaio-febbraio 2018.
  12. ^ In arte Patty Pravo, RaiPlay, 30 aprile 2018.
  13. ^ Maria Ersilia Milisenna, Anna Mazzamauro "Il mio omaggio in punta di piedi", su la Repubblica, 7 gennaio 2005.
  14. ^ "Fantasma d'amore" per ridere, su Gazzetta di Reggio, 22 marzo 2006.
  15. ^ Ariela Piattelli, La Mazzamauro «esorcizza» la signorina Silvani, su il Giornale, 7 dicembre 2006.
  16. ^ Ludovica Amoroso, Mazzamauro-Tedeschi ecco "Caro bugiardo", su la Repubblica, 19 settembre 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN304719927 · ISNI (EN0000 0004 1016 8376 · SBN IT\ICCU\CFIV\020850 · LCCN (ENno2013062789 · GND (DE1036426793