Geppi Cucciari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Geppi Cucciari (2017)

Geppi Cucciari, all'anagrafe Maria Giuseppina Cucciari (Cagliari, 18 agosto 1973), è una comica, cabarettista, conduttrice televisiva, conduttrice radiofonica, attrice ed ex cestista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Cagliari il 18 agosto 1973, cresce a Macomer, in provincia di Nuoro. Iniziati gli studi universitari a Cagliari, si trasferisce successivamente a Milano dove nel 2000 entra a far parte del laboratorio teatrale Scaldasole, mentre l'anno seguente, con una tesi in Diritto internazionale pubblico, si laurea in Giurisprudenza all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Nel 2001 entra a far parte del laboratorio artistico di Zelig[1]. Nel 2002 prende parte stabilmente al programma Pinocchio, condotto da La Pina su Radio Deejay, e sempre nello stesso anno, con il gruppo Scaldasole, partecipa al programma radiofonico Scaldanight, in onda su Radio Popolare. Sempre nel 2002 partecipa al programma Shorty and Spotty, con i Pali e Dispari, in onda su Happy Channel. Nella stagione teatrale 2002/2003 recita in due spettacoli teatrali: un monologo, scritto con Lucio Wilson, Meglio sardi che mai; e Maionese con la compagnia teatrale Burro Fuso, per la regia di Paola Galassi. Nel 2003 partecipa per la prima volta al programma cabarettistico Zelig Off, in onda in seconda serata su Italia 1. Nel 2004 partecipa al programma comico di MTV Comedy Lab, mentre l'anno successivo entra nel cast di Attacco allo Stato, film tv con Raoul Bova in onda su Canale 5, per la regia di Michele Soavi[2].

Dal 2005 al 2009 è una dei protagonisti di Zelig Circus, in onda in prima serata su Canale 5. Inoltre tra il 2005 e il 2008 è nel cast della sitcom Belli dentro, trasmessa su Canale 5, per cui ha vinto una Telegrolla come miglior attrice di sitcom nel 2006. Sempre dal 2005 inizia a collaborare con il settimanale Donna moderna. Nel 2006 pubblica il suo primo romanzo, Meglio donna che male accompagnata, scritto con la collaborazione di Lucio Wilson, autore con lei anche dello spettacolo teatrale che la vede protagonista, Si vive una volta. Sola, regia di Paola Galassi, portato in scena nella stagione teatrale 2007/2008. Nel 2007 conduce un programma tutto suo, Geppi Hour, in onda su Sky Show. Nello stesso anno, recita nel film Grande, grosso e... Verdone, per la regia di Carlo Verdone, che esce nelle sale cinematografiche il 7 marzo 2008. Dal 2009 partecipa al programma di seconda serata Victor Victoria, in onda su LA7, commentando i sondaggi riguardanti gli ospiti. Il 10 febbraio 2009 pubblica il suo secondo romanzo, dal titolo Meglio un uomo oggi, edito dalla Arnoldo Mondadori Editore.

Geppi Cucciari dialoga con il presidente del Senato Pietro Grasso

Dal 2009 alla fine del 2010, fa parte del cast del programma di LA7 condotto da Victoria Cabello Victor Victoria nei panni di un'improbabile sondaggista. Conduce insieme a Simone Annicchiarico le prime due stagioni (2010 e 2011) del talent show Italia's Got Talent in onda su Canale 5.[3] Nel dicembre 2010 ha partecipato come giurata alla puntata pilota della trasmissione televisiva Let's Dance, andata in onda su Canale 5. Dal 28 febbraio 2011 conduce G' Day, il nuovo preserale di LA7 e il 18 febbraio 2012 partecipa come ospite all'ultima serata del Festival di Sanremo su Rai 1, condotto da Gianni Morandi e Rocco Papaleo. L'11 marzo 2012 viene premiata al 52º Premio regia televisiva come miglior personaggio televisivo femminile dell'anno[4]. Partecipa il 5 maggio 2012 come giurata ad Amici su Canale 5. Da gennaio 2013 si occupa della copertina - nota come Agenda Geppi[5] - del programma Le invasioni barbariche con Daria Bignardi, in onda su LA7; a giugno lascia LA7 perché passa in Rai: infatti conduce nel dicembre 2013[6] il programma settimanale di seconda serata[7] di Rai 1 Dopotutto non è brutto insieme a Francesco Bonami[8] e dal gennaio 2014[9] conduce su Rai 3 insieme a Piero Dorfles[9] il programma Per un pugno di libri, sostituendo alla conduzione Veronica Pivetti[9].

Dall'ottobre 2014 è impegnata, nel ruolo di Morticia Addams, nel musical La famiglia Addams, insieme ad Elio (Gomez), Pierpaolo Lopatriello e Giulia Odetto[10]. Ha condotto, insieme a Gianni Morandi, la puntata di Zelig del 30 ottobre 2014[11]. Dal 14 settembre 2015 è conduttrice del programma radiofonico Un giorno da pecora su Rai Radio 2 e successivamente dal 12 settembre 2016 su Rai Radio 1 insieme a Giorgio Lauro. Dal 24 gennaio 2016, è conduttrice del programma Le iene affiancando alla conduzione Miriam Leone e Fabio Volo la domenica e Nadia Toffa e Pif nella puntata del martedì. Il 29 ottobre 2016 inizia a condurre insieme a Massimo Gramellini Le parole della settimana su Rai3. Nel 2017 ha doppiato Barbara Gordon, alias Batgirl, in LEGO Batman - Il film e ha avuto il ruolo di narratrice per il programma di seconda serata di Rai 3 I ragazzi del Bambino Gesù. Dal 2020 conduce su Rai 3 il programma Che succ3de?.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Appassionata di pallacanestro, fino a 26 anni ha giocato tra la C e la B nel San Salvatore di Selargius (CA) e nell'Elmas (CA), giungendo infine a giocare in serie A2 con la maglia della Virtus Cagliari[12]. Dal 2012 ha giocato nella Gammabasket Segrate in serie C[13][14].

Il 15 dicembre 2012 sposa a Milano il giornalista Luca Bonaccorsi, fondatore del mensile Terra[15][16][17], da cui successivamente si separa nel novembre 2016. In seguito Bonaccorsi l'ha accusata di atti persecutori.[18]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Web[modifica | modifica wikitesto]

  • Eites - Ottanta mi dà tanto (2016)

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Geppi Cucciari: biografia, video e programmi - Comedy Central, su comedycentral.it, 12 maggio 2015. URL consultato il 30 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2016).
  2. ^ Geppi Cucciari Cabaret e Teatro Comico, su cabareteventi.it. URL consultato il 7 luglio 2022 (archiviato il 15 aprile 2021).
  3. ^ Aldo Grasso, Talenti all'italiana (come alla Corrida), in Corriere della Sera, 14 aprile 2010, p. 71. URL consultato il 19 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 2010).
  4. ^ Simone Ziggiotto, Vincitori Premio TV 2012 - 52 Premio Regia Televisiva, su movietele.it, 10 marzo 2012. URL consultato il 7 luglio 2022 (archiviato il 29 agosto 2017).
  5. ^ Mario Manca, Dopotutto non è brutto: Gepi Cucciari approda su RAI1, su davidemaggio.it, 31 ottobre 2013. URL consultato il 7 luglio 2022 (archiviato il 25 novembre 2021).
  6. ^ Rai1 - Dopotutto non è brutto, su rai1.rai.it. URL consultato il 19 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2014).
  7. ^ Marco Leardi, Dopotutto non è brutto: Geppi Cucciari viaggia su RAI1, al posto di Bruno Vespa, su davidemaggio.it, 4 dicembre 2013. URL consultato il 7 luglio 2022 (archiviato il 16 settembre 2017).
  8. ^ Mario Manca, Dopotutto è veramente brutto: un puzzle incompleto con una Geppi più maestrina che allieva, su davidemaggio.it, 5 dicembre 2013. URL consultato il 7 luglio 2022 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2017).
  9. ^ a b c Marco Leardi, Per un pugno di libri: Geppi Cucciari rimpiazza Veronica Pivetti e si accontenta del sabato pomeriggio di RAI3, su davidemaggio.it, 21 gennaio 2014. URL consultato il 7 luglio 2022 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2021).
  10. ^ Atipikamente, La Famiglia Addams - FamilyShow, su familyshow.it. URL consultato il 30 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2016).
  11. ^ Mediaset, Video Zelig: Puntata del 30 ottobre - PUNTATE INTERE | MEDIASET ON DEMAND, su Video Mediaset. URL consultato il 30 giugno 2016.
  12. ^ Geppi Cucciari, su la Repubblica. URL consultato il 7 luglio 2022 (archiviato il 5 maggio 2019).
  13. ^ Stars... non solo sul parquet, su museodelbasket-milano.it. URL consultato il 7 luglio 2022 (archiviato il 28 ottobre 2020).
  14. ^ Geppi Cucciari la cestista [collegamento interrotto], su alganews.it, 19 giugno 2015.
  15. ^ Geppi Cucciari sposa il suo Luca Bonaccorsi sabato a Milano, su gossip.net1news.org. URL consultato il 15 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2012).
  16. ^ Francesca Camerino, Il matrimonio di Geppi Cucciari domani a Milano, su pinkblog.it, 14 dicembre 2012. URL consultato il 7 luglio 2022 (archiviato l'11 luglio 2018).
  17. ^ Geppi Cucciari si sposa. «E poi faccio un figlio» | DiariodelWeb.it
  18. ^ Geppi Cucciari, le accuse dell'ex marito: «È crudele, mi tortura», in Corriere della Sera, 15 dicembre 2016. URL consultato il 7 luglio 2022 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2022).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15965924 · SBN TO0V569368 · GND (DE133638049 · BNF (FRcb16989690t (data) · WorldCat Identities (ENviaf-15965924