Maya Rudolph

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maya Rudolph al Paley Center per la presentazione di Up All Night (2012)

Maya Khabira Rudolph (Gainesville, 27 luglio 1972) è un'attrice, comica, cantante e doppiatrice statunitense.

Membro del cast del Saturday Night Live dagli inizi degli anni 2000, è divenuta famosa imitando nel programma celebrità come Beyoncé, Oprah Winfrey e Donatella Versace, venendo riconosciuta con due Primetime Emmy Awards. Parallelamente Rudolph ha recitato in numerosi film, tra cui Le amiche della sposa, 50 volte il primo bacio, Le sorelle perfette e Vizio di forma, grazie a cui ha vinto un Independent Spirit Awards.

Rudolph ha inoltre interpretato ruoli in serie televisive, Up All Night e The Good Place, e doppiato numerosi personaggi di film e serie animate, tra cui Big Hero 6, The Angry Birds Movie, The LEGO Movie 2, Luca e Big Mouth, vincendo grazie a quest'ultimo due Primetime Emmy Awards.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maya Rudolph nasce a Gainesville in Florida da Richard Rudolph, produttore discografico, e della cantante Minnie Riperton.[1] Nel 1973, insieme ai genitori e al fratello maggiore, si trasferisce in California per assecondare la carriera musicale della madre, che poi muore nel 1979 per un cancro al seno, quando Maya aveva 7 anni. Lovin' You, una delle canzoni più celebri interpretate dalla Riperton, scritta assieme al marito, è dedicata a Maya. La canzone è stata inoltre registrata con in studio Maya (che allora aveva meno di un anno); si può infatti sentire verso la fine del brano la Riperton cantare più volte il nome della figlia, dettaglio che ha spesso cantato anche live, poiché la figlia stava piangendo nell'altra stanza, come si può persino sentire nella versione originale della canzone.

Frequenta la St. Augustine by the Sea School nella quale incontra l'amica d'infanzia Gwyneth Paltrow. Le famiglie Paltrow e Rudolph diventano amiche e nel 2000 lei e il padre ricoprono il ruolo di supervisori musicali nel film Duets nel quale recita Gwyneth. Nel 1990, si iscrive all'Università della California a Santa Cruz in fotografia[1] e fonda una band, i "Supersauce", con alcuni compagni di scuola. Dopo la laurea nel 1994, lascia la band e si unisce ai "The Rentals", capitanati da Matt Sharp, bassista dei Weezer.[2] Finita l'esperienza con i "The Rentals", Maya decide di seguire il suo sogno di diventare una attrice comica ed entra nella compagnia d'improvvisazione "The Groundlings".

Saturday Night Live[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 si unisce al cast del Saturday Night Live, dove rimarrà per 9 stagioni fino al 2007, per poi apparire altre dieci volte come presentatrice o guest star. Tra i personaggi da lei creati vi sono Leilani Burkela, psicologa degli animali, Jodi Diez nel Bronx Beat (in coppia con Betty, Amy Poehler), Megan, co-presentatrice di "Wake Up, Wakefield!", Brittanica delle cantanti Gemini Twins (in coppia con Ana Gasteyer), Shonda una delle modelle del Super Showcase (assieme a Kristen Wiig e Bill Hader) e molti altri personaggi.

Tra le sue imitazioni più frequenti e apprezzate vi sono Beyoncé, Liza Minnelli, Oprah Winfrey, Christina Aguilera, Donatella Versace, Kamala Harris, Halle Berry, Barbra Streisand, Maya Angelou, Jennifer Lopez, Michelle Obama, Whitney Houston, Tina Turner, Omarosa Manigault, Lisa Kudrow, Dionne Warwick e Ivanka Trump. La Rudolph possiede buone abilità canore che le permettono di imitare e parodiare al meglio le voci di diverse cantanti. Il suo aspetto le ha oltretutto permesso di impersonare senza troppo stacco visivo personaggi fisicamente differenti e di diverse etnie, tanto che era stata presa in considerazione per interpretare Obama, idea che lei stessa trovava ridicola.

Carriera post SNL[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte del cast dei film commedia-demenziale Idiocracy, Un weekend da bamboccioni, Vite da popstar e MacGruber, nato da una serie di sketch del Saturday Night Live con Will Forte e parodia della serie di MacGyver. Nel 2009 Sam Mendes la sceglie come co-protagonista accanto a John Krasinski per il film American Life. Nel 2011 è entrata a far parte del cast di Le amiche della sposa, scritto dalla sua ex collega del Saturday Night Live Kristen Wiig e nominato a svariati premi cinematografici. Lo stesso anno ha recitato nei film Friends with Kids, Il piano di Maggie, Le sorelle perfette e Wine Country. Ha avuto anche una parte nel film Vizio di forma nel 2014 e in nel 2021 in Licorice Pizza, scritti e diretti dal marito Paul Thomas Anderson.

Dal 2011 al 2012 è protagonista della serie TV della NBC Up All Night assieme a Will Arnett e Christina Applegate. Dal 2018 è protagonista, assieme a Fred Armisen, dello show di Amazon Forever. Presta inoltre la voce a vari personaggi nella serie animata di Netflix Big Mouth. È una delle protagoniste dello show animato Bless this Harts. Ha condotto, prodotto e scritto le serie di sketch televisive The Maya Rudolph Show nel 2014 e Maya and Marty assieme all'attore-comico Martin Short nel 2016, di cui sono stati prodotti sei episodi.

Ha inoltre partecipato a svariati speciali varietà televisivi tra cui A Very Murray Christmas, diretto da Sofia Coppola e condotto da Bill Murray, e lo speciale natalizio della Fox basato sull'omonimo film del 1983 A Christmas Story Live!, di cui è protagonista. È inoltre apparsa in molte sit-com tra cui Unbreakable Kimmy Schmidt (in cui interpreta Dionne Warwick), The Good Place, Brooklyn Nine-Nine, Portlandia, Documentary Now! e Drunk History. Ha inoltre dato voce a molti film d'animazione quali Shrek terzo, Big Hero 6, Angry Birds - Il film e The LEGO Movie.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2001 ha una relazione con il regista e sceneggiatore Paul Thomas Anderson. I due si sono conosciuti quando lui ha diretto uno sketch del Saturday Night Live durante il primo anno in cui Maya vi lavorava. La coppia vive a Los Angeles con i loro quattro figli: Pearl Minnie (2005), Lucille (2009),[3] Jack (2011) e Minnie Ida (2013).[4]

Paul Thomas Anderson ha dichiarato che l'idea per il suo film Il filo nascosto gli è venuta quando, da malato, ha notato come Maya sembrasse felice nel prendersi cura di lui e di come le dinamiche della loro relazione erano cambiate. [1] [2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Da doppiatrice è sostituita da:

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Critics' Choice Super Awards

  • 2021 - Candidatura al miglior doppiaggio in un film animato per The Willoughbys[5]
  • 2021 - Candidatura al miglior doppiaggio in una serie animata per Big Mouth[5]

Independent Spirit Awards

  • 2014 - Robert Altman Award per Inherent Vice[6]

NAACP Image Award

  • 2007 - Candidatura alla miglior attrice in una serie commedia per Saturday Night Live[7]
  • 2012 - Candidatura alla miglior attrice non protagonista in una serie commedia per Up All Night[8]

Primetime Emmy Awards[9]

  • 2012 - Candidatura alla miglior attrice-comparsa in una serie commedia per Saturday Night Live
  • 2018 - Candidatura alla miglior attrice-comparsa in una serie commedia per The Good Place
  • 2019 - Candidatura alla miglior attrice-comparsa in una serie commedia per The Good Place
  • 2020 - Candidatura alla miglior attrice-comparsa in una serie commedia per The Good Place
  • 2020 - Miglior attrice-comparsa in una serie commedia per Saturday Night Live
  • 2020 - Miglior doppiaggio di un personaggio animato per Big Mouth
  • 2021 - Miglior attrice-comparsa in una serie commedia per Saturday Night Live
  • 2021 - Miglior doppiaggio di un personaggio animato per Big Mouth

Satellite Award[10]

  • 2004 - Candidatura alla miglior attrice in una serie commedia o musicale per Saturday Night Live
  • 2011 - Candidatura alla miglior attrice non protagonista in una serie televisiva, miniserie o film televisivo per Up All Night
  • 2012 - Candidatura alla miglior attrice non protagonista in una serie televisiva, miniserie o film televisivo per Up All Night

Writers Guild of America Award

  • 2016 - Candidatura alla migliore serie sketch commedia o varietà per Maya & Marty[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Maya Rudolph - info, su nndb.com. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  2. ^ I like strangers to be strange, su believermag.com. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  3. ^ Maya Rudolph Welcomes a Girl, su people.com, 4 dicembre 2009. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  4. ^ Baby joy! Bridesmaids star Maya Rudolph welcomes fourth child with director Paul Thomas Anderson, su dailymail.co.uk, 11 settembre 2013. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  5. ^ a b (EN) Pete Hammond, ‘Palm Springs’, ‘Lovecraft Country’ Top Movie And Series Nominations For Inaugural Critics Choice Super Awards; Netflix Lands 35 Nods, su Deadline, 19 novembre 2020. URL consultato il 1º agosto 2022.
  6. ^ (EN) 2015 FILM INDEPENDENT SPIRIT AWARDS WINNERS ANNOUNCED, su Independent Spirit Awards. URL consultato il 1º agosto 2022.
  7. ^ (EN) 2007 Image Award nominees and winners, su The Hollywood Reporter, 1º marzo 2007. URL consultato il 1º agosto 2022.
  8. ^ (EN) 2012 NAACP Image Awards: List of winners, su CBS News. URL consultato il 1º agosto 2022.
  9. ^ (EN) Television Academy: Maya Rudolph, su Television Academy. URL consultato il 1º agosto 2022.
  10. ^ (EN) Categories | International Press Academy, su pressacademy.com. URL consultato il 1º agosto 2022.
  11. ^ (EN) Dave McNary, WGA Honors ‘Big Short,’ ‘Spotlight,’ ‘Mad Men’ at 68th Awards, su Variety, 14 febbraio 2016. URL consultato il 1º agosto 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN120280882 · ISNI (EN0000 0001 2033 2553 · Europeana agent/base/149267 · LCCN (ENno2004035124 · GND (DE141026782 · BNE (ESXX4662756 (data) · BNF (FRcb17085835v (data) · J9U (ENHE987007427845605171 · CONOR.SI (SL120253539 · WorldCat Identities (ENlccn-no2004035124