Unbreakable Kimmy Schmidt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Unbreakable Kimmy Schmidt
Kimmy Schmidt Logo.png
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2015 – in produzione
Formato serie TV
Genere commedia
Stagioni 3 Modifica su Wikidata
Episodi 39
Durata 22-28 min (episodio)
Lingua originale inglese
Rapporto 16:9
Crediti
Ideatore Tina Fey, Robert Carlock
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzione Universal Television, Little Stranger, Inc.
Prima visione
Distribuzione originale
Dal 6 marzo 2015
Al in corso
Distributore Netflix
Distribuzione in italiano
Dal 22 ottobre 2015
Al in corso
Distributore Netflix

Unbreakable Kimmy Schmidt è una serie televisiva statunitense creata da Tina Fey e Robert Carlock e resa disponibile dal 6 marzo 2015 sul servizio streaming on demand Netflix.

Inizialmente prevista sulla NBC, la serie è stata in seguito venduta a Netflix insieme a un ordine di produzione di due stagioni. La serie è stata acclamata dalla critica, e nel luglio 2015 è stata candidata a diversi premi Emmy, tra cui Miglior serie commedia. La serie è stata rinnovata per una quarta stagione.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie segue la ventinovenne Kimmy Schmidt mentre cerca di cominciare una nuova vita a New York dopo essere stata salvata da una setta apocalittica in Indiana. La storia si apre con il salvataggio di Kimmy e di altre tre donne dal bunker sotterraneo in cui sono state rinchiuse per quindici anni dal Reverendo Wayne Gary Wayne. Determinata a riprendersi la sua vita e piena di ottimismo, Kimmy decide di andare a New York, dove conosce l'anziana Lillian Kaushtupper, si trasferisce nell'appartamento dell'attore in erba Titus Andromedon e trova un lavoro come baby-sitter presso Jacqueline Voorhees, una signora dell'alta società. Con il loro aiuto, Kimmy cerca di adattarsi a un mondo a lei sconosciuto e di riprendersi la vita da adulta che le è stata sottratta.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
Prima stagione 13 2015 2015
Seconda stagione 13 2016 2016
Terza stagione 13 2017 2017

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Kimberly "Kimmy" Schmidt, interpretata da Ellie Kemper, doppiata da Eleonora Reti.
    Una ragazza cresciuta in una setta che viene liberata e comincia una nuova vita a New York.
  • Titus Andromedon (nato Ronald Wilkerson) interpretato da Tituss Burgess, doppiato da Nanni Baldini.
    Un attore omosessuale che condivide l'appartamento con Kimmy e cerca di aver successo a Broadway.
  • Lillian Kaushtupper, interpretata da Carol Kane, doppiata da Cristina Noci.
    La proprietaria dell'appartamento in cui vivono Kimmy e Titus.
  • Jackie Lynn "Jacqueline" Voorhees, interpretata da Jane Krakowski, doppiata da Stella Musy.
    Ricca signora di Manhattan che assume Kimmy come tata di suo figlio e della figliastra,figlia del marito.

Ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Cyndee Pokorny, interpretata da Sara Chase, doppiata da Elena Perino.
    La migliore amica di Kimmy all'interno della setta.
  • Gretchen Chalker, interpretata da Lauren Adams, doppiata da Emanuela Damasio.
    Membro volontario della setta da 10 anni, crede a tutto ciò che le viene detto.
  • Donna Maria Nuñez, interpretata da Sol Miranda, doppiata da Doriana Chierici.
    Membro della setta che finge di non saper parlare inglese, ha sfruttato la popolarità della vicenda per fondare una marca culinaria.
  • Xanthippe Lannister Voorhees, interpretata da Dylan Gelula.
    La figliastra adolescente di Jacqueline, determinata a scoprire la vera identità di Kimmy.
  • Buckley Voorhess, interpretato da Tanner Flood.
    Il figlio di Jacqueline.
  • Charles, interpretato da Andy Ridings.
    Il tutore di Buckley che ha una cotta per Kimmy.
  • Logan Beekman, interpretato da Adam Campbell, doppiato da Roberto Certomà.
    Un ragazzo proveniente da una famiglia agiata e interessato a Kimmy.
  • Dong Nguyen, interpretato da Ki Hong Lee, doppiato da Alessio Puccio.
    Il compagno di classe vietnamita di Kimmy.
  • Vera, interpretata da Susanna Guzman.
    La domestica di Jacqueline.
  • Randy, interpretato da Tim Blake Nelson, doppiato da Vladimiro Conti.
    Il nuovo marito della madre di Kimmy.
  • Reverendo Richard Wayne Gary Wayne, interpretato da Jon Hamm, doppiato da Fabrizio Pucci.
    L'uomo che ha rapito e imprigionato Kimmy, Cyndee, Gretchen e Donna per quindici anni.
  • Marcia, interpretato da Tina Fey, doppiata da Francesca Fiorentini.
    L'avvocato che rappresenta Kimmy e le altre ragazze nel caso contro il reverendo.
  • Dr. Andrea Bayden, interpretata da Tina Fey:
    Una psicologa con problemi di alcolismo che prende in cura Kimmy.
  • Chris, interpretato da Jerry Minor, doppiato da Stefano Brusa.
    Il secondo avvocato del caso e partner di Marcia.
  • Fern, interpretata da Sheri Foster, doppiata da Silvia Tortarolo.
    Madre di Jacqueline, nativa americana dei Lakota.
  • Virgil, interpretato da Gil Birmingham, doppiato da Roberto Draghetti.
    Padre di Jacqueline e marito di Fern.
  • Mimi Kanasis, interpretato da Amy Sedaris, doppiata da Antonella Rinaldi.
    Amica di Jacqueline.

Guest star[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 ottobre 2013 la NBC ordinò la produzione di 13 episodi della serie, chiamata Tooken, con Ellie Kemper nel ruolo della protagonista Kimmy Schmidt.[2] La serie è creata e scritta da Tina Fey e Robert Carlock, che sono anche produttori esecutivi insieme a David Miner. Nel maggio seguente il titolo della serie venne cambiato in Unbreakable Kimmy Schmidt.[3]

Il 21 novembre 2014 la NBC vendette un ordine di due stagioni della serie a Netflix,[4] che ha distribuito l'intera prima stagione il 6 marzo 2015.[5] La seconda stagione è stata pubblicata il 15 aprile 2016.[6] Nel gennaio 2016 la serie venne rinnovata per una terza stagione,[7] distribuita il 19 maggio 2017.[8] Nel giugno 2017 Netflix annunciò il rinnovo per una quarta stagione.[1]

Casting[modifica | modifica wikitesto]

Il casting degli altri ruoli cominciò nel marzo 2014 con l'ingresso nel cast di Tituss Burgess nei panni di Titus, il compagno di casa di Kimmy.[9] Poco dopo entrarono nel cast Sara Chase e Lauren Adams nei panni di Cyndee e Gretchen, due dei membri della setta.[10] Jane Krakowski venne in seguito scelta per il ruolo di Jacqueline Voorhees, ruolo per il quale era inizialmente prevista Megan Dodds.[11]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata acclamata dalla critica. È stata definita "la miglior nuova comedy del 2015" da TV Guide;[12] Max Nicholson di IGN ha scritto "Unbreakable Kimmy Schmidt di Tina Fey e Robert Carlock è un'altra vittoria per il catalogo di serie di Netflix. Non solo è affascinante e divertente, ma è anche totalmente stravagante e Ellie Kemper è perfetta nel ruolo principale".[13]

La prima stagione stagione ha ricevuto commenti entusiasti dalla critica. Su Rotten Tomatoes ha una percentuale di gradimento del 95% basato su 55 recensioni,[14] e su Metacritic ha un punteggio di 78 su 100 basato su 29 recensioni.[15] Su Rotten Tomatoes la seconda stagione ha un indice di gradimento del 100% basato su 29 recensioni,[16] mentre su Metacritic ha un voto di 82 su 100 basato su 13 recensioni.[17] La terza stagione ha un indice di gradimento del 91% su Rotten Tomatoes basato su 11 recensioni,[18] Su Metacritic ha un voto di 82 su 100 basato su 7 recensioni.[19]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Nellie Andreeva, ‘Unbreakable Kimmy Schmidt’ Renewed For Season 4 By Netflix, su Deadline.com, 13 giugno 2017. URL consultato il 14 giugno 2017.
  2. ^ (EN) Nellie Andreeva, NBC Picks Up Comedy Series From ‘30 Rock’s Tina Fey & Robert Carlock Starring Ellie Kemper With 13-Episode Order, su Deadline, 31 ottobre 2013. URL consultato il 16 marzo 2015.
  3. ^ (EN) Development Update: Tuesday, May 6 - NBC Gives "Tooken" New Moniker of "Unbreakable Kimmy Schmidt", su The Futon Critic, 6 maggio 2014.
  4. ^ (EN) Andrew Wallenstein, Netflix Nabs ‘Unbreakable Kimmy Schmidt’ from NBC, su Variety, 21 novembre 2014. URL consultato il 16 marzo 2015.
  5. ^ (EN) Tina Fey’s “Unbreakable Kimmy Schmidt” starring Ellie Kemper premieres on Netflix March 6th, su The Laugh Button, 7 gennaio 2015.
  6. ^ (EN) Elizabeth Wagmeister, Netflix Sets Premiere Dates for 'Orange Is the New Black' Season 4, 'Kimmy Schmidt' Season 2, Baz Luhrmann Drama & More, su Variety, 17 gennaio 2016. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  7. ^ (EN) Nellie Andreeva, 'Unbreakable Kimmy Schmidt' Renewed For Season 3 By Netflix - TCA, su Deadline.com, 17 gennaio 2016. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  8. ^ (EN) Unbreakable Kimmy Schmidt Season 3: Get Premiere Date, 'Lemonade' Teaser, su TVLine, 13 febbraio 2017. URL consultato il 13 febbraio 2017.
  9. ^ (EN) Nellie Andreeva, '30 Rock's Tituss Burgess Joins Tina Fey & Robert Carlock's NBC Series 'Tooken', Deadline Hollywood, 1º marzo 2014. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  10. ^ (EN) Development Update: Wednesday, March 19, su The Futon Critic, 5 aprile 2014. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  11. ^ (EN) Kayla Reed, Jane Krakowski joining Tina Fey's new NBC sitcom, su A.V. Club, 12 maggio 2014.
  12. ^ (EN) Netflix's Sunny, Dark Unbreakable Kimmy Schmidt Is the Best New Comedy This Year, su TV Guide, 5 marzo 2015. URL consultato il 15 marzo 2015.
  13. ^ (EN) Max Nicholson, Unbreakable Kimmy Schmidt: Season 1 Review, su IGN, 6 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2015.
  14. ^ (EN) Unbreakable Kimmy Schmidt: Season 1, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 19 maggio 2017.
  15. ^ (EN) Unbreakable Kimmy Schmidt - Season 1, su Metacritic. URL consultato il 19 maggio 2017.
  16. ^ (EN) Unbreakable Kimmy Schmidt: Season 2, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 19 maggio 2017.
  17. ^ (EN) Unbreakable Kimmy Schmidt - Season 2, su Metacritic. URL consultato il 19 maggio 2017.
  18. ^ (EN) Unbreakable Kimmy Schmidt: Season 3, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 19 maggio 2017.
  19. ^ (EN) Unbreakable Kimmy Schmidt - Season 3, su Metacritic. URL consultato il 19 maggio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione