Google Stadia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Google Stadia
software
Logo
Schermata di esempio
GenereCloud Gaming (non in lista)
SviluppatoreGoogle
Data prima versione19 novembre 2019; 21 giorni fa (Founder's Edition)| 2020 (Stadia Pro e Piano Base)
Sistema operativoMultipiattaforma
Licenza(licenza non libera)
Sito web

Google Stadia è un servizio in streaming di videogiochi sviluppato da Google, pubblicato il 19 novembre 2019. È stato presentato al Game Developers Conference il 19 marzo 2019. Tra le caratteristiche principali vi sono quelle di riprodurre i giochi in risoluzione 4K, l'integrazione con YouTube, la possibilità di giocare dal proprio browser Google Chrome.

È il principale concorrente di PlayStation Now, Project xCloud di Microsoft e GeForce Now di Nvidia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Project Stream è stato il primo segno di interesse annunciato di Google nel mondo dei videogiochi. In precedenza, la società aveva dichiarato che lavorava a un servizio chiamato Project Yeti dal 2016. Google aveva assunto anche l'amministratore del settore dei giochi Phil Harrison e nel 2018 è stato visto assumere sviluppatori durante gli eventi del settore.[1] Il principale elemento di differenziazione di Project Stream dai servizi passati, come OnLive, GeForce Now e PlayStation Now, è la sua capacità di essere eseguito su qualsiasi browser desktop Chrome, piuttosto che su specifiche piattaforme di gioco.[2] Il servizio utilizza l'hardware grafico AMD Radeon.[3]

Google ha annunciato il servizio a ottobre del 2018[4] e poco dopo ha aperto gli inviti ai beta tester con accesso ad Assassin's Creed: Odyssey. I giocatori potevano richiedere l'accesso e chi disponeva di una velocità minima di connessione Internet poteva eseguire il gioco nei loro browser Chrome.[5] Coloro che hanno partecipato hanno ricevuto una copia gratuita del gioco quando la beta è scaduta.[6]

A marzo del 2019, Stadia è stato formalmente annunciato durante il discorso di apertura di Google alla Game Developers Conference 2019.[7] Per supportare Stadia, Google ha anche annunciato la formazione di Stadia Games and Entertainment, con Jade Raymond come protagonista. Oltre a sviluppare i propri giochi, Stadia Games and Entertainment contribuirà a supportare la transizione dei titoli di terze parti al servizio Stadia.[8]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Stadia è un servizio di cloud gaming basato su abbonamento,[9] e non richiede hardware aggiuntivo, richiede solo che il dispositivo abbia una connessione Internet e supporto per Google Chrome. Stadia funziona in base alle funzionalità di YouTube in streaming multimediale per l'utente, in quanto lo streaming di giochi è visto come un'estensione della funzionalità utilizzata per guardare i flussi live dei videogame, secondo Phil Harrison di Google; il nome "Stadia", che è plurale di "stadium" in latino, è pensato per riflettere che sarà una raccolta di intrattenimento, di cui lo spettatore può scegliere di sedersi e guardare, o prendere parte attiva.[10]

Poiché Google ha costruito un gran numero di data center in tutto il mondo, la società ritiene che Stadia si trovi in una posizione migliore per i giochi cloud rispetto a quelle passate come OnLive, PlayStation Now e Gaikai, in quanto la maggior parte dei giocatori sarebbe geograficamente vicina alla banca dati. Stadia supporta lo streaming di giochi in HDR a 60 fotogrammi al secondo con risoluzione 4K e prevede di raggiungere 120 fotogrammi al secondo con risoluzione 8K.[10] Una volta sottoscritto il servizio, i giocatori possono iniziare i giochi senza dover scaricare nuovi contenuti sul proprio dispositivo personale. I giocatori possono scegliere di registrare o trasmettere le loro sessioni su YouTube attraverso Stadia. Gli spettatori di tali stream, iscritti al servizio, possono avviare i giochi direttamente dal flusso con lo stesso stato di salvataggio che stavano solo guardando.[10] Mentre Stadia può utilizzare qualsiasi controller USB di classe HID, Google ha sviluppato un proprio controller che si collega tramite Wi-Fi direttamente al data center di Google in cui è in esecuzione il gioco, per ridurre la latenza di input (non passando, quindi, per il PC o la console).[10] Durante la sua presentazione del GDC 2019, Google ha confermato che il controller includerebbe anche Assistente Google, che cercherà automaticamente su YouTube video pertinenti e utili relativi al gioco che stanno giocando al solo tocco di un tasto.[11]

Titoli di lancio[modifica | modifica wikitesto]

Sono previsti dodici giochi per il lancio di stadia, di cui un'esclusiva: Gylt. A seguire entro la fine del 2019, saranno pubblicati altri 14 giochi, di cui uno utilizzerà la funzione "state share" della piattaforma.

Titolo Genere Sviluppatore Pubblicazione Data di rilascio
Gylt Survival horror Tequila works Tequila works 19 novembre 2019
Attack on Titan 2: Final Battle Action RPG Omega Force Koei Tecmo 19 novembre 2019
Cyberpunk 2077 Action RPG CD Projekt RED CD Projekt 16 aprile 2020
Thumper Ritmico Drool Drool 19 novembre 2019
Kine Rompicapo Gwen Frey, Chump Squad Gwen Frey, Chump Squad 19 novembre 2019
Assassin's Creed: Odyssey Action RPG Ubisoft Quebec Ubisoft 19 novembre 2019
Baldur's Gate III Action RPG Larian Studios Wizards of the Coast TBA
Borderlands 3 Sparatutto in prima persona Gearbox Software 2K Games 19 novembre 2019
The Crew 2 Simulatore di guida Ivory Tower Ubisoft 2019
Darksiders Genesis Action RPG Airship Syndicate THQ Nordic 2019
Destiny 2 Sparatutto in prima persona Bungie Bungie 19 novembre 2019
Tom Clancy's The Division 2 Sparatutto tattico Massive Entertainment Ubisoft TBA
Doom Sparatutto in prima persona id Software Bethesda Softworks TBA
Doom Eternal Sparatutto in prima persona id Software Bethesda Softworks TBA
Dragon Ball Xenoverse 2 Picchiaduro Dimps Bandai Namco Entertainment 2019
The Elder Scrolls Online MMORPG ZeniMax Online Studios Bethesda Softworks TBA
Farming Simulator 19 Simulazione Giants Software Focus Home Interactive 19 novembre 2019
Final Fantasy XV Action RPG Square Enix Square Enix 19 novembre 2019
Football Manager 2020 Gestionale Sports Interactive SEGA 19 novembre 2019
Grid (videogioco 2019) Simulatore di guida Codemasters Codemasters 19 novembre 2019
Just Dance 4 Ritmico Ubisoft Paris Ubisoft TBA
Just Dance 2020 Ritmico Ubisoft Paris Ubisoft 19 novembre 2019
Marvel's Avengers Avventura dinamica Crystal Dynamics, Eidos Montréal Square Enix 15 maggio 2020
Metro Exodus Sparatutto in prima persona 4A Games Deep Silver 19 novembre 2019
Mortal Kombat 11 Picchiaduro NetherRealm Studios Warner Bros. Interactive Entertainment 19 novembre 2019
NBA 2K20 Sport Visual Concepts 2K Sports 19 novembre 2019
Tom Clancy's Ghost Recon Breakpoint Sparatutto tattico Ubisoft Paris Ubisoft 2019
Power Rangers: Battle for the Grid Picchiaduro nWay Games Lionsgate Games TBA
Rage 2 Sparatutto in prima persona Avalanche Studios - id Software Bethesda Softworks 19 novembre 2019
Rise of the Tomb Raider Avventura dinamica Crystal Dynamics Athlon Games 19 novembre 2019
Samurai Shodown Picchiaduro SNK Ubisoft 19 novembre 2019
Shadow of the Tomb Raider Avventura dinamica Eidos Montréal Square Enix 19 novembre 2019
Tomb Raider Crystal Dynamics SNK Ubisoft 19 novembre 2019
Trials Rising Simulatore di guida RedLynx - Ubisoft Kiev Ubisoft 19 novembre 2019
Watch Dogs: Legion Sparatutto Ubisoft Toronto Ubisoft 6 marzo 2020
Wolfenstein: Youngblood Sparatutto in prima persona MachineGames - Arkane Studios Bethesda Softworks 19 novembre 2019
Red Dead Redemption II Open World Rockstar Studios Rockstar Games 19 novembre 2019

Recensioni[modifica | modifica wikitesto]

Prepubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sua beta, il servizio ha ricevuto impressioni iniziali positive dai revisori, superando le aspettative[2][4][5] e rendendo il gioco in streaming come un'alternativa valida ai giochi per PC.[4][5] I revisori hanno riferito che il servizio di streaming aveva una bassa latenza e sembrava che il gioco venisse riprodotto localmente.[4][5] A seconda della velocità del Wi-Fi, tuttavia, il gioco a volte ne comprimeva la risoluzione dello schermo o rimaneva indietro.[5] Un test di The Verge non ha rilevato problemi di lag su una connessione Ethernet cablata e occasionali balbuzie su una connessione Wi-Fi condivisa.[5] Tuttavia, anche su una connessione cablata, lo streaming non ha prodotto output a risoluzione 4K e occasionalmente è diventato sfocato con artefatti di compressione. Il revisore ha riportato la migliore esperienza sul Chromebook Pixel di Google.[5] Polygon ha rilevato che la compressione audio del servizio è evidente.[4]

Ars Technica ha osservato che la sequenza di login di Project Stream era molto più semplice di quella di altri servizi.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ron Amadeo, Google announces “Project Stream”—a “test” of game streaming in Chrome, su Ars Technica, 1º ottobre 2018.
  2. ^ a b c (EN) Sam Machkovech, Google’s Project Stream: That’s really a full Assassin’s Creed in my browser, su Ars Technica, 9 ottobre 2018.
  3. ^ (EN) Google’s Project Stream cloud gaming will use AMD Radeon Graphics, su VentureBeat, 9 gennaio 2019.
  4. ^ a b c d e (EN) Austen Goslin, Streaming Assassin’s Creed Odyssey in Google Chrome is surprisingly great, su Polygon, 8 ottobre 2018.
  5. ^ a b c d e f g (EN) Stefan Etienne, Google’s Project Stream is a working preview of the future of game streaming, su The Verge, 8 ottobre 2018.
  6. ^ (EN) Owen S. Good, Get free Assassin’s Creed Odyssey on PC for testing Google’s Project Stream, su Polygon, 15 dicembre 2018.
  7. ^ (EN) Tyler Wilde, Google announces Stadia, a game streaming service 'for everyone', su PC Gamer, 19 marzo 2019.
  8. ^ (EN) Andy Chalk, Jade Raymond is heading Google's first-party game studio, su PC Gamer, 19 marzo 2019.
  9. ^ (EN) Himanshu, Google's Stadia Gaming Platform Price, Specifications, su Highly Techno, 20 marzo 2019.
  10. ^ a b c d (EN) Richard Leadbetter, The big interview: Phil Harrison and Majd Bakar on Google Stadia, su Eurogamer, 19 marzo 2019.
  11. ^ (EN) Stadia's Wi-Fi Controller Looks Familiar, But Features Google Assistant, su GameSkinny, 19 marzo 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]